L'America difenderà Taiwan? Ecco cosa ci dice la storia

Se il passato può essere considerato un prologo, il modo in cui gli Stati Uniti hanno risposto alle crisi precedenti potrebbe dirci qualcosa di importante su ciò che potrebbero fare in futuro se la Cina dovesse attaccare Taiwan


di N. Iuvinale

Ian Easton è direttore senior del "Project 2049 Institute" e autore di The Chinese Invasion Threat: Taiwan's Defense and American Strategy in Asia.

Questo suo articolo è stato pubblicato nel giugno scorso sulla rivista "

" dell'Hoover Institution.

Easton, nel darci una dettagliata ricostruzione storico militare degli accadimenti di quegli anni, ci conduce alla comprensione dell'attuale situazione, fornendoci un possibile sguardo verso il futuro. La Cina, Taiwan e gli USA.

Nel dicembre 1949, Chiang Kai-shek trasferì la capitale della Repubblica di Cina (ROC) a Taipei. Voleva che il trasferimento fosse temporaneo.

Aveva già spostato il suo governo più volte: quando l'Impero del Giappone invase la Cina, quando finì la seconda guerra mondiale e di nuovo quando gli insorti comunisti di Mao Zedong presero il sopravvento nella guerra civile cinese.

Agli occhi di Chiang, Taiwan era il luogo perfetto per recuperare le sue forze a brandelli e prepararle per la lunga lotta che le attendeva per sconfiggere i comunisti.

L'isola principale era protetta da dozzine di piccole cittadelle insulari, molte appena al largo della costa continentale e circondate da famose acque agitate. Mentre l'esercito di Chiang aveva subito schiaccianti sconfitte sul campo di battaglia e defezioni di massa, credeva che la sua marina e aviazione superiori avrebbero reso Taiwan, una fortezza inespugnabile.

Gli eventi che seguirono presentarono ai successivi presidenti degli Stati Uniti alcune delle questioni di politica estera più difficili mai affrontate dai leader americani.

Durante i decenni successivi al 1949, ci sono stati diversi incidenti che hanno testato se Washington fosse disposta o meno a confrontarsi con il Partito Comunista Cinese (PCC) e sostenere Taiwan.

Se il passato può essere considerato un prologo, il modo in cui gli Stati Uniti hanno risposto alle crisi precedenti potrebbe dirci qualcosa di importante su ciò che potrebbero fare in futuro. Cosa potremmo aspettarci se la Cina dovesse attaccare Taiwan negli anni 2020 o oltre?

La guerra di Corea

Il 12 gennaio 1950, il Segretario di Stato americano Dean Acheson tenne un discorso in cui suggerì che l'America non intendeva più difendere i suoi ex alleati, la Repubblica di Corea (Corea del Sud) e la Repubblica di Cina (Taiwan). Secondo Acheson, quei governi erano al di fuori del perimetro difensivo americano in Asia. I

ll suo discorso ha incoraggiato la neonata Repubblica Popolare Cinese (RPC) ad accelerare i piani per invadere Taiwan. Ma prima che Mao Zedong e i suoi generali potessero agire, il loro alleato nordcoreano Kim Il-sung lanciò un'invasione della Corea del Sud.

Dopo aver appreso dell'attacco, il presidente Harry Truman decise che gli Stati Uniti avrebbero difeso sia la Corea che Taiwan e ordinò alla Marina degli Stati Uniti di impedire al PCC di attaccare l'ultimo baluardo della RDC. Il 29 giugno 1950, una portaerei americana, un incrociatore pesante e otto cacciatorpediniere entrarono nello stretto di Taiwan per condurre una dimostrazione di forza entro il raggio visivo delle forze comuniste schierate lungo la costa continentale. Poco dopo, idrovolanti americani armati furono di stanza sulle isole Penghu e iniziarono a cercare eventuali movimenti ostili verso Taiwan.

