top of page

L'America può bilanciare l'autonomia europea con la concorrenza cinese?

I tradizionali alleati dell'Europa occidentale degli Stati Uniti non mostrano segni di cambiamento di rotta nella mobilitazione della difesa o nell'aggressione cinese.


di Nicola Iuvinale

L'imminente visita in Cina del presidente del Consiglio europeo Charles Michel è indicativa di una tendenza preoccupante nell'approccio dell'Europa alla concorrenza eurasiatica. Il presidente francese Emmanuel Macron, nonostante abbia stabilizzato la sua posizione negli ultimi mesi, ha ripetutamente rotto i ranghi con Stati Uniti e Regno Unito e ha consigliato una sorta di conciliazione con la Russia. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, nel frattempo, è stato anche una voce coerente per la conciliazione, sostenendo anche il libero transito delle merci tra i tre stati baltici, che sono tutti membri dell'UE, e la Russia. Le osservazioni di Boris Johnsonche né la Francia né la Germania credevano seriamente nella minaccia russa e, inoltre, che la Germania sperava specificamente che il conflitto si sarebbe concluso con una rapida vittoria russa per mitigare i danni economici, in linea con questo ampio modello di comportamento. È sempre più evidente che le potenze dell'Europa occidentale non sono ancora pronte a impegnarsi in una prolungata rivalità eurasiatica. Pertanto, gli Stati Uniti dovrebbero considerare come sfruttare il peso strategico europeo nel modo più efficace e se la Nuova Europa potrebbe rivelarsi un partner a lungo termine più efficace rispetto alle potenze tradizionali della Vecchia Europa.

L' equivoco e la mancanza di chiarezza dell'Europa occidentale sulla politica cinese è il culmine delle tendenze geopolitiche a lungo termine. In effetti, le politiche franco-tedesche, e in misura minore britanniche, nei confronti della Cina derivano da scelte strategiche altrettanto evidenti nella politica europea verso la Russia. La vecchia Europa non è cieca. Piuttosto, opera sulla base di una serie di presupposti strategici grossolanamente fuorvianti che hanno contribuito all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia e alla significativa espansione cinese.

La scommessa franco-tedesca per l' autonomia strategica risale alla guerra fredda. Il ritiro della Francia dalla struttura di comando unificata della NATO - certamente dopo un aspro e insensato rimprovero da parte degli Stati Uniti nel 1956 e la riluttanza anglo-americana a cedere alle grandi ambizioni di potere di Charles de Gaulle - segnò un ritorno, per quanto provvisorio, alla logica strategica della Vecchia Europa. L'autonomia strategica europea è un tentativo di replicare l'equilibrio politico pre-novecentesco. Questo è impossibile in toto. Dal 1850 al 1945 il potere si diffuse al di fuori del continente europeo. Degli attori dominanti del ventesimo secolo, solo tre - Gran Bretagna, Germania e Francia - erano interamente europei. Nessuna è sopravvissuta come forze geopolitiche primarie dopo il 1945. Era e rimane impossibile tornare agli anni Cinquanta dell'Ottocento, quando l'equilibrio strategico europeo era la somma dell'ordine internazionale, o addirittura agli anni Novanta dell'Ottocento, quando l'equilibrio europeo era l'aspetto più significativo della quadro strategico, anche se non l'unico aspetto di esso.

Tuttavia, un'Europa unita avrebbe potuto affermare la propria autonomia e sedersi al tavolo quando si confrontava con le altre grandi potenze, vale a dire gli Stati Uniti, l'Unione Sovietica e la Cina. Ironia della sorte, i Big Four di Franklin D. Roosevelt potrebbero tornare con solo lievi modifiche.

