top of page

L'assenza di Xi al G20 è parte del suo piano per rimodellare la governance globale

Negli ultimi anni, Xi ha esposto la sua visione per un nuovo ordine mondiale con l’annuncio di tre iniziative globali: la Global Security Initiative (una nuova architettura di sicurezza senza alleanze), la Global Development Initiative (un nuovo veicolo per finanziare la crescita economica) e la Global Civilization Initiative (un nuovo sistema di valori definito dallo stato che non è soggetto ai limiti dei valori universali dell'uomo. Un nuovo ordine mondiale sinocentrico dove potrebbe non esserci più spazio per il G20


di Nicola e Gabriele Iuvinale

Quando i leader più potenti del mondo si recheranno a Nuova Delhi questo fine settimana per affrontare le molte crisi che affliggono il mondo, il principale assente sarà il cinese Xi Jinping, che non ha mai mancato un vertice del G20 da quando ha preso il potere nel 2012.

Come spesso accade con l’opacità del processo decisionale di Pechino, non è stata fornita alcuna spiegazione per la decisione di Xi di saltare l'importante incontro globale al quale la Cina ha attribuito un’alta priorità in passato.

La reticenza di Pechino ha dato luogo a tante speculazioni e interpretazioni, dai potenziali problemi di salute di Xi ai problemi interni in patria, fino all’affronto del paese ospitante, l’India, le cui relazioni con la Cina si sono logorate a causa di una disputa in corso sui confini tra i Paesi.

Ma vista dalla lente della rivalità tra le due grandi superpotenze di Cina e e Stati Uniti, può ritenersi che la mancata partecipazione di Xi al G20 potrebbe anche segnalare la sua disillusione nei confronti dell’attuale sistema di governance globale – e delle strutture che ritiene troppo dominate dall’influenza americana.

Invece, Xi potrebbe dare priorità ai forum multilaterali che si adattano alla – come il vertice BRICS recentemente concluso e l’imminente Belt and Road Forum.

Potrebbe esserci un elemento di deliberato contrasto nei confronti dell’India, ma potrebbe anche essere un’affermazione che ci sono diverse strutture di governance che Xi Jinping ritiene più importanti – e il G20 potrebbe non essere una di queste”, ha affermato George Magnus, un associato di il China Centre dell’Università di Oxford alla CNN.

"(Xi) potrebbe voler dare un esempio al G20 indiano e dire: 'questo non è qualcosa a cui parteciperò perché ho pesci più grandi da friggere".


Disillusione verso il G20

Per alcuni analisti, l’assenza di Xi potrebbe segnare un cambiamento nel modo in cui la Cina vede il G20, un importante forum globale che riunisce le principali economie avanzate ed emergenti del mondo che rappresentano l’80% del PIL globale.

La Cina considerava la piattaforma come uno spazio relativamente neutrale per la governance globale e attribuiva un’alta priorità alla diplomazia del G20, ha detto Jake Werner, ricercatore presso il Quincy Institute di Washington.

Sin dal suo primo vertice del G20 nel 2008, il massimo leader cinese ha sempre partecipato agli incontri, anche tramite collegamento video durante la pandemia Covid. E quando la Cina ha ospitato il suo primo vertice G20 nel 2016, ha fatto tutto il possibile per rendere l’evento un successo e mostrare la sua crescente influenza sulla scena mondiale.

Da allora, tuttavia, le relazioni tra le due maggiori economie mondiali sono state caratterizzate da crescenti tensioni e rivalità.

Ora, “la Cina vede lo spazio del G20 sempre più orientato verso gli Stati Uniti e la loro agenda, che Xi Jinping considera ostile alla Cina”.

Circa la metà dei membri del gruppo sono alleati degli Stati Uniti, che l’amministrazione Biden ha mobilitato per assumere una posizione più dura nel contrastare Pechino.

La Cina vede aumentare anche le tensioni con gli altri membri – come ad esempio la disputa sul confine con l’India – a causa dei suoi difficili rapporti con gli Stati Uniti.

Pechino è anche irritata dai crescenti legami di Nuova Delhi con Washington, in particolare dal suo impegno nel Quad – un gruppo di sicurezza guidato dagli Stati Uniti denunciato da Pechino come una “NATO indo-pacifica”.

"La Cina vede l'India nel campo anti-cinese e quindi non vuole aggiungere valore al grande vertice internazionale che l'India sta organizzando", ha detto Happymon Jacob, professore di studi internazionali all'Università Jawaharlal Nehru di Nuova Delhi.

