top of page

Indo-Pacifico, IPEF: sì al rafforzamento delle catene di approvvigionamento


Focus on Indo-Pacific


G Iuvinale


I Ministri del commercio di 14 Paesi che partecipano al quadro economico indo-pacifico per la prosperità hanno annunciato una sostanziale conclusione del rafforzamento delle catene di approvvigionamento.





L'Indo-Pacific Economic Framework for Prosperity (IPEF) è un partenariato economico istituito dagli Stati Uniti nel maggio 2022 con Australia, Brunei Darussalam, Fiji India, Indonesia, Giappone, Repubblica di Corea, Malesia, Nuova Zelanda, Filippine, Singapore, Tailandia e Vietnam .


La riunione di Detroit, Michigan, si è conclusa sabato (27 maggio) con dichiarazioni congiunte.


L'incontro si è tenuto sullo sfondo della crescente influenza globale della Cina. I partner hanno avviato i negoziati lo scorso anno su quattro aree di interesse strategico.

"Rafforzare le catene di approvvigionamento" è stato il settore su cui hanno trovato un'intesa durante la riunione.


I Paesi membri hanno affermato che aumenteranno la resilienza e la sicurezza delle catene di approvvigionamento facendo affidamento l'uno sull'altro in caso di interruzioni delle rotte di fornitura di beni chiave come i semiconduttori.


In particolare, in base all'accordo IPEF, i partner si impegnano a:

  • fornire un quadro per costruire la loro comprensione collettiva dei rischi significativi della catena di approvvigionamento, supportato dall'identificazione e dal monitoraggio di ciascun partner dei propri settori critici e beni chiave;

  • migliorare il coordinamento in caso di crisi e la risposta alle interruzioni della catena di approvvigionamento e lavorare insieme per supportare la consegna tempestiva delle merci interessate durante una crisi;

  • garantire che i lavoratori e le imprese, in particolare le micro, piccole e medie imprese, nelle economie dei partner IPEF traggano vantaggio da catene di approvvigionamento resilienti, solide ed efficienti, identificando interruzioni o potenziali interruzioni e rispondendo prontamente, efficacemente e, ove possibile, collettivamente;

  • preparare meglio le imprese nelle economie dei partner IPEF a identificare, gestire e risolvere i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento, anche rafforzando la logistica e l'infrastruttura della catena di approvvigionamento;

  • facilitare la cooperazione, mobilitare gli investimenti e promuovere la trasparenza normativa nei settori e nei beni fondamentali per la sicurezza nazionale, la salute e la sicurezza pubblica o la prevenzione di perturbazioni economiche significative o diffuse;

  • rispettare, promuovere e realizzare, in buona fede, i diritti dei lavoratori nelle catene di fornitura dei partner IPEF, in riconoscimento del ruolo essenziale dei lavoratori nel raggiungimento di una maggiore resilienza della catena di fornitura;

  • garantire la disponibilità di un numero sufficiente di lavoratori qualificati in settori critici e beni chiave, anche migliorando e riqualificando i lavoratori, promuovendo l'inclusività e la parità di accesso e aumentando la comparabilità dei quadri delle credenziali delle competenze;

  • identificare le opportunità per l'assistenza tecnica e lo sviluppo delle capacità nel rafforzare le catene di approvvigionamento dei partner IPEF; E

  • rispettare i principi del mercato, ridurre al minimo le distorsioni del mercato, comprese restrizioni e impedimenti non necessari al commercio, e proteggere le informazioni commerciali riservate.

A sostegno di questi sforzi, la proposta di accordo IPEF per la catena di approvvigionamento prevede l'istituzione di tre nuovi organismi per facilitare la cooperazione tra i partner sulle questioni relative alla catena di approvvigionamento:

  • il Consiglio della catena di approvvigionamento IPEF. L'accordo proposto istituirebbe un meccanismo per consentire ai partner IPEF di lavorare in modo collaborativo per sviluppare piani d'azione settoriali specifici per settori critici e beni chiave per migliorare la resilienza delle catene di approvvigionamento dei partner IPEF, anche attraverso la diversificazione delle fonti, delle infrastrutture e sviluppo della forza lavoro, maggiore connettività logistica, business matching, ricerca e sviluppo congiunti e facilitazione del commercio.

  • la rete IPEF di risposta alle crisi della catena di approvvigionamento. L'accordo proposto istituirebbe un canale di comunicazione di emergenza per i partner IPEF per cercare supporto durante un'interruzione della catena di approvvigionamento e per facilitare la condivisione delle informazioni e la collaborazione tra i partner IPEF durante una crisi, consentendo un più rapido ed efficace risposta che minimizzi gli effetti negativi sulle loro economie.

  • Il comitato consultivo IPEF per i diritti del lavoro: L'accordo proposto istituirebbe un nuovo comitato consultivo, composto da rappresentanti del governo, dei lavoratori e dei datori di lavoro, nonché un sottocomitato composto da rappresentanti del governo, per sostenere la promozione dei diritti del lavoro da parte dei partner IPEF nella loro offerta catene, promozione di commercio e investimenti sostenibili e facilitazione di opportunità di investimento in imprese che rispettano i diritti dei lavoratori.


I Paesi menbri avrebbero anche concordato di introdurre un nuovo quadro per la cooperazione tecnologica e le reti di fornitura per promuovere l'idrogeno come energia di prossima generazione.


In una conferenza stampa, il Segretario al commercio degli Stati Uniti Gina Raimondo ha sottolineato l'importanza del risultato. Ha osservato che si tratta del primo accordo di filiera internazionale nel suo genere.




12 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page