top of page

Le strategie di frontiera della Cina. L’ideologia marxista-leninista è la ragione principale della paranoia della sicurezza. L'uso calcolato dello scontro è per mostrare l’invincibilità del comunismo


Storicamente, la Cina non ha operato con un concetto fisso di “confine” inteso nel senso geopolitico moderno. Sotto il dominio dinastico, l'imperatore cinese era visto come il sovrano di tutte le terre sotto il cielo, con i territori direttamente sotto il suo controllo e quelli al di là considerati incivili o parte di un sistema tributario che riconosceva la supremazia del Regno di Mezzo. Oggi, le politiche di confine della Cina sono strettamente legate all’ideologia marxista-leninista, all’uso calcolato dello scontro, alla continua lotta con Taiwan sulla legittimità e al desiderio di mostrare l’invincibilità del comunismo nella conquista di territori storicamente indipendenti adiacenti alla Cina. Questi fattori spiegano collettivamente la posizione assertiva, e talvolta aggressiva, della RPC nelle sue relazioni internazionali e nelle controversie sui confini. Comprendere questi concetti determinanti è fondamentale per analizzare le azioni della Cina sulla scena globale e anticipare le sue future direzioni politiche.


Autore: Miles Maochun Yu


Storicamente, la Cina non ha operato con un concetto fisso di “confine” inteso nel senso geopolitico moderno. Sotto il dominio dinastico, l'imperatore cinese era visto come il sovrano di tutte le terre sotto il cielo, con i territori direttamente sotto il suo controllo e quelli al di là considerati incivili o parte di un sistema tributario che riconosceva la supremazia del Regno di Mezzo. Questo sistema, che durò fino alla caduta della dinastia Qing nel 1912, non necessitava di confini definiti poiché l’accento era posto sulle relazioni gerarchiche piuttosto che sulla sovranità territoriale.

L’arrivo delle potenze coloniali europee in Asia, con la loro insistenza su chiare demarcazioni territoriali per le loro colonie, ha cambiato radicalmente questa prospettiva, costringendo la Cina a confrontarsi con il concetto di confine nei negoziati sia con le potenze coloniali che con gli stati vicini.

Sebbene la Repubblica Cinese post-Qing, sotto il Partito Nazionalista Cinese, avesse tentato di definire i confini nazionali con vari paesi, per lo più non fu in grado di farlo a causa degli incessanti conflitti interni e delle invasioni straniere. La formazione dello stato comunista, la Repubblica popolare cinese (RPC), nel 1949 offrì quindi al governo comunista appena costituito importanti opportunità per negoziare e definire i suoi confini con i paesi vicini. Dal punto di vista normativo, negoziati sui confini vigorosi ma equi e rispettosi sono cruciali per la sovranità nazionale, la sicurezza e l’integrità territoriale, guidando la politica estera di un paese e le sue interazioni con gli stati vicini.

Tuttavia, fin dalla sua fondazione, la RPC ha adottato una serie di strategie di confine che si sono rivelate un boomerang per Pechino, sprecando numerose opportunità storiche per fare la pace con i suoi numerosi vicini: più di qualsiasi altro paese al mondo, la RPC condivide i suoi confini terrestri con 14 paesi. e ha confini marittimi con molti altri, comprese potenze significative e nazioni più piccole.

Invece, le strategie fuorvianti della RPC sui confini hanno reso molti paesi vicini dei formidabili avversari della Cina. Per contrastare le aggressive richieste territoriali e marittime della RPC, alcuni hanno stretto alleanze con le superpotenze globali, storicamente l’Unione Sovietica e attualmente gli Stati Uniti, intensificando ulteriormente le molteplici sfide ai confini della Cina.

Il risultato è la caratteristica più identificabile della Repubblica Popolare Cinese, ovvero una paranoia profondamente radicata in materia di sicurezza, una mentalità da assedio basata sulla convinzione nell'accerchiamento strategico, percepito o reale, da parte dei suoi numerosi vicini e delle loro potenti superpotenze globali alleate.

