La Cina ha pubblicato i dati del PIL del 2' trimestre. Hanno toccato il fondo o sarà crescita zero?

La produzione si è contratta del 2,6% tra aprile e giugno rispetto al trimestre precedente, ha affermato l'ufficio di statistica; la performance più scarsa dal blocco di Wuhan all'inizio della pandemia.

I blocchi persistono nel terzo trimestre. Trentuno città cinesi sono sotto lockdown totale o parziale, colpendo 247,5 milioni di persone in regioni che rappresentano circa il 17,5% dell'attività economica del paese, secondo un'analisi pubblicata questa settimana dalla banca d'investimento giapponese Nomura.

Le esportazioni di minerale di ferro verso la Cina sono diminuite del 3,2% nel primo semestre.

Gli analisti rimangono divisi sul fatto che l'economia abbia ora toccato il fondo.

Julian Evans-Pritchard, economista cinese di Capital Economics, in una nota di venerdì, ha affermato che la crescita "è probabile che rimanga relativamente debole nei prossimi trimestri".

aspettiamo che le cifre ufficiali del PIL quest'anno raggiungano una crescita del 3%-4%, ma pensiamo che la realtà sul campo sarà più vicina alla crescita zero durante tutto l'anno", ha suggerito.

I dati arrivano sulla scia delle crescenti sfide nel settore immobiliare chiave della Cina – che secondo alcune stime rappresenta un quarto del prodotto interno lordo – con vendite di case deboli negli ultimi mesi.

Un numero crescente di acquirenti di case si rifiuta anche di pagare i mutui per la preoccupazione che le loro case non vengano costruite in tempo.

Gli acquirenti di oltre 100 complessi residenziali incompiuti in tutto il paese si sono rivolti ai social media per avvertire che smetteranno di pagare i mutui mensili fino a quando gli sviluppatori non completeranno i progetti.

Secondo ANZ, fino a 1,5 trilioni di RMB (220 miliardi di dollari) di mutui ipotecari sono legati a progetti residenziali incompiuti.

Nomura stima che gli sviluppatori abbiano consegnato solo il 60% circa delle case che hanno pre-venduto tra il 2013 e il 2020, mentre in quegli anni i prestiti ipotecari in circolazione in Cina sono aumentati di 26,3 trilioni di RMB.

“Il modello di prevendita ha aumentato significativamente la leva finanziaria degli sviluppatori, quindi un deleveraging disordinato potrebbe non solo portare a una stretta creditizia per gli sviluppatori e a massicce insolvenze nei mercati obbligazionari offshore in dollari, ma anche a un aumento dei prestiti deteriorati per le banche, che si trovano al centro della situazione finanziaria cinese", ha affermato Ting Lu, capo economista cinese di Nomura, in una nota di ricerca.

Per quanto riguarda le rinfuse secche, la fiacca economia cinese e il travagliato settore immobiliare hanno visto le esportazioni di minerale di ferro verso la nazione più popolosa del mondo diminuire nel primo semestre del 3,2%.

Dati i requisiti inferiori per il minerale di ferro, non solo le esportazioni verso la Cina sono diminuite, ma si è anche accumulate grandi scorte nelle acciaierie e nei porti. È probabile che ciò ritarderà la ripresa delle esportazioni di minerale di ferro verso la Cina.

"Con la Cina che rappresenta il 71% del commercio totale di minerale di ferro e il minerale di ferro che rappresenta il 74% del carico movimentato da capesizes, questo rallentamento ha influenzato notevolmente il segmento", ha commentato Niels Rasmussen, capo analista di spedizione di BIMCO.

Secondo i dati di Braemar, nella prima metà dell'anno, le importazioni di merci sfuse via mare dalla Cina sono diminuite dell'8,3% su base annua a 941,7 milioni di tonnellate, con giugno pari a soli 146,4 milioni di tonnellate, il livello più basso da febbraio 2020.

"Sebbene il secondo trimestre rifletterà in gran parte l'impatto dei blocchi, siamo ancora fiduciosi che l'attività migliorerà nel secondo semestre del 2022, replicato da un aumento della domanda di merci sfuse secche del paese", ha previsto Braemar.

Le navi Capesize hanno prospettive migliori nella seconda metà, secondo un nuovo rapporto di Arrow Group, poiché la domanda di carbone e minerale di ferro dovrebbe rimanere sostenuta dalla crisi energetica e dalla riapertura della Cina.

Nel tentativo di rilanciare l'economia, il governo cinese ha accelerato l'emissione di obbligazioni a scopo speciale, emettendo la maggior parte della sua quota del 2022 di 3,6 trilioni di RMB nei primi sei mesi dell'anno.

"Inoltre, il Ministero delle Finanze cinese sta valutando l'emissione di un ulteriore 1,5 trilioni di RMB rispetto alla quota del 2023 nella seconda metà dell'anno al fine di stimolare la crescita", ha affermato Rasmussen di BIMCO. "Poiché la maggior parte di queste obbligazioni sono allocate a progetti infrastrutturali, se il governo approverà questo ulteriore stimolo, il settore siderurgico cinese dovrebbe riprendersi nella seconda metà dell'anno".

Anche gli analisti della banca olandese ING, che in una nota di ricerca pubblicata oggi, hanno affermato che la ripresa dell'economia è iniziata.

“Poiché riteniamo che l'economia abbia toccato il fondo, stiamo rivedendo al rialzo il tasso di crescita del PIL cinese per il 2022 al 4,4% dal 3,6% precedente. È ancora più lento dell'obiettivo del governo del 5,5% per quest'anno", ha dichiarato ING, indicando la ripresa delle vendite al dettaglio di giugno in aumento del 3,1% su base annua dal -6,7% su base annua di maggio, con un aumento delle vendite di auto del 13,9% su base annua a giugno dal -5,9% su base annua di maggio, principalmente a causa dei sussidi per il consumo di auto di nuova energia. La produzione industriale è aumentata del 3,9% su base annua a giugno dallo 0,7% di maggio.

Fonte: https://splash247.com/dry-bulk-pins-hopes-on-chinas-economy-staging-a-comeback-in-h2/

0 visualizzazioni0 commenti