top of page

Il mondo inizia a tenere d'occhio le losche manovre marittime della Cina nel Pacifico e altrove

Gli occhi sono puntati dall'alto, dallo spazio, attraverso satelliti privati in orbita che osservano le navi civili e militari cinesi che durante la navigazione spengono i loro trasponder. Gli Stati Uniti e i loro alleati utilizzano nuovi strumenti per tracciare l'attività militare del regime e la pesca illegale.


Nel gennaio 2021, una flotta di pescherecci cinesi si è avvicinata alla costa dell'Oman, apparentemente alla ricerca di calamari.

Secondo i transponder di identificazione automatica delle navi, queste sono rimaste appena fuori dalla zona economica esclusiva (ZEE) dell'Oman, che gli conferisce il controllo dei diritti di pesca fino a 200 miglia nautiche (370 km) dalle sue coste.

Ma i segnali radio delle navi, rilevati dai satelliti commerciali, raccontavano un'altra storia.

Hanno rilevato che le navi stavano operando all'interno delle ZEE dell'Oman in un presunto raid illegale sui preziosi stock di calamari dello Stato del Golfo .

Questa è stata una delle prime dimostrazioni di un nuovo strumento utilizzato dagli Stati Uniti e dai suoi alleati per aiutare a scoprire le attività illegali o aggressive della Cina in mare.

Stanno stipulando contratti con società private per fornire ai governi della regione indo-pacifica dati quasi in tempo reale, raccolti dallo spazio, per aiutarli a monitorare le acque costiere e utilizzare in modo più efficace le loro limitate risorse navali e di guardia costiera.

I dati sono forniti nell'ambito dell'iniziativa Indo-Pacific Maritime Domain Awareness, IPMDA, lanciata nel maggio 2022 al secondo vertice dei leader del "Quad", un blocco composto da Stati Uniti, Australia, India e Giappone.

Questo è un chiaro esempio di come l'IPMDA stia cercando di aggiungere sostanza alla sua retorica sulla difesa di un Indo-Pacifico "libero e aperto" di fronte alla coercizione militare ed economica cinese.

Ma evidenzia anche la sensibilità di una regione nella quale molti paesi sono preoccupati per l'attività militare e la pesca illegale della Cina e sono riluttanti a sfidarla direttamente o ad essere trascinati nel suo crescente confronto con gli Stati Uniti.

Il governo cinese ha già detto di considerare l'IPMDA come parte di uno sforzo guidato dagli Stati Uniti per "costruire piccole cricche e alimentare un confronto di blocco" contro la Cina.

Quando i leader del Quad si sono incontrati di nuovo nel maggio 2023, hanno affermato che l'IPMDA stava già fornendo dati ai governi del sud-est asiatico e del Pacifico e che nei prossimi mesi si sarebbe espanso anche nell'Oceano Indiano.

Hanno evitato di citare la Cina, sottolineando invece l'utilità dei dati per combattere la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata e per rispondere alle crisi umanitarie.

Tuttavia, in una conferenza sulla sicurezza del mese successivo, i comandanti militari statunitensi e alleati hanno sottolineato l'importanza strategica del programma di condivisione delle informazioni attraverso i "centri di fusione" dei dati in India, Singapore, Vanuatu e nelle Isole dei Caraibi .

Questi hub esistono da alcuni anni, ma non hanno condiviso i dati abbastanza velocemente o in modo sufficientemente dettagliato.

Anche i governi sono stati riluttanti a condividere informazioni riservate.

L'architettura c'è ", ha dichiarato l'ammiraglio John Aquilino, comandante del Comando Indo-Pacifico degli Stati Uniti, durante una tavola rotonda a giugno. "La capacità di rilevamento deve essere aumentata e condivisa" nella regione dell'Oceano Indiano, ha affermato, suggerendo che potrebbe essere incluso un centro di sicurezza marittima in Oman.

Nello stesso panel, Vikram Misri, vice consigliere per la sicurezza nazionale dell'India, ha affermato che il centro di fusione situato appena fuori Delhi aveva già scambiato dati con più di 22 paesi e ospitato ufficiali di collegamento di quasi una dozzina.

L'ammiraglio Pierre Vandier, capo di stato maggiore della Marina francese, ha chiesto di combinare gli strumenti militari e civili e ha suggerito di incorporare un altro data center in Madagascar per aiutare a coprire l'Oceano Indiano meridionale.

Gli esperti cinesi, da parte loro, affermano che l'IPMDA ha lo scopo di screditare le attività marittime della Cina, in particolare la sua vasta flotta peschereccia, che è stata accusata di operazioni illegali in Africa, Sud America e isole del Pacifico.

Secondo Hu Bo dell'Università di Pechino, il programma Quad sarà presto ampliato per includere il controllo della guardia costiera cinese e delle navi della marina.

