Germania: deficit pubblico più basso del previsto e ripresa grazie anche alla Cina

di Gabriele Iuvinale

Come ogni Stato europeo - e non - nel 2020 anche quello tedesco ha speso più di quanto ha incassato. Ma i dati reali, tuttavia, sono significativamente migliori rispetto a quelli previsionali. Difatti, i fondi federali, statali, comunali e previdenziali sono diminuiti di 140 miliardi di euro, quasi 20 miliardi in meno rispetto a quanto inizialmente stimato.

Lo riferisce oggi l'Ufficio federale di statistica.

La crisi pandemica ha portato un deficit di finanziamento statale di 139,6 miliardi di euro nel 2020. Tradotto, le entrate sono state di molto inferiori alle spese.

E questo è stato il primo deficit fatto registrare dal 2011, il secondo più alto dall'unificazione tedesca, superato solo dal deficit record del 1995, anno in cui i debiti fiduciari vennero trasferiti nel bilancio dello Stato.


Il rapporto deficit/pil si colloca al 4,2%, dunque superiore alla soglia del 3% imposta dalle regole europee sul Patto di stabilità e crescita (criteri di Maastricht), attualmente sospese fino alla fine del 2021.


Il governo federale ha il più grande deficit di finanziamento con 86,6 miliardi di euro

La buona posizione fiscale del 2019 - in cui tutti i sottosettori dello Stato avevano registrato un avanzo - è drasticamente peggiorata nel 2020 per far fronte alla crisi pandemica. Ciò ha comportato che il saldo finanziario della Confederazione si è deteriorato, scendendo di oltre 100 miliardi di euro ed attestandosi a -86,6 miliardi di euro. La previdenza sociale ha segnato un - 33,7 miliardi di euro ed anche gli Stati federali hanno chiuso l'anno con un deficit di 18,0 miliardi di euro. I comuni hanno registrato un deficit relativamente basso di -1,3 miliardi di euro, anche a causa dei maggiori trasferimenti dai Governi federale e Statale.


Gli aiuti economici di Stato contribuiscono in modo significativo al disavanzo

Ciò che ha contribuito a generare il deficit dei Governi Federali e di quello Statale sono stati la spesa per gli aiuti statali immediati e per quelli transitori - come i benefici sul lavoro a breve termine, gli aiuti in termini di sovvenzioni, i prestiti ponte e la riduzione temporanea dell'IVA - nonché per l'approvvigionamento e la fornitura di dispositivi di protezione. Inoltre, significativi sono stati anche gli aumenti delle indennità di disoccupazione e di lavoro a tempo ridotto e l'aumento degli assegni familiari.


Le entrate fiscali crollano del 6,5% rispetto al 2019

Il gettito fiscale ha subito un calo complessivo del 6,5% rispetto all'anno precedente. Tuttavia, mentre le entrate fiscali sui salari sono diminuite solo del 2,3%, le entrate dalle imposte sulle società sono diminuite in modo massiccio, pari al 13,5%. A seguito della debolezza dei consumi privati ​​e della temporanea riduzione delle aliquote IVA dal 1 ° luglio 2020, anche il reddito da imposte sui beni è diminuito del 6,9%. Solo il reddito dei contributi sociali è aumentato leggermente dell'1,7%.


La ripreda tedesca

Nonostante il lockdown, nel periodo ottobre/dicembre il PIL è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente. Di conseguenza, il calo del prodotto interno lordo si è attestato al 4,9%, dato leggermente inferiore a quello precedentemente indicato del 5,0%.

L'economia, dunque, è cresciuta forte alla fine del 2020.

Da cosa dipende? Indubbiamente dal legame che ha con la Cina. La Germania è il più grande esportatore verso il Paese del Dragone. Lo scorso anno il 48,5% delle esportazioni dai 27 Stati membri dell'UE alla Repubblica popolare è stato Made in Germany. Nel secondo trimestre del 2020, la Cina è diventata per la prima volta il mercato di vendita più importante per le merci di esportazione tedesche. Da gennaio a settembre, la quota della Cina sulle importazioni totali è salita ad un record dell'11,3%. Ne parlavamo qui.

Inoltre, secondo Eurostat per la prima volta, a partire dal periodo gennaio-dicembre 2020, la Cina è diventata il primo partner commerciale dell'UE, con uno scambio commerciale complessivo di 586 miliardi di euro, davanti a Stati Uniti con 555 miliardi di euro.

Il che è tutto dire, a vantaggio ovviamente della Germania.

D'altra parte, il Governo federale prevede per quest'anno una crescita economica del 3%, che dovrebbe ridurre anche il deficit del tesoro statale. Il livello pre-crisi dovrebbe essere nuovamente raggiunto nella seconda metà del 2022, pandemia permettendo.


Fonte Eurostat




22 visualizzazioni0 commenti