top of page

232 volte superiore alla marina americana. La capacità cantieristica cinese eclissa quella USA

La Marina militare dell'Esercito popolare di liberazione cinese (PLA-N), la più grande del mondo, è cresciuta febbrilmente, lasciando gli Stati Uniti molto indietro in termini di capacità di costruzione navale. Oggi la marina cinese si sta espandendo ad un ritmo equivalente a quello dell'intera marina francese, ogni quattro anni. La costruzione navale commerciale cinese sovvenziona e sostiene gli sforzi di quella navale militare. È simile a molte altre industrie critiche in Cina, dove lo sviluppo militare e quello civile vanno di pari passo


di Nicola e Gabriele Iuvinale

Il ritmo con cui la PLA-N mette in uso le navi da guerra è impressionante e dimostra la volontà di espansione cinese.

Una diapositiva di presentazione trapelata dall’intelligence della Marina americana stima che la capacità di costruzione del cantiere cinese sia 232 volte superiore a quella statunitense.

Tra il 2015 e il 2020, la Cina ha superato gli Stati Uniti nel numero di navi da guerra della sua flotta e il divario tra le due marine è cresciuto rapidamente. Il rapporto annuale del Pentagono al Congresso degli Stati Uniti sugli sviluppi militari e di sicurezza cinesi stima che la Marina cinese avesse 350 navi da guerra rispetto alle 293 di quelle della forza da battaglia della Marina americana.

Si prevede che il divario di 60 scafi tra le due marine aumenterà ogni cinque anni fino al 2035, quando la Cina avrà circa 475 navi militari rispetto alle 305-317 navi da guerra statunitensi.

La diapositiva non classificata pubblicata da Fox News, sviluppata dall'Office of Naval Intelligence la cui autenticità è stata confermata da un portavoce della Marina, mostra che i cantieri cinesi hanno una capacità di circa 23,2 milioni di tonnellate rispetto a meno di 100.000 tonnellate negli Stati Uniti, rendendo la capacità cantieristica cinese oltre 232 volte maggiore di quella statunitense.

La diapositiva mostra anche la "composizione delle forze di battaglia" delle due flotte dei paesi fianco a fianco, che comprende "navi combattenti, sottomarini, navi da guerra antimine, principali navi anfibie e grandi navi ausiliarie di supporto al combattimento".

Un'altra sezione della diapositiva stima la percentuale che ciascun paese destina alla produzione navale nei propri cantieri. La Cina ottiene circa il 70% dei ricavi della costruzione navale della produzione navale, rispetto a circa il 95% dei ricavi della costruzione navale americana.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti aveva il presentimento di questo sviluppo. L’ammiraglio in pensione Phil Davidson, ex comandante del Comando Indo-Pacifico, aveva previsto nel 2021 che nei sei anni successivi la minaccia della Cina alle forze navali avrebbe raggiunto il suo apice.

La crescente abilità marittima del PLA-N è commisurata alla sua caccia aggressiva di ulteriori basi all’estero dopo Gibuti nel Corno d’Africa, Karachi e Gwadar in Pakistan e ora forse Ream in Cambogia, per superare i punti di strozzatura nella regione dell’Oceano Indiano e nel Indo-Pacifico.

La necessità per la Cina di proiettare la propria potenza oltre i suoi confini marittimi ha creato una solida capacità di costruzione navale. Negli ultimi dieci anni, la Cina ha introdotto ben 150 navi da guerra.

Oltre alle navi da guerra, la Marina cinese dispone anche della forza della guardia costiera e delle flotte della milizia marittima. Tutte queste flotte marittime sono numericamente le più grandi del mondo e complessivamente contano oltre 700 navi anche secondo stime prudenti.

Nuove navi vengono messe in mare a un ritmo impressionante. Tra il 2017 e il 2019, secondo quanto riferito, la Cina ha costruito più navi di India, Giappone, Australia, Francia e Regno Unito messi insieme. Il vice ammiraglio tedesco Kay-Achim Schonbach ha affermato nel 2021 che la marina cinese si sta espandendo ad un ritmo equivalente a quello dell'intera marina francese, ogni quattro anni.

Nel 2021, la Cina ha commissionato almeno 28 navi da guerra, mentre la Marina degli Stati Uniti era in grado di commissionarne sette in quell’anno. Se la Cina dovesse continuare a commissionare navi da guerra ad un ritmo simile, potrebbe avere 425 navi da guerra entro il 2030.

D’altro canto, la Marina americana sta riducendo la propria flotta

Secondo un rapporto dell’Associazione della Marina degli Stati Uniti all’inizio del 2023, il budget per l’anno fiscale 2023 proposto dal presidente Joe Biden prevedeva la riduzione di 15 navi dalla flotta della Marina. Sebbene la proposta consentisse finanziamenti per costruire nove nuove navi da guerra, proponeva anche lo smantellamento di 24 navi, riducendo così la flotta. Il bilancio di Biden per l’anno fiscale 2024 prevedeva anche l’eliminazione di 11 navi da guerra.

L’opacità del sistema cinese rende difficile arrivare a un numero definitivo. Tuttavia, il sistema civile-industriale ha sostenuto la più grande industria cantieristica mondiale finanziando strutture, formando, impiegando e ruotando i lavoratori. La costruzione navale commerciale cinese sovvenziona e sostiene gli sforzi di quella navale militare.


La costruzione navale cinese cresce anche in termini di capacità e in termini record

I cantieri navali cinesi hanno completato la prima portaerei costruita internamente in un tempo record di tre anni, un mese e diciassette giorni da zero. Questo è il tempo più breve, dopo la seconda guerra mondiale, impiegato da qualsiasi nazione per costruire una portaerei.

La Cina ha raggiunto questo obiettivo nella sua primissima iterazione di un vettore nazionale. In confronto, il Regno Unito, con una solida storia marittima e di costruzione navale, realizzò la Regina Elisabetta II in circa sei anni (poiché la nave fu costruita in mega blocchi in cantieri diversi, è difficile arrivare a una data esatta di posa della chiglia).

La Cina sta ora costruendo una terza portaerei.

Il successo cinese nel creare sinergie tra la costruzione navale civile e militare ha dato i suoi frutti. È simile a molte altre industrie critiche in Cina, dove lo sviluppo militare e quello civile vanno di pari passo. Dando priorità al settore militare, i cantieri navali cinesi beneficiano di migliori finanziamenti e di un rapido turnover. Ora le navi costruite nei cantieri cinesi stanno diventando anche sempre più sofisticate.

39 visualizzazioni0 commenti

Comentários


bottom of page