Il un nuovo ordine mondiale autoritario con caratteristiche distintive cinesi. Cos'è e come fermarlo


Quali le ragioni per le quali gli Stati Uniti hanno trascurato per decenni le minacce alla libertà poste dal Partito Comunista Cinese (PCC), che esercita un governo dittatoriale su1,4 miliardi di persone in Cina? Cos'è la Cina del PCC e di Xi Jinping? Il PCC non esporta esplicitamente il suo modello di marxismo-leninismo; ma il partito opera in tutto il mondo attraverso schemi di cooptazione economica e coercizione per rendere gli stati-nazione più dipendenti dalla Cina e più disposti ad accettare “un nuovo ordine mondiale autoritario con caratteristiche distintive cinesi". Come dice Xi Jinping, "una comunità dal destino comune per l'umanità (con le caratteristiche cinesi)" nella quale il PCC, sta "cercando di definire le regole dell'impegno globale, con la Cina al centro del mondo"


di Nicola Iuvinale

Peter Berkowitz, ex direttore dello staff per la pianificazione delle politiche del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ha prodotto il rapporto "The Elements of the China Challenge" e ne ha parlato ai partecipanti ad recente un simposio.

Dal 2019 al 2021, dice Berkowitz, "ho servito come direttore dello staff di pianificazione delle politiche del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti". Il suo staff ha contribuito alla ricerca, alla stesura e alla modifica del rapporto The Elements of the China Challenge.

Il rapporto, che sintetizzava un ampio corpus di informazioni non classificate allora disponibili sulla Repubblica popolare cinese (RPC), si è basato sul lavoro di un'ampia gamma di studiosi, analisti politici, ex diplomatici e giornalisti, nonché su documenti pubblici prodotti da funzionari dell'amministrazione Trump del Dipartimento di Stato, del Dipartimento della Difesa e della Casa Bianca.

Il documento esplora le ragioni per le quali gli Stati Uniti hanno trascurato per decenni le minacce alla libertà poste dal Partito Comunista Cinese (PCC), che esercita un governo dittatoriale su 1,4 miliardi di persone in Cina.

Il rapporto ha anche delineato la condotta autoritaria del PCC in patria, nella regione indo-pacifica e in tutto il mondo.

Ha distillato le idee che guidano la condotta del PCC plasmandone gli interessi e le ambizioni a lungo termine.

Ha identificato le vulnerabilità della Cina, sia quelli endemici dei governi autoritari, sia quelli specifici della RPC.

E ha stabilito diversi compiti che gli Stati Uniti dovrebbero intraprendere per garantire la libertà americana e globale.

Le risposte a questo simposio (organizzato da American Purpose e dalla Hoover Institution, che lo ha co-sponsorizzato) confermano la tesi del Policy Planning Staff, secondo cui la Cina rappresenta davvero la principale minaccia odierna per l'interesse americano nel preservare un ordine internazionale libero e aperto.

Le risposte attestano anche l'accuratezza della descrizione del governo interno e della politica estera del PCC e supportano la nostra argomentazione secondo cui contrastare la sfida cinese richiede agli Stati Uniti di ripensare l'orientamento strategico di base della nazione e di riorganizzare le nostre forze armate, il sistema di alleanze, le organizzazioni internazionali e le pratiche domestiche.

L'allora segretario di Stato Mike Pompeo ha lanciato quel ripensamento e l'idea di riorganizzare.

Entro l'estate del 2019, aveva concluso, che per garantire la libertà in patria, era necessario riorientare la politica estera degli Stati Uniti intorno alla sfida mondiale della Cina. Ciò non significava trascurare altri paesi e regioni, dal momento che la Cina compete per la preminenza globale in tutte le regioni del mondo.

La brutale invasione russa dell'Ucraina, ad esempio, non dovrebbe essere vista come un obiettivo alternativo per la politica estera degli Stati Uniti, ma come un'evidenziazione del pericolo rappresentato da potenze autoritarie, come la Russia, che condividono l'ambizione della Cina di piegare l'ordine internazionale guidato dagli americani, fondato sul rispetto delle sovranità e diritti umani, verso uno più compatibile con il governo autoritario.

Per aiutare il Segretario Pompeo a sviluppare una politica estera per affrontare la sfida cinese, il Policy Planning Staff, con la sua responsabilità di fare un passo indietro dagli affari diplomatici quotidiani e cogliere il quadro più ampio, aveva inizialmente pianificato un rapporto riservato.

