Biden firma il CHIPS Act. Gli USA blindano il mercato globale dei chip. Il futuro si farà in America

I semiconduttori sono il campo di battaglia nella rivalità USA-Cina. La legge mira anche a ridurre la dipendenza degli Stati Uniti da Taiwan e dalla Corea del Sud per le tecnologie critiche. I produttori di chip cinesi sono stati colpiti dalle sanzioni e dalle alleanze statunitensi. A fine agosto si chiuderà l'alleanza "Chip 4" tra gli Stati Uniti e le potenze dell'Asia Orientale



di Nicola Iuvinale

Martedì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato la legge che fornisce 52,7 miliardi di dollari di sussidi per i produttori e la ricerca di semiconduttori statunitensi. Uno sforzo fondamentale per aumentare la concorrenza degli Stati Uniti con le iniziative scientifiche e tecnologiche della Cina.

"Il futuro si farà in America", ha detto Biden alla firma nella Casa Bianca, definendo la legge "un investimento irripetibile nella stessa America".

L'amministrazione Biden ha sottolineato che la legislazione è vitale per la sicurezza nazionale, competere con la Cina e ridurre la dipendenza degli Stati Uniti da Taiwan e dalla Corea del Sud per le tecnologie critiche.

Le società di semiconduttori statunitensi hanno già iniziato ad annunciare miliardi di investimenti. Qualcomm si è impegnata a spendere 7,4 miliardi di dollari in acquisti da qui al 2028.

La quota di mercato statunitense aumenterà dal 2% al 10% grazie all'annuncio di Micron di un investimento di 40 miliardi di dollari nella produzione di chip di memoria. Ieri, Micron ha detto che i suoi investimenti genereranno fino a 40.000 posti di lavoro nel settore manifatturiero e delle costruzioni e prevede di ricevere fondi dal disegno di legge sui semiconduttori.

La legge prevede anche un credito d'imposta del 25% sugli investimenti per gli impianti di chip, per un valore stimato di 24 miliardi di dollari.

Nel disegno di legge sono incluse anche importanti restrizioni: le aziende che ricevono sussidi pubblici devono accettare di non far crescere la loro produzione di semiconduttori sofisticati in Cina.

La Cina si è opposta alla legge sui semiconduttori attraverso il lobbismo. L'ambasciata cinese a Washington ha affermato che la Cina "si oppone fermamente", definendola una "mentalità da guerra fredda".

In realtà tra Stati Uniti e Cina è in atto molto, molto di più di una normale "guerra fredda".

Man mano che ogni aspetto della vita moderna diventa sempre più digitalizzato, non solo le economie delle nazioni, ma la loro influenza sovrana dipenderanno sempre di più dal potere della tecnologia.

Sebbene gli Stati Uniti e la Cina non siano ancora impegnati in una guerra tradizionale, lo sono in quella delle idee, commercio e tecnologia, specialmente nell'egemonia dei semiconduttori, in cui entrambe le parti stanno combattendo per l'offerta e il progresso.

Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno compiuto una serie di mosse per ostacolare e superare lo sviluppo cinese dei semiconduttori, tra cui persuadere le centrali asiatiche di semiconduttori a unirsi alla loro alleanza, approvare un'enorme spesa per aiutare la produzione interna di chip e vietare le esportazioni di prodotti di fascia alta e apparecchiature per la produzione di chip in Cina.

Alla fine di luglio, gli Stati Uniti hanno esteso i divieti all'esportazione in Cina di apparecchiature che possono produrre semiconduttori di dimensioni fino a 14 nanometri, secondo i principali fornitori statunitensi di apparecchiature per la produzione di chip, come Lam Research Corp. e KLA, che sono stati informati dal governo sull'estensione delle restrizioni.

In precedenza, gli Stati Uniti avevano anche vietato la vendita di apparecchiature in grado di produrre chip di 10 nm o inferiori ai produttori cinesi.

