Francis Fukuyama: un'altra prova che questa è davvero la fine della storia

Nell'ultimo anno, è diventato evidente che ci sono punti deboli chiave al centro di stati autoritari apparentemente forti.


Nell'ultimo decennio, la politica mondiale è stata fortemente segnata da stati apparentemente forti i cui leader non sono vincolati da leggi o controlli costituzionali.

Sia la Russia che la Cina hanno affermato che la democrazia liberale è in declino a lungo termine e che il loro forte governo autoritario è in grado di agire in modo deciso e portare a termine le cose, mentre i suoi rivali democratici discutono, esitano e non riescono a mantenere le loro promesse.

Questi due paesi sono stati l'avanguardia di una più ampia ondata di autoritarismo che ha respinto le conquiste democratiche in tutto il mondo, dal Myanmar alla Tunisia, dall'Ungheria a El Salvador .. Tuttavia, nell'ultimo anno è diventato chiaro che ci sono punti deboli chiave al centro di questi stati autoritari.

I punti deboli sono di due tipi. In primo luogo, la concentrazione del potere nelle mani di un unico leader al vertice garantisce virtualmente uno scarso processo decisionale e alla fine produrrà conseguenze davvero catastrofiche.

In secondo luogo, l'assenza di discussioni e dibattiti pubblici negli stati "forti", e di qualsiasi meccanismo di responsabilità, significa che il sostegno al leader è superficiale e può sgretolarsi in un attimo.

I sostenitori della democrazia liberale non devono cedere a un fatalismo che accetta tacitamente la linea russo-cinese secondo cui tali democrazie sono in inevitabile declino.

Il progresso a lungo termine delle moderne istituzioni non è né lineare né automatico. Nel corso degli anni, abbiamo assistito a enormi battute d'arresto nel progresso delle istituzioni liberali e democratiche, con l'ascesa del fascismo e del comunismo negli anni '30, o i colpi di stato militari e le crisi petrolifere degli anni '60 e '70 . Eppure la democrazia liberale ha resistito ed è tornata più volte, perché le alternative sono pessime.. Persone di diverse culture non amano vivere sotto una dittatura e apprezzano la loro libertà individuale. Nessun governo autoritario presenta una società che è, a lungo termine, più attraente della democrazia liberale , e quindi potrebbe essere considerata l'obiettivo o il punto di arrivo del progresso storico.

I milioni di persone che votano - lasciando paesi poveri, corrotti o violenti a vivere non in Russia, Cina o Iran , ma nell'Occidente liberale e democratico - lo dimostrano ampiamente.

Il filosofo Hegel ha coniato l'espressione la fine della storia per riferirsi all'ascesa dello stato liberale dalla Rivoluzione francese, come l'obiettivo o la direzione verso cui si stava dirigendo il progresso storico. Per molti decenni dopo, i marxisti avrebbero preso in prestito Hegel e affermato che la vera fine della storia sarebbe stata un'utopia comunista. Quando ho scritto un articolo nel 1989 e un libro nel 1992 con questa frase nel titolo, ho fatto notare che la versione marxista era chiaramente sbagliata e che non sembrava esserci un'alternativa superiore alla democrazia liberale.

Abbiamo assistito a terribili battute d'arresto nel progresso della democrazia liberale negli ultimi 15 anni, ma le battute d'arresto non significano che la narrativa sottostante sia sbagliata . Nessuna delle alternative proposte sembra andare meglio.

Le debolezze degli stati forti sono state messe in luce in Russia. Il presidente Vladimir Putin è l'unico che prende le decisioni; anche l'ex Unione Sovietica aveva un Politburo in cui il segretario del partito doveva discutere di idee politiche. Abbiamo visto filmati di Putin seduto alla fine di un lungo tavolo per paura del COVID ; era così isolato che non aveva idea di quanto fosse diventata forte l'identità nazionale ucraina negli ultimi anni e di quanta feroce resistenza avrebbe provocato la sua invasione. Inoltre non sapeva fino a che punto la corruzione e l'incompetenza si fossero radicate nel suo stesso esercito, né quanto mal funzionassero le armi moderne che aveva sviluppato, né quanto mal addestrato fosse il suo corpo di ufficiali.