Questa paranoia sulla sicurezza profondamente radicata nel pensiero strategico cinese accresce e arricchisce la paura di una cospirazione internazionale volta a contenere la Cina. È questa paranoia della sicurezza alimentata dai confini che ha spinto la Cina comunista a sviluppare le sue capacità militari critiche che sono state al centro dell’aggressione regionale della RPC e della sua strategia globale di dominio.

L’approccio della Cina alle politiche sui confini è profondamente influenzato da una combinazione di quattro fattori chiave: impegno ideologico, calcolo strategico, competizione di legittimità con la Repubblica di Cina (Taiwan) e desiderio del PCC di dimostrare il suo prestigio a tutto tondo e la sua invincibilità.

L’ideologia marxista-leninista è la ragione principale della paranoia della sicurezza cinese.

Al centro della governance e della politica estera della RPC c'è la sua adesione a una rigida ideologia marxista-leninista. Questo quadro ideologico non solo modella le politiche interne, ma definisce anche le interazioni della Cina sulla scena globale, soprattutto con i suoi vicini. Storicamente, il Partito Comunista Cinese (PCC) ha mostrato una tendenza a raggiungere accordi amichevoli con i paesi che si allineano ideologicamente al comunismo o che mostrano sentimenti autoritari anti-occidentali. Ciò è evidente nei suoi accordi di confine straordinariamente generosi con nazioni come l’Unione Sovietica (e poi la Russia), la Mongolia, la Birmania e la Corea del Nord, in base ai quali territori percepiti come sotto il dominio sovrano della Cina decine di volte più grandi di Taiwan furono ceduti a questi paesi ideologici. compagni di viaggio.

La posizione ideologica del PCC ha portato anche all’utilizzo come arma delle questioni legate ai confini contro paesi percepiti come avversari ideologici o alleati dei suoi nemici ideologici, in particolare gli Stati Uniti e i suoi alleati come Giappone, Corea del Sud e Filippine. La situazione di Taiwan esemplifica questo conflitto ideologico, in cui l'integrità territoriale è secondaria rispetto alla disputa ideologica tra il PCC e la Repubblica Cinese (ROC) a Taiwan e i suoi alleati democratici in Occidente. La volontà storica del PCC di cedere territori molto più grandi di Taiwan a paesi ideologicamente compatibili, contestando ferocemente la sovranità di Taiwan, sottolinea il primato dell’ideologia sulle preoccupazioni territoriali.

La strategia principale della RPC nella politica internazionale, ovvero Usare il Confronto per Estrarre la Cooperazione (以对抗求合作), è stata altrettanto determinante nel causare la paranoia della sicurezza in Cina. Caratteristica dell’approccio diplomatico cinese, questa strategia cerca di produrre confronto e provocazione per forzare la negoziazione e la cooperazione da una posizione di forza. Si tratta inizialmente di un’escalation delle tensioni per creare un problema per un’altra parte, aumentando così il potere contrattuale della Cina e costringendo l’altra parte a negoziare da una posizione più debole.

La Cina utilizzò questa tattica soprattutto durante la guerra di Corea, quando la maggior parte delle battaglie dopo il primo anno di conflitto furono combattute dalle truppe del PCC per creare una posizione più vantaggiosa durante i negoziati della maratona di Panmunjom con le forze delle Nazioni Unite sulle condizioni in cui il paese si trovava a combattere. I prigionieri di guerra di entrambe le parti dovrebbero essere scambiati. La Cina voleva il ritorno incondizionato di tutti i prigionieri di guerra cinesi, mentre le Nazioni Unite hanno insistito affinché ogni prigioniero di guerra cinese dichiarasse la sua intenzione individuale se desiderava tornare a casa o restare nel mondo libero.

Un altro esempio recente e significativo sono le provocazioni deliberate della Cina durante l’amministrazione Biden sullo Stretto di Taiwan per sfidare la Casa Bianca, avversa al confronto, al fine di acquisire più forza in molti vertici strategici bilaterali con l’entusiasta e cooperativa amministrazione Biden. Se la presidente della Camera Nancy Pelosi avesse visitato Taiwan durante l’amministrazione Trump, il PCC non avrebbe avuto una reazione così violenta e deliberata alla sua visita nello Stretto di Taiwan e nei dintorni; ciò perché alla Cina è stato chiarito che una tattica del genere non avrebbe mai funzionato con un americano, con un’amministrazione che conosce le sue regole ed è disposta a reagire con forze preponderanti.