Generalmente nella fabbricazione di semiconduttori, più piccola è la tecnologia di processo, più avanzato è il chip. Più piccolo è il nodo tecnologico, maggiore è la densità del transistor e minore è il consumo energetico del chip, con conseguente aumento delle prestazioni. Tuttavia, il processo di produzione più piccolo richiede materiali e attrezzature più avanzati e comporterà un costo maggiore in ricerca, sviluppo e produzione.

Come detto, lo sviluppo segue uno storico disegno di legge da 52 miliardi di dollari approvato dal Congresso degli Stati Uniti il ​​27 luglio per aiutare i produttori di chip nazionali nella ricerca, nello sviluppo e nel volume di produzione.

Una delle condizioni è che le società che riceveranno i fondi non aumenteranno la produzione di chip avanzati nella Cina continentale.

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha affermato che le politiche inasprite compromettono "gli sforzi della RPC per produrre semiconduttori avanzati" e sono necessarie "per affrontare significativi rischi per la sicurezza nazionale negli Stati Uniti".

Nel frattempo, gli Stati Uniti stanno anche pianificando di vietare le esportazioni di apparecchiature per la produzione di chip statunitensi che producono chip NAND avanzati, ai principali produttori di chip cinesi, come Yangtze Memory Technologies Corp (YMTC).

YMTC è una società statale e l'unico produttore cinese di memorie flash NAND di storage in concorrenza con i principali produttori statunitensi. La sua quota di mercato globale è di circa il 5%. In un rapporto pubblicato dalla Casa Bianca nel giugno 2021, YMTC è stata identificata come l'impresa "campione nazionale" del regime cinese, avendo ricevuto 24 miliardi di dollari di sussidi dal governo cinese.

I chip NAND vengono utilizzati per archiviare dati in un'ampia gamma di dispositivi elettronici come smartphone e personal computer, nonché nei data center di aziende come Amazon, Facebook e Google.

Se le iniziative sui chip NAND verranno ufficialmente attuate, sarà la prima volta che gli Stati Uniti utilizzeranno le restrizioni commerciali per contenere la capacità della Cina di produrre chip di memoria per uso non militare, ampliando il campo di applicazione della protezione della sicurezza nazionale degli Stati Uniti e infliggendo un duro colpo all'industria dei chip di memoria cinesi.

Il 1° agosto, i senatori statunitensi, incluso il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer (DNY), hanno chiesto al Dipartimento del Commercio di aggiungere YMTC alla black list commerciale degli Stati Uniti.

La mossa potrebbe ostacolare ulteriormente la crescita dell'industria cinese dei semiconduttori e proteggere le aziende americane; gli unici due produttori di chip di memoria statunitensi, Western Digital e Micron Technology. I due rappresentano circa un quarto della quota di mercato dei chip NAND.

Secondo un rapporto di Bloomberg, gli Stati Uniti stanno anche spingendo i Paesi Bassi e il Giappone a impedire ai fornitori di apparecchiature per la produzione di chip, ASML e Nikon, di vendere macchine litografiche alla Cina. La mossa potrebbe potenzialmente infliggere un duro colpo ai principali produttori di chip cinesi come Semiconductor Manufacturing International Corp. (SMIC) e Hua Hong Semiconductor Ltd.


La legge "US CHIPS"

Il 26 luglio, il Senato degli Stati Uniti ha votato per far avanzare il suo disegno di legge Chips and Science volto a rafforzare la produzione interna di semiconduttori e migliorare la competitività tecnologica con la Cina.

Il disegno di legge è stato successivamente approvato alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti il ​​28 luglio e inviato alla scrivania di Biden per la firma.

La legislazione fornirà, in totale, 280 miliardi di dollari di finanziamenti per sostenere e avviare la produzione e la ricerca nazionali di semiconduttori; l'importo è di gran lunga superiore alla precedente legislazione che mirava a fornire solo $ 52 miliardi ai produttori.

Ufficialmente soprannominato CHIPS [Creating Helpful Incentives to Produce Semiconductors for America] Act del 2022, la misura fornirebbe decine di miliardi di dollari in sussidi e agevolazioni fiscali alle società tecnologiche nel tentativo di stimolare la nuova crescita del mercato, oltre a finanziamenti del governo nella ricerca tecnologica.

