top of page

Il Verdun ucraino. L’unica cosa peggiore di un armistizio senza un chiaro vincitore o un vinto è una guerra senza fine con più di un milione di vittime

Cosa succederebbe se non si trovasse un accordo? Entro la fine del 2024, l’attuale status quo potrebbe comportare un totale di milioni di morti e feriti.

Le nazioni europee continueranno a parlare in modo aggressivo. Ma ridurranno sempre di più i loro aiuti e considereranno tranquillamente l’Ucraina lontana dagli occhi, lontano dal cuore.

L’emergente alleanza antioccidentale tossica tra Cina, Iran e Russia probabilmente si rafforzerà. Terzi opportunisti come la Turchia, il Vietnam, il Medio Oriente e le nazioni dell’emisfero meridionale saranno sempre più attirati in questa nuova orbita dell’Asse.

Le misure per rompere lo stallo durato anni aumenteranno, con le richieste ucraine di armi occidentali molto più numerose e più letali, anche se la loro manodopera diminuisce.

Aumenteranno le richieste di attacchi strategicamente logici, ma altrimenti pericolosi, alle basi russe e ai depositi di rifornimenti all’interno della Madre Russia e contro la flotta del Mar Nero.

La Russia, a sua volta, aumenterà le sue minacce nucleari, ormai serie, e continuerà a prendere di mira i civili. Le guerre in fase di stallo riescono a trasformare ciò che un tempo era spaventoso e inimmaginabile in normale e probabile.

Si parla già in modo assurdo dell’inserimento in guerra delle truppe di terra della NATO, mentre la Russia minaccia di attaccare altri paesi occidentali.

Entro la fine del 2024, l’attuale status quo potrebbe comportare un totale di milioni di morti e feriti.



L’Ucraina si è trasformata in qualcosa di simile alla versione moderna della terribile battaglia di Verdun, combattuta 108 anni fa sul fronte occidentale della prima guerra mondiale del 1916. Quel tritacarne costò a Francia e Germania circa 700.000 morti e feriti.

L’incubo finì dieci mesi dopo, dopo che l’eroica difesa francese fermò l’ultima spinta tedesca. Ma i rispettivi eserciti si ritrovarono nella stessa posizione di quando iniziò la battaglia.

Dopo il fallito attacco preventivo della Russia a Kiev nel febbraio 2022 e la successiva controffensiva “primaverile” ucraina durata 6 mesi, fallita nella primavera del 2023, la guerra ucraina è ora allo stesso punto morto.

La Russia non è riuscita ad annettere l’Ucraina. Non si è espanso molto oltre la Crimea e il Donbass occupati.

Eppure l’Ucraina sembra incapace di respingere i russi al punto di partenza nel febbraio 2022, tanto meno di recuperare le aree perdute conquistate all’inizio del 2014.

Sebbene nessuna delle due parti abbia pubblicato statistiche attendibili e complete su morti e feriti, la guerra ha ora probabilmente raggiunto un totale orribile, simile a quello di Verdun, di 600-700.000 vittime combinate.

Forse 10 milioni della popolazione ucraina prebellica hanno abbandonato il paese. A causa del massiccio esodo di rifugiati, il paese potrebbe essersi ridotto al di sotto dei 35 milioni.

In altre parole, la Russia ha ora una popolazione sette volte più grande, un prodotto nazionale lordo dieci volte maggiore e un’area oltre 30 volte più grande dell’attuale Ucraina.

Tuttavia, se la NATO e gli Stati Uniti potessero continuare ad armare l’Ucraina, è altrettanto improbabile che la Russia potrebbe annetterla, così come è dubbio che l’Ucraina possa mai riconquistare il territorio perduto prima del 2014.

Mentre i costi umani crescono e la situazione di stallo continua, ogni mese si parla di accordi di pace.

Per l’Ucraina e i suoi alleati c’è una consapevolezza crescente, ma privata, che Kiev non riuscirà a recuperare la maggioranza del Donbass e della Crimea russofoni perduti dieci anni fa durante l’inerte amministrazione Obama.

