Commercio USA/Cina: i perché del ripensamento americano

Il commercio tra gli Stati Uniti e la Cina è cresciuto rapidamente dopo il 2001, ma questioni come le violazioni dei diritti umani e del lavoro, il furto di proprietà intellettuale e il calo dei posti di lavoro nel settore manifatturiero negli Stati Uniti, hanno costretto questi ultimi a ripensare al modo in cui commerciano con Pechino


Geopolitica USA/CINA


G Iuvinale

Il commercio degli Stati Uniti con la Cina è cresciuto enormemente negli ultimi decenni ed è fondamentale per entrambi i paesi. Attualmente gli USA importano più dalla Cina che da qualsiasi altro paese e Pechino è uno dei maggiori mercati di esportazione di beni e servizi statunitensi.

Il commercio è esploso nei due decenni da quando la Cina è entrata a far parte dell'Organizzazione mondiale del commercio.
Foto Gettyimages

Questa relazione ha consentito agli Stati Uniti di avere prezzi più bassi per i consumatori e maggiori profitti per le società, ma ha anche comportato dei costi.

Secondo uno studio del Council on Foreign Relations, think tank americano, queste relazioni hanno generato una serie di problemi per gli USA, in particolare:

  • le perdite di posti di lavoro nel settore manifatturiero, con milioni di americani che hanno perso il lavoro a causa della concorrenza delle importazioni

  • i trasferimenti di tecnologia, con gli USA che hanno a lungo accusato la Cina di fare pressioni sulle aziende americane affinché consegnassero la loro tecnologia o di averla addirittura rubata. L'ottimismo che ha accompagnato l'ingresso della Cina nell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) vent'anni fa è svanito quando Pechino ha abbracciato lo sviluppo guidato dal PCC, il partito-Stato, versando sussidi a settori specifici a scapito delle società statunitensi e straniere. Nel frattempo, gli investimenti delle società cinesi hanno sollevato sempre più preoccupazioni per la sicurezza nazionale. In particolare, i politici statunitensi sono sempre più preoccupati per gli sforzi cinesi volti ad acquisire la tecnologia statunitense per raggiungere gli obiettivi di politica industriale di Pechino e rafforzare l'esercito cinese.

Questo commercio ha giovato ai consumatori e alle aziende statunitensi, ma lo sviluppo guidato dallo Stato di Pechino ha creato una serie di problemi, portando Washington a respingerlo.
  • Washington ha ripetutamente accusato Pechino di richiedere alle aziende americane di condividere le proprie tecnologie come condizione per fare affari in Cina, pratica nota come trasferimento tecnologico forzato. Gli hacker sostenuti dal governo hanno anche rubato IP da società statunitensi per aiutare le aziende cinesi a rivaleggiare. Le autorità di regolamentazione statunitensi sono diventate diffidenti nei confronti degli investimenti cinesi nelle società high-tech statunitensi e nelle infrastrutture critiche. Sulla scia dell'approccio aggressivo del presidente Donald Trump, il futuro delle relazioni economiche tra i due paesi oggi è incerto.

  • le sovvenzioni pubbliche e le imprese di stato cinesi. Per raggiungere obiettivi economici, il governo cinese ha versato sussidi in una serie di settori con l'obiettivo di creare società "campioni nazionali". Alcuni esperti sostengono che questi sussidi sono uno spreco, ma possono essere dannosi per altri paesi le cui aziende non possono competere con tali livelli di sostegno statale. Gli Stati Uniti sostengono che molte imprese statali cinesi sono effettivamente armi del governo e, a differenza dei loro concorrenti privati, non prendono decisioni basate sulle forze di mercato.

  • la manipolazione valutaria. Molti economisti affermano che la Cina ha mantenuto il valore della sua valuta, il renminbi, artificialmente basso nel decennio successivo all'adesione all'OMC, accumulando di conseguenza riserve in dollari USA . Una valuta più debole rende le importazioni cinesi più economiche e le esportazioni statunitensi più costose, contribuendo così al deficit commerciale.

  • le violazioni delle regole del lavoro e dei diritti umani. Gli Stati Uniti sono stati a lungo critici nei confronti della Cina sulle questioni relative ai diritti umani e i gruppi sindacali statunitensi si sono costantemente lamentati delle cattive condizioni di lavoro in Cina. Queste preoccupazioni sono riemerse nell'agenda commerciale negli ultimi anni con segnalazioni di lavoro forzato nello Xinjiang, dove la Cina sta reprimendo milioni di uiguri.

