top of page

Biden ha detto a vertice di Vilnius che la democrazia sta vincendo. Ma non è così semplice.

Al vertice dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico della scorsa settimana a Vilnius, in Lituania c'era un Biden vintage, con una retorica alternativamente svettante e inciampante. La strategia di allineare le democrazie contro le autocrazie potrebbe avere il suo tallone d'Achille proprio negli Stati Uniti: in un secondo mandato, Trump non staccherebbe solo la spina al sostegno all'Ucraina, che scoprirebbe come ha fatto l'Afghanistan nel 2021 cosa intendono veramente gli americani con “We’re going to be there as long as [it] takes.” La democrazia va a gonfie vele. La domanda è se sta rotolando verso il bordo di una scogliera. Lo scopriremo tra meno di 16 mesi.


Riportiamo un lungo editoriale dello storico scozzese Niall Ferguson pubblicato oggi su Bloomberg.

Ferguson scrive che la guerra in Ucraina, ha dichiarato il presidente Biden, è una guerra tra una coalizione di democrazie e un'autocrazia russa che rappresenta una minaccia "ai valori democratici che ci stanno a cuore, alla libertà stessa".

Allo stesso modo, la partnership Quad tra Australia, India, Giappone e Stati Uniti sta "riunendo le principali democrazie della regione per cooperare, mantenendo libero l'Indo-Pacifico". Biden ha raffigurato il mondo in termini manichei, nettamente diviso tra le democrazie, unite nella "difesa della libertà" e i loro ottusi nemici, che preferirebbero "un mondo definito dalla coercizione e dallo sfruttamento, dove la forza fa bene". Nel suo discorso al vertice dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico della scorsa settimana a Vilnius, in Lituania, era Biden vintage, con una retorica alternativamente svettante e inciampante.

Ha iniziato con "il potere di trasformazione della libertà" in Lituania e nei suoi vicini baltici mentre si liberavano dal dominio sovietico, accendendo "la fiamma della libertà". L'allargamento della NATO e il progresso della democrazia sono la stessa cosa, ha affermato, perché l'alleanza è "vincolata da valori democratici".

Belle parole. Ma cosa succedesse se la democrazia, lungi dall'essere in ascesa, fosse davvero in ritirata?

Negli ultimi anni, il collega di Ferguson della Hoover Institution Larry Diamond ha avvertito di una "recessione democratica".

Come ha affermato in un recente saggio su Foreign Affairs: “In paesi diversi come il Bangladesh, l'Ungheria e la Turchia, le elezioni hanno da tempo cessato di essere democratiche. Gli autocrati in Algeria, Bielorussia, Etiopia, Sudan, Turchia e Zimbabwe si sono aggrappati al potere nonostante le crescenti richieste pubbliche di democratizzazione. In Africa, sette democrazie sono tornate all'autocrazia dal 2015, tra cui il Benin e il Burkina Faso...

"Il mondo è impantanato in una profonda, diffusa e prolungata recessione democratica".

Ogni anno, l'organizzazione no profit Freedom House pubblica il suo rapporto Freedom in the World. L'ultima edizione afferma che "la libertà globale è diminuita per il 17° anno consecutivo" nel 2022. Queste e simili valutazioni ricordano l'avvertimento di Fareed Zakaria nel 1997 che il futuro - "dal Perù all'Autorità palestinese, dalla Sierra Leone alla Slovacchia, dal Pakistan alle Filippine” – apparterrebbe alla “democrazia illiberale”.

Quindi? Conosciamo tutti l'arguzia di Winston Churchill secondo cui "la democrazia è la peggiore forma di governo ad eccezione di tutte quelle altre forme che sono state provate di volta in volta". Ha pronunciato quelle parole alla Camera dei Comuni nel 1947, l'anno dopo il suo famoso discorso sulla "cortina di ferro " a Fulton, nel Missouri.

Ma Churchill non fece distinzione in nessuno dei due discorsi tra democrazie liberali e illiberali.

A questo proposito, lo spettro alla festa di Vilnius la scorsa settimana è stato il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, che ha quasi, ma non del tutto, accettato di revocare il veto all'adesione della Svezia alla NATO. Due mesi fa, Erdogan è stato rieletto, ottenendo il 52,1% dei voti al secondo turno delle elezioni presidenziali del suo paese. Ma ecco cosa ha da dire Freedom House sulla democrazia turca:

In Turchia, un fallito tentativo di colpo di stato del 2016 ha gettato una lunga ombra sui diritti politici e sulle libertà civili. Il presidente Recep Tayyip Erdogan ... ha utilizzato l'incidente per giustificare la rimozione dei principali controlli ed equilibri democratici e l'eliminazione dei rivali politici. … Prima del voto [presidenziale], il governo ha adottato una nuova legge per controllare la selezione dei giudici che esamineranno le sfide ai risultati elettorali e ha approvato una legge sulla "disinformazione" che potrebbe soffocare ulteriormente le campagne di opposizione e i media indipendenti.