Ma alla fine, con l'approvazione del segretario, abbiamo deciso di produrre un documento pubblico basato su materiali non classificati.

Si rivolgere a più destinatari contemporaneamente: colleghi del Dipartimento di Stato, l'establishment della politica estera, concittadini e amici e partner all'estero.

Abbiamo iniziato osservando che la Cina non è una grande potenza ordinaria che lotta solo per la preminenza all'interno della sua regione o limita le sue aspirazioni alla supremazia sull'ordine internazionale stabilito.

Piuttosto, la RPC è una grande potenza revisionista che per decenni, sotto il controllo repressivo del partito unico del PCC, ha accumulato ricchezze, sviluppato capacità militari di livello mondiale e diffuso la sua influenza in tutto il mondo con l'obiettivo a lungo termine di rifare l'ordine internazionale.

Nonostante la retorica occasionale del Segretario generale del PCC, Xi Jinping, sulla promozione della pace e della giustizia e sulla costruzione di "una comunità dal destino comune per l'umanità (con le caratteristiche cinesi)", il PCC, come scrive Vijay Gokhale, sta "cercando di definire le regole dell'impegno globale con la Cina al centro del mondo".

Ciò equivale a sostituire l'ordine internazionale guidato dagli americani, che favorisce la democrazia liberale, con un sistema internazionale che serve gli interessi del governo autoritario.

Per decenni, sostiene lo studio, gli Stati Uniti sono stati cullati dall'autocompiacimento, da idee sbagliate sugli affari internazionali in generale e sulla Cina in particolare.

Dopo il crollo del muro di Berlino nel 1989 e lo scioglimento dell'Unione Sovietica nel 1991, molti membri dell'establishment della politica estera americana credevano erroneamente che la libertà e la democrazia si sarebbero inevitabilmente diffuse nel mondo; che la liberalizzazione economica nel paese più popoloso del mondo, la Cina, avrebbe portato alla liberalizzazione politica dei suoi abitanti; che l'impegno diplomatico degli Stati Uniti con la Cina e l'integrazione di Pechino nell'economia internazionale, in modo più drammatico, accogliendo la RPC nell'Organizzazione mondiale del commercio, avrebbe mitigato l'autoritarismo del PCC.

E, nonostante il divario tra i nostri sistemi politici e le nostre culture,

una delle ragioni principali per le quali queste incomprensioni hanno dominato, è stata l'incapacità di esaminare a fondo la condotta della Cina e di prendere sul serio le idee sul governo e sull'ordine mondiale che i leader del PCC affermano costantemente.

È stato a quei compiti che ci siamo rivolti in seguito.

Le minacce poste dalla Cina alla libertà, alla democrazia e alla sovranità nazionale in tutto il mondo derivano in parte dal governo marxista-leninista del PCC in patria.
Nonostante l'apertura dell'economia cinese da parte del leader Deng Xiaoping, alla fine degli anni '70 e la sua incorporazione in essa di elementi di libero mercato, il PCC governa con orgoglio l'enorme popolazione cinese sulla base dei principi sposati da uno dei regimi più omicidi della storia.

Come sottolineano Larry Diamond e Glenn Tiffert, il disprezzo del PCC per i diritti umani si manifesta nella spietata repressione del dissenso da parte del partito e dallo stato di sorveglianza più invadente del mondo; la sua oppressione dell'etnia mongola, tibetana e cristiana della Cina; la sua repressione della libertà e della democrazia a Hong Kong e la sua minaccia di fare lo stesso a Taiwan; le sue pretese, con palese disprezzo per i limiti d'acqua territoriali riconosciuti a livello internazionale, alla sovranità su vasti tratti del Mar Cinese Meridionale; e il suo genocidio e altri crimini contro l'umanità diretti contro il popolo uiguro, come stabilito in una determinazione formale del Dipartimento di Stato emessa dal Segretario Pompeo nel gennaio del 2021 e prontamente affermata dal suo successore, il Segretario di Stato Antony Blinken.

Come giustamente nota Richard McGregor, il PCC non esporta esplicitamente il suo modello di marxismo-leninismo; ma il partito opera in tutto il mondo attraverso schemi di cooptazione economica e coercizione per rendere gli stati-nazione più dipendenti dalla Cina e più disposti, come dice gentilmente James Kurth, ad “un nuovo ordine mondiale autoritario con caratteristiche distintive cinesi".