I fautori della normativa hanno da tempo affermato che ciò è necessario per mantenere un vantaggio competitivo con la Cina, che sta riversando denaro nella propria produzione interna di chip.

La legislazione chiarisce inoltre che alle entità che ricevono finanziamenti dal governo degli Stati Uniti è vietato intraprendere transazioni che comportino un'espansione sostanziale della produzione di semiconduttori in Cina o in qualsiasi altro paese estero "preoccupante" per almeno dieci anni dopo l'entrata in vigore della legge.

Queste restrizioni sono progettate per impedire ai produttori di chip di espandere in modo significativo la produzione di chip più avanzati di 28 nm in Cina entro il prossimo decennio.

Anche se i chip a 28 nanometri sono alcune generazioni indietro rispetto ai semiconduttori avanzati di oggi, sono ancora ampiamente utilizzati nelle automobili, negli smartphone di fascia bassa, negli elettrodomestici e altro ancora.


Alleanza "Chip 4"

Gli Stati Uniti hanno anche lavorato per convincere le centrali asiatiche di semiconduttori a partecipare alla loro alleanza "Chip 4".

Questa, guidata dagli Stati Uniti, mira a rafforzare la cooperazione nel settore dei semiconduttori tra gli Stati Uniti e le potenze dell'Asia orientale di Taiwan, Corea del Sud e Giappone, per costruire una catena di approvvigionamento sicura che escluda la Cina.

Taiwan e Giappone hanno già deciso di partecipare all'alleanza Chip 4 proposta dagli Stati Uniti a marzo, in attesa della decisione della Corea del Sud di aderire.

Gli Stati Uniti hanno concesso alla Corea del Sud un termine per decidere se si unirsi o meno all'alleanza "Chip 4" entro il 31 agosto.

Nonostante le crescenti pressioni da parte della Cina, il suo principale partner commerciale, gli esperti sudcoreani e l'opinione pubblica affermano che è probabile che il paese partecipi alla proposta di alleanza sui chip.

"Gli Stati Uniti sono leader nei segmenti delle apparecchiature e del software del settore, Taiwan è il leader della fonderia, il Giappone è in testa per quanto riguarda i componenti e i materiali e la Corea del Sud non può produrre chip senza di essi".

Durante il recente vertice USA-Corea del Sud, Biden e il presidente Yoon Suk-yeol si sono impegnati a rafforzare le alleanze di semiconduttori tra i più grandi paesi produttori di chip del mondo per alleviare le carenze globali.

Come parte del partenariato economico, la Corea del Sud ha anche annunciato formalmente la partecipazione all'Indo-Pacific Economic Framework (IPEF) guidato dagli Stati Uniti; un quadro che delinea le priorità chiave degli Stati Uniti per allinearsi con alleati e partner per competere in modo più efficace contro la Cina comunista nella corsa per guidare lo sviluppo tecnologico globale e le norme.


Il Piano cinese "Big Fund"

Per molti anni, il Partito Comunista Cinese ha investito molto per risolvere il problema della sua fornitura interrotta di semiconduttori.

Nel 2014, Pechino si è impegnata a investire tra i 100 e i 150 miliardi di dollari in fondi pubblici e privati ​​per consentire al Paese di superare le aziende leader mondiali nella tecnologia dei semiconduttori, inclusa la progettazione, l'assemblaggio e l'imballaggio di chip, entro il 2030.

Nel settembre 2014, il regime ha istituito il National Semiconductor Industry Investment Fund della Cina, noto come il "Big Fund". L'investimento iniziale è stato di 138,7 miliardi di yuan (circa 22,19 miliardi di dollari), incentrato sulla produzione di circuiti integrati, comprese apparecchiature, materiali, sigillatura e test.

Nell'ottobre 2019, di fronte alle sanzioni statunitensi contro le società tecnologiche cinesi, è stato annunciato un secondo "Big Fund", con una fornitura di 204,1 miliardi di yuan (circa 32,66 miliardi di dollari).

