top of page

L'uso dei social media da parte del PCC fa parte di una più ampia campagna di “guerra cognitiva”

Documenti governativi e militari cinesi affermano che le operazioni cognitive mirano a “catturare la mente" dei propri nemici, modellando i pensieri e le percezioni di un avversario e di conseguenza le sue decisioni e azioni. A differenza dei documenti di difesa e degli strateghi statunitensi, l’Esercito popolare di liberazione (PLA) mette la guerra cognitiva alla pari con gli altri ambiti della guerra, come aria, mare e spazio e ritiene che sia la chiave per la vittoria, in particolare di quella senza spargimento di sangue. Le piattaforme di social media sono viste come il principale "campo di battaglia" di questa lotta. La "guerra cognitiva" è parte integrante della Liminal Warfare sino-russa. Da quando Musk ha acquistato Twitter, il coinvolgimento delle fonti di disinformazione cinesi, russe e iraniane è aumentato di circa il 70%. La domanda finale non è se Pechino intraprenderà una guerra cognitiva, ma se le menti e le reti del suo bersaglio siano già pronte a combattere.


di Nicola e Gabriele Iuvinale


La frase “guerra cognitiva” non appare spesso nelle notizie, ma è il concetto fondamentale che si nasconde dietro gli ultimi sforzi della Cina nell'utilizzare i social media per prendere di mira i suoi nemici. Le storie recenti spaziano dalla più grande azione di chiusura di migliaia di account falsi su Facebook, Instagram, TikTok, X e Substack, al tentativo di diffondere disinformazione sugli incendi delle Hawaii, ad una campagna che utilizzava immagini generate dall'intelligenza artificiale per amplificare argomenti politici controversi negli Stati Uniti.

Ricercatori e funzionari si aspettano che sforzi simili siano mirati alle elezioni americane del 2024, così come al potenziale conflitto a Taiwan.

Documenti governativi e militari cinesi affermano che le operazioni cognitive mirano a “catturare la mente” dei propri nemici, modellando i pensieri e le percezioni di un avversario e di conseguenza le sue decisioni e azioni.
A differenza dei documenti di difesa e degli strateghi statunitensi, l’Esercito popolare di liberazione (PLA) mette la guerra cognitiva alla pari con gli altri ambiti della guerra come aria, mare e spazio e ritiene che sia la chiave per la vittoria, in particolare di quella senza guerra. La "guerra cognitiva" è parte integrante della Liminal Warfare sino-russa.

Le piattaforme di social media sono viste come il principale campo di battaglia di questa lotta.

La Cina, attraverso un’approfondita ricerca e sviluppo delle proprie piattaforme, comprende il potere dei social media nel modellare le narrazioni e la cognizione su eventi e azioni. Quando un utente tipico trascorre 2,5 ore al giorno sui social media – 36 giorni interi all’anno e 5,5 anni in una vita media – forse non sorprende che il Partito Comunista Cinese creda di poter, nel tempo, modellare e persino controllare i social media per influenzare e per guidare la fase cognitiva degli individui e delle intere società. Un recente articolo del PLA Daily delinea quattro tattiche di social media, soprannominate “azioni conflittuali”: disturbo dell’informazione, competizione nel discorso, oscuramento dell’opinione pubblica e blocco dell’informazione.

L'obiettivo è raggiungere una "manipolazione invisibile" e un "incorporamento invisibile" della produzione di informazioni "per modellare la struttura macro del pubblico target per riconoscere, definire e comprendere gli eventi", scrivono Duan Wenling e Liu Jiali, professori del Military Propaganda Teaching and Research Department of the School of Political Science at China’s National Defense University.

Disturbo dell'informazione (信息扰动).

Gli autori lo descrivono come “pubblicare informazioni specifiche sui social media per influenzare la comprensione del pubblico target della reale situazione di combattimento, quindi modellare le loro posizioni e cambiare le loro azioni”.