Il Policy Planning Staff ha identificato sette di queste forme, di ciò che Diamond e Tiffert chiamano il "potere acuto" della Cina, esempi di cui Theresa Fallon descrive in Europa. Questi includono un massiccio furto di proprietà intellettuale; il controllo delle catene di approvvigionamento vitali e dei beni e materiali essenziali; il perseguimento del dominio industriale mondiale, in particolare nei settori chiave dell'alta tecnologia; costruzione di infrastrutture fisiche e digitali per le reti di telecomunicazioni wireless 5G del mondo, fornendo a Pechino l'accesso a enormi quantità di dati personali, commerciali e governativi; l'attuazione della Belt and Road Initiative in modo da attirare altre nazioni nell'orbita geopolitica della Cina; facendo leva sull'accesso spesso illimitato ai mercati dei capitali di altri paesi, in particolare al mercato statunitense, arricchendo così le aziende cinesi con stretti legami con il PCC e l'Esercito popolare di liberazione (PLA); e lo sfruttamento della libertà e dell'apertura delle democrazie liberali del mondo per minare la loro coesione e prosperità.

Spesso, sotto la costrizione di queste forze economiche, un regime cliente “(1) assicura alla Cina che il suo territorio non diventerà una minaccia alla sicurezza (ad esempio, non fornirà a nessun'altra grande potenza una base militare sul suo territorio)" e "2) dà visibile deferenza alle pratiche politiche cinesi (es. nessuna critica alle violazioni dei diritti umani da parte della Cina)”, scrive Kurth.

"In cambio, la Cina fornisce al regime (1) aiuti economici e (2) pratiche di sicurezza interna che aiutano il regime autoritario a rimanere al potere". Va notato, aggiunge Kurth, che "questo è lo stesso patto stretto dalla Cina imperiale con i suoi stati affluenti".

Diversamente dall'ex Unione Sovietica, la Cina del 21° secolo, con il mercato di consumo più grande del mondo e la seconda economia più grande, estende la sua influenza internazionale principalmente attraverso la potenza economica; ma, grazie alla sua ricchezza, il PCC ha sviluppato una forza formidabile anche in altre sfere.

Coerente con le proposte di Thomas Mahnkenper per contrastare la Cina nell'Indo-Pacifico, il nostro studio delinea i progressi decisivi del PCC nella costruzione di un "esercito di livello mondiale" che vanta sostanziali forze convenzionali e affina le sue sofisticate capacità nucleari, informatiche e spaziali.

Inoltre, la Cina ha impegnato risorse significative per rimodellare le organizzazioni internazionali dall'interno, minando le norme libere e democratiche che hanno dato vita a quelle istituzioni installando funzionari in posizioni di leadership che condividono - o sono stati persuasi, sottoposti a pressioni o corrotti per sostenere - l'autoritaria di Pechino.

Il modo distintivo della Cina di governare il proprio popolo non si è sviluppato a caso.

Né il suo approccio caratteristico agli affari esteri può essere spiegato semplicemente nei termini delle sue circostanze geopolitiche e delle compulsioni della competizione tra grandi potenze, o addirittura superpotenze.

In linea con l'abile analisi di Kurth, The Elements of the China Challenge, mostra che un mix di idee marxiste-leniniste e un'interpretazione estrema del nazionalismo cinese, modella sia i metodi del PCC di governo della Cina, che il suo pensiero strategico su ciò che la RPC considera il suo posto legittimo al centro dell'ordine mondiale. Entrambi gli insiemi di idee sono autoritari, collettivisti e imperiali.

Il marxismo-leninismo informa la struttura e il funzionamento del governo dittatoriale del PCC.

Tuttavia, il marxismo-leninismo non può spiegare gli sforzi del PCC per indottrinare il popolo cinese con una convinzione nell'intrinseca superiorità morale e istituzionale della Cina; lo sviluppo da parte del partito di un'economia “capitalista autoritaria”; le stravaganti pretese di sovranità del PCC su Hong Kong, Taiwan e il Mar Cinese Meridionale; o l'appello di Xi al "sogno cinese di ringiovanimento nazionale".

Il “socialismo con caratteristiche cinesi” del PCC combina la convinzione che il marxismo-leninismo fornisca alla Cina principi di governo adeguati al mondo moderno con la tradizionale convinzione nella centralità e nella supremazia della Cina nell'ordine mondiale.

The Elements of the China Challenge sostiene che, sebbene la Cina sia un concorrente strategico, possiede numerose vulnerabilità.