Anche gli esperti di difesa occidentali hanno evidenziato le applicazioni militari dell'IPMDA.

"Sviluppa un'infrastruttura organizzativa e pratiche di sorveglianza che il Quad e i suoi partner potrebbero riutilizzare per operazioni militari, inclusa la sorveglianza di una mossa cinese contro Taiwan", ha dichiarato a luglio il Center for Strategic and Budgetary Evaluations, un think tank con sede a Taiwan.

Washington ha suggerito di aumentare il programma con i droni.

I funzionari del Quad sono riluttanti a dire esattamente quali paesi vedono i dati. Ma il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris ha rivelato che le Filippine erano tra loro quando ha visitato il paese a novembre.

Il paese ha rinvigorito la sua alleanza con gli Stati Uniti negli ultimi anni, in gran parte in risposta agli sforzi della Cina per affermare le sue rivendicazioni marittime nel Mar Cinese Meridionale, che è conteso dalle Filippine e da altri quattro paesi del sud-est asiatico.

Una delle sfide per quei paesi è che la guardia costiera cinese e i pescherecci aiutano a far valere le rivendicazioni marittime, ma spesso disabilitano i transponder del sistema di identificazione automatica (AIS) che trasmettono la loro identità e posizione.

In altre occasioni, le navi cinesi trasmettono dati “falsi”, manipolati per essere imprecisi.

Negli ultimi anni, anche navi da ricognizione cinesi hanno operato nell'Indo-Pacifico senza trasmettere dati AIS.

Anche le navi mercantili cinesi sono ora più difficili da rintracciare con metodi convenzionali dal 2021 , quando molte hanno smesso di trasmettere i dati AIS in seguito all'approvazione di una nuova legge che la Cina ha ritenuto necessaria per contrastare la raccolta di intelligence straniera.

Tuttavia, stanno emergendo nuovi mezzi di sorveglianza degli oceani grazie agli operatori

satellitari privati che offrono servizi tra cui fotografie ad alta risoluzione, tracciamento in radiofrequenza e radar ad apertura sintetica.

L'intelligenza artificiale consente inoltre un'analisi molto più rapida di questi dati e immagini.


La vista dall'alto

Tra gli appaltatori di IPMDA c'è HawkEye 360 , una società con sede in Virginia fondata nel 2015. Gestisce una costellazione di 21 satelliti in orbita terrestre bassa che monitorano i segnali in radiofrequenza dalle apparecchiature di navigazione, sicurezza e comunicazione utilizzate dalle navi, sebbene i transponder ais siano disattivati.

Queste informazioni possono essere incrociate con immagini satellitari e altri dati per identificare e localizzare le navi.

HawkEye 360 afferma di aver utilizzato i suoi dati per aiutare a identificare le navi cinesi sospettate di pesca illegale al largo dell'Ecuador nel 2020, nonché la flotta di pescherecci di calamari al largo dell'Oman nel 2021.

Ha anche rintracciato le navi della guardia costiera cinese nelle aree contese del mare della Cina meridionale.

Oggi i suoi satelliti possono coprire circa 10 milioni di chilometri quadrati in un solo passaggio e un altro gruppo può tornare nella stessa area in circa 60 minuti, afferma John Serafini, amministratore delegato dell'azienda.

La trasmissione dei dati ai clienti può richiedere da pochi minuti a un'ora, aggiunge.

La società ha rifiutato di specificare il valore del suo contratto con IPMDA, ma ha affermato di fornire i dati direttamente al governo degli Stati Uniti, che poi li distribuisce ai partecipanti al programma. Inoltre, a luglio il governo australiano ha incaricato HawkEye 360 di fornire i suoi dati alla Pacific Islands Forum Fisheries Agency, che aiuta i suoi 17 paesi membri a gestire i loro stock di tonno.

Quell'agenzia ha sede nelle Isole Salomone, cosa che ha causato allarme tra i funzionari statunitensi e alleati nel 2022 quando hanno firmato un accordo di sicurezza con la Cina che temono possa portare lì una base militare cinese.

La Cina e le Isole Salomone negano tali piani, ma gli Stati Uniti e il suo principale alleato regionale, l'Australia, da allora hanno ampliato i contatti diplomatici con le isole del Pacifico e si sono offerti di aumentare l'assistenza finanziaria e militare.

La speranza dei funzionari occidentali è che, concentrando i loro sforzi sulla pesca illegale e su altre aree di reale preoccupazione per le nazioni indo-pacifiche, ottengano un maggiore sostegno per gli sforzi degli Stati Uniti e dei loro alleati per contrastare la Cina.

Se questo cambierà il comportamento cinese è un'altra questione: la pesca e le rivendicazioni territoriali sono questioni delicate per i loro leader.

Ma fare luce sulle losche manovre marittime sembra un buon punto di partenza .

Fonte Infobae.

7 visualizzazioni0 commenti

תגובות


bottom of page