Freedom in the World classifica la Turchia come "non libera", assegnandole solo 16 su 40 possibili per i diritti politici e 16 su 60 per le libertà civili, per un punteggio di libertà totale di 32 su 100. A titolo di confronto, la Svezia ottiene il massimo dei voti su entrambi i fronti.

La Lituania è a 89/100. L'Ucraina è a 50.

Come tutti sanno, la democrazia fu inventata nell'antica Atene nel V secolo a.C. Ma solo nel secolo scorso è stato ampiamente e durevolmente adottata come forma di governo. Perché la democrazia in passato è stata così breve? Perché la filosofia politica classica e rinascimentale insegnava che la democrazia era intrinsecamente instabile.

Il governo del popolo era un'effimera tappa tra l'aristocrazia o la monarchia e la tirannia.

Questa era una grande preoccupazione dei padri fondatori dell'America, motivo per cui erano così attenti a separare e limitare i poteri nella Costituzione. Anche nel XIX secolo, il teorico politico francese Alexis de Tocqueville considerava gli Stati Uniti eccezionali. La sua conclusione fu che la democrazia non avrebbe mai potuto funzionare in Francia. Troppi suoi compatrioti preferivano l'uguaglianza alla libertà. Ecco perché sono finiti con un Napoleone due volte.

Oggi, circa la metà di tutti i paesi sono democrazie.

Secondo il progetto Varieties of Democracy (V-Dem), che ha sede presso l'Università di Göteborg in Svezia, 90 dei 178 paesi per i quali erano disponibili dati nel 2022 hanno recentemente tenuto elezioni multipartitiche veramente libere ed eque.

Le democrazie più antiche del mondo — tutte ultracentenarie — sono la Svizzera (174 anni), seguita da Australia, Nuova Zelanda, Islanda, Finlandia, Regno Unito, Stati Uniti, Canada e Svezia.

In altre parole, la democrazia longeva è un fenomeno anglofono e nordico. (La Svizzera dovrebbe essere squalificata per non aver permesso alle donne di votare fino al 1971.) Solo 24 democrazie hanno più di 60 anni. Venti hanno meno di 19 anni. Inoltre, delle 90 democrazie, solo 32 si qualificano come democrazie liberali, il che significa che non solo consentono a tutti gli adulti di votare, ma proteggono anche le libertà civili e politiche attraverso istituzioni come tribunali indipendenti e una stampa libera.

Fareed Zakaria aveva ragione ad avvertire dell'ascesa della democrazia illiberale? Larry Diamond ha ragione sul fatto che la democrazia stessa è in recessione?

Our World in Data fornisce un modo intuitivo per rispondere a queste domande, utilizzando le statistiche compilate dagli scienziati politici Anna Lührmann, Marcus Tannenberg e Staffan Lindberg e pubblicate da V-Dem. Da un massimo di 44 nel 2007-2009, il numero delle democrazie liberali è sceso a 32. Le democrazie “elettorali” (cioè illiberali) sono salite da 46 nel 2007 a 58. Le autocrazie elettorali, come la Russia di Vladimir Putin, sono diminuite da 63 nel 2013 a 58. E le autocrazie pure sono passate da 23 nel 2018 a 39.


Libertà in declino?

Il mondo ha meno stati autoritari rispetto a un secolo fa, ma le democrazie illiberali sono in aumento.

Certo, alcuni paesi sono molto grandi e altri molto piccoli. Quindi è più significativo guardare alle quote della popolazione mondiale che vive sotto i diversi regimi. Come previsto da Zakaria, la percentuale di persone nelle democrazie liberali è effettivamente scesa da un massimo secolare del 17% (1993-2011) al 13% nel 2022. Tuttavia, come non previsto da Zakaria, la quota nelle elezioni (cioè illiberali) democrazie scende ulteriormente, dal 37% nel 2017 al 16%. La quota nelle autocrazie elettorali, nel frattempo, è aumentata enormemente dal 17% nel 2001 al 45%, mentre la quota nelle autocrazie chiuse è aumentata dal 23% nel 2012 al 26% attuale.

Questi dati sembrerebbero confermare la tesi di Diamond di una recessione democratica, se non di una vera e propria depressione. Ma c'è da fidarsi?

Poiché l'India è ora probabilmente il paese più popoloso del mondo, è piuttosto importante come viene classificata. Luhrmann ebbe a dire che è stata un'autocrazia elettorale dal 2017, con diritti civili e politici limitati come lo erano durante lo stato di emergenza del primo ministro Indira Gandhi tra il 1975 e il 1977.

