top of page

Esercitazioni US Navy SEAL su un'isola dell'Alaska per "proteggere" un sito radar da Russia e Cina

La scorsa settimana, i soldati delle operazioni speciali dell'esercito americano hanno condotto un'esercitazione per proteggere una stazione radar critica di allarme rapido su un'isola chiave nella catena delle Aleutine in Alaska


I rapporti sostengono che l’esercitazione aveva lo scopo di proteggere "una struttura vitale" da un possibile attacco di Russia e Cina, poiché i due paesi stanno rafforzando, senza precedenti, la loro presenza navale e le loro manovre anche congiunte nell’estremo nord-est dell’Asia e nel Pacifico occidentale e settentrionale.

Ciò segna anche un’evoluzione paradigmatica dell’Artico come possibile punto critico da quando Russia e Cina hanno tenuto esercitazioni a sorpresa vicino all’Alaska, facendo suonare campanelli d’allarme a Washington e Tokyo.

L’importanza militare del Polo Nord è diminuita dopo la fine della Guerra Fredda e la disintegrazione dell’Unione Sovietica, ed emerso solo negli ultimi dieci anni come hotspot energetico.

Le nazioni artiche come la Russia, l’Europa settentrionale e il Nord America (Stati Uniti e Canada) sono impegnate in una competizione a basso profilo per le risorse, con una debole corrente militare sotterranea.

Ma il tentativo di Russia e Cina di “dare agli Stati Uniti una dose della propria medicina” esercitando attività al di fuori del loro territorio sovrano ha segnato una nuova escalation strategica. A tutto ciò si aggiungono il formidabile sviluppo tecnologico-militare dei due paesi e della Corea del Nord e i passi da gigante nel campo dei missili balistici, una gamma che copre anche l’Atlantico occidentale e settentrionale.

In questo contesto si possono vedere le loro esercitazioni navali vicino all’Alaska nonché l’ultima esercitazione dell’esercito americano e altre attività tecnologiche statunitensi per proteggere l'area.

Il pugnale polare

Secondo le immagini e le informazioni rilasciate dall'esercito americano il 18 agosto, il 160° reggimento dell'aviazione per operazioni speciali ha condotto operazioni con elicotteri durante l'operazione Polar Dagger presso la stazione aerea di Eareckson sull'isola di Shemya, in Alaska.

L'esercitazione si è svolta sotto la supervisione dello Special Operations Command North (una componente dello Special Operations Command) e dello US Northern Command (NORTHCOM).

L’esercitazione “dimostra capacità SOF rapidamente dispiegabili nelle regioni artiche e subartiche”, si legge nella dichiarazione.
Sebbene le informazioni non menzionassero l'ordine del giorno dell'esercitazione, rapporti OSINT affermano che l'obiettivo era esercitarsi a difendere il radar di allarme rapido e di tracciamento missilistico AN/FPS-108 Cobra Dane e un aeroporto con una pista di decollo lunga 10.000 piedi.

"Il 160° SOAR, tradizionalmente conosciuto come 'Night Stalkers' è situato in un'area che è una porta verso la sempre più importante regione artica e sarebbe probabilmente un obiettivo importante in qualsiasi futuro conflitto contro un concorrente come la Cina o la Russia”, si legge in un rapporto di The Drive.

Le forze per le operazioni speciali “dimostreranno la portata operativa, proietteranno la capacità delle forze statunitensi di difendere le infrastrutture critiche, miglioreranno la consapevolezza in tutti i settori e rafforzeranno la nostra comprensione delle attività nell’Artico”.

L'esercitazione ha visto i Night Stalker inseriti nelle zone di atterraggio da elicotteri MH-60 Blackhawk, con il C-17 Globemaster III a “supportare” le esercitazioni. Si presume che l'aereo gigante trasporti rifornimenti, razioni e attrezzature specializzate.

L’unità è famosa per intraprendere pericolose missioni di volo in ambienti “spietati”. L'operazione più famosa fu quella di portare il Team Six dei Navy SEAL statunitensi al rifugio di Abbottabad in Pakistan durante l'operazione Geronimo, che eliminò Osama bin Laden.

Il radar di allarme missilistico balistico Cobra Dane


Il radar Cobra Dane ha iniziato a ricevere un nuovo aggiornamento nell’ottobre 2020, quando l’aeronautica americana ha appaltato un contratto da 71,1 milioni di dollari.

Il radar viene utilizzato per l'allarme precoce della difesa missilistica, la verifica del trattato missilistico e la sorveglianza spaziale.

"Il radar, che è alto 120 piedi e ha una faccia di 95 piedi di diametro, è diventato operativo nel 1977", secondo Military Aerospace Electronics.

Il radar array passivo a scansione elettronica ha ricevuto nell'aggiornamento di 11 nuovi gruppi trasmettitori. Si tratta di un radar ad allineamento di fase in banda L, basato a terra, che fornisce copertura a metà percorso per il sistema di difesa contro i missili balistici del Comando strategico degli Stati Uniti.