In effetti, durante le amministrazioni Obama, Trump e Biden, né in Ucraina né tra i suoi alleati vi è stato alcuno sforzo per riprendersi con la forza ciò che la Russia aveva di fatto assorbito nel 2014.

Quali potrebbero quindi essere le linee generali degli accordi di armistizio che vengono sempre più pubblicizzati dai media?

Forse qualcosa di simile a ciò che, secondo quanto riferito, Ucraina e Russia avrebbero discusso poche settimane dopo la fallita invasione russa del 2022.

Tale piano comporterebbe l’istituzionalizzazione del controllo russo decennale del Donbass e della Crimea, insieme a garanzie di sovranità ucraina lungo le linee pre-febbraio 2022.

Alcuni hanno inoltre suggerito che l’Ucraina non diventerebbe membro della NATO ma sarebbe armata fino ai denti per scoraggiare o distruggere i probabili futuri aggressori russi.

Se tali piani fossero stati precedentemente lanciati e, secondo quanto riferito, ora fossero rivisti, quali sarebbero i vantaggi e gli svantaggi sia per la Russia che per l’Ucraina?

Putin dovrebbe spiegare, proprio come fa qualsiasi dittatore, al suo popolo perché ha iniziato una guerra che è costata circa 500.000 russi tra morti e feriti, ha distrutto il suo esercito e non ha prodotto alcun territorio aggiuntivo ma una reputazione russa notevolmente ridotta.

Il suo presunto vantaggio sarebbe che da solo avrebbe finalizzato l’assorbimento del Donbass e della Crimea, ricchi di risorse, e avrebbe impedito all’Ucraina di aderire alla NATO.

L’Ucraina potrebbe ribattere che il suo coraggio e l’aiuto dei suoi alleati hanno inflitto il danno più grave all’esercito russo dalla Seconda Guerra Mondiale. Inoltre, le garanzie per ricostruire e riarmare l’ormai veterano esercito ucraino potrebbero dissuadere il 71enne Vladimir Putin da una nuova invasione.

L’Ucraina perderebbe le sue valide rivendicazioni sul Donbass e sulla Crimea. Ma ancora una volta, a quanto pare né Obama, Trump, l’amministrazione Biden prebellica, i membri della NATO, né la stessa Ucraina hanno mai avuto alcun programma o capacità di riprendersi con la forza ciò che Putin aveva rubato.

Ma cosa succederebbe se non si trovasse un accordo?

Entro la fine del 2024, l’attuale status quo potrebbe comportare un totale di milioni di morti e feriti.

Le nazioni europee continueranno a parlare in modo aggressivo. Ma ridurranno sempre di più i loro aiuti e considereranno tranquillamente l’Ucraina lontana dagli occhi, lontano dal cuore.

L’emergente alleanza antioccidentale tossica tra Cina, Iran e Russia probabilmente si rafforzerà. Terzi opportunisti come la Turchia, il Vietnam, il Medio Oriente e le nazioni dell’emisfero meridionale saranno sempre più attirati in questa nuova orbita dell’Asse.

Le misure per rompere lo stallo durato anni aumenteranno, con le richieste ucraine di armi occidentali molto più numerose e più letali, anche se la loro manodopera diminuisce.

Aumenteranno le richieste di attacchi strategicamente logici, ma altrimenti pericolosi, alle basi russe e ai depositi di rifornimenti all’interno della Madre Russia e contro la flotta del Mar Nero.

La Russia, a sua volta, aumenterà le sue minacce nucleari, ormai serie, e continuerà a prendere di mira i civili. Le guerre in fase di stallo riescono a trasformare ciò che un tempo era spaventoso e inimmaginabile in normale e probabile.

Si parla già in modo assurdo dell’inserimento in guerra delle truppe di terra della NATO, mentre la Russia minaccia di attaccare altri paesi occidentali.

L’unica cosa peggiore di un armistizio senza un chiaro vincitore o un vinto è una guerra senza fine con più di un milione di vittime.

8 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


bottom of page