America, Cina, Russia e la valanga della storia. Cerchiamo di entrare ad occhi aperti nel futuro

Il mondo non si muove in cicli o con un grande disegno. Gli echi degli anni '70 ci ricordano che un disastro spesso genera altri. Ricordi l'immagine di una valanga? Questo è ciò che stiamo vedendo in tutto il mondo, poiché l'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari e dell'energia si combina con la stretta monetaria e l'interruzione della catena di approvvigionamento. L'arco della storia si piegherà verso la giustizia? O tutto sta cadendo a pezzi?



di Nicola Iuvinale

Niall Ferguson, lo storico scozzese della Stanford University, Hoover Institution, in un editoriale sulla rivista Bloomberg risponde a queste domande.

I filosofi di storia, hanno cercato a lungo un "ciclo della storia".

Ibn Khaldun ne offrì una versione nel suo "Muqaddimah" (1377): l'Islam nella sua infanzia ha "la durezza del deserto" - ma il potere porta ad abitudini sedentarie e al lusso, mentre la stravaganza porta alla crisi fiscale.

Oswald Spengler ha offerto un modello alternativo "nel declino dell'ovest" (1918), in cui l'aumento e la caduta delle civilizzazioni assomiglia alle stagioni. Nel nostro tempo, un certo numero di scrittori hanno proposto le proprie teorie cicliche, che vanno da William Strauss e di Neil Howe "The Fourth Turning" (1997) al finanziere Ray Dalio recente "The Changing World Order."

Un approccio alternativo è l'idea che la storia abbia una direzione mirata e una destinazione finale. In un recente saggio, Francis Fukuyama ha ribadito la sua vecchia affermazione che la storia tende verso il trionfo del capitalismo liberal-democratico e dello stato-nazione. Nelle sue parole, "c'è, infatti, un arco della storia, con la giustizia come suo termine."

Questa affermazione audace è difficile da conciliare con la percezione di coloro che seguono le tendenze della psicologia di massa, dei social media e dell'educazione, che la democrazia è nella morsa di un “stupefaction process” (frase di Jonathan Haidt) negli Stati Uniti e altrove.

Ferguson non crede in entrambi i cicli della storia e nei suoi fini.

La storia è l'interazione di molti sistemi complessi. Ci sono alcuni processi a lungo termine (in particolare aumenti esponenziali della produttività attraverso lo sviluppo della tecnologia e il “suprasecular decline" dei tassi di interesse nominali e reali, a seguito dell'accumulo di capitale) punteggiati da un disastro dopo l'altro.

Questi disastri sono distribuiti in modo casuale o seguono una power law (cioè ci sono un sacco di piccoli terremoti, pandemie o guerre e alcuni grandi cataclismici).

A intervalli imprevedibili, il sistema globale è capovolto (si ritrova coinvolto) in una transizione importante causata da un "disturbo" che può essere piuttosto piccolo, se non piccolo come la famosa farfalla di Edward Lorenz in Amazzonia che scatena un tornado in Texas.

La guerra della Russia in Ucraina - certamente distruttiva, ma ancora un conflitto relativamente piccolo per gli standard del 20 º secolo - può essere sufficiente per innescare un “conflict avalanche.”

Allo stesso modo, un inasprimento tardivo della politica monetaria da parte della banca centrale più importante del mondo, la Federal Reserve, potrebbe infligge una sorta di cambiamento di regime, non solo alle famiglie e alle imprese statunitensi, ma anche al resto del mondo.

Tutte le conseguenze di questi due shock - uno geopolitico, l'altro economico - sono davvero difficili da prevedere, ma, scrive Ferguson, "finora ne abbiamo visto solo una piccola parte".

C'è un po' più di problemi davanti a noi prima di percepire il ritorno alla "normalità", che usiamo vagamente per indicare qualcosa come un periodo più lungo di un anno, durante il quale gli eventi economici, sociali e politici non si discostano troppo radicalmente dalla media dei 10 anni precedenti.

Protezione da valanghe

Le materie prime sono state investimenti di gran lunga migliori rispetto alle azioni quest'anno



I più grandi perdenti nel 2022 sono stati, naturalmente, le criptovalute.

Con la "stablecoin" fallita, Terra (UST), ora in rotta verso lo zero (a 8 centesimi per dollaro, rispetto ai 100 centesimi di due settimane fa), c'è il timore palpabile che altre stablecoin e persino alcuni scambi possano essere a rischio. Bitcoin è in calo del 35 % da inizio anno. Ethereum, 46 %. In un certo senso, tuttavia, le principali criptovalute, negli ultimi due anni, sono semplicemente diventate sostituti dei titoli tecnologici, piuttosto "chehedging devices". Tesla è in calo del 33 %. Amazon è in calo del 36 %.

Perché entrambi, i crypto e i tech sono in ribasso?

