La nuova guerra fredda USA-Russia accelererà l'ascesa della Cina

Le sanzioni russe, sebbene non promettano di cambiare il comportamento di Putin, costituiscono uno dei più grandi regali che i politici americani ed europei hanno fatto alla Cina, mettendo di fatto la Russia, il paese più ricco di risorse naturali del mondo, nelle tasche di Pechino



di Nicola Iuvinale

Il Presidente Biden ha detto che gli Stati Uniti hanno intrapreso una strategia di contenimento 2.0 contro la Russia, con quelle che chiama "le sanzioni più ampie della storia"; idem l'Unione Europea.


Ma è improbabile che Biden e i capi di governo europei ne abbiano concretamente preventivato gli effetti boomerang. Le conseguenze indesiderate potrebbero biforcare l'economia globale, polarizzare la politica internazionale e rafforzare la Cina a spese dell'America e dell'UE.

Nel corso degli anni, la relativa facilità nell'imporre sanzioni economiche, le ha trasformate in uno strumento grossolanamente abusato della diplomazia americana, precisa Brahma Chellaney, nel suo articolo pubblicato su The Hill.

L'efficacia delle sanzioni statunitensi si è indebolita, con il relativo declino della potenza americana e un numero crescente di prove, suggerisce che tali misure si sono spesso rivelate controproducenti per gli interessi economici e geopolitici dell'America.

"Gli Stati Uniti e l'Unione Europea hanno praticamente espulso la Russia dall'ordine finanziario guidato dall'Occidente, in un momento in cui il potere economico si sta spostando verso oriente".

L'espulsione dell'undicesima economia più grande del mondo, da un ordine internazionale che gli Stati Uniti cercano di mantenere, potrebbe intensificare la ricerca di un sistema alternativo che non sia dominato dall'Occidente.

Quel che è più certo è che la nuova guerra ibrida guidata dagli USA e dall'Europa contro la Russia, incentrata su sanzioni senza precedenti, aiuterà ad approfondire l'asse Pechino-Mosca contro Washington e farà della Cina "il grande vincitore finanziario e geopolitico", aiutando, così, la sua espansione economica e militare.

Le pesanti sanzioni economiche dell'Occidente nei confronti di Mosca, inclusa la disconnessione delle principali banche russe dal sistema internazionale di pagamenti SWIF, trasformeranno la Cina nel banchiere della Russia, consentendole di raccogliere enormi profitti.

Anche in termini strutturali, il peso delle sanzioni alla Russia costituirà, comunque, un vantaggio per la Cina: per "isolarsi" e ridurre al minimo i danni da simili sanzioni occidentali in caso di invasione di Taiwan, Pechino sta cercando di rafforzare i pagamenti e il ruolo di riserva dello yuan e l'uso internazionale del suo concorrente SWIFT: il sistema di pagamento interbancario transfrontaliero o CIPS.

Inoltre, le sanzioni hanno aperto la strada alla Cina alla costruzione di una rete di "sicurezza energetica" attraverso maggiori importazioni da terra, in modo che possa resistere anche ad un potenziale embargo - o blocco energetico guidato dagli Stati Uniti e dall'Europa - in caso di invasione di Taiwan.

La reimposizione delle sanzioni sul gasdotto Nord Stream 2 è una buona notizia per Pechino, che sta cercando di aumentare ulteriormente le importazioni di energia dalla Russia, dopo aver concluso nuovi accordi di petrolio e gas per un valore di ben 117,5 miliardi di dollari, durante la visita di Vladimir Putin a Pechino il mese scorso.

Ecco il paradosso: la Cina non ha dovuto affrontare sanzioni finanziarie occidentali o altre significative sanzioni, nonostante abbia già ingoiato Hong Kong, ridisegnato la mappa geopolitica del Mar Cinese Meridionale, ampliato le sue frontiere terrestri in Himalaya e costruito un gulag musulmano con oltre un milione di detenuti, che due amministrazioni statunitensi hanno definito "genocidio" e "crimini contro l'umanità".

Al contrario, come hanno sottolineato i due round di sanzioni di Biden lo scorso anno, la Russia è rimasta un facile bersaglio per l'escalation delle sanzioni americane negli ultimi dieci anni, perché gli Stati Uniti hanno poco interesse nell'economia russa.

In quest'ottica, l'attacco dell'Occidente alla Russia renderà sicuramente la Cina il principale beneficiario delle sanzioni, aiutando così il “sogno cinese” del presidente cinese Xi Jinping di soppiantare gli Stati Uniti come principale potenza, militare ed economica, del mondo.

Le nuove sanzioni guidate da Biden contro la Russia saranno probabilmente indebolite dal regime di Xi, a meno che l'Occidente non insegua anche la Cina.

Ma questa possibilità sembra remota.