Per migliorare ulteriormente il quadro di allerta, gli Stati Uniti inviarono sottomarini per monitorare i porti cinesi di fronte a Taiwan, aree in cui si prevedeva che le navi nemiche si schierassero in caso di imminente invasione. Inoltre, quattro cacciatorpediniere americani erano di stanza a Taiwan. La loro missione era di pattugliare vicino alla costa della Cina, con almeno due navi da guerra che osservavano 24 ore su 24 i segnali di un eventuale assalto anfibi.

La Taiwan Patrol Force, come divenne nota la flotta di mini-sorveglianza, operò ininterrottamente per quasi tre decenni a venire.

Poco dopo, gli Stati Uniti stabilirono un comando di difesa a Taipei e inviarono un gruppo consultivo di assistenza militare (MAAG) a Taiwan sotto il comando di un generale a due stelle. Questa organizzazione aveva il compito di fornire addestramento, logistica e armi all'esercito della Repubblica di Cina al fine di trasformarlo in una moderna forza di combattimento. Nel 1955, c'erano decine di migliaia di truppe americane di stanza a Taiwan, inclusi oltre duemila consiglieri militari, rendendo MAAG il più grande dei gruppi consultivi statunitensi allora schierati in tutto il mondo. Negli anni seguenti, il MAAG trasformò l'esercito della ROC in una delle forze di combattimento più capaci dell'Asia.


La crisi dello stretto di Taiwan del 1954-1955

Nell'agosto del 1954, i comunisti cinesi lanciarono una serie di operazioni contro le forze della RDC lungo la costa continentale. Mao e i suoi migliori luogotenenti ritenevano che attaccando le isole al largo avrebbero potuto separare Washington e Taipei e preparare il terreno per un'invasione finale di Taiwan. Iniziarono bombardando Kinmen e Matsu, gruppi di isole situate appena al largo della costa della provincia del Fujian. Non molto tempo dopo, l'Esercito Popolare di Liberazione (PLA) lanciò raid aerei e marittimi sulle Dachens, un gruppo di isole a 200 miglia a nord di Taiwan, vicino a Taizhou nella provincia cinese di Zhejiang.

Nel novembre del 1954, il PLA circondò Yijiangshan, una base dell'isola della Repubblica di Cina situata all'estremo fianco settentrionale dei Dachen. Utilizzando moderne attrezzature e tattiche dell'Unione Sovietica, il PLA effettuò un'operazione di invasione di successo, conquistando l'isola il 18 gennaio 1955. In risposta, la Marina degli Stati Uniti entrò nell'area con 70 navi, tra cui sette portaerei. Gli americani lanciarono quindi l'operazione King Kong, l'evacuazione dei Dachen. I marines statunitensi aiutarono le forze della RDC a riportare in sicurezza a Taiwan circa 15.000 civili, 11.000 soldati, 125 veicoli e 165 pezzi di artiglieria, senza vittime.

Il 3 marzo 1955, Washington consolidò formalmente un trattato di mutua difesa con Taipei. Il presidente Dwight Eisenhower ha anche ricevuto dal Congresso il permesso di esercitare poteri speciali nella difesa di Taiwan, concessi dalla Risoluzione Formosa. Nel maggio 1955, il PLA smise di bombardare Kinmen e, tre mesi dopo, il PCC rilasciò 11 aviatori americani catturati. La crisi dello stretto di Taiwan del 1954-1955 era finita, ma la situazione di stallo continuava.


La crisi dello stretto di Taiwan del 1958

Il 23 agosto 1958, il PLA lanciò un attacco a sorpresa su Kinmen, inondando il gruppo di isole con decine di migliaia di proiettili come preludio agli sbarchi anfibi pianificati. Pechino cercò di mettere alla prova la determinazione degli americani, vedendo se l'occupazione di Kinmen e la minaccia di una guerra potessero spezzare l'alleanza USA-ROC e demoralizzare Taiwan. Il piano fallì quasi subito. Gli ingegneri militari della ROC avevano scavato in profondità nel granito di Kinmen, ricavando bunker sotterranei e roccaforti che consentivano ai difensori di resistere al bombardamento con poche vittime.

