top of page

La Cina è il primo paese al mondo per l'uso dei robot nella produzione; 12 volte più degli USA

Per il controllo dei salari i produttori cinesi utilizzano 12 volte più robot rispetto a quelli statunitensi. I robot sono strumenti chiave per aumentare la produttività e la competitività internazionale. Pertanto, i tassi nazionali di utilizzo dei robot sono indicatori importanti della performance economica. Importante considerare che l'uso i robot ha ragioni economiche più forti nelle economie con salari più alti rispetto a quelle con salari più bassi.


di Nicola e Gabriele Iuvinale


L'ITIF, un importante think tank statunitense ha prodotto una importante ricerca sul tema e cioè come si posizionano le nazioni nell’adozione dei robot quando si prendono in considerazione i livelli salariali?

"I robot sono strumenti chiave per aumentare la produttività e la competitività internazionale. Pertanto, i tassi nazionali di uso dei robot sono indicatori importanti della performance economica".

Per l'ITIF, il metodo più comunemente utilizzato per valutare i tassi di adozione dei robot è calcolare il numero di robot industriali in percentuale dei lavoratori del settore manifatturiero.

Ma è importante considerare che l'utilizzo di robot ha ragioni economiche più forti nelle economie con salari più alti rispetto a quelle con salari più bassi.

Quindi, la domanda più pertinente è: dove si posizionano le nazioni nell’adozione dei robot quando si prendono in considerazione i livelli salariali?

Nel 2021, la Cina ha installato il 18% in più di robot per lavoratore nel settore manifatturiero rispetto agli Stati Uniti.

E, tenendo conto del fatto che i salari manifatturieri cinesi erano significativamente inferiori a quelli statunitensi, la Cina aveva un tasso di utilizzo dei robot nel settore manifatturiero 12 volte superiore a quello degli Stati Uniti.

La ragione di ciò non sono state le forze di mercato, ma la politica del governo.

Il Partito Comunista Cinese ha fatto dell’adozione dei robot di produzione una priorità assoluta, sostenendola con generosi sussidi.

Spiega Robert D. Atkinson, autore del rapporto ITIF, che quando i politici statunitensi parlano di robot, di solito è per criticarli perché sottrarrebbero posti di lavoro; la politica fiscale statunitense non fa nulla per sostenere l’adozione dei robot da parte delle aziende e le politiche proattive per aiutare l’automazione della produzione, anche con i robot, sono finanziate solo in minima parte.

La Federazione Internazionale di Robotica (IFR) riporta i dati sull’uso dei robot nel settore manifatturiero da parte di varie nazioni.

Gli ultimi dati risalgono al 2021.

La Corea è stata il paese che ha adottato più robot industriali al mondo, con 1.000 robot ogni 10.000 lavoratori del settore manifatturiero, mentre Singapore era seconda con 670, seguita da Giappone e Germania con quasi 400. Gli Stati Uniti avevano 274 robot ogni 10.000 lavoratori, mentre la Cina ne aveva 322. (Vedi figura 1.)


Ma, la decisione di installare e far funzionare un robot si basa solitamente sui risparmi dei costi che possono essere ottenuti quando un robot può svolgere un compito al posto di un lavoratore e tali risparmi (sui costi) sono direttamente correlati ai livelli di retribuzione dei lavoratori del settore manifatturiero.
Non dovrebbe quindi sorprendere che la Germania, ad alto salario, abbia un tasso di penetrazione dei robot più elevato rispetto all’India a basso salario.

Ma la domanda interessante è come si comportano le economie nazionali nell’adozione dei robot quando controllano i livelli salariali, dato che il tempo di recupero dell’investimento per un robot si riduce man mano che aumentano i costi della manodopera manifatturiera.

Per una descrizione completa della metodologia utilizzata dall'ITIF sulla questione, consultare il rapporto del 2018 “Quali nazioni realmente guidano l'adozione di robot industriali? "

Confrontando la classifica dei tassi di adozione dei robot previsti con i tassi effettivi, emergono diversi modelli.

