top of page

2022: dieci lezioni dalla "ruota" della storia

di Nicola Iuvinale

Una cosa che abbiamo imparato nel 2022 è che la guerra tra paesi, ritenuta obsoleta da più di qualche accademico, è invece tutt'altro.
E non è l'unica aspettativa, o ipotesi sulle relazioni internazionali, che sopravviverà al 2022.

Pochi vorranno ricordare l'anno in corso, un anno caratterizzato da una pandemia persistente, cambiamento climatico avanzante, inflazione galoppante, rallentamento della crescita economica e, più di ogni altra cosa, lo scoppio di una costosa guerra in Europa e la preoccupazione che presto possa scoppiare un conflitto violento in Asia. In parte era previsto, ma in gran parte no, e tutto ciò suggerisce lezioni che ignoriamo a nostro rischio e pericolo.

In primo luogo quello che stiamo vedendo in Europa è una guerra imperiale vecchio stile, in cui il presidente russo Vladimir Putin sta cercando di estinguere l'Ucraina come entità sovrana e indipendente. Il suo obiettivo è garantire che un paese democratico, orientato al mercato e alla ricerca di stretti legami con l'Occidente, non possa prosperare ai confini della Russia.

Invece di ottenere la rapida e facile vittoria che si aspettava, Putin ha scoperto che il suo stesso esercito non è così potente e che i suoi oppositori sono molto più determinati di quanto lui – e molti in Occidente – si aspettassero. Dieci mesi dopo, la guerra continua senza fine.

In secondo luogo, l'idea che l'interdipendenza economica costituisca un baluardo contro la guerra, perché nessuna delle parti avrebbe interesse a interrompere i legami commerciali e di investimento reciprocamente vantaggiosi, non è più sostenibile.

Le considerazioni politiche vengono prima di tutto. In effetti, la forte dipendenza dell'Unione Europea dalle forniture energetiche russe ha probabilmente influenzato la decisione di Putin di invadere, portandolo a concludere che l'Europa non gli avrebbe tenuto testa.

In terzo luogo, anche l'integrazione, che ha animato decenni di politica occidentale nei confronti della Cina, è fallita.

Anche questa strategia si basava sulla convinzione che i legami economici - insieme agli scambi culturali, accademici e di altro tipo - avrebbero guidato gli sviluppi politici, piuttosto che viceversa, portando all'emergere di una Cina più aperta e orientata al mercato che fosse anche più moderato nella sua politica estera.

Niente di tutto ciò è avvenuto. Ciò che è chiaro, tuttavia, è che il sistema politico cinese sta diventando più repressivo, la sua economia si sta muovendo in una direzione più statalista e la sua politica estera sta diventando più assertiva.

La guerra potrebbe essere alle porte e l'apertura di un nuovo fronte nell'indopacifico avrebbe effetti catastrofici.

In quarto luogo, le sanzioni economiche, in molti casi lo strumento scelto dall'Occidente e dai suoi partner quando rispondono alle violazioni dei diritti umani da parte di un governo o all'aggressione all'estero, raramente determinano cambiamenti significativi nel comportamento. Persino un'aggressione sfacciata e brutale come quella della Russia contro l'Ucraina non è riuscita a persuadere la maggior parte dei governi del mondo a isolare la Russia diplomaticamente o economicamente, e mentre le sanzioni guidate dall'Occidente possono erodere la base economica della Russia, non sono riuscite a convincere Putin a invertire il suo programma.

In quinto luogo, la frase "comunità internazionale" deve essere cencellata.

Non ce n'è una.

Il potere di veto della Russia nel Consiglio di sicurezza ha reso impotenti le Nazioni Unite, mentre il recente raduno dei leader mondiali in Egitto per affrontare il cambiamento climatico è stato un miserabile fallimento.

C'è, inoltre, poco in termini di risposta globale al COVID-19 e pochi preparativi in ​​atto per affrontare la prossima pandemia. Il multilateralismo rimane essenziale, ma la sua efficacia dipenderà dalla creazione di accordi più ristretti tra governi che la pensano allo stesso modo. Il multilateralismo tutto o niente si tradurrà principalmente in nulla.

Sesto, le democrazie affrontano ovviamente la loro parte di sfide, ma i problemi che devono affrontare i sistemi autoritari potrebbero essere ancora maggiori. L'ideologia e la sopravvivenza del regime spesso guidano il processo decisionale in tali sistemi e i leader autoritari spesso resistono all'abbandono di politiche fallite o all'ammissione di errori, per timore che questo sia visto come un segno di debolezza e alimenti le richieste pubbliche per un maggiore cambiamento. Tali regimi devono costantemente fare i conti con la minaccia della protesta di massa, come in Russia o, come abbiamo visto di recente, in Cina e Iran.

Settimo, il potenziale di Internet di consentire alle persone di sfidare i governi è molto maggiore nelle democrazie che nei sistemi chiusi. Regimi autoritari come quelli in Cina, Russia e Corea del Nord possono chiudere la loro società, monitorare e censurare i contenuti, o entrambi.

È arrivato qualcosa di più vicino a una "splinternet" - internet multipli e separati. Nel frattempo, i social media nelle democrazie sono suscettibili alla diffusione di bugie e disinformazione che aumentano la polarizzazione e rendono il governo molto più difficile.

Ottavo, c'è ancora un Occidente (termine basato più sui valori condivisi che sulla geografia) e le alleanze rimangono uno strumento fondamentale per promuovere l'ordine. Gli Stati Uniti e i loro partner transatlantici della NATO hanno risposto efficacemente all'aggressione russa contro l'Ucraina. Gli Stati Uniti hanno anche stretto legami più forti nell'Indo-Pacifico per affrontare la crescente minaccia proveniente dalla Cina, principalmente attraverso un rinvigorito Quad (Australia, India, Giappone e Stati Uniti), AUKUS (Australia, Regno Unito e Stati Uniti) e una maggiore cooperazione trilaterale con il Giappone e la Corea del Sud.

Nono, la leadership statunitense continua ad essere essenziale.

Gli Stati Uniti non possono agire unilateralmente nel mondo se vogliono essere influenti, ma se il mondo non dovesse unirsi a loro per affrontare la sicurezza condivisa e altre sfide gli Stati Uniti non ce la faranno da soli.

Infine, dobbiamo essere modesti su ciò che possiamo sapere. È umiliante notare che poche delle lezioni precedenti fossero prevedibili un anno fa. Quello che abbiamo imparato non è solo che la storia è tornata, ma anche che, nel bene e nel male, conserva la sua capacità di sorprenderci.

Con questo in testa, avanti nel 2023!

Fonte:

31 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page