Al centro del conflitto commerciale, ci sono i sistemi economici in competizione tra i due paesi. Come spiega in dettaglio il giornalista Paul Blustein nel suo libro Schism: China, America, and the Fracturing of the Global Trading System , i funzionari cinesi hanno inizialmente implementato con entusiasmo gli impegni dell'OMC di Pechino, progettando una profonda trasformazione dell'economia e del sistema legale. Ma anche se la Cina ha liberalizzato la sua economia in qualche modo, dando vita a un fiorente settore privato, non ha mai abbracciato completamente la mano invisibile del mercato. Lo stato, dominato dal Partito Comunista Cinese, controlla l'economia in modi unici, anche attraverso la gestione centralizzata delle imprese statali, il controllo sulle istituzioni finanziarie e una potente commissione di pianificazione economica. I leader cinesi affermano che il loro sistema è necessario per migliorare la vita del popolo cinese ed è in linea con le strategie economiche utilizzate dai paesi occidentali ancora in via di sviluppo.

Jennifer Hillman, Senior Fellow per il commercio e l'economia politica internazionale del CFR, afferma che la Cina ha perfezionato un modello per ottenere la tecnologia occidentale. Lo usa per trasformare le società nazionali in giganti e poi lanciarle nel mercato mondiale, a quel punto le società straniere non possono più competere. La Hillman cita le reti 5G come esempio di un settore in cui la Cina domina. "Inizi a vedere quanto sia un grande problema provare a vivere in questo mondo in cui la Cina possiede sempre più mercati e non puoi entrarci", dice. Gli Stati Uniti sono stati i critici più accesi delle pratiche commerciali cinesi, ma altri paesi, inclusi i membri dell'Unione Europea (UE) e il Giappone, condividono queste preoccupazioni.

Gli Stati Uniti hanno tentato di affrontare le loro preoccupazioni commerciali attraverso un misto di negoziazione, controversie in seno all'OMC, un maggiore controllo sugli investimenti e sulle tariffe. La relazione è diventata più combattuta sotto la presidenza di Donald Trump, che ha imposto tariffe unilaterali in modo molto più consistente rispetto ai suoi predecessori. Trump, infatti, ha imposto dazi su centinaia di miliardi di dollari di merci cinesi. I due paesi alla fine hanno negoziato quello che hanno chiamato un accordo definito di "fase uno".

Il presidente Trump ha esercitato tariffe nel tentativo di rimodellare le relazioni bilaterali. Il presidente Biden vuole un approccio più multilaterale, ma sta ancora preparando la sua risposta.

ll presidente Biden ha ampiamente mantenuto l'approccio del suo predecessore. Le tariffe sulle merci cinesi e i controlli sulle esportazioni statunitensi rimangono in vigore, così come le tariffe di ritorsione della Cina sulle esportazioni americane e l'amministrazione Biden è in trattative con Pechino sulla conformità all'accordo di Fase Uno. Alla fine del 2021, Biden ha firmato una legge che vieta le importazioni dalla regione cinese dello Xinjiang a meno che le aziende non possano dimostrare che non è stato utilizzato il lavoro forzato. La sua amministrazione, dice il think tank, ha lottato per elaborare un approccio commerciale alla Cina a causa di disaccordi interni, con alcuni funzionari che spingono per nuovi accordi commerciali nella regione mentre altri restano molto diffidenti. L'amministrazione prevede di lanciare un quadro economico per l'Indo-Pacifico invece di rientrare nel TPP, sebbene i dettagli siano ancora scarsi.

La Hillman sostiene che consentire alla Cina di entrare nell'OMC non è stato un errore, ma gli Stati Uniti lo hanno commesso, invece, non utilizzando gli strumenti a loro disposizione per scoraggiare subito le pratiche commerciali sleali della Cina. Sebbene l'OMC rimanga un forum prezioso per gli Stati Uniti, Washington potrebbe aver bisogno di guardare altrove, afferma la Hillman. Alcuni esperti hanno suggerito un patto tra paesi che la pensano allo stesso modo che funzionerebbe in parallelo con l'OMC. Altri, invece, sostengono opzioni più estreme, come il senatore Josh Hawley (R-MO) che ha chiesto l'abolizione totale dell'OMC.

Henry Gao, professore alla Singapore Management University ed esperto di diritto cinese e commercio internazionale, sostiene che l'uso di tariffe unilaterali sotto Trump (e ora Biden) danneggia l'immagine degli Stati Uniti come paladino del libero scambio e cede l'autorità morale alla Cina.

Sia Hillman che Gao concordano sul fatto che sia stato un errore per i leader statunitensi presumere che l'adesione all'OMC avrebbe cambiato radicalmente la Cina. "Vorrei fare un passo indietro e chiedere: l'OMC è stata progettata anche per convertire i sistemi economici dei paesi?" dice Gao. "La mia risposta è no."
Gao sostiene che il modello cinese è insostenibile e afferma che gli Stati Uniti dovrebbero quindi essere pazienti e lavorare all'interno dell'OMC, negoziando nuove regole secondo necessità. "Se provi a competere con la Cina diventando Cina, che senso ha anche se alla fine vinci?" dice Gao.


44 visualizzazioni0 commenti