Nell'ambito di una strategia diplomatica per estorcere importanti concessioni all'Occidente, Pechino, sulle sanzioni russe, giocherà con Washington allo stesso gioco del gatto e del topo che ha seguito a lungo contro le sanzioni della Corea del Nord.

Farà finta di collaborare con gli Stati Uniti, mentre minerà silenziosamente le sanzioni occidentali, anche aiutando la Russia a trovare soluzioni finanziarie incentrate sulla Cina.

L'indignazione per l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia non dovrebbe oscurare un fatto chiave: la Cina, con una popolazione ed un'economia circa 10 volte più grandi della Russia, rappresenta la sfida più grande per l'America e l'Unione Europea.

Mentre le priorità e le ambizioni strategiche della Russia sono concentrate nel suo vicinato, la Cina sta lavorando per soppiantare gli Stati Uniti come potenza globale dominante.

Come ha affermato il mese scorso il direttore dell'FBI Christopher Wray , "Non esiste paese che rappresenti una minaccia più ampia per le nostre idee, la nostra innovazione e la nostra sicurezza economica della Cina".

E la "scala del loro programma di hacking... è maggiore di ogni altro paese messo insieme". La Cina ha ampliato le sue attività di spionaggio negli Stati Uniti a tal punto, secondo Wray, che l'FBI sta avviando una nuova indagine di controspionaggio in media ogni 12 ore.

Per la Cina, la cui immagine globale è ai minimi storici, la nuova guerra fredda Washington-Mosca (con la Russia che riemerge come " impero del male " nella percezione occidentale) non potrebbe arrivare in un momento migliore.

Xi ha mostrato un crescente appetito nel correre grandi rischi; ritiene che la Cina abbia una finestra di opportunità strategica molto stretta per tentare di modificare l'ordine internazionale a suo favore, prima di affrontare una crisi demografica, una crescita economica in stallo e un ambiente globale sfavorevole.

Putin, attraverso la sua guerra di aggressione, sta aiutando inconsapevolmente Pechino, anche distogliendo gli Stati Uniti e l'Unione Europea dalla sfida con la Cina.

La guerra, che ha le caratteristiche di un lungo e pericoloso confronto tra Russia e NATO, aiuterà Xi a perseguire il suo "sogno cinese".

È probabile che Biden manterrà la sua promessa di far pagare alla Russia un conto "caro, economicamente e strategicamente".

Domare un'Ucraina, in gran parte ostile, potrebbe impantanare la Russia in una pozzanghera, soprattutto perché le armi letali occidentali continuano a fluire verso le forze di resistenza ucraine.

La richiesta di Biden al Congresso di 10 miliardi di dollari in ulteriore assistenza ucraina, mostra che la sua strategia di contenimento 2.0, include un piano Afghanistan 2.0, per replicare in Ucraina, la guerra segreta che la CIA guidò negli anni '80 e che alla fine scacciò le forze sovietiche dall'Afghanistan.

Il crescente coinvolgimento dell'America nella sicurezza europea, tuttavia, aprirà maggiore spazio all'espansionismo cinese nell'Indo-Pacifico, una regione che darà forma al nuovo ordine mondiale.

In effetti, la politica degli Stati Uniti, invece di creare un cuneo tra Russia e Cina, sta fungendo da ponte che li unisce contro un'America.

Più fondamentalmente, la politica statunitense ha imparato poco dal suo errore strategico nell'aiutare l'ascesa della Cina sotto i successivi presidenti americani, da Richard Nixon a Barack Obama, che ha portato quel paese a porre oggi una sfida militare, economica e tecnologica su una scala che l'America non aveva mai visto prima.

Quasi ogni volta che gli Stati Uniti hanno sanzionato qualsiasi paese nel periodo successivo alla Guerra Fredda, hanno contribuito a far avanzare gli interessi commerciali e strategici cinesi.

Le sanzioni russe, sebbene non promettano di cambiare il comportamento di Putin, costituiscono uno dei più grandi regali che i politici americani hanno fatto alla Cina.

Mettendo di fatto la Russia, il paese più ricco di risorse naturali del mondo, nelle tasche di Pechino, le sanzioni produrranno grandi dividendi per una Cina affamata di risorse, inclusa la possibilità di dettare i termini delle relazioni bilaterali e garantire un maggiore accesso alla tecnologia militare russa.

Dopo la debacle afgana di Biden e l'incapacità di scoraggiare l'invasione russa dell'Ucraina, Taiwan potrebbe diventare il suo prossimo disastro in politica estera?

Xi probabilmente aspetterà il suo momento e attenderà il momento opportuno prima di passare a Taiwan, cogliendo di sorpresa gli Stati Uniti distratti e facendo calare il sipario sulla lunga ascesa dell'Occidente.

Fonte The Hill: Brahma Chellaney è una geostratega e autrice di nove libri, tra cui il pluripremiato “Water: Asia's New Battleground” (Georgetown University Press).

133 visualizzazioni0 commenti