Anche le divisioni sulla guerra in Ucraina gettano un’ombra sul vertice.

Finora, l’India non è stata in grado di mediare una dichiarazione congiunta in nessuno dei principali incontri del G20 da quando ha assunto la presidenza lo scorso dicembre.

Il rifiuto della Cina di condannare l’invasione russa e il continuo sostegno, non solo diplomatico a Mosca hanno amplificato gli attriti con l’Occidente.

"La Cina ha detto che il G20 dovrebbe limitarsi alle discussioni economiche. Non dovrebbe essere politicizzato attorno alle linee di frattura geopolitica che gli Stati Uniti e gli europei vogliono spingere”.

Gli analisti cinesi concordano sul fatto che Pechino potrebbe vedere il G20 come una piattaforma con valore ed efficacia in diminuzione.

Shi Yinhong, professore di relazioni internazionali alla Renmin University, sostiene che il G20 è diventato un palcoscenico più “complicato e impegnativo” per la diplomazia cinese rispetto a diversi anni fa, poiché il numero di membri amici della Cina è diminuito.


Struttura di governance alternativa

Xi ha partecipato per l’ultima volta al vertice del G20 a Bali, in Indonesia, nel novembre dello scorso anno, quando è emerso dall’isolamento della Cina per il Covid e ha dichiarato il suo ritorno sulla scena mondiale. Durante il vertice di due giorni, ha tenuto incontri diplomatici con 11 leader mondiali – tra i quali il presidente degli Stati Uniti Joe Biden – e ha invitato molti di loro a visitare la Cina.

Da allora, una lunga fila di dignitari stranieri ha bussato alla porta di Pechino per incontrare Xi; i leader del G20 di Germania, Francia, Brasile, Indonesia e UE, nonché il segretario di Stato americano Antony Blinken .

Nel frattempo, Xi ha fatto solo due viaggi all’estero quest’anno – ed entrambi sono fondamentali per il suo tentativo di rimodellare l’ordine mondiale globale.

A marzo, Xi si è recato a Mosca per incontrare il presidente russo Vladimir Putin, un “vecchio amico” che condivide la sua profonda sfiducia nel potere americano. Il mese scorso ha partecipato al vertice dei paesi emergenti BRICS a Johannesburg, in Sud Africa, dove il blocco ha annunciato l’ammissione di sei nuovi membri.

L’espansione dei BRICS è una grande vittoria per la Cina.

Ma può davvero funzionare da contrappeso all’Occidente?

L’espansione, salutata come “storica” da Xi, è una grande vittoria per Pechino, che da tempo spinge per trasformare il libero raggruppamento economico in un contrappeso geopolitico all’Occidente.

Magnus, esperto dell’Università di Oxford, ha affermato che l’espansione dei BRICS è un esempio della struttura di governance alternativa che Pechino vuole costruire: comprende alcuni dei paesi più importanti del Sud del mondo, con la Cina che assume un ruolo centrale.

Negli ultimi anni, Xi ha esposto la sua visione per un nuovo ordine mondiale con l’annuncio di tre iniziative globali: la Global Security Initiative (una nuova architettura di sicurezza senza alleanze), la Global Development Initiative (un nuovo veicolo per finanziare la crescita economica) e la Global Civilization Initiative (un nuovo sistema di valori definito dallo stato che non è soggetto ai limiti dei valori universali).

Sebbene ampi e apparentemente vaghi nella sostanza, “sono concepiti come un ombrello sotto il quale i paesi possono coalizzarsi attorno a una narrazione stabilita dalla Cina, che è diversa dal tipo di struttura di governance che prevale sotto gli auspici del G20.

Il mese prossimo, il leader cinese dovrebbe ospitare il Belt and Road Forum per celebrare il decimo anniversario della sua iniziativa globale sulle infrastrutture e sul commercio, un elemento chiave nella nuova struttura di governance globale di Pechino.

La Belt and Road, i BRICS e l’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai – di cui Pechino è uno dei fondatori o uno dei principali attori – hanno ora uno status molto elevato in Cina.

Queste entità esistono come strutture alternative a quelle a cui la Cina ha tradizionalmente aderito, che hanno concorso alle luci della ribalta degli Stati Uniti.

Xi, sta così inviando un messaggio al resto del mondo – non solo ai paesi del Sud ma anche a quelli più vacillanti della democrazia liberale – che questa è la proposta della Cina.

Un nuovo ordine mondiale sinocentrico.

Fonte CNN


32 visualizzazioni0 commenti
bottom of page