Altri politologi non sono d'accordo. Un altro set di dati, creato da Carles Boix, Michael K. Miller e Sebastian Rosato, continua a classificare l'India come una democrazia. Freedom House ha declassato l'India a "Parzialmente libera" due anni fa, ma 66/100 non è un punteggio terribile (il vicino Pakistan ottiene un 37). L'Economist Intelligence Unit ha solo un modesto calo del punteggio democratico dell'India: da 7,92 su un massimo di 10 nel 2014 a 7,04 nel 2022.

In altre parole, tutti questi indici di democrazia dovrebbero essere presi con qualcosa di più di un pizzico di sale, poiché la maggior parte si basa almeno in una certa misura sulla soggettività degli esperti. Se pensi che la democrazia liberale sia in crisi dipende in larga misura dalla tua opinione sul primo ministro indiano Narendra Modi e sul suo Bharatiya Janata Party.


Stati di democrazia

Indice V-Dem basato sulle libertà elettorali e personali (1.0=più democratico)

Una delle caratteristiche più sorprendenti della strategia di sicurezza nazionale dell'amministrazione Biden è il suo caloroso abbraccio a Modi, che è stato splendidamente festeggiato durante la sua recente visita negli Stati Uniti. Ciò comporta chiudere un occhio sulla tendenza del BJP a trattare la minoranza musulmana indiana come cittadini di seconda classe e ad adottare più o meno lo stesso approccio alla libertà di stampa che è la norma sotto i governi illiberali in Turchia e Ungheria.

Ecco un'altra stranezza. Una delle caratteristiche più notevoli della politica mondiale moderna è la persistenza della monarchia.

I media statunitensi si divertono a ritrarre il Regno Unito come bizzarramente eccentrico per avere ancora un re ereditario - santo cielo, Carlo III ebbe persino un'incoronazione separata in Scozia! - ma monarchie costituzionali e non così costituzionali si possono trovare in tutto il mondo. Oggi 43 stati-nazione sovrani hanno un monarca, di cui la maggior parte sono democrazie, inclusi i 15 membri dei regni del Commonwealth che hanno Carlo III come capo di stato.

In Europa, Belgio, Danimarca, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Spagna e Svezia sono tutte monarchie, senza dimenticare Andorra, Liechtenstein, Monaco e il Vaticano. Si Contano 10 monarchie nel mondo musulmano (Bahrain, Brunei, Giordania, Kuwait, Malesia, Marocco, Oman, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti), quattro in Asia (Bhutan, Cambogia, Tailandia e Giappone), due in Africa (Eswatini e Lesotho) e uno in Polinesia (Tonga).

L'esperienza dell'era dalla decolonizzazione dopo la seconda guerra mondiale suggerisce fortemente che le monarchie sono più stabili delle repubbliche. Ciò è particolarmente evidente in Medio Oriente.

Quando c'è così tanta varietà nel mondo democratico, la visione di Biden di un fronte unito delle democrazie è realistica? Ascoltando i discorsi del presidente su questo argomento – non solo a Vilnius ma anche a Kiev a febbraio – Ferguson resta colpito da come avrebbe parlato in modo simile il defunto senatore John McCain se fosse stato eletto presidente. La sua risposta all'invasione russa dell'Ucraina sarebbe stata molto simile. Questo potrebbe spiegare perché alcuni liberali hanno i loro dubbi.

In un recente saggio, David Leonhardt del New York Times ha sostenuto che: “Se gli Stati Uniti abbracciassero solo quei paesi con precedenti democratici più puri, non sarebbero in grado di creare un'alleanza globale molto potente. Gli Stati Uniti, il Canada, l'Europa occidentale, il Giappone e la Corea del Sud non sono abbastanza forti per dominare il mondo come potevano una volta".

Ma la strategia di Biden è proprio quella di non applicare un test di purezza. Farà un accordo con Erdogan per far entrare la Svezia nella NATO. E concluderà accordi con l'India per rendere il Quad qualcosa che assomigli vagamente alla NATO per l'Asia. Somma i prodotti interni lordi di tutti i paesi che hanno fornito aiuti all'Ucraina nell'ultimo anno e mezzo. È circa la metà del totale globale. Questo dovrebbe bastare.

Il problema di tutta questa strategia non è l'India, tanto meno la Turchia. Il problema sono gli Stati Uniti stessi, il leader della grande alleanza democratica. Non sono solo la Freedom House e l'Economist che hanno recentemente fatto perdere punti alla democrazia americana. Secondo un recente sondaggio USA TODAY/Suffolk University, 7 americani su 10 concordano con l'affermazione secondo cui la democrazia statunitense è "in pericolo".

Le quote di Democratici (74%) e Repubblicani (75%) sono quasi identiche.

