top of page

La PLA svela lo sciame di droni "auto-riparanti" con tecnologia a realtà aumentata AR interattiva

La Cina ha recentemente presentato una serie di tecnologie intelligenti senza pilota, tra cui un sistema di sciami di droni in grado di "ripararsi da soli" e un sistema di interazione con la realtà aumentata (AR) che consente ai singoli soldati di fanteria di controllare più velivoli o veicoli senza pilota


di Nicola e Gabriele Iuvinale



Le tecnologie, sviluppate dalle accademie dell'Esercito popolare di liberazione cinese (PLA), sono state rivelate per la prima volta in un documentario ufficiale trasmesso la scorsa settimana per celebrare il 96° anniversario della PLA.

Secondo il documentario, dopo che i droni si sono addestrati autonomamente e hanno acquisito informazioni attraverso milioni di simulazioni offline oltre a centinaia di voli reali, i ricercatori della National University of Defense Technology della PLA hanno sviluppato un tipo di sciame di droni in grado di correggersi automaticamente, o "auto-ripararsi" in caso di interruzione delle comunicazioni.

"Attraverso la rete e il coordinamento autonomi, gli algoritmi intelligenti installati sui singoli droni possono formare una potente mente alveare, che fornisce stabilità e capacità anti-jamming allo sciame", ha affermato Xiang Xiaojia, ricercatore presso la National University of Defense Technology, nel documentario.

In un test non datato delle contromisure di interferenza, uno sciame di dozzine di droni ha perso uno per uno la comunicazione e la navigazione con la stazione di controllo a terra, ma è riuscito a ripristinare i collegamenti utilizzando autonomamente gli algoritmi anti-jamming degli altri droni dello sciame.

Il test ha visto la partecipazione di diversi tipi di droni ad ala fissa di medie dimensioni che volavano nello stesso sciame, inclusi droni a configurazione aerea tradizionale e un tipo di drone a decollo e atterraggio verticale.

Lo sciame ha proseguito e organizzato autonomamente il suo percorso, coprendo un'ampia area, ha trovato il bersaglio e lo ha distrutto.

Un altro sistema tecnologico sviluppato dall'Accademia delle scienze militari della PLA, denominato Integrated Intelligent Interaction System, è in fase di sperimentazione in unità di livello base, afferma il documentario.

Dotato di un elmetto e di un guanto intelligente, il sistema consente a un singolo soldato di fanteria di controllare simultaneamente più velivoli o veicoli senza pilota ed eseguire operazioni di integrazione senza pilota, ha detto nel documentario Xie Xin, ricercatore presso l'Accademia delle scienze militari.

Il casco fornisce un head-up display AR e il guanto viene utilizzato per controllare i droni attraverso i gesti.

I droni compatibili con il sistema includono velivoli portatili ad ala rotante, ornitotteri simili a uccelli e veicoli cingolati.

Questo sistema può migliorare in modo significativo la consapevolezza della situazione delle truppe sul campo di battaglia attraverso la ricognizione dei droni, inviare droni per missioni di attacco e aiutare a creare percorsi attraverso terreni complessi, mostra il documentario.

La Cina è nota come sviluppatore di molte piattaforme avanzate di droni come velivoli, navi e veicoli senza pilota, e sta anche sviluppando sistemi che li rendono più intelligenti, ha detto domenica al Global Times un esperto militare con sede a Pechino che ha chiesto l'anonimato.

Una tendenza per lo sviluppo di apparecchiature senza pilota è l'intelligentizzazione, la digitalizzazione e l'automazione, che offriranno vantaggi in combattimento, ha affermato l'esperto.

Riproduzione riservata.

17 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page