L'"Information Disturbance" utilizza account di social media ufficiali (come CGTN, Global Times e Xinhua News) per spingere e modellare una narrazione in modi specifici. Sebbene questi canali ufficiali abbiano assunto un tono più stridente da "Guerriero Lupo", recentemente, il "Disturbo dell'Informazione" non significa solo apparire forti. Infatti, gli autori cinesi fanno riferimento ad un evento specifico: durante la “guerra su Twitter” del 2014 tra le forze di difesa israeliane e la brigata palestinese Qassam, i palestinesi sono riusciti a “ottenere il sostegno internazionale dipingendo un’immagine di debolezza e vittima”.

La tattica, che precede i social media, ricorda il Tao Guang Yang Hui (韬光养晦) di Deng Xiaoping, tradotto letteralmente come "Nascondi la luminosità, nutri l'oscurità".

La Cina ha creato un messaggio specifico per colpire gli Stati Uniti (e l’Occidente più in generale) sotto il messaggio ufficiale del PCC, secondo cui la Cina era una nazione umile focalizzata sullo sviluppo economico e sulle relazioni amichevoli con altri paesi. Questa narrazione è stata molto potente per decenni; ha plasmato la politica degli Stati Uniti e di altre nazioni nei confronti della Cina.

Competizione del discorso (话语竞争)

Il secondo tipo è un approccio molto più sottile e graduale per modellare la cognizione. Gli autori descrivono una “strategia di trolling” [拖钓], “diffondendo narrazioni attraverso i social media e commenti online, influenzando gradualmente la percezione del pubblico e quindi aiutando a raggiungere obiettivi bellici o politici”. In questo caso, l’idea è quella di “alimentare il fuoco” dei pregiudizi esistenti e manipolare la psicologia emotiva per influenzare e approfondire una narrazione desiderata. Gli autori citano l’incredibile influenza che la “manipolazione invisibile” e l’”incorporamento invisibile” possono avere sulle piattaforme di social media come Facebook e Twitter negli eventi internazionali e esortano affinché le raccomandazioni degli algoritmi vengano utilizzate per spingere sempre più informazioni verso il pubblico con i pregiudizi desiderati. Nel corso del tempo, le emozioni e i pregiudizi aumenteranno e gli utenti presi di mira rifiuteranno le informazioni che non sono in linea con la loro prospettiva.

Oscuramento dell'opinione pubblica (舆论遮蔽).

Questa tattica mira a inondare i social media con una narrativa specifica per influenzare la direzione dell’opinione pubblica. Lo strumento principale per “oscurare” l’opinione pubblica sono i bot che rendono virale la narrazione, eliminando punti di vista e notizie alternative. Da notare il crescente utilizzo dell’intelligenza artificiale nelle operazioni di influenza cinese; gli autori fanno riferimento a studi che mostrano che un metodo comune ed efficace per esercitare un’influenza cognitiva è utilizzare l’apprendimento automatico per estrarre le emozioni e i pregiudizi degli utenti, per selezionare e indirizzare il pubblico più suscettibile e quindi "sparare" rapidamente e intensamente "munizioni spirituali" personalizzate al gruppo target. Ciò era in linea con un altro articolo del PLA Daily intitolato "Come ChatGPT influenzerà il futuro della guerra". Qui, gli autori scrivono che l’intelligenza artificiale generativa può “generare in modo efficiente enormi quantità di notizie false, immagini false e persino video falsi per confondere il pubblico” a un livello di rilevanza sociale generale.

L'idea è quella di creare, nelle loro parole, una "inondazione di bugie" mentre con la diffusione e i troll di Internet creano "fatti alterati" e si crea confusione su di essi. L'obiettivo è creare confusione nella cognizione del pubblico target riguardo ai verità dei "fatti" e gioca sulle emozioni di paura, ansia e sospetto, per creare un'atmosfera di insicurezza, incertezza e sfiducia. Lo stato finale per la società presa di mira è un'atmosfera di insicurezza, incertezza e sfiducia.

Blocca informazioni (信息封锁).

