top of page

La Cina ha droni unici: conversano e si dividono il lavoro in “chat di gruppo” simili ai team umani

I droni "scimmia-umani" in Cina. Gli scienziati di Pechino affermano che gli UAV possono "chattare di gruppo" e delegare compiti senza intervento. A ogni drone del cluster viene dato dalla tecnologia un “cervello umano”, che consente loro di comunicare in un linguaggio normale. Questa capacità è stata costruita utilizzando un modello di lingua cinese open source noto come InternLM. La capacità di dialogare abbatte i confini tra esseri umani e robot consentendo agli operatori e ai droni di conversare nel linguaggio umano. L'obiettivo finale è quello di costruire anche robot umanoidi che possano funzionare in ambienti pericolosi e impegnativi e comportarsi più o meno come gli esseri umani, con la massima autonomia. Sebbene la tecnologia non sia stata ufficialmente destinata all’uso militare, la Cina è nota per il suo duplice uso, che viene spesso cooptata dall’Esercito popolare di liberazione



Secondo quanto riferito, l’innovazione cinese nella tecnologia dei droni ha fatto un enorme passo avanti con lo sviluppo di droni unici in grado di conversare e dividersi il lavoro tra loro in “chat di gruppo”, simili ai team umani.

Gli scienziati cinesi che hanno creato questi droni hanno affermato che la tecnologia potrebbe essere applicata per migliorare la logistica aerea, le operazioni di soccorso in caso di calamità e le pattuglie di sicurezza, come riportato da South China Morning Post.

La tecnologia è stata sviluppata da Li Xuelong e dai suoi colleghi della Northwestern Polytechnical University nella Scuola di Intelligenza Artificiale, Ottica ed Elettronica della provincia di Shaanxi.

La tecnologia che consente allo sciame di droni che operano insieme di conversare e lavorare insieme come esseri umani è significativa perché è in contrasto con le consuete tattiche di comunicazione per gli sciami di droni creati per imitare colonie di api e formiche.

Si ritiene che i ricercatori cinesi possano comprendere meglio il comportamento delle macchine utilizzando discussioni di gruppo con i droni per sviluppare un modello mentale trasparente per gli esseri umani.

Secondo un post WeChat dell'account ufficiale dell'università, la ricerca integra enormi modelli linguistici come ChatGPT in applicazioni del mondo reale, portandoli "in vita".

Insieme all'annuncio, c'era un video che mostrava come cinque droni che lavoravano insieme come una squadra riuscissero a localizzare un mazzo di chiavi in ​​un parco all'aperto come parte di un compito che era stato loro debitamente assegnato.

Dopo che un utente ha assegnato ai droni un compito di ricerca nell’esperimento di ricerca delle chiavi, tre droni hanno immediatamente “offerto volontariamente” le loro capacità di ricerca, mentre altri due – dotati di pinze – hanno detto al gruppo che avrebbero potuto trovare le chiavi. Il cluster di droni ha determinato autonomamente come dividersi i compiti.

I droni hanno anche inviato all'utente fotografie della posizione delle chiavi tramite la chat di gruppo per confermare. Il rapporto del team cinese afferma: “Questo livello di dialogo nei punti cruciali migliora significativamente la stabilità e la sicurezza nell’esecuzione di compiti complessi”.

Ognuno dei quattro droni aveva un'area di ricerca designata. I droni hanno manovrato all’unisono per coprire queste aree in modo efficace durante la ricerca delle chiavi. Per indirizzare i loro sforzi, hanno creato una mappa semplificata del sito. Potrebbero anche riconoscere ed evitare gli operatori umani sul loro percorso, con il risultato di voli più sicuri.

Secondo il post di WeChat, “i droni hanno mostrato abilità chiave, tra cui l’interazione del dialogo simile a quella umana, una consapevolezza ambientale proattiva e il controllo autonomo delle entità”. La capacità del cluster di droni di modificare istantaneamente il proprio stato di volo in risposta agli input provenienti dall'ambiente circostante è nota come controllo di entità autonomo.

