top of page

L’Ucraina costerà mezzo trilione in più se la guerra finisse adesso. Lobby e timori di corruzione..

La guerra in Ucraina finirà per essere l’operazione straniera più costosa e forse corrotta mai portata avanti dagli Stati Uniti.

Ci sarà un forte sforzo di lobbying da parte di alcune aziende statunitensi che prevedono di arricchirsi fornendo sostegno all’Ucraina. Queste attività di lobbying forniranno un’esca a democratici e repubblicani che altrimenti potrebbero abbandonare la guerra.

Con l'inizio della campagna elettorale statunitense gli americani si chiederanno: cosa otteniamo per queste enormi spese che graveranno seriamente su noi contribuenti? La politica statunitense nei confronti dell’Ucraina è un disastro da molti punti di vista, ma sicuramente uno di questi è l’enorme costo in dollari nel sostenere questa infinita disavventura. La maggior parte degli americani si oppone a maggiori aiuti all'Ucraina anche perché sanno che l’Ucraina è un paese fortemente corrotto.


Se la guerra in Ucraina finisse domani, gli Stati Uniti avrebbero comunque bisogno di inviare centinaia di miliardi di aiuti a quel paese.

Il disegno di legge prevede il proseguimento dell'assistenza militare, il sostegno al bilancio del governo ucraino e l'assistenza alla ricostruzione.

Il presidente Biden ha appena chiesto altri 24 miliardi di dollari per sostenere l’Ucraina, principalmente per attrezzature militari ma anche per il sostegno al bilancio (7,3 miliardi di dollari).

Mentre il Congresso è sempre più scettico nei confronti di un’altra enorme somma di denaro per finanziare un conflitto senza fine, si tratta di noccioline rispetto a ciò che verrà chiesto dopo la fine della guerra.

La Banca Mondiale ha effettuato una stima rivista delle esigenze di ricostruzione, sulla base dei dati del primo anno di guerra (da febbraio 2022 a febbraio 2023).

La Banca afferma che l'Ucraina ha bisogno di 411 miliardi di dollari per la ricostruzione in un periodo di dieci anni.

Tale stima dovrà essere aumentata in modo significativo per tenere conto del periodo da febbraio ad agosto 2023 e oltre. Avrebbe senso pensare che, anche se la guerra finisse domani, gli aiuti per la ricostruzione ammonterebbero a 600 miliardi di dollari o più, ovvero a più di mezzo trilione di dollari.

A scopo di confronto, la guerra in Iraq prevedeva un programma di ricostruzione di 60 miliardi di dollari. Gli Stati Uniti hanno anche speso 90 miliardi di dollari in dodici anni per sostenere l’Afghanistan (sebbene la guerra continuasse in quel paese).

Non c’è dubbio che la maggior parte dell’assistenza americana all’Afghanistan è stata probabilmente rubata o passata ai talebani. Oltre a ciò, le attrezzature belliche statunitensi per un valore di miliardi sono state lasciate sul posto e ora sono utilizzate dai talebani.

Nel caso dell’Iraq, la maggior parte degli aiuti è andata sprecata a causa di cattiva gestione, corruzione e scarsa pianificazione.

Gli Stati Uniti e i loro alleati dovranno sborsare 60 miliardi di dollari l’anno per sostenere l’Ucraina, e si aspettano che gran parte di essi venga rubata. Dovrà mantenere i finanziamenti per 10 anni.

Considerate che la Germania si è impegnata a sostenere l’Ucraina “per tutto il tempo necessario” con 5 miliardi di dollari l’anno. Ma è probabile che il governo tedesco al potere venga presto sostituito, e questa promessa è inutile quanto il marco di Weimar.

Allo stesso modo, l’economia del Regno Unito è molto instabile e trovare denaro serio in futuro si rivelerà una vera sfida. La conclusione è che la maggior parte del denaro dovrà provenire dallo Zio Sam.