Il PLA tentò un assalto anfibio alla vicina isola di Tung Ting ma fu respinto. A nord, unità comuniste lanciarono attacchi di artiglieria contro le isole Matsu. Ma quelli erano altrettanto inefficaci.

Gli Stati Uniti inviarono quattro portaerei, insieme a un gran numero di incrociatori, cacciatorpediniere, sottomarini e navi anfibie. La flotta americana era equipaggiata con bombe atomiche a basso rendimento, progettate per fermare un potenziale assalto umano alle isole, una tattica del PLA già vista in Corea. Dopo che le torpediniere e l'artiglieria iniziarono a prendere di mira le navi della Marina ROC che rifornivano Kinmen, la Marina degli Stati Uniti iniziò a scortare i convogli da Taiwan con incrociatori e cacciatorpediniere. Il 18 settembre 1958, i cannoni di artiglieria americani furono fatti sbarcare a Kinmen, che erano in grado di sparare proiettili nucleari tattici che potevano incenerire qualsiasi invasore (i proiettili erano tenuti a bordo delle navi della Marina statunitense situate nelle vicinanze).

I colossali cannoni sparavano anche proiettili convenzionali che aumentavano la potenza di fuoco e il morale della guarnigione.

Durante la crisi, i piloti della ROC Air Force utilizzarono nuovi jet Super Sabre e missili Sidewinder per ingaggiare i MiG-17 PLA in combattimenti aria-aria. I risultati furono decisivi: i piloti della ROCAF uccisero 33 nemici nemici contro la perdita di quattro dei loro. Il 6 ottobre, Pechino annunciò un cessate il fuoco sotto la pressione dei suoi alleati sovietici, che temevano che i combattimenti potessero intensificarsi e diventare nucleari.

La crisi del 1958 era finita e le basi insulari offshore di Taiwan erano rimaste imbattute.


La crisi dello stretto di Taiwan del 1995-1996

All'inizio degli anni '90, Taiwan iniziò la transizione pacifica verso una democrazia.

Con la fine della Guerra Fredda, c'era la speranza che gli Stati Uniti e altre nazioni avrebbero riconosciuto Taiwan come un paese legittimo e indipendente.

Il presidente di Taiwan, Lee Teng-hui, disse pubblicamente che, a suo avviso, la guerra civile cinese era finita; Taiwan era ora il ROC, il ROC era Taiwan, e il suo paese non avrebbe più rivendicato la sovranità sul territorio controllato dalle autorità di Pechino.

Nel giugno 1995, il presidente Lee tornò alla sua alma mater, la Cornell University, per annunciare i piani di Taiwan di tenere elezioni libere ed eque.

Il PCC rispose conducendo una serie di test sui missili balistici, lanciando razzi nelle acque a nord di Taiwan. Ad agosto, il PLA spostò un gran numero di truppe in aree note per l'invasione, condusse esercitazioni navali e effettuò ulteriori lanci di missili. Quel novembre, l'esercito cinese organizzò anche un'esercitazione di assalto anfibio. Nel marzo 1996, poco prima delle elezioni, il PLA lanciò altri missili balistici nelle acque al largo dei due maggiori porti di Taiwan, e implicitamente minacciò di trasformare un'esercitazione pianificata in una vera operazione di invasione.

Gli Stati Uniti, anche questa volta, svolsero un ruolo importante durante la crisi. Il presidente Bill Clinton rispose alle provocazioni di Pechino inviando due gruppi di portaerei nelle acque vicino a Taiwan. La manifestazione americana ebbe successo: la Cina fece marcia indietro e le elezioni di Taiwan si svolsero come previsto.

Il presidente Lee vinse le elezioni con un margine decisivo e la crisi dello stretto di Taiwan del 1995-1996 si concluse positivamente.

Tuttavia, per Easton, Taiwan sarebbe rimasta diplomaticamente isolata e diventata, nel tempo, lentamente più vulnerabile; una tendenza senza sosta fino ai giorni nostri.

Implicazioni per il futuro

Sebbene tutte le analogie storiche sono imperfette, i precedenti potrebbero fornire ai leader americani una guida per il futuro.