La superficialità del sostegno al suo regime è stata resa evidente dalla corsa alle frontiere dei giovani russi quando il 21 settembre ha annunciato la sua mobilitazione "parziale". Circa 700.000 russi sono partiti per la Georgia, il Kazakistan, la Finlandia e qualsiasi altro paese che li accetti, un numero di gran lunga superiore a quello mobilitato . Coloro che sono stati coinvolti nella leva vengono gettati direttamente in battaglia senza un adeguato addestramento o equipaggiamento e si stanno già presentando in prima linea come prigionieri di guerra o vittime. La legittimità di Putin si basava su un contratto sociale che prometteva stabilità ai cittadini e un minimo di prosperità in cambio di passività politica, ma il regime ha infranto quell'accordo e ne sta risentendo le conseguenze.

Lo scarso processo decisionale e lo scarso sostegno di Putin hanno prodotto uno dei più grandi errori strategici a memoria d'uomo. Lungi dal dimostrare la sua grandezza e riconquistare il suo impero, la Russia è diventata oggetto di ridicolo globale e nelle prossime settimane subirà un'ulteriore umiliazione per mano dell'Ucraina. L'intera posizione militare russa nell'Ucraina meridionale rischia di crollare e gli ucraini hanno una reale possibilità di liberare la penisola di Crimea per la prima volta dal 2014. Queste battute d'arresto hanno innescato un'enorme quantità di dita puntate a Mosca ; il Cremlino sta ulteriormente reprimendo il dissenso. Se Putin stesso sarà in grado di sopravvivere a una sconfitta militare russa è una questione aperta.

Qualcosa di simile, anche se leggermente meno drammatico, è accaduto in Cina.

Una delle caratteristiche distintive dell'autoritarismo cinese nel periodo compreso tra le riforme di Deng Xiaoping nel 1978 e l'ascesa al potere di Xi Jinping nel 2013 è stato il suo grado di istituzionalizzazione. Le istituzioni significano che i governanti devono seguire le regole e non possono fare ciò che vogliono. Il Partito Comunista Cinese si è imposto molte regole: età pensionabile obbligatoria per i quadri del partito, rigorosi standard meritocratici per il reclutamento e la promozione e, soprattutto, un limite di 10 anni per i dirigenti del partito. Deng Xiaopingha ha stabilito un sistema di leadership collettiva proprio per impedire il predominio di un unico leader ossessivo come Mao Zedong .

Gran parte di questo sistema è stato smantellato sotto Xi Jinping , che riceverà la benedizione del suo partito per rimanere leader supremo per un terzo mandato di cinque anni al 20° Congresso del Partito.

Invece della leadership collettiva, la Cina è passata a un sistema personalista in cui nessun altro alto funzionario può avvicinarsi alla sfida di Xi .

Questa concentrazione di autorità in un solo uomo ha a sua volta portato a uno scarso processo decisionale. Il partito è intervenuto nell'economia, ostacolando il settore tecnologico inseguendo star come Alibaba e Tencent ; ha costretto gli agricoltori cinesi a piantare prodotti in perdita di denaro alla ricerca dell'autosufficienza agricola; e ha insistito su una strategia zero-COVID che mantenga parti significative della Cina sotto continui blocchi che hanno sottratto punti alla crescita economica del paese. La Cina non può invertire facilmente la strategia zero COVID, perché non è riuscita ad acquistare vaccini efficaci e gran parte della sua popolazione anziana è vulnerabile alle malattie. Quello che sembrava un trionfante successo nel controllo del COVID due anni fa, si è trasformato in una lunga debacle.

Tutto ciò si aggiunge al fallimento del modello di crescita sottostante della Cina, che faceva affidamento su ingenti investimenti statali nel settore immobiliare per mantenere l'economia in movimento.

L'economia di base suggerisce che ciò porterebbe a una massiccia allocazione errata delle risorse, come in effetti è successo. Se cerchiamo in Internet gli edifici cinesi che sono stati fatti saltare in aria, nevedremo molti video perché non c'è nessuno che comprs appartamenti al loro interno.