In molti accordi di confine, le provocazioni strategiche del PCC sono progettate per testare e sfruttare l'avversione al confronto di altre nazioni, con l'obiettivo di ottenere risultati favorevoli attraverso successivi negoziati. Quasi tutte le sanguinose tensioni al confine con l’India dal 1959, ad esempio, sono state provocate dalla RPC per prendere il sopravvento nei negoziati nell’imminente tornata di colloqui sul confine. L'errore di calcolo di questo approccio dogmatico della RPC è che tali provocazioni deliberate non possono che aumentare l'animosità dell'India nei confronti della RPC. In effetti, di tutti i paesi vittime di bullismo da parte della RPC con tali tattiche, nessuno ha mostrato un segno permanente di sottomissione. La rafforzata resistenza alla provocazione della RPC a sua volta aumenta la paranoia della sicurezza dell'élite del PCC, di sua stessa creazione.

Competere con Taiwan per il diritto di rappresentare la “Cina” gioca anche un ruolo importante nell’escalation delle tensioni ai confini della Cina con i suoi vicini – e nella sua paranoia in materia di sicurezza.

Molte delle controversie sui confini della Cina hanno origine da rivendicazioni territoriali avanzate dalla Repubblica Cinese, trasferitasi a Taiwan nel 1949.

L'insistenza della Repubblica Popolare Cinese nell'essere l'unico governo legittimo che rappresenta la Cina è una risposta alle rivendicazioni di Taiwan su territori come il Mar Cinese Meridionale e le Isole Senkaku.

Al contrario, questa lotta per la legittimità si estende alla Mongolia, dove, nonostante il riconoscimento della sovranità mongola da parte della Repubblica Popolare Cinese, la Repubblica Cinese è ancora divisa sulla questione se la Mongolia debba essere considerata parte della Repubblica Cinese o meno, con il Partito Democratico e Progressista (DPP) che riconosce l'indipendenza della Mongolia. nel 2002, e il Partito nazionalista cinese (KMT) tende a sostenere il contrario. Le dispute territoriali, quindi, non riguardano solo la terra ma anche il diritto di rappresentare la Cina sulla scena internazionale.

Infine, l’ambizione imperiale e l’arroganza comunista del PCC di mostrare il proprio potere e la propria legittimità come governo centrale della Cina hanno portato a tentativi di rivendicare territori come il Tibet e lo Xinjiang, che avevano avuto tenui rapporti con la Cina imperiale e a volte erano di fatto indipendenti. L'invasione e la successiva “liberazione” di queste regioni sono descritte nella propaganda del PCC come risultati fondamentali per realizzare il sogno cinese di riunificazione e ringiovanimento nazionale. La narrazione sottolinea il ruolo del PCC come unico partito politico in grado di ripristinare la grandezza storica della Cina, motivando ulteriormente la sua posizione aggressiva nei confronti delle controversie sui confini.

Quando l’occupazione cinese, la brutale repressione e i genocidi in Tibet e nello Xinjiang hanno suscitato condanne e sanzioni a livello internazionale, il PCC ha inevitabilmente considerato queste risposte come una prova ancora più tangibile del contenimento internazionale dell’unico regime comunista rimasto al mondo, aggiungendo un altro livello al già incurabile paranoia della sicurezza.

Le politiche di confine della Cina sono strettamente legate all’ideologia marxista-leninista, all’uso calcolato dello scontro, alla continua lotta con Taiwan sulla legittimità e al desiderio di mostrare l’invincibilità del comunismo nella conquista di territori storicamente indipendenti adiacenti alla Cina. Questi fattori spiegano collettivamente la posizione assertiva, e talvolta aggressiva, della RPC nelle sue relazioni internazionali e nelle controversie sui confini. Comprendere questi concetti determinanti è fondamentale per analizzare le azioni della Cina sulla scena globale e anticipare le sue future direzioni politiche.


39 visualizzazioni0 commenti

Komentáře


bottom of page