È una verità universalmente riconosciuta tra le élite di tendenza liberale che, se Donald Trump venisse rieletto l'anno prossimo, ci sarebbe una vera minaccia per l'ordine costituzionale.

La rielezione di Trump è tutt'altro che uno scenario remoto. In un secondo mandato, Trump non staccherebbe solo la spina al sostegno all'Ucraina, che scoprirebbe come ha fatto l'Afghanistan nel 2021 cosa intendono veramente gli americani con "Saremo lì finché [ci vorrà]". Potrebbe anche prendere provvedimenti per rendere illiberale la democrazia americana. Avrebbe certamente un incentivo a archiviare tutti i casi legali federali contro di lui, a ignorare i casi statali e a eliminare lo "stato profondo". Questa è certamente la raccomandazione del think tank pro-Trump America First.

D'altra parte, sarebbe molto difficile per Trump cambiare la Costituzione per concedersi un terzo mandato. Lo stato di diritto è profondamente radicato negli Stati Uniti, in parte perché rimane un paese, in misura notevole, gestito da persone laureate in giurisprudenza. Ed è molto difficile immaginare che i vertici delle forze armate statunitensi siano d'accordo con qualsiasi tipo di autogolpe trumpiano .

Tuttavia, le minacce alla democrazia americana possono essere più profonde dell'appello populista di un solo uomo. Esiste un'economia politica di autodistruzione democratica tramite debito eccessivo e inflazione? Quella vecchia idea sembra più convincente in questi giorni, poiché il debito federale si accumula e l'inflazione, sebbene in calo, rimane ben al di sopra dell'obiettivo della Federal Reserve del 2% in media. Anche se l'inflazione continua a scendere, lo stesso non sarà vero per il debito nazionale - non con deficit superiori al 5% del PIL a perdita d'occhio.

La storia ha pochi esempi di grandi potenze che prosperano quando i costi del servizio del debito superano le spese di difesa. Gli elevati pagamenti di interessi furono uno dei principali vincoli al riarmo britannico tra le due guerre.

Che dire della rivelazione della sclerosi della burocrazia da parte della pandemia di Covid-19 e della sua apparente riluttanza a imparare dai propri errori? Philip Zelikow e i suoi coautori hanno appena pubblicato un eccellente ma inquietante rapporto su questo argomento, Lessons From the Covid War. Lo stoico gli ha chiesto due settimane fa: "Quale percentuale dei vari cambiamenti che consigli ti aspetti che venga implementata?" Ha risposto: "In questo momento sto spingendo per arrivare sopra lo zero".

Non è solo la burocrazia della sanità pubblica ad essere disfunzionale, come mostra Jennifer Pahlka nel suo Recoding America. Quasi tutte le agenzie del governo federale non sono in grado di attuare le riforme a causa di requisiti normativi obsoleti ma "è meglio prevenire che curare".

Infine, che dire della sfida alla democrazia americana posta dal cambiamento tecnologico? Due settimane fa, Ferguson ha scritto dell'ascesa delle corporazioni a posizioni di potere senza eguali dal XVII e XVIII secolo. Un tema centrale del suo libro The Square and the Tower era che Internet originariamente decentralizzato era diventato rapidamente e inaspettatamente dominato da una manciata di società di piattaforme di rete: Microsoft, Apple, Amazon, Alphabet, Meta.

Questo minaccia la democrazia? In effetti lo fa.

E la spettacolare svolta di grandi modelli linguistici come ChatGPT di OpenAI ha implicazioni per le elezioni del prossimo anno che potrebbero essere persino maggiori dell'impatto dei big data nel 2012 e degli annunci di Facebook nel 2016. Se sia i democratici che i repubblicani stanno già lavorando freneticamente all'applicazione dall'intelligence alla mobilitazione degli elettori nelle contee chiave degli stati oscillanti.

Ricorda: le persone che per prime scoprono come sfruttare qualsiasi nuova tecnologia sono, in questo ordine: 1. I nerd 2. I truffatori e 3. Gli agenti della campagna elettorale.

La democrazia non è in recessione. L'invasione dell'Ucraina ha suscitato una vera unità democratica. La risposta alla sfida posta dalla Cina è più debole, ma è reale. L'idea di una discesa globale verso la democrazia illiberale o l'autocrazia elettorale è esagerata da statistiche dubbie.

Ma il futuro della democrazia dipende, come sempre, dalla misura in cui gli elettori nella democrazia più importante sono disposti a rinunciare ai propri diritti. E i meccanismi per convincerli a farlo non sono mai stati più potenti. La democrazia va a gonfie vele. La domanda è se sta rotolando verso il bordo di una scogliera. Lo scopriremo tra meno di 16 mesi.


14 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page