top of page

Come può la Nato aggirare la Convenzione di Montreux per difendere gli Stati dell'area del Mar Nero

Aggiornamento: 7 lug 2023

di Victoria Vdovychenko e Nicola Iuvinale


L'Alleanza Nord Atlantica deve preparare un piano per la difesa dei Paesi membri nell'area del Mar Nero e una base multinazionale in Romania sarebbe l'ideale.


Prima della fine della guerra in Ucraina, la NATO deve preparare un piano di mantenimento della pace per il Mar Nero.

Finché i paesi che si affacciano sul Mar Nero - Romania, Bulgaria, Ucraina e Georgia - non avranno delle valide forti forze navali in grado di opporsi all'aggressiva flotta russa in quel mare, le forze della NATO dovranno aiutarli.

"I paesi del Mar Nero non stanno seduti a guardare. Costruiscono flotte più forti il più velocemente possibile. L'Ucraina, ovviamente, vuole costruire una moderna flotta da battaglia e la Turchia sta già costruendo alcune navi da guerra.

La Romania sta cercando di acquistare sottomarini francesi Scorpene, mentre la Bulgaria sta acquistando due pattugliatori polivalenti modulari di fabbricazione tedesca. Ma i progressi sono piuttosto lenti e coloro che promuovono questi progetti potrebbero diventare bersagli delle azioni sovversive della Russia", scrive Craig Hooper, direttore e fondatore del Themistocles Advisory Group, in un articolo per "Forbes".


La Russia rimane forte in mare

Indipendentemente dall'esito della guerra in Ucraina, ci vorranno anni prima che gli stati del Mar Nero possano difendere i loro interessi in mare. E anche se la Russia venisse sconfitta a terra, la marina russa rimarrà una forza potente. Questo servirà come strumento chiave di Mosca per le incursioni marittime, seminando paura e violando la libertà di navigazione nel bacino del Mar Nero. Le vecchie abitudini sono difficili da rompere. I sogni di lunga data della Russia di dominare l'intero Mar Nero rimarranno uno slogan nazionalista per molti anni a venire.

Hooper osserva che la Turchia sarebbe un garante naturale della pace nell'area. Ma in quanto custode del Mar Nero, controllando il Bosforo e i Dardanelli, Ankara sembra più interessata a mantenere i legami con la Russia e la NATO che a duri appelli alla deterrenza e al rispetto delle regole marittime.


Una base multinazionale in Romania sarebbe l'ideale


"Se le forze navali russe non venissero completamente ritirate dal Mar Nero, il mantenimento della pace postbellica in quel mare ricadrà sulle spalle della NATO e, purtroppo, gli stati alleati più potenti non si affacciano sul Mar Nero. Una base multinazionale da qualche parte in Romania sarebbe l'ideale per questo. Modellata su quella spagnola di Rota, che ospita quattro cacciatorpediniere americani della classe Arleigh Burke, la base romena sarebbe l'ideale. Ma una strana reliquia diplomatica degli anni '30 - la Convenzione di Montreux - ostacola questa soluzione", scrive l'autore.

La convenzione rende difficile il dispiegamento della flottiglia di mantenimento della pace della NATO nel Mar Nero. Gli sforzi di mantenimento della pace in quest'area potrebbero richiedere nuove armi e navi, e ciò è possibile solo previa consultazione.


L'ostacolo chiamato Convenzione di Montreux

La Convenzione di Montreux del 1936 è un vecchio trattato. Modificato da ultimo prima della seconda guerra mondiale, l'accordo regola il movimento delle navi da guerra attraverso i Dardanelli e lo stretto del Bosforo. Limita il tonnellaggio, il tempo e i tipi di navi da guerra che non appartengono agli stati litoranei del Mar Nero che possono attraversare le acque turche e operare nel Mar Nero.

Questa reliquia diplomatica complica gli sforzi multinazionali di mantenimento della pace in mare.

Attualmente, la Convenzione consente alle marine non del Mar Nero di operare navi da guerra con dislocamento fino a 30.000 tonnellate (e in alcuni casi fino a 45.000 tonnellate) in quell'area. La Convenzione di Montreux richiede che le navi da guerra non del Mar Nero lascino il bacino marittimo dopo 21 giorni.


Lacune nella Convenzione di Montreux

Senza modificare la Convenzione di Montreux, sarà difficile gestire una flotta multinazionale di navi da guerra convenzionali nel Mar Nero.

"Per ripristinare norme operative civili basate su regole nel Mar Nero, la NATO potrebbe prendere in considerazione un delicato allontanamento dalla vecchia convenzione, mantenendo la lettera della legge, se non lo spirito, del regime normativo di Montreux", suggerisce Hooper .

Dice che "l'Alleanza potrebbe prendere in considerazione la conversione di navi mercantili di classe Point, navi di risposta alle emergenze per giacimenti petroliferi o altre navi civili sotto la bandiera di un paese membro della NATO per missioni nel Mar Nero. Particolarmente utili potrebbero essere le navi - come la Point Class - che sono in grado di operare nella regione e hanno "parenti" precedentemente modificati per attività militari.

Una volta che queste navi civili saranno nel Mar Nero, potranno essere rapidamente modificate, ad esempio presso i cantieri navali romeni del Gruppo Fincantieri, per essere dotate di sistemi d'arma modulari o piattaforme per elicotteri. Dopo che queste navi da guerra improvvisate saranno dotate dell'equipaggiamento necessario, potranno iniziare a fungere da navi di mantenimento della pace", spiega l'autore. A suo avviso, queste navi da guerra improvvisate potrebbero operare senza dover lasciare regolarmente il bacino del Mar Nero. Se la Turchia protestasse, le navi potranno essere facilmente trasferite dal controllo della NATO a quello nominale della Romania o di un altro stato del Mar Nero.

Fonte: Advarul.ro



100 visualizzazioni0 commenti
bottom of page