La risposta è che l'inasprimento tardivo della politica monetaria ha costretto gli investitori a ripensare le loro narrazioni.


Le criptovalute vengono schiacciate

Bitcoin ed Ethereum sono stati i maggiori perdenti del 2022



Valutazioni che sembravano avere senso in un momento in cui la pandemia aveva spinto le persone al chiuso e quasi permanentemente online, sembravano improvvisamente meno plausibili quando i timori di Covid si sono ritirati, il "world of atoms" è tornato a crescere (il petrolio è aumentato del 48 % quest'anno e le materie prime nel complesso sono aumentate del 32% ), e la Fed ha raggiunto Larry Summers, l'ex segretario al Tesoro che lo scorso febbraio aveva avvertito dell'inflazione.


Possedere oro ha conservato il capitale, ma possedere dollari è stata una strategia superiore.

Le altre principali valute si sono tutte indebolite rispetto alla valuta statunitense, una classica risposta all'inasprimento della Fed e all'incertezza globale. Tuttavia, tale tendenza potrebbe invertirsi se, dopo altri due aumenti di 50 punti base, la Fed sbattesse le palpebre e smettesse di aumentare o addirittura tagliasse i tassi in autunno.

l periodo storico a cui tutto ciò somiglia di più è quello degli anni '70, anche se l'analogia è tutt'altro che perfetta.

Allora, come oggi, gli errori di politica monetaria e fiscale hanno annullato le aspettative inflazionistiche negli Stati Uniti. Allora, come adesso, una guerra peggiorò le cose. Uno shock geopolitico (la guerra dello Yom Kippur del 1973) aggiunse un'interruzione dal lato dell'offerta sotto forma di aumento del prezzo del petrolio da parte dei membri arabi dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, in rappresaglia per il sostegno degli Stati Uniti e di altri paesi a Israele.


Incassare le crisi

Selloff nel mercato azionario statunitense a causa di eventi globali selezionati, dal picco al minimo


Allora, come oggi, la caratteristica dominante dell'ordine internazionale era la guerra fredda. Oggi, la rivalità tra le superpotenze è tra Washington e Pechino. Poi, è stato con Mosca, anche se la Russia rimane una superpotenza solo in termini di minaccia nucleare.

Allora, come oggi, la credibilità degli Stati Uniti era stata notevolmente minata dalla sconfitta. La caotica partenza delle forze NATO dall'Afghanistan lo scorso anno, ricordando il caotico abbandono di Saigon nel 1975, spiega in parte la disponibilità dell'amministrazione del presidente Joe Biden a finanziare generosamente una guerra per procura condotta dall'Ucraina.


Allora, come adesso, la Cina si era ritirata in se stessa, sebbene la Rivoluzione Culturale sia stata un evento più dirompente della politica "Zero Covid" del presidente Xi Jinping.

Allora, come oggi, le divisioni generazionali facevano parte di un più ampio problema di polarizzazione sociale che preoccupava le persone in tutto il mondo occidentale. Allora, come oggi, c'è stato un aumento della violenza, sia criminale che politica, negli Stati Uniti (quest'ultima esemplificata dalle recenti furie omicide a Buffalo, New York e Laguna Woods, California).


Se l'esperienza degli anni '70 offre una guida agli investitori, non è da aspettarsi un rapido ritorno alla stabilità, sia in termini macroeconomici che geopolitici. Ci sono state valanghe di conflitti negli anni '70. Alla “Pace” in Vietnam (il trattato del gennaio 1973) seguì non solo la caduta del Vietnam del Sud, ma anche l'inizio del genocidio cambogiano sotto Pol Pot, per non dimenticare la guerra di confine sino-vietnamita del 1979.

Alla “Pace” in Medio Oriente (gli Accordi di Camp David) seguì la rivoluzione iraniana. La distensione è andata in pezzi quando l'aggressione sovietica è aumentata dall'Africa meridionale all'Afghanistan.

Dovremmo prepararci per una cascata simile nei prossimi anni. Ciò renderà molto difficile riportare l'inflazione a circa il 2%, a un costo politico accettabile.

Tuttavia, la disaffezione pubblica nei confronti dell'inflazione, per non parlare del crimine violento, vedrà probabilmente una svolta politica a destra negli Stati Uniti e in altri paesi in cui sono al potere governi di centrosinistra. Ciò non andrà a vantaggio dei partiti conservatori attualmente al potere (ad esempio i conservatori britannici). Sembra molto probabile che avvantaggerà i repubblicani nelle elezioni di medio termine di novembre.



Poiché la storia non è ciclica, questo esercizio non può essere profetico, scrive Ferguson.