L'interesse della Germania indicava lo stesso ignis fatuus della Francia. La ridefinizione nazionale è estremamente difficile e sebbene le nazioni siano costrutti storici, conservano un potere significativo nelle menti degli uomini. Le guerre mondiali hanno segnato la psicologia tedesca, ma solo sotto Konrad Adenauer la Germania Ovest ha perseguito una schietta politica atlantista modellata intenzionalmente per spezzare la Germania dal suo passato di acquisizioni. A partire dalla fine degli anni '60, l' Ostpolitik del cancelliere socialdemocratico Willy Brandt allontanò la Germania dall'alleanza atlantica. L'esercito tedesco, ovviamente, è rimasto completamente impegnato nella NATO. Tuttavia, le autorità politiche tedesche si convinsero sempre più che solo l'odiosa purezza ideologica atlantista impediva un riavvicinamentocon l'Europa dell'Est e, a sua volta, la conclusione della Guerra Fredda, la riunificazione della Germania e, soprattutto, il ritorno a una sfera europea praticamente autonoma. A questo proposito, gli interessi tedeschi e francesi erano allineati.

La ricerca di autonomia franco-tedesca non si concluse con la conclusione della guerra fredda. Piuttosto, entrambe le potenze hanno impiegato il loro peso economico e politico per scacciare gli Stati Uniti. Le controversie tra Berlino, Parigi, Londra e Washington sulla Jugoslavia e l'Iraq riguardavano meno la politica sostanziale che l'assertività politica. Gli Stati Uniti hanno abbracciato la globalizzazione post-1991 con soleggiate speranze di una democratizzazione del mercato che avrebbe lentamente integrato tutti gli stati nel sistema basato sulle regole, moderato i loro sistemi politici e lasciato ai margini solo una manciata di poteri recalcitranti. La Corea del Nord, la Bielorussia, l'Iraq, la Libia e l'Iran sarebbero bizzarre resistenze contro la logica della storia. Ma perché l'Europa dovrebbe indulgere in queste stesse fantasie? Perché la vecchia Europa, così devastata dalla guerra e vulnerabile al dominio extraeuropeo, crede che la globalizzazione porrebbe fine alla rivalità politica? Norman Angell aveva ragione dopo tutto?

La vecchia Europa ha perseguito la globalizzazione non per sogni democratici differiti, ma per tradizionali obiettivi di potere politico. La globalizzazione era un percorso verso l'autonomia e disaggregando il potere economico ed erodendo la posizione degli Stati Uniti , le potenze europee potevano ritagliarsi un ruolo di bilanciatori strategici. A sua volta, la definizione stessa di strategia è cambiata. Non c'era bisogno di capacità militari tradizionali poiché la lunga notte della Guerra Fredda aveva dimostrato che le capacità militari tradizionali erano irrilevanti. Per la Germania in particolare, è stata l' Ostpolitik a porre fine all'incubo, non le armi nucleari o convenzionali.

Questo spiega la gioia virtuale con cui Francia e Germania hanno reagito all'invasione russa dell'Ucraina nel 2014. Non commettere errori: Berlino e Parigi l'hanno vista come un'opportunità , non come un affronto al sistema internazionale. È stata un'occasione inequivocabile per liberarsi dagli Stati Uniti e dimostrare alla Russia che l'Euro-Atlantico non ha bisogno di essere incatenato all'Amero-Atlantico. Pertanto, sono stati conclusi gli accordi di Minsk, in cui l'invasione russa dell'Ucraina è stata trattata come un conflitto principalmente civile e la Russia è stata considerata una terza parte neutrale.

La guerra russo-ucraina non ha presentato motivo di ottimismo sul fatto che Francia e Germania abbiano abbandonato la loro ricerca delirante di autonomia strategica. In effetti, i commenti di Boris Johnson indicano quanto fosse radicato quel desiderio fino al 24 febbraio. La vecchia Europa desiderava quasi certamente che l'Ucraina si ribaltasse e morisse, ponendo fine a questo sgradevole episodio il più rapidamente possibile e rimuovendo idealmente il punto di infiammabilita'. Gli Stati Uniti si sono così impegnati negli affari europei, elevando la Nuova Europa ben oltre il suo rango. Dopotutto, la Polonia, gli Stati baltici, la Romania e la Bulgaria: che ruolo avevano nel determinare gli affari europei? Qual era il loro diritto a mantenere gli Stati Uniti impegnati nelle questioni europee?