Le passate decisioni politiche prese da Washington dimostrano che, quando necessario, i presidenti americani hanno sempre considerato, nell'interesse della loro nazione, correre in difesa di Taiwan, anche in situazioni che avrebbero potuto degenerare al livello di una guerra nucleare.

Nel 1958, ad esempio, Washington era decisa a difendere Taiwan dall'invasione anche se ciò avrebbe richiesto l'uso di armi atomiche, nella consapevolezza che, tale utilizzo, avrebbe provocato ritorsioni nucleari da parte dell'Unione Sovietica, che allora era strettamente allineata con Pechino.

Forse ancora più notevoli sono state quelle decisioni della leadership americana intraprese nella crisi dello stretto di Taiwan del 1995-1996.

In quel caso, gli Stati Uniti hanno schierato gruppi di portaerei nelle acque vicino a Taiwan nonostante il PCC avesse fatto esplodere in un test due testate nucleari; aveva effettuato molteplici test di missili balistici nucleari; e, nelle conversazioni di backchannel, aveva implicitamente minacciato Los Angeles di un attacco nucleare.

La risolutezza mostrata da Washington nel 1996 potrebbe essere considerata particolarmente notevole dato che gli Stati Uniti non riconobbero più diplomaticamente il governo di Taiwan all'epoca.

Ad oggi, non c'è stato alcun caso in cui un presidente americano non abbia inviato forze per sostenere la difesa di Taiwan in risposta a una minaccia credibile del PCC.

Se questo track record è indicativo del futuro, è probabile che gli anni a venire vedranno il governo degli Stati Uniti migliorare continuamente la sua prontezza operativa per difendere Taiwan in conformità con l'evoluzione del quadro delle minacce.

In tempi di crisi, i leader americani probabilmente invieranno risorse nazionali schiaccianti nell'area dello stretto di Taiwan e renderanno più espliciti i loro impegni per la difesa dall'isola nella speranza di convincere la RPC a allentare le tensioni.

Anche escludendo una grave crisi politico-militare, sembra molto probabile che gli anni a venire vedranno il governo degli Stati Uniti migliorare le sue informazioni di preallarme attraverso regolari pattugliamenti navali, sottomarini e aerei nello stretto di Taiwan. Ci saranno passaggi più frequenti di satelliti nello spazio e saranno sicuramente ampliati gli accordi di condivisione dell'intelligence con i servizi di sicurezza taiwanesi.

Sembra anche probabile che gli Stati Uniti apporteranno miglioramenti significativi alla loro presenza diplomatica, commerciale, di intelligence e militare a Taiwan.

Rimane una questione aperta se verrà ristabilita una forza di pattuglia di Taiwan e un'organizzazione simile al MAAG, per non parlare di una relazione ufficiale da paese a paese e di un'alleanza difensiva.

Ma ognuno di questi potrebbe essere considerato un esempio passato di iniziative politiche e militari che, se combinate, hanno certamente avuto successo nell'aiutare a scoraggiare l'aggressione del PCC.

Qui potremmo trovare risposte per il futuro.

Conclusivamente possiamo ritenere che molto dipenderà dall'atteggiamento ultranazionalista di Xi Jimping che si è impegnato a riportare l'isola sotto il controllo del PCC nel progetto "Una sola Cina".

Alle porte della Cina, i leader di Australia, India, Giappone e USA hanno rivitalizzato il Quod in risposta alle preoccupazioni sulle intenzioni di Pechino.

Più di recente, gli USA e il Regno Unito hanno concordato di condividere segreti nucleari sensibili con l'Australia per aiutarla a contrastare le ambizioni navali della Cina nel Pacifico.

Eppure Pechino continua a non mostrare segni di cambiamento di rotta.

Per ora, i leader cinesi sembrano aver deciso che il resto del mondo dovrà adattarsi alle loro preferenze alla luce della ritrovata forza nazionale, unita ad un malessere generale dell'Occidente.

158 visualizzazioni0 commenti