Ambasciatore cinese: tollerare l'imperialismo (genocida e contra legem) di Pechino

Aggiornamento: 21 lug

Strutturalmente incapaci di ammettere i propri fallimenti, i leader del Partito Comunista Cinese (e in generale tutti i comunisti) insistono e credono veramente che gli Stati Uniti siano i soli responsabili della crisi nelle relazioni sino-americane.

Sotto la direzione dello zar della politica estera del Partito Comunista Cinese, Yang Jiechi, Pechino afferma che il modo per sistemare le cose è semplice: gli Stati Uniti devono semplicemente fare ciò che hanno fatto prima del 2017, vale a dire, tollerare ampiamente l'imperialismo e il commercio della Cina, la manipolazione, il furto endemico della proprietà intellettuale e varie violazioni dei diritti umani. L'ambasciatore cinese negli Stati Uniti, Qin Gang, ha nuovamente sottolineato questo argomento all'Aspen Security Forum mercoledì.

Intervistato da Edward Luce del Financial Times, Qin ha parlato a bassa voce ma senza molta umiltà. Per evitare una nuova guerra fredda, Qin ha spiegato che gli Stati Uniti devono porre fine alla "narrativa democrazia contro autoritarismo, nessun confronto geopolitico, nessun disaccoppiamento, nessun taglio alle forniture, nessuna corsa agli armamenti".

Tradotto: accetta le nostre violazioni dei diritti umani e l'indebolimento dello stato di diritto democratico. Accetta il nostro sequestro del Pacifico occidentale senza reclami o contestazioni. Accetta il nostro furto di proprietà intellettuale da parte di innovatori e aziende americane. Oh, e continua ad acquistare i nostri beni senza riguardo per la nostra manipolazione commerciale, i trasferimenti forzati di tecnologia e il più ampio interesse a minare l'America e i suoi più stretti alleati.

La stupidità è continuata.

Interrogato sul genocidio della Cina contro il popolo uiguro, Qin ha spiegato che c'è "molta disinformazione e bugie, sai, non siamo contenti di questo". Qin ha insistito sul fatto che questo problema non era di interesse internazionale, ma piuttosto della necessità interna della Cina di condurre un'efficace campagna "antiterrorismo". (Per inciso, la Cina è così orgogliosa di questa strategia che ha suggerito alle nazioni occidentali di replicarla.)

L'ambasciatore ha adottato una narrazione simile su Hong Kong e su quella che ha descritto come la questione più delicata nelle relazioni USA-Cina: Taiwan. Ha affermato che queste sono questioni di sovranità interna della Cina, non aree legittime di interesse internazionale. E per la Cina, questo è tutto.

Facendo abilmente riferimento a questa ossessione comunista cinese per il rispetto della sovranità, Luce ha chiesto come Pechino potesse sostenere questa argomentazione nel contesto del suo sostegno alla Russia sulla guerra in Ucraina. Dopotutto, l'assalto della Russia contro l'Ucraina sta sventrando i diritti sovrani di quest'ultima. Eppure la Cina non offre alcuna condanna della Russia e mantiene rapporti molto stretti con Mosca. Preso in una trappola dell'ipocrisia, Qin ha fatto ricorso alla verbosità. A parte alcuni diplomatici cinesi, apparentemente piantati tra il pubblico, nessun altro è apparso convinto.

Su questo punto di ipocrisia, vale la pena notare l'affermazione di Qin secondo cui il modello di governo del Partito Comunista Cinese aveva sollevato centinaia di milioni di cittadini dalla povertà. Certo, è vero il contrario. In realtà è stato l'accesso della Cina post-Mao ai mercati capitalisti globali, come sostenuto dall'ordine internazionale guidato dagli Stati Uniti, che ha facilitato enormi miglioramenti nelle vite cinesi. Questa è proprio la cosa che il regime cinese ora spera di distruggere.

Qin ha concluso con quella più prevedibile delle linee diplomatiche cinesi: un appello a tornare a una "cooperazione vantaggiosa per tutti".

Come ha notato Josh Rogin, questo è l'unico codice per "La Cina vince due volte".

A chi, invece, pensa che la Cina abbia "diritto" al suo imperialismo globale, perché ciò è quello che ha fatto l'occidente nel passato e oggi sono degli imbecilli, rispondo solo che nel 1948 la Cina ha firmato la dichiarazione universale dei diritti dell'uomo che VIETA ESPRESSAMENTE ciò che la Cina dolosamente sta ponendo in essere. La Cina comunista è membro dell'ONU e ha il seggio permanente nel Consiglio di sicurezza con diritto di veto.

Mi spiace, ma chi li sostiene, anche solo indirettamente, è correo dei loro crimini perché loro sono identici ai nazisti.

L'eterno Padre Xi, neonazionalista ha proclamato la purezza della razza Han e ha affermato, contro il diritto internazionale, la visione sinocentrica del mondo e la riscrittura dell'ordine internazionale con le "caratteristiche cinesi".

Xi ha alterato la storia, ha creato un sistema digitale di sorveglianza di massa che rendono il suo impero un ordine totalitario, vile, illiberale e medievale.

Un capo, una nazione, un popolo di razza Han.

Vergognoso. Chi li appoggia è reo come loro ed è un nichilista storico: "se non c’è Dio, tutto è lecito, anche il delitto".

Fonte: https://www.washingtonexaminer.com/opinion/visiting-aspen-chinas-ambassador-reaffirms-absurd-demands

51 visualizzazioni0 commenti