Nonostante il gran clamore riguardo al voltafaccia pubblico della Germania e ai discorsi di Macron sugli affari di sicurezza, la Vecchia Europa ha fatto poco per resistere alla Russia in Ucraina. La Germania è molto indietro rispetto alla Polonia e al Regno Unito nel fornire assistenza militare all'Ucraina, mentre il contributo della Francia è una minuscola frazione di quello della Germania. Nessuno dei due ha speso denaro per alleviare i finanziamenti americani per la guerra. Piuttosto, ci sono molte strette di mano, molte consultazioni e conferenze, e potenziali promesse per l'assistenza alla ricostruzione a lungo termine con quasi nessun movimento politico effettivo.

Va detto che la Vecchia Europa potrebbe non essere più una copertura nei confronti della Russia. L'invasione dell'Ucraina di febbraio è stata un rimprovero così visibile e pungente alla politica russa dell'Europa che non può più nascondersi dietro una presunta propensione per la diplomazia. Tuttavia, le sue azioni mostrano un movimento molto poco coerente e la sua politica cinese si inclina verso un'altra copertura.

Un altro polverone incombe. I prezzi dell'energia alle stelle hanno minato l'industria europea. L'UE incolpa la truffa dei prezzi americana per il drastico divario tra i prezzi statunitensi ed europei. In realtà, i contratti USA-Europa sono relativamente fissi. Sono le società energetiche europee che stanno raccogliendo profitti inaspettati, sfruttando l'incapacità dell'Europa di stabilire una politica energetica unificata e regolare la domanda in tutto il continente. Ciò si combina con i timori per l'Inflation Reduction Act, il grosso sussidio dell'amministrazione Biden per le tecnologie verdi. Gli Stati Uniti sono stati accusati di pratiche protezionistiche simili a quelle cinesi. I produttori europei, di fronte agli alti costi energetici, temono una rapida deindustrializzazione. L'Europa ha impiegato mesi anche solo per avvicinarsi a una politica russa coerente. Ci sono voluti solo pochi giorni di incontri franco-tedeschi per produrre un potenziale pacchetto di sovvenzioni.

In questo caso, gli europei hanno un punto parziale. L'incapacità europea di armonizzare la domanda è un fallimento europeo. Ma l'Inflation Reduction Act non ridurrà l'inflazione e rappresenta una minaccia legittima per l'industria europea. L'amministrazione Biden farebbe bene a prendere in considerazione un pacchetto più ampio che integri le preoccupazioni economiche europee. Eppure la questione energetica rimane fondamentale - gli attori industriali europei stanno uscendo dal mercato a causa degli alti costi energetici - e gli Stati Uniti possono fare ben poco per migliorare la situazione, a parte esportare a livelli ancora più stravaganti da record e, deve essere notato, prezzi relativamente ragionevoli. In effetti, questa nuova fonte di tensione non fa che confermare i profondi attriti tra la Vecchia Europa e gli Stati Uniti.

Scholz si è precipitato in Cina poche settimane dopo che Xi Jinping è stato confermato presidente a vita, amministratori delegati al seguito, in una dimostrazione di ossequio alla Angela Merkel. Ha avvertito della vulnerabilità della Cina alla “trappola del reddito medio”, la posizione macroeconomica in cui un paese non fornisce più manodopera non qualificata a basso costo a prezzi competitivi. Tuttavia, non è ancora in grado di entrare nel modello di consumo high-tech che sostiene gli stati dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) mantenendo i redditi relativi stagnanti e moderati. L'impegno bilaterale di Macron con Xi al vertice del G20 a Bali, in Indonesia, ha prodotto ben poco di sostanza. La Francia deve ancora definire una linea coerente con la Cina e ora Michel si recherà in Cina per incontrare Xi.