Il quarto tipo si concentra sulla “effettuazione di attacchi tecnici, blocchi e persino distruzione fisica dei canali di comunicazione delle informazioni del nemico”. L'obiettivo è monopolizzare e controllare il flusso di informazioni impedendo a un avversario di diffondere informazioni. In questa tattica - e in nessuna delle altre - gli analisti cinesi ritengono che gli Stati Uniti abbiano un enorme vantaggio. Citano che nel 2009, ad esempio, il governo degli Stati Uniti ha autorizzato Microsoft a tagliare le porte di messaggistica istantanea di Siria, Iran, Cuba e altri paesi, paralizzando le loro reti e cercando di "cancellarle" dal mondo Internet. Gli autori menzionano anche che nel 2022 Facebook ha annunciato restrizioni su alcuni media in Russia, Iran e altri paesi, ma affermano falsamente che la società lo ha fatto per eliminare post negativi nei confronti degli Stati Uniti, affinché questi ottenessero un vantaggio nel “confronto cognitivo”. Tuttavia, questa disparità di potere sulla rete sta cambiando.

Con l’aumento della popolarità di TikTok, è concepibile che la Cina abbia la capacità di modellare le narrazioni e bloccare le informazioni negative. Ad esempio, nel 2019 TikTok avrebbe sospeso l’account di un utente di 17 anni nel New Jersey dopo aver pubblicato un video virale in cui criticava il trattamento riservato dal governo cinese alla minoranza etnica uigura. La Cina ha anche dimostrato la sua influenza sui proprietari delle popolari piattaforme di social media della Silicon Valley. Gli esempi vanno da Mark Zuckerberg che chiede letteralmente a Xi come dovrebbe chiamare sua figlia, alla dipendenza finanziaria di Elon Musk dalla volontà della Cina comunista di produrre e vendere auto Tesla.

Infatti, Newsguard ha scoperto che da quando Musk ha acquistato Twitter, il coinvolgimento delle fonti di disinformazione cinesi, russe e iraniane è aumentato di circa il 70%.

La Cina ha anche iniziato a cercare una maggiore influenza sulle prossime versioni di Internet, dove i suoi analisti descrivono l’incredibile potenziale per controllare meglio il modo in cui viene raccontata la storia del PCC. Mentre gli Stati Uniti non hanno una strategia o politica globale per il metaverso (che utilizza tecnologie di realtà aumentata e virtuale), il Ministero cinese dell’Industria e dell’Information Technology ha pubblicato nel 2022 un piano d’azione quinquennale per guidare in questo spazio. Il piano prevede l’investimento in 100 aziende “core” e la “formazione di 10 piattaforme di servizio pubblico” entro il 2026.

Xi Jinping, nel 2014 intervento alla prima riunione del Central Leading Group for Cybersecurity disse: “La civiltà digitale è un mondo in cui gli spazi digitali creano una comunità dal destino condiviso. Il vasto oceano di dati, proprio come le risorse petrolifere durante l’industrializzazione, contiene un’immensa potenza produttiva e opportunità. Chiunque controlli le tecnologie dei big data controllerà le risorse per lo sviluppo e avrà il sopravvento.”

Il mondo di oggi sta subendo cambiamenti mai visti. È in atto una nuova rivoluzione tecnologica. I dati, soprattutto i big data, sono diventati un nuovo fattore della produzione. La tecnologia dell’informazione è diventata una nuova vetta dell’innovazione. Le reti sono diventate la nuova infrastruttura. L’economia digitale è diventata un nuovo motore economico. La sicurezza informatica è diventata una nuova sfida globale.

La Cina non ha inventato Internet, ma cerca di essere in prima linea nel suo futuro come mezzo non solo di comunicazione e commercio ma anche di conflitto. I suoi stessi analisti discutono apertamente del potenziale potere di questo spazio per raggiungere obiettivi del regime che prima non erano possibili.

La realizzazione della “quarta rivoluzione industriale dell’era moderna” non solo è fondamentale per Pechino, ma lo sarà anche per l’Occidente e per la sopravvivenza stessa del pensiero liberale. Ciò perché v’è la necessità di combattere anche l’ascesa dell’autoritarismo digitale di Pechino, la sua “versione cinese” di modello, che già sta manifestando un’influenza globale su più livelli. Sviluppare e mostrare un modello democratico di contenimento digitale sarà il “playbook” per l’immediato futuro.

La domanda finale non è se Pechino intraprenderà una guerra cognitiva, ma se le menti e le reti del suo bersaglio siano già pronte a combattere.

Fonte Defence One

56 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page