Il radar può rilevare missili balistici lanciati dal mare e intercontinentali a una distanza di 2.000 miglia.

Può anche classificare i veicoli di rientro e altri oggetti missilistici e tracciare le minacce con sufficiente precisione per impegnarsi a lanciare intercettori e aggiornare i dati sui bersagli in volo.

Presumibilmente, è rivolto a ovest verso la Russia e la Corea del Nord, da dove gli Stati Uniti percepiscono credibili minacce di missili balistici nucleari.

"Negli ultimi anni, Cobra Dane ha assunto il ruolo di tracciamento dei satelliti dello spazio profondo come parte della più ampia rete di sorveglianza spaziale e fornisce dati di osservazione ai nodi di comando e controllo dell'agenzia", ​​aggiunge il rapporto sul MAE.

Ne è valsa la pena?

L'esercitazione a Shemya migliora certamente la capacità semi-tattica degli Stati Uniti di trasportare rapidamente in aereo squadre piccole, altamente armate ed efficaci di unità operative speciali d'élite. Ma ciò presuppone che Russia, Cina o Corea del Nord lancerebbero un attacco di terra con un atterraggio anfibio per distruggere il radar quando potrebbe essere fatto altrettanto rapidamente con missili a lungo raggio.

Le navi da guerra russe possono lanciare missili da crociera Kalibr o Onyx, mentre il bombardiere strategico ad ala oscillante Tu-160, altamente capace, progettato per missioni di attacco strategico in profondità con una varietà di missili convenzionali e non convenzionali – uno dei quali è il Kh-101 – può sparare e tornare indietro anche prima che i sensori della difesa aerea statunitense segnalino ai loro SAM di farlo.

Il Ministero della Difesa russo ha già previsto di colpire obiettivi statunitensi e giapponesi nell’estremo oriente utilizzando questo bombardiere, come accennato in una precedente analisi dell’EurAsian Times. La Russia possiede anche cacciabombardieri dedicati come il Su-34 e il MiG-31. La variante "K" di quest'ultimo lancia il missile ipersonico aero-balistico Khinzhal.


E' un obiettivo è politico statunitense

Forse, la difesa di Shemya potrebbe essere complessa anche per gli stessi Stati Uniti, come sottolinea il rapporto The Drive (menzionato sopra) per le eccezionali sfide meteorologiche e infrastrutturali nell’effettuare un ponte aereo verso la regione arida e gelida. I russi o i cinesi potrebbero programmare un’operazione per conquistare Shemya via terra in condizioni meteorologiche avverse, quando una controffensiva statunitense montata su elicotteri di medio/pesante trasporto incontrerebbe i maggiori ostacoli se non addirittura fallirebbe del tutto.

Pertanto, una ragione dietro un’esercitazione militare potrebbe essere politica: rassicurare i politici statunitensi allarmati dalle esercitazioni navali russo-cinesi con 11 navi vicino all’Alaska all’inizio di questo mese.

Operando vicino alle stesse Isole Aleutine e al di fuori delle acque territoriali americane, secondo i massimi ufficiali militari statunitensi citati nei rapporti, due senatori repubblicani, Dan Sullivan e Lisa Murkowski, hanno espresso grave indignazione. Hanno rilasciato un comunicato stampa congiunto dopo essere stati informati sull'operazione di tracciamento lanciata dalla Marina americana.

“L’incursione di 11 navi da guerra cinesi e russe che operano insieme – al largo delle coste dell’Alaska – è l’ennesimo promemoria del fatto che siamo entrati in una nuova era di aggressione autoritaria guidata dai dittatori di Pechino e Mosca”, ha detto Sullivan.

La loro dichiarazione congiunta afferma: “Questo è un duro promemoria della vicinanza dell'Alaska sia alla Cina che alla Russia, nonché del ruolo essenziale del nostro Stato nella difesa nazionale e nella sovranità territoriale".

"Incursioni come questa sono il motivo per cui stiamo lavorando duramente per garantire finanziamenti e risorse per espandere le capacità delle nostre forze armate in Alaska. I nostri colleghi devono unirsi a noi nel sostenere tali investimenti”.

Semmai, tali esercitazioni navali congiunte aprono un altro sottoteatro nel Pacifico occidentale e nel nord-est asiatico, costringendo Stati Uniti e Giappone a impegnare risorse per sostenere le esercitazioni contro la Corea del Nord.

Il livello di coordinamento politico-strategico tra i tre è al massimo, visto le visite del ministro della Difesa cinese Li Shangfu in Russia e della visita del ministro della Difesa di Mosca Sergei Shoigu in Corea del Nord.

Sull'argomento Artico - Polo Nord - Alaska - Cina - Russia - USA - Consiglio Artico - NATO:

15 visualizzazioni0 commenti
bottom of page