ll disastro manifatturiero autoinflitto della Germania è un'opportunità per gli USA. È capitalismo.

Germania kaputt!!

ll disastro manifatturiero autoinflitto della Germania è un'opportunità per l'America.

Conviene trasferire una parte della produzione in Usa o Canada?

🗽

Durante le prime fasi della crisi del debito sovrano nel 2008, il governo tedesco di Angela Merkel ha resistito "al salvataggio" dei paesi periferici dell'eurozona, in particolare Grecia e Italia. I commenti tedeschi dell'epoca sostenevano che le persone dell'Europa meridionale fossero "pigre" e quindi non meritassero di essere aiutate.

Alla fine, tuttavia, la Germania ha sostenuto la normativa di salvataggio della Banca Centrale Europea.

Perché il cambio di strategia?

In gran parte perché l'economia tedesca dipende dalle esportazioni.

Berlino voleva sostenere i suoi mercati di esportazione in tutta l'Europa meridionale. Ma sapeva che il crollo dell'euro avrebbe significato la reintroduzione del marco tedesco. Il suo valore del sarebbe stato notevolmente superiore a quello dell'euro. Gli esportatori tedeschi si sarebbero quindi trovati in una situazione di svantaggio comparativo.

Questa storia è importante perché ora la Germania è costretta ad accettare la riduzione del proprio consumo di gas naturale. La Germania affronterà un freddo inverno a causa della sua politica profondamente fuorviante nel fare affidamento sull'energia russa.

La Germania si è fidata del presidente russo Vladimir Putin. Invece di ascoltare gli echi di Winston Churchill, la Germania ha dato fiato alla voce morta di Neville Chamberlain: "energia a buon mercato nel nostro tempo".

Eppure l'economia tedesca rimane incentrata sull'esportazione e sulla produzione.

Questa rappresenta il 18% del suo PIL.

In confronto, la produzione rappresenta circa il 9% del PIL in Francia e il 10% del PIL negli Stati Uniti.

Il problema della Germania: il prezzo del gas naturale nel Nord Europa è 20 volte più alto che negli Stati Uniti.

I produttori tedeschi stanno già chiudendo le operazioni ad alta intensità energetica.

Il colosso chimico tedesco BASF sta chiudendo le sue produzioni di fertilizzanti ad ammoniaca. Quest'inverno, andrà solo peggio.

La produzione tedesca cadrà in un profondo congelamento.

Al contrario, gli Stati Uniti sono un produttore di energia a basso costo. In USA il gas naturale costa circa $ 8,00 per 1.000 piedi cubi.

In Europa, il gas naturale costa quasi $ 200 per 1.000 piedi cubi.

Per James Rogan, ex ufficiale dei servizi esteri statunitensi, che ha lavorato anche nel settore finanziario e legale per 30 anni, gli Stati Uniti hanno ora l'opportunità di creare una rinascita manifatturiera basata sull'energia a basso costo e su una conservata fiducia nel capitalismo.

Spetterà loro se guidare di nuovo il mondo nel settore manifatturiero o ascoltare le false promesse della "lobby verde" che vorrebbe ristrutturare l'economia statunitense in un disastro diretto dallo stato, che alla fine porterà solo alla debolezza economica e ad una continua battaglia per le briciole.

La torta economica sarebbe più grande se ora gli USA giocassero solo sui loro punti di forza: energia a basso costo e competenza manifatturiera globale.

Ora chiedetevi: conviene trasferire una parte della produzione in Usa o Canada?

Si.


0 visualizzazioni0 commenti