top of page

Indo-Pacifico meridionale: l'Australia garantirà agli USA una "replica" della base di Guam

Cresce la cooperazione militare USA-Australia, con gli americani che si sono assicurati una fonte affidabile per l'approvvigionamento di armi e munizioni in caso di conflitto regionale


G e N Iuvinale


Negli ultimi tempi, Stati Uniti ed Australia hanno costantemente rafforzato la loro alleanza militare, sottolinenando l'importanza geostrategica dell'area indo-pacifica.


Dopo la fine dell'esercitazione militare congiunta USA-Australia Body Saber-2023 - alla quale hanno partecipato 15 Paesi tra cui Giappone, Corea del Sud, Regno Unito, Germania, Canada e Francia con oltre 30.000 soldati - ha fatto seguito l'interazione USA-Giappone-India-Australia denominata "Malabar-2023".


Secondo la Royal Australian Navy, si tratta di "un'importante esercitazione militare indo-pacifica che cerca di approfondire l'interoperabilità tra i partner regionali partecipanti".


Quest'anno, la 27° edizione della serie Malabar si sta svolgendo a Sydney e in tutta l'Australia orientale dal 10 al 21 agosto.


Foto: Royal Australian Navy - Malabar 2023

Le navi della Marina australiana HMAS Brisbane e HMAS Choules stanno partecipando all'esercitazione, con elicotteri MH60R della Marina e velivoli F-35A Lightning II, Hawk 127 e P-8A Poseidon della Royal Australian Air Force.


Foto: Royal Australian Navy - Malabar 2023

All'addestramento si uniranno le navi della Marina indiana, della Forza di autodifesa marittima giapponese e della Marina degli Stati Uniti, con esercitazioni di difesa aerea e antisommergibile, aviazione, comunicazioni e rifornimento in mare tra navi.


Foto: Royal Australian Navy - Malabar 2023

Inoltre, al fine di rafforzare le relazioni di difesa, gli Stati Uniti hanno proposto all'Australia molteplici iniziative di cooperazione militare-industriale.

"Replicare" il gruppo base di Guam

Nella recente cooperazione militare USA-Australia, sono state soprattutto le basi militari nel nord dell'Australia che hanno attirato l'attenzione.


In particolare, durante la sua visita alla città di Darwin, nel nord dell'Australia, l'Ammiraglio John Aquilino, Comandante dello United States Indo-Pacific Command, ha sottolineato l'importanza dell'Australia settentrionale per il futuro riposizionamento dell'esercito americano.


La Darwin Air Force Base si trova a 13 chilometri a nord di Darwin, dove sono schierati permanentemente 2.500 marines americani, in precedenza posizionati a rotazione tra l'Australia e la regione del Pacifico occidentale.


Pochi giorni fa, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha annunciato che sarà la US Marine Corps Air Task Force che avrà il compito di essere di stanza presso tale base, dopo aver ricevuto un addestramento completo.


Aree di volo RAAF Base Darwin

Gli Stati Uniti stanno riadattando il proprio personale militare a Darwin per rafforzare ulteriormente la propria presenza militare nella regione dell'Indo-Pacifico.


Attualmente, le forze armate statunitensi dispongono a Darwin di 11 grandi depositi di carburante per aviazione, alcuni dei quali precedentemente immagazzinati a Pearl Harbor, nelle Hawaii.


Stati Uniti e l'Australia, inoltre, stanno prendendo in considerazione il trasferimento a Darwin di alcuni degli aerei da combattimento dell'aeronautica americana schierati nelle Hawaii.


La Tyndall Air Force Base, adiacente alla Darwin Air Force Base, è un'importante roccaforte della US Air Force in Australia.


Insieme "all'Aviation Squadron Operations Center", l'aeronautica statunitense ha formulato un dettagliato piano di potenziamento della base. Oltre alla realizzazione di un piazzale e di un centro di manutenzione per il B-52, la U.S. Force costruirà anche bombardieri, un centro di comando di combattimento dedicato allo squadrone, un deposito di munizioni ed altre strutture correlate.



Foto ufficiale: Tyndall Air Force Base

E' importante sottolineare anche che il 4 agosto scorso, il sottomarino nucleare di classe Virginia della US Navy "North Carolina" ha attraccato alla base navale di Stirling vicino alla città di Perth, sulla costa occidentale dell'Australia, dopo l'esercitazione militare congiunta "Saber Saber-2023".


Questa è la prima volta che un sottomarino nucleare statunitense visita una base militare australiana da quando è stato raggiunto l'accordo AUKUS tra Stati Uniti, Gran Bretagna ed Australia.

Foto ufficiale: U.S. Consulate Perth. Il sottomarino a propulsione nucleare della classe Virginia è il primo di questo tipo a visitare l'Australia dopo l'annuncio dell'AUKUS di marzo.

L'Australia, dunque, è aperta all'intenzione dell'esercito americano di "replicare" nel Paese il gruppo di base presente a Guam.

Il Ministro della Difesa australiano Marrs ha affermato che nei prossimi quattro anni l'Australia investirà 3,8 miliardi di dollari USA per aggiornare le strutture militari nel nord per l'uso comune da parte dell'Australian Defence Force e dei suoi alleati.


Al momento, Stati Uniti e Australia hanno raggiunto un consenso preliminare sul piano della "condivisione" di più basi navali e aeronautiche.


Posizionare "arsenali" all'estero

In concomitanza con il dispiegamento di nuove truppe, gli Stati Uniti sperano di sfruttare ulteriormente il vantaggio geostratecico dell'Australia nel Pacifico del Sud.