Questi fallimenti autoritari non si limitano alla Cina.

L'Iran è stato scosso da settimane di proteste in seguito alla morte di Mahsa Amini per mano della polizia morale.

L'Iran è in una situazione terribile: sta affrontando una crisi bancaria, sta finendo l'acqua, ha visto un enorme declino dell'agricoltura e sta combattendo le sanzioni internazionali e l'isolamento.

Nonostante il suo status di paria, ha una popolazione ben istruita, con le donne che costituiscono la maggior parte dei laureati. Eppure il regime è guidato da un piccolo gruppo di anziani con atteggiamenti sociali scaduti da diverse generazioni. Non sorprende che il regime stia ora affrontando la sua più grande prova di legittimità. L'unico paese che può essere descritto come ancora più mal gestito è quello con un'altra dittatura, il Venezuela, che ha prodotto il più grande flusso di rifugiati al mondo nell'ultimo decennio.

Le celebrazioni per l'ascesa degli Stati forti e il declino della democrazia liberale sono quindi molto premature. La democrazia liberale, proprio perché distribuisce il potere e si basa sul consenso dei governati, è in una forma globale migliore di quanto molti pensino. Nonostante i recenti progressi dei partiti populisti in Svezia e in Italia, la maggior parte dei paesi europei continua a godere di un forte grado di consenso sociale.

Il grande punto interrogativo restano, purtroppo, gli Stati Uniti. Tra il 30 e il 35 per cento dei suoi elettori continua a credere alla falsa narrativa secondo cui le elezioni presidenziali del 2020 sono state rubate e il Partito Repubblicano è stato rilevato dai sostenitori del MAGA di Donald Trump, che stanno facendo tutto ciò che è in loro potere per mettere i negazionisti alle posizioni di potere in tutto il Paese. Questo gruppo non rappresenta la maggioranza del paese, ma è probabile che riguadagnerà il controllo almeno della Camera dei rappresentanti questo novembre, e forse della presidenza nel 2024. Il presunto leader del partito, Trump, è caduto sempre più in una follia alimentata dalla cospirazione in cui crede di poter essere immediatamente reintegrato come presidente e che il paese dovrebbe incriminare penalmente i suoi predecessori presidenziali, incluso uno che è già morto.


C'è un'intima connessione tra il successo degli stati forti all'estero e la politica populista in patria. Politici come Marine Le Pen ed Éric Zemmour in Francia , Viktor Orbán in Ungheria , Matteo Salvini in Italia e, ovviamente, Trump negli Stati Uniti hanno tutti espresso simpatia per Putin. Vedono in lui un modello per il tipo di governo dell'uomo forte che vorrebbero esercitare nel proprio paese. Lui, a sua volta, spera che la sua ascesa indebolisca il sostegno occidentale all'Ucraina e salverà la sua vacillante " operazione militare speciale ".


La democrazia liberale non riemergerà a meno che le persone non siano disposte a lottare per essa.

Il problema è che molti di coloro che crescono vivendo in democrazie liberali pacifiche e prospere iniziano a dare per scontata la loro forma di governo. Non avendo mai sperimentato una vera tirannia, immaginano che i governi democraticamente eletti sotto i quali vivono siano essi stessi dittature malvagie che cospirano per togliere loro i diritti, che si tratti dell'Unione Europea o dell'amministrazione di Washington . Ma la realtà è si è manifestata. L'invasione russa dell'Ucraina costituisce una vera e propria dittatura che cerca di schiacciare una società genuinamente libera con razzi e carri armati e può servire come promemoria per l'attuale generazione di ciò che è in gioco. Resistendo all'imperialismo russo, gli ucraini stanno dimostrando le gravi debolezze che esistono al centro di uno Stato apparentemente forte. Capiscono il vero valore della libertà e stanno combattendo una battaglia più grande per nostro conto, una battaglia a cui tutti dobbiamo unirci.




68 visualizzazioni0 commenti