Può darsi che alcuni addetti ai lavori di Washington pensino che la cosa migliore sia prolungare la guerra il più a lungo possibile, perché se i combattimenti continuassero gli Stati Uniti hanno solo bisogno di fornire assistenza militare e sostegno al bilancio per il governo, ma non assistenza per la ricostruzione.

In effetti, questa è la politica dell’amministrazione Biden. Continuando la guerra, il governo Biden pensa di poter convincere il Congresso a continuare a pagare e di poter mantenere “in vita” l’Ucraina sborsando armi e denaro per pagare gli stipendi e le forniture necessarie.

Ma il Congresso sarà disposto a continuare a spendere per una guerra senza fine?

È probabile che il Congresso voglia sapere dove va il denaro, come viene utilizzato e come il governo americano contabilizza la sua spesa.

La maggior parte degli americani si oppone a maggiori aiuti all'Ucraina.

Stiamo entrando in un periodo elettorale con i primi dibattiti presidenziali repubblicani in arrivo.

L’Ucraina sarà sicuramente un problema e alcuni candidati, come Robert Kennedy Jr, che per il momento si identifica come democratico, si stanno già esprimendo contro il sostegno alla guerra.

Ciò potrebbe significare che Biden avrà grossi problemi nel cercare di convincere un Congresso ombroso, compresi i suoi colleghi democratici, a firmare per maggiori spese su una proposta perdente.

È noto da tempo che l’Ucraina è un paese corrotto.

I politici ucraini, incluso Zelenskyj, hanno offshore parte della loro ricchezza (Zelenskyj ha una villa in Toscana in riva al mare a Forte dei Marmi, che ha acquistato prima di entrare in politica e che ora affitta a clienti russi a 12.000 euro al mese).
Il figlio del presidente Biden, Hunter, è coinvolto in un'indagine su pagamenti e altre attività incentrate in parte sulla holding energetica ucraina Burisma e in parte su transazioni in Cina. Una commissione della Camera dei Rappresentanti a maggioranza repubblicana ha cercato di collegare il presidente alle questioni oggetto di indagine.

Quando i “grandi” soldi per la ricostruzione inizieranno ad affluire, ammesso che ciò accada, i funzionari politici e militari in Ucraina aiuteranno con entusiasmo gli Stati Uniti a riempirsi le tasche.

La corruzione in Ucraina è stata molto visibile questo mese quando il presidente Zelenskyj ha licenziato tutti i reclutatori militari del paese perché vendevano permessi di reclutamento a giovani che cercavano di evitare la guerra.

L’Ucraina finirà per essere l’operazione più costosa mai portata avanti dagli Stati Uniti.

Il Piano Marshall statunitense per la ricostruzione europea dopo la seconda guerra mondiale costò agli Stati Uniti 13,3 miliardi di dollari. Tale importo, in dollari del 2023, ammonterebbe a 173 miliardi di dollari, circa un terzo di quanto costerebbe la ricostruzione dell’Ucraina.

Ci sarà un forte sforzo di lobbying da parte di alcune aziende statunitensi che prevedono di arricchirsi fornendo sostegno all’Ucraina (queste in aggiunta ai soliti sospetti nelle industrie della difesa).

Li abbiamo già visti nell'esercizio di ricostruzione dell'Iraq. Queste attività di lobbying forniranno un’esca a democratici e repubblicani che altrimenti potrebbero abbandonare la guerra.

Ma basterà andare contro la volontà degli elettori americani?

Gli americani possono giustamente chiedersi: cosa otteniamo per queste enormi spese che graveranno seriamente sui contribuenti statunitensi? La politica statunitense nei confronti dell’Ucraina è un disastro da molti punti di vista, ma sicuramente uno di questi è l’enorme costo in dollari nel sostenere questa infinita disavventura.

Autore:

Stephen Bryen è membro senior del Center for Security Policy e dello Yorktown Institute . Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Weapons and Strategy, il suo Substack. Asia Times sta ripubblicando l'articolo con il suo permesso


18 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page