È improbabile, ad esempio, che il Partito Repubblicano schieri un candidato internazionalista, come lo fu Ronald Reagan nel 1980. Potrebbe ancora scegliere l'ex presidente Donald Trump. D'altra parte, c'è qualcosa di fortemente simbolico nell'imminente parere della Corte Suprema su Roe v. Wade (1973), di cui una bozza è trapelata due settimane fa.

Stiamo letteralmente rimettendo in discussione una delle polemiche più aspre degli anni '70.

C'è anche il rischio non banale che crisi interne impreviste in Russia, o anche in Ucraina, possano fornire un po' di sollievo agli investitori che "si mangiano le unghie".

Mao morì nel 1976, il leader sovietico Leonid Brezhnev (finalmente, dopo un lungo declino) nel 1982.

Il "Grim Reaper" rimuoverà Xi e il presidente russo Vladimir Putin dalla scena, prima o poi, se i rivali politici non lo impediranno!

Proprio al momento giusto, lunedì il Daily Mail del Regno Unito ha pubblicato una storia secondo cui Xi sta resistendo a un intervento chirurgico per curare un aneurisma cerebrale, preferendo fare affidamento sui rimedi tradizionali cinesi.

Come le numerose voci sulla cattiva salute di Putin, questo può avere un significato politico e medico. Sulla televisione di stato russa, stiamo iniziando a sentire critiche sulla guerra in Ucraina, mentre il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti dice che alcuni ufficiali e soldati russi stanno disobbedendo agli ordini.


Allo stesso tempo, si può scorgere una spaccatura politica ai vertici del Partito Comunista Cinese tra i sostenitori di Xi e i critici della sua politica zero-Covid, apparentemente guidata dal premier Li Keqiang. Xi è davvero malato o le persone sono semplicemente malate di Xi? Il libro speculativo di Roger Garside, "The China Coup", sembra ogni settimana meno fantasioso.


Nel frattempo, nelle Filippine, un Marcos è tornato al potere - Ferdinand "Bongbong" Marcos Jr., il cui padre ha governato dal 1965 al 1986 - mentre in Canada è il figlio dell'ex primo ministro Pierre Trudeau, Justin, a governare.


Negli Stati Uniti, gli originali degli anni '70 sono ancora in carica: Biden, entrato al Senato nel 1972, e la presidente della Camera Nancy Pelosi, eletta quattro anni dopo nel Comitato nazionale democratico. In questi giorni, sono gli anni '70 che chiamano per chiedere di nuovo la loro politica.


Un ciclo di tempi difficili L'indice di miseria dell'inflazione più disoccupazione è tornato a salire



Cosa verrà?

Ebbene, dopo l'inflazione di solito arriva la recessione, con il pericolo della stagflazione se il medicinale monetario è stato somministrato nel momento sbagliato o nella dose sbagliata, facendo salire quello che si chiamava “indice di miseria” (la somma di inflazione e tassi di disoccupazione). Quanto è probabile questo scenario? Molto.

Nell'intero dopoguerra, prima del 2021, ci sono stati sei casi trimestrali di inflazione superiori al 5%, mentre il tasso di disoccupazione era inferiore al 5%. Dall'inizio di un simile episodio, il tempo mediano per l'inizio di una recessione è stato di 6,5 trimestri, con una media di 6,7. Dal quarto trimestre dello scorso anno — e per la prima volta dal 1973 — l'inflazione è stata superiore al 5% e il tasso di disoccupazione al di sotto del 5%.


Se la storia è una guida accurata, ciò implicherebbe un'alta probabilità di una recessione a partire dal 2023. Mentre il calo del PIL nel primo trimestre di quest'anno è stato principalmente determinato da fattori idiosincratici - esportazioni, scorte e spesa pubblica - i sondaggi suggeriscono che i consumatori sono improvvisamente più pessimisti che mai dalla crisi finanziaria del 2008-2009.


Dall'altra parte dell'Atlantico, più durerà la guerra in Ucraina, più è probabile che l'Europa entri in recessione. L'Unione europea sta ancora discutendo i dettagli di un embargo petrolifero sulla Russia, ma ora sembra probabile un'eliminazione graduale accelerata delle importazioni di energia russe. Ciò farebbe aumentare il prezzo del petrolio, poiché la Russia impiegherebbe del tempo per trovare nuovi acquirenti per i 2-2,5 milioni di barili al giorno che attualmente vende all'Europa.


Anche i prezzi del gas naturale sono in forte aumento, a causa del rischio che la Russia tagli preventivamente le forniture di gas all'Europa. Uno stop completo costringerebbe molti paesi europei a razionare il gas per i principali consumatori dell'industria, come i produttori di sostanze chimiche.

La difficile situazione economica britannica è peggiore di quella americana o europea. A differenza degli Stati Uniti, il Regno Unito è un importatore netto di energia, quindi i prezzi più elevati dell'energia vengono sottratti dal suo PIL. A differenza dell'UE, sta subendo forti pressioni salariali, quindi i suoi responsabili delle politiche monetarie sono maggiormente sotto pressione per aumentare i tassi.