Cosa potrebbe volere l'Europa dalla Cina? A breve termine, c'è una convinzione crescente, più un desiderio profondo, che Pechino possa fare pressione su Mosca affinché metta fine alla sua guerra in Ucraina o almeno si astenga dall'uso del nucleare. Questa proposta ben intenzionata, tuttavia, maschera una realtà più oscura. Affinché ciò funzioni, la Cina dovrà torcere il braccio della Russia abbastanza forte da costringere il Cremlino a limitare i suoi obiettivi di guerra o trasmettere incentivi alla Russia che non ha guadagnato attraverso le sue prestazioni sul campo di battaglia. In entrambi i casi, è tacito e innegabile che la Cina debba ricevere incentivi propri per impegnarsi esplicitamente in una questione che finora ha evitato pubblicamente con grande cura. Affinché un quadro Pechino-Mosca-Washington-Bruxelles sia efficace, bisogna comprare solo la Cina o comprare Cina e Russia.

Gli Stati Uniti, quindi, devono affrontare un dilemma significativo. I suoi tradizionali alleati europei sono tutt'altro. Non solo hanno facilitato la guerra di conquista di Putin in Ucraina, ma vogliono anche lavorare più a stretto contatto con la Cina in futuro, proprio mentre il suo potere e la sua assertività stanno raggiungendo il picco. La posizione dell'Europa su Cina e Russia va contro la politica degli Stati Uniti. Il Regno Unito una volta era l'eccezione all'irrazionalità della Vecchia Europa. Potrebbe essere di nuovo così: la resurrezione politica è improbabile, ma se Johnson sopravvive e torna al numero 10, ci si può aspettare una politica cinese molto più aggressiva in linea con la resistenza schietta, intransigente e strategicamente prudente di Johnson.all'aggressione russa in Ucraina. Per ora, tuttavia, il Regno Unito non è di alcun aiuto e il suo nuovo governo taglierà la difesa in termini reali nei prossimi anni in base a un nuovo quadro di austerità de facto . Il cancelliere dello scacchiere ha conosciuto tendenze filo-cinesi e il primo ministro Rishi Sunak ha fatto marcia indietro su quasi ogni politica aggressiva cinese.

con Taiwan. La Polonia ha firmato diversi importanti accordi sulle armicon la Corea del Sud. Se i rapporti sulla cooperazione militare indiretta tra Ucraina e Corea del Sud sono veri, gli Stati Uniti fungeranno da intermediari per mantenere la finzione legale che la Corea del Sud non sosterrà militarmente l'Ucraina. L'Europa dell'Est si sta riarmando ed è in prima linea. L'Ucraina si sta persino allontanando dalla Cina: il presidente Volodymyr Zelenskyy ha tranquillamente abbandonato la sua politica di copertura eurasiatica che cercava di attrarre investimenti cinesi, comprendendo che la Cina non ha alcun desiderio di intercedere per conto di Kiev.

Gli Stati Uniti farebbero quindi bene a considerare i modi in cui possono integrare l'Europa orientale nella loro politica cinese. Il passo più ovvio sarebbe quello di accelerare la cooperazione industria-difesa. Gli stati dell'Europa orientale dovrebbero essere incoraggiati a collaborare con i fornitori di difesa asiatici, tra cui la Corea del Sud e il Giappone. Ciò fornirà agli alleati asiatici degli Stati Uniti la stabilità produttiva necessaria per espandere la capacità, creando così un legittimo sistema di difesa-industriale eurasiatico per contrastare l'Esercito popolare di liberazione cinese (PLA).

Niente spinge le tradizionali potenze dell'Europa occidentale a cambiare idea, nemmeno i fatti mentre si svolgono in Ucraina. La politica degli Stati Uniti dovrebbe adattarsi.

Autore: Seth Cropsey è presidente dello Yorktown Institute. Ha servito come ufficiale di marina e come vice sottosegretario alla Marina ed è autore di due libri, Mayday e Seablindness .

17 visualizzazioni0 commenti
bottom of page