Il Segretario dell'esercito americano Warmus, che ha recentemente visitato l'Australia, ha infatti affermato che la vasta terra australiana è "adatta come banco di prova per armi avanzate”.


Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha anche sottolineato che secondo l'accordo AUKUS, l'Australia può diventare un banco di prova per i missili ipersonici statunitensi ed altre armi a lungo raggio e ad alta precisione.


Infatti, proprio i test di volo dei missili ipersonici sono iniziati presso il Wembra Test Site in South Australia.


L'Australian Defence Force (ADF) e l'esercito degli Stati Uniti, inoltre, hanno effettuato ieri (18 agosto) un lancio dal vivo del sistema missilistico di artiglieria ad alta mobilità (HIMARS) contro un obiettivo marittimo nel tentativo di affinare questa capacità per l'Australia. L'attività è stata svolta nell'Australia occidentale nell'ambito dell'esercitazione "Highball", condotta dall'ADF in collaborazione con il Comando Indo-Pacifico degli Stati Uniti.


Il Governo di Canberra ha rivelato nel gennaio 2023 che il Paese acquisirà l'HIMARS per l'esercito australiano.


L'allestimento da consegnare includerà un radar di localizzazione della società australiana CEA Technologies.


Per il fuoco dell'esercitazione "Highball", un plotone HIMARS statunitense e il suo equipaggiamento sono stati trasportati a Lancelin, nell'Australia occidentale, tramite un aereo da trasporto C-17 Globemaster III della Royal Australian Air Force.



Un lanciatore HIMARS dell'esercito americano della 17a brigata di artiglieria da campo spara la sua prima salva nell'area di addestramento della difesa Lancelin nell'Australia occidentale come parte dell'esercizio "Highball". Foto: Janes

E' stato soprattutto durante il dialogo "2+2" a livello ministeriale tra Stati Uniti e Australia svoltosi a fine del mese scorso, che gli Stati Uniti hanno promesso di assistere l'Australia nella produzione di sistemi di lanciarazzi multipli guidati, fornire informazioni tecniche sulla produzione di proiettili da 155 mm e sostenere il Paese nella creazione di una propria industria di produzione di missili.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti semplificheranno anche il processo di approvvigionamento in modo che l'Australia possa ottenere prima le munizioni.


In risposta, il Ministro australiano Marrs ha detto che questa decisione aiuterà l'Australia a stabilire una linea di produzione di missili interna che avrebbe richiesto anni per essere avviata, ritenuta fondamentale per garantire che "l'Australia abbia le necessarie riserve di guerra".


Al momento, gli appaltatori della difesa degli Stati Uniti come Raytheon sono stati identificati come i partner preferiti dell'Australia per la produzione di armi guidate ed esplosive.


Allo stesso tempo, l'Australia svilupperà proprie capacità di manutenzione, riparazione, revisione e aggiornamento contro i siluri pesanti MK-48 e i missili nave-aria "Standard-2" delle forze armate statunitensi.


La mossa degli Stati Uniti, dunque, è trovare una fonte affidabile di approvvigionamento di munizioni all'estero, soprattutto laddove eventuali conflitti regionali dovessero generare una carenza nelle scorte.

Inoltre, anche gli alti costi di produzione domestici hanno determinato gli USA a realizzare "arsenali" all'estero.

Il centro di intelligence comune

Diversi analisti ritengono che attualmente l'Australia sia divenuta la "base dell'Indo-Pacifico meridionale" degli Stati Uniti.

Gli USA, difatti, hanno già istituito in loco (o sono in procinto di creare) grandi strutture di deposito di carburante, munizioni, pezzi di ricambio, officine di riparazione ed attrezzature.


L'accordo tra i due Paesi consente, inoltre, l'accesso ad aeroporti, porti marittimi e basi militari australiane per aerei militari, navi da guerra e sottomarini nucleari statunitensi.

Nel campo della cooperazione di intelligence, Stati Uniti ed Australia hanno annunciato che entro il 2024 istituiranno un centro di intelligence congiunto all'interno dell'Australian Defense Intelligence Organization.


Il nuovo centro consentirà all'intelligence australiana e alla US Defense Intelligence Agency di lavorare insieme per affrontare le sfide alla sicurezza nella regione indo-pacifica.


L'Australia rafforza le forniture militari di carburante

Il governo australiano si è mosso anche per rafforzare le forniture di carburante all'Australian Defence Force (ADF) in linea con i requisiti delineati nella sua Defense Strategic Review (DSR) per migliorare in modo significativo la gestione e la fornitura di carburante militare.


Nelle ultime settimane, il Dipartimento della Difesa australiano (DoD) ha assegnato due importanti contratti a fornitori locali che migliorano le consegne di carburante alle risorse ADF in tutto il Paese e consentono all'Australia di ricominciare la produzione locale di carburante per aviazione militare JP-5, che viene utilizzato dagli aerei che operano dalle navi militari.


Il 16 agosto UGL, una sussidiaria del gruppo di costruzione CIMIC con sede in Australia, ha dichiarato di aver ottenuto un contratto da 500 milioni di AUD (326 milioni di USD) per fornire servizi di carburante all'ADF. Il mese prima, un contratto molto più grande, del valore di 2,7 miliardi di dollari australiani, era stato vinto da Viva Energy Refining, con sede a Melbourne, per raffinare e fornire carburante all'ADF.


(riproduzione riservata, citare Estrema Ratio).


58 visualizzazioni0 commenti
bottom of page