A ogni drone viene dato dalla tecnologia un “cervello umano”, che consente loro di comunicare in un linguaggio normale. La ricerca afferma che questa capacità è stata costruita utilizzando un modello di lingua cinese open source noto come InternLM.

La capacità di dialogare abbatte i confini tra esseri umani e robot consentendo agli operatori e ai droni di conversare nel linguaggio umano. I droni sono in grado di raccogliere dati e svolgere compiti rapidamente poiché sono dotati di numerosi sensori e algoritmi per la ricerca a bassa quota, l’elusione dinamica degli ostacoli e il posizionamento visivo. Questi droni sono inoltre costruiti per percepire l’ambiente da diverse angolazioni e posizioni.

Il rapporto del team cinese che ha sviluppato questi droni afferma che la tecnologia aiuterebbe le ispezioni di sicurezza, i soccorsi in caso di calamità e il trasporto e la logistica basati sui droni.

Sebbene la tecnologia non sia stata ufficialmente destinata all’uso militare, la Cina è nota per la sua tecnologia a duplice uso, che viene spesso cooptata dall’Esercito popolare di liberazione.


La Cina spera di raggiungere il massimo della sinergia uomo-macchina

Entro il 2027, il governo cinese vuole diventare il leader mondiale nella tecnologia dei robot umanoidi, lavorando instancabilmente verso questo obiettivo. Il Ministero dell’Industria e della Tecnologia dell’Informazione (MIIT) ha richiesto miglioramenti nelle capacità dell’intelligenza artificiale che vadano di pari passo con gli sviluppi nel cervello, nel cervelletto e negli arti dei robot umanoidi.

L'obiettivo finale è costruire robot umanoidi che possano funzionare in ambienti pericolosi e impegnativi e comportarsi più o meno come gli esseri umani, con la massima autonomia.

L’ultima innovazione, che consente ai droni di adattarsi al lessico umano, potrebbe quindi aprire la strada a una maggiore indipendenza tra questi droni che operano insieme.

Ciò diventa ancora più significativo dato che i paesi tecnologicamente avanzati di tutto il mondo, inclusa la Cina, stanno investendo nella tecnologia dei droni a sciame per rendere le operazioni militari e civili più convenienti e pratiche. La Cina ha dato un’anteprima del suo sviluppo di droni sciame nel 2020. Tuttavia, l’autonomia con cui operavano i droni ha scatenato l’isteria, con gli osservatori militari che l’hanno definita mera propaganda.

Lo scetticismo attorno a questa tecnologia, tuttavia, non ha impedito ai cinesi di fare passi da gigante. Nell’agosto di quest’anno, la Cina ha presentato una tecnologia intelligente senza pilota, compreso un sistema di sciami di droni in grado di autoripararsi. Questo sistema è stato sviluppato dalle accademie dell'Esercito popolare di liberazione cinese.

La Cina non ha nascosto il suo desiderio di utilizzare sistemi autonomi e intelligenza artificiale per applicazioni militari e civili. La Cina ha debuttato con il suo spettacolo di luci con droni durante il World Fortune Forum di Guangzhou nel dicembre 2018.

Nel 2022, il China Daily News ha pubblicato un video che mostra uno sciame di droni dell'Università di Zhejiang che segue un ipotetico obiettivo attraverso un boschetto di bambù. Inoltre, a metà del 2022 i media cinesi hanno annunciato che i droni potrebbero lanciarsi dalla portaerei Shandong e sciamare.

A causa di questi sviluppi, gli esperti del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, insieme ai suoi amici e partner, hanno iniziato a fare congetture sulle intenzioni e sul potenziale della Cina per l’utilizzo della tecnologia degli sciami nei conflitti futuri.

Anche se ci sono poche informazioni su come gli ultimi droni con “cervelli umani” sviluppati dal team di Li Xuelong saranno utilizzati dalla Cina, le sue precedenti iniziative indicano che il Paese testerà prima la tecnologia per le infrastrutture e gli interventi civili.



10 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page