Tuttavia, secondo Liu Pei-chen, ricercatore presso l'Istituto di ricerca economica di Taiwan, il processo di sviluppo dei semiconduttori del PCC è ancora più lento del previsto, nonostante i massicci investimenti governativi, specialmente nei processi di produzione avanzati o nella ricerca e sviluppo indipendente.

Il lento sviluppo della Cina è dovuto principalmente alle sanzioni europee e americane, rendendo difficile o quasi impossibile ottenere apparecchiature e chip chiave per semiconduttori.

Il piano "Made in China 2025" di Pechino prevede che la produzione interna di chip cinesi raggiunga il 70% entro il 2025. Tuttavia, è quasi impossibile raggiungere tale obiettivo all'attuale ritmo di sviluppo.


Il bracconaggio illecito cinese dei talenti di Taiwan

"La Cina non è ancora in grado di produrre chip avanzati", ha affermato Ren Zhengfei, il fondatore del gigante tecnologico cinese Huawei, nel settembre 2020 durante un discorso pubblico.

Ren ha detto che l'industria nazionale non è in grado di produrre i chip avanzati progettati dall'azienda e non può realizzare prodotti e chip allo stesso tempo.

"Il più grande ostacolo per la Cina al raggiungimento dell'autosufficienza nei semiconduttori non è la mancanza di fondi, ma la mancanza a lungo termine di talenti nel settore", ha affermato in una conferenza pubblica Zhang Rujing, fondatore di SMIC, la più grande fonderia di chip della Cina dichiarazione nel novembre 2021.

Per decenni, la Cina ha risposto alla sua carenza di talenti nelle industrie high-tech sottraendoli a Taiwan, spesso con mezzi illegali.

"Il bracconaggio illegale del talento high-tech di Taiwan da parte di società cinesi ha gravemente colpito la nostra competitività internazionale e messo in pericolo la nostra sicurezza nazionale", ha comunicato il 26 maggio l'Ufficio investigativo del Ministero della giustizia di Taiwan.

La sicurezza dell'industria dei chip è diventata una preoccupazione primaria delle autorità, nella centrale tecnologica di Taiwan.

Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC) è il produttore di chip a contratto più grande e avanzato al mondo. È di per sé responsabile della produzione di più della metà dei semiconduttori del mondo.

Nonostante la sua posizione di leadership, l'azienda ha dovuto affrontare una fuga di cervelli in Cina. Secondo una ricerca del 2020 pubblicata dal Consiglio per gli affari continentali di Taiwan, questa ha perso circa 3.000 ingegneri di semiconduttori, che rappresentano un decimo dei talenti dell'isola nell'industria dei chip.

Gli sforzi della Cina per assicurarsi il talento dell'ingegneria dei chip, principalmente da Taiwan, si sono intensificati negli ultimi anni dopo che il PCC ha fissato l'obiettivo di raggiungere l'autosufficienza nei chip avanzati, un obiettivo nell'ambito di un programma economico decennale noto come Made in China 2025, accompagnato dal "Big Fund".

In risposta, l'Ufficio investigativo di Taiwan ha avviato indagini su circa 100 società cinesi sospettate di aver bracconato illegalmente ingegneri di semiconduttori e altri talenti tecnologici, secondo un rapporto di aprile di Reuters.

Il 20 maggio, il legislatore di Taiwan ha approvato emendamenti alla sua legge sulla sicurezza nazionale e una legge che disciplina le relazioni con la Cina.

La legislazione sulla sicurezza nazionale modificata ha criminalizzato lo "spionaggio economico", prevedendo una pena fino a 12 anni di carcere e una multa fino a 3,4 milioni di dollari per le persone che trasferiscono illegalmente la tecnologia di base dall'isola.

Taiwan ha proibito gli investimenti cinesi in alcune parti della catena di fornitura dei semiconduttori, inclusa la progettazione dei chip e richiede revisioni per altre aree come l'imballaggio dei chip.

Fonti: The Epoch Times, AlJazeera, Bloomberg.

59 visualizzazioni0 commenti