Le probabilità di recessione aumentano solo se si guarda alla difficile situazione della Cina, dove il rifiuto del governo di abbandonare la Zero Covid, di fronte alla variante più contagiosa dell'omicron, ha fatto precipitare la produzione industriale e le vendite al dettaglio in una grave contrazione. L'attività economica a Shanghai è quasi cessata il mese scorso. Sono state vendute letteralmente zero automobili .

Ci sono segnali di ulteriori cali della spesa delle famiglie cinesi quest'anno, a causa delle restrizioni Covid, dell'aumento della disoccupazione (soprattutto tra i lavoratori migranti e dei neolaureati) e di un mercato immobiliare in difficoltà. Nonostante gli sforzi di quest'anno per sostenere l'edilizia abitativa, la crescita dei prezzi delle case è piatta, mentre le vendite di case e i finanziamenti immobiliari sono in territorio negativo a due cifre.


Ricordi l'immagine di una valanga? Questo è ciò che stiamo vedendo in tutto il mondo, poiché l'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari e dell'energia si combina con la stretta monetaria e l'interruzione della catena di approvvigionamento.

Come negli anni '70, i danni più gravi saranno subiti dalle economie emergenti e in via di sviluppo, il "Terzo Mondo", come allora erano collettivamente chiamate.

Consideriamo solo alcuni esempi, a cominciare dal Medio Oriente.

La valuta turca ha subito crescenti pressioni nelle ultime due settimane. La risposta del governo è cercare di costringere le banche del Paese a utilizzare le proprie riserve in dollari, per sostenere la lira.

La scorsa settimana, il governo intransigente iraniano ha aumentato i prezzi dei beni di prima necessità tra cui pane, olio da cucina e prodotti lattiero-caseari tra il 100% e il 300%. Migliaia si sono presentati per protestare.

l Libano è il caso della regione. Essendo inadempiente sul suo debito nel marzo 2020, il governo funziona a malapena. Oltre l'80% dei libanesi vive in povertà e tutti affrontano l'iperinflazione. La situazione è peggiorata quest'anno perché il Libano importa oltre il 60% del suo grano da Ucraina e Russia.

Un disastro simile si sta preparando in El Salvador. Sotto la guida populista e autoritaria del presidente Nayib Bukele, il paese ha abbracciato con entusiasmo il Bitcoin, sia come valuta di riserva che come moneta a corso legale a livello nazionale. Il selloff di criptovaluta, ha probabilmente spinto El Salvador verso un default il prossimo gennaio, quando 800 milioni di dollari di obbligazioni sovrane dovranno essere rimborsate.


Il cripto-contagio non si ferma qui.

Secondo un rapporto del 2021 della società di dati blockchain Chainalysis, i primi tre paesi nel Global Crypto Adoption Index sono Vietnam, India e Pakistan. Consideriamo che il Pakistan, dove l'aumento dei prezzi di cibo e carburante, ha coinciso con il rovesciamento del primo ministro Imran Khan il mese scorso.

Infine, l'Africa ha assistito a un livello di fragilità del regime, superiore alla media negli ultimi 12 mesi. I governi sono stati deposti in Mali, Guinea, Sudan e Burkina Faso. In Etiopia continua la guerra civile tra il governo centrale e la regione del Tigray a nord.

Le atrocità sono state oscurate da quelle in Ucraina. Con l'impennata dei prezzi dei generi alimentari, la forte riduzione delle esportazioni di grano dall'Ucraina e dalla Russia e le condizioni di siccità in gran parte del Corno d'Africa, la carestia incombe ovunque la capacità dello stato è debole.

La Nigeria, la più grande economia dell'Africa e la nazione più popolosa, dovrebbe fare meglio, poiché è il più grande produttore di petrolio del continente. Ma sta inciampando verso le elezioni presidenziali nel febbraio 2023. Il conflitto religioso tormenta il nord e ci sono crescenti richieste che un candidato del sud-est dominato dagli Igbo guidi il paese.

Sai davvero che è una crisi globale quando senti il ​​nome "Biafra" per la prima volta dal 1970.

Finora, il 2022 è stato un annus horribilis, sia per i consumatori che per gli investitori. Non aspettarti che migliori a breve. Il dolore è maggiore in quei pochi paesi che sono stati invasi o sono crollati nel caos, o per quegli investitori il cui patrimonio netto è precipitato di un quarto o più.

Ma è una crisi che tutti noi sentiamo in una certa misura, sotto forma di prezzi più alti, più ansia, meno divertimento e meno ricchezza.

Fonte Bloomberg by Niall Ferguson.


105 visualizzazioni0 commenti