Alcuni sono comuni a tutti i poteri autoritari: letargia nell'innovazione e nell'individuare e correggere i problemi a causa della soppressione del dissenso; difficoltà a formare e mantenere alleati a causa del disprezzo dei diritti e delle norme di reciprocità; e i costi della repressione interna derivanti dal risentimento della gente per la mano pesante dello stato.

Altre vulnerabilità della RPC derivano dalle circostanze specifiche della Cina.

In primo luogo, come afferma Derek Scissors, l'economia mostra crepe.

Per fare un esempio, circa seicento milioni di cinesi rimangono troppo poveri nel poter “affittare una stanza in una città cinese di livello medio.”

In secondo luogo, la situazione demografica della Cina sta peggiorando a causa della politica del figlio unico del PCC, istituita a livello nazionale nel 1980 e revocata solo nel 2016, che ha contribuito, tra le altre cose, al restringimento della corte cinese in età lavorativa. Terzo, la vertiginosa industrializzazione della Cina ha gravemente degradato il suo ambiente. Quarto, la corruzione è diffusa tra le élite. In quinto luogo, insieme all'alto costo della polizia e della prevenzione del dissenso tra la popolazione generale, il PCC spende somme considerevoli per reprimere le minoranze etniche e religiose. Sesto, il PLA, un'estensione del partito, manca di legittimità popolare. Settimo, la Cina affronta l'incertezza sul successore di Xi.

Infine, La Cina ha giustamente acquisito la reputazione di disprezzare il benessere di altre nazioni; questa opinione si è cristallizzata dalla decisione del PCC, tra la fine del 2019 e l'inizio del 2020 - un percorso da cui il partito non si è discostato - di coprire lo scoppio del Covid-19 e quindi trasformare il nuovo coronavirus a Wuhan in una pandemia globale.

The Elements of the China Challenge identifica dieci compiti per gli Stati Uniti.

Questi iniziano con l'assicurare la libertà in casa, con la rieducazione ai principi della libertà individuale e dell'uguaglianza secondo la legge su cui è stata fondata la nazione; promuovendo un'economia della crescita che premi il lavoro e incoraggi l'iniziativa, calibrando opportunamente una rete di sicurezza per coloro che sono caduti in momenti difficili e non possono prendersi cura di se stessi; coltivando una fiorente società civile composta da innumerevoli associazioni di volontariato.

Questi compiti, includono anche il mantenimento dell'esercito più potente, agile e tecnologicamente avanzato del mondo; rinnovare il sistema di alleanze americane per condividere le responsabilità in modo più efficace tra le altre democrazie liberali e altri stati-nazione che sostengono un ordine internazionale libero e aperto; e la ristrutturazione di organizzazioni internazionali che sono rimaste impantanate nella burocrazia e hanno perso di vista i loro scopi legittimanti.

I compiti riguardano la riforma del sistema educativo americano per fornire agli studenti un apprezzamento della tradizione costituzionale americana e dotarli delle competenze, in particolare in scienze, tecnologia, ingegneria e matematica, che consentiranno agli Stati Uniti di continuare a guidare il mondo in innovazione e imprenditorialità, mentre rinvigorisce la base manifatturiera della nazione.

Difendere i principi della libertà, a cominciare dalla conservazione e dal miglioramento della democrazia liberale in patria. Questi principi sono allo stesso tempo standard universali ed essenziali per lo spirito americano.

Spero che i contributori di questo simposio si uniranno agli autori di The Elements of the China Challenge nell'andare oltre ciò che il nostro ex collega, David Stilwell, che ha servito come Assistente Segretario di Stato per gli affari dell'Asia orientale e del Pacifico, ha chiamato con impazienza "ammirare il problema", al progresso delle misure necessarie per dotare gli Stati Uniti di garantire la libertà in patria e preservare un ordine internazionale libero e aperto.

Questo compito, come osserva provocatoriamente Kurth, richiederà all'establishment della politica estera, che non è ancora pronto, di preparare il popolo americano.

Un buon punto di partenza sarebbe persuadere il Congresso ad aumentare sostanzialmente le borse di studio mirate per studiare la storia del mandarino e della Cina: culturale, economica, politica, diplomatica e militare.


Fonte American Purpose

Scarica il Rapporto The Elements of the China Challenge

Peter Berkowitz è il senior fellow di Tad e Dianne Taube presso la Hoover Institution, Stanford University. Dal 2019 al 2021 è stato direttore del Policy Planning Staff del Dipartimento di Stato americano.

51 visualizzazioni0 commenti