Il primo è che, su base salariale adeguata, le nazioni del sud-est asiatico sono leader nel mondo nell’adozione dei robot. (Vedi figura 2.)

La Cina è al primo posto nel mondo con un sorprendente numero di robot adottati pari a 8 volte quello previsto, rispetto a 1,6 volte nel 2017. La Corea ha 4,8 volte più robot del previsto. Taiwan ne ha 3,2 volte di più e Singapore 2,8 volte di più. Gli Stati Uniti hanno solo il 70% dei robot previsti.

PERCHÉ LA CINA È IN VANTAGGIO?

Quando si tratta di adozione di robot, la Cina sembra essere una classe a parte, con i suoi governi nazionali e provinciali che impegnano ingenti somme di denaro per sovvenzionare l’adozione di robot e altre tecnologie di automazione.

Questo è uno dei motivi per cui, secondo l'IFR, la Cina è stata per otto anni consecutivi il più grande mercato mondiale di robot industriali. Alcuni di questi potrebbero essere un’esagerazione dovuta a frodi aziendali finalizzate a ottenere sussidi dai governi per l’installazione di robot, ma è improbabile che la maggior parte lo sia.

Il Piano cinese di sviluppo dell’industria robotica (2016-2020) ha fissato l’obiettivo di decuplicare l’uso dei robot entro il 2025.

Di conseguenza, molti governi provinciali stanno fornendo generosi sussidi alle aziende per acquistare robot, anche se l’accuratezza delle cifre riportate è forse dubbia, poiché la dimensione sfida la comprensione.

Ad esempio, nel 2018 la provincia del Guangdong ha pianificato di investire 943 miliardi di yuan (circa 135 miliardi di dollari) per aiutare le aziende a effettuare la “sostituzione delle macchine”. Allo stesso modo, il governo provinciale dell'Anhui ha dichiarato che investirà 600 miliardi di yuan (circa 86 miliardi di dollari) per sovvenzionare il potenziamento industriale dei produttori nella sua provincia, anche attraverso la robotica. Per mettere questo in prospettiva, è l’equivalente, su base pro-PIL, di un investimento da parte degli Stati Uniti di 4mila miliardi di dollari.

Questi numeri potrebbero essere gonfiati: il Boston Consulting Group ha segnalato circa 6 miliardi di dollari in sussidi.

La Cina fornisce anche incentivi fiscali per gli investimenti in attrezzature e ha emanato il suo secondo piano quinquennale per l’industria della robotica.

In ogni caso, la Cina sembra fornire maggiori sussidi per l’adozione dei robot rispetto a qualsiasi altra nazione, sia in termini assoluti che per robot.

"Confrontatelo con gli Stati Uniti. Non sono previsti sussidi per l’installazione dei robot. Il codice fiscale federale non consente più nemmeno alle aziende di ammortizzare le spese per le attrezzature nel primo anno a fini fiscali. Le implicazioni di ciò dovrebbero essere chiare".

L’unico modo per gli Stati Uniti di competere con i salari manifatturieri più bassi della Cina, adeguati al dollaro, è che i produttori americani siano più produttivi – e l’automazione, compresa la robotica, è la chiave per farlo.

Sfortunatamente, secondo il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti, la produttività manifatturiera statunitense ha registrato un crollo nell’ultimo decennio. Pertanto, a meno che il settore manifatturiero statunitense non incrementi in modo significativo l’adozione della robotica, la Cina guadagnerà una quota di mercato manifatturiera globale ancora maggiore rispetto alle aziende statunitensi.

Per invertire questa situazione, il Congresso dovrebbe istituire un credito d’imposta sugli investimenti del 10% per i produttori e triplicare i finanziamenti per il Manufacturing Extension Service del NIST e il National Robotics Engineering Center di Pittsburgh.

Fonte ITIF

10 visualizzazioni0 commenti
bottom of page