Lukashenka gestisce la tratta dei migranti e la CEDU ordina alla Polonia di tenerli. Così non va!

La Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito ieri che è vietato alle autorità di Polonia, Lituania e Lettonia rimandare in Bielorussia i migranti che sono stati in grado di attraversare il loro confine. Ma la manager di una delle compagnie di viaggio bielorusse, che dalla primavera importa migranti da Iraq, Siria, Libano, Yemen in Bielorussia per il successivo attraversamento illegale del confine bielorusso-polacco ha riferito che decine di aziende bielorusse sono state coinvolte in questa attività e in ottobre il ministero degli Esteri ha privato la maggior parte di loro del diritto di inviare inviti ai migranti. Nella lista sono rimaste solo 12 aziende, 11 delle quali non hanno mai lavorato nel settore e, secondo la manager, sono state create esclusivamente “per i migranti” da persone vicine alle autorità di Lukashenka. Sono davvero profughi?


di Nicola Iuvinale

Ieri la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha stabilito che è vietato alle autorità di Polonia, Lituania e Lettonia rimandare in Bielorussia i migranti che sono stati in grado di attraversare il confine.

La CEDU, secondo Babel, avrebbe applicato l'articolo 39.

Dal 20 agosto al 3 dicembre, la CEDU ha esaminato 47 domande presentate da 198 richiedenti, i quali hanno chiesto di rimanere nell'UE. I migranti hanno intentato il maggior numero di azioni legali contro la Polonia (44), altre due contro la Lettonia e una contro la Lituania.

Il 22 novembre scorso, la portavoce del servizio di frontiera polacco Anna Michalska aveva annunciato i piani della Polonia per espellere 200 migranti che erano riusciti a sfondare il confine ed entrare nel paese.

Di converso, l'organizzazione per i diritti umani Human Rights Watch ha affermato che Polonia e Bielorussia erano "corresponsabili della crisi al confine". L'organizzazione ha accusato la parte polacca di ignorare le richieste delle persone e di usare trattamenti crudeli e la bielorussa di usare i migranti per interessi politici.

Dopo l'imposizione di sanzioni contro la Bielorussia, il flusso di migranti dal Medio Oriente è diminuito al confine dell'UE (Polonia, Lituania, Lettonia).

L'Europa crede che il regime di Alexander Lukashenko abbia deliberatamente creato una crisi migratoria e che la Russia stia aiutando la Bielorussia in questo.

Dall'8 novembre si osserva la crisi con migliaia di migranti al confine tra Polonia e Bielorussia.

Lì si è formato un campo spontaneo e i migranti hanno tentato più volte di prendere d'assalto il confine. Diversi gruppi sono riusciti a sfondare il confine e ad arrivare in Polonia.

Un massiccio assalto è iniziato il 16 novembre, dove sono rimasti feriti sette agenti di polizia polacchi. I tentativi di sfondare il confine sono ancora in corso, ma alcuni migranti hanno iniziato a tornare a casa.

Il 19 novembre, l'autoproclamato presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha riconosciuto che le truppe bielorusse potrebbero aiutare i migranti a entrare nell'UE.

Il 2 dicembre Stati Uniti, Unione Europea, Gran Bretagna e Canada hanno imposto sanzioni alla Bielorussia per la crisi migratoria. La Bielorussia ha promesso sanzioni di ritorsione.

Ma come stanno realmente le cose?

Da quando è iniziato il traffico?

Chi c'è dietro e chi sono i migranti?

Sempre ieri la testata Novayagazeta ha pubblicato un'intervista esclusiva a Alexandra Murashova (il nome è stato volutamente cambiato per garantirle l'anonimato).

È la manager di una delle compagnie di viaggio bielorusse, che dalla primavera importava migranti da Iraq, Siria, Libano, Yemen in Bielorussia per il successivo attraversamento illegale del confine bielorusso-polacco.

"L'attività dei migranti è iniziata con un incontro amichevole al Beijing Hotel di Minsk. Il numero di persone che hanno attraversato il confine verso l'Europa è in realtà nell'ordine delle migliaia. E' iniziato in primavera e allora passavano tutti, a migliaia".

All'inizio della primavera, racconta Alexandra Murashova alcuni ragazzi iracheni sono volati a Minsk, offrendo ad una persona molto vicina alla famiglia Lukashenka un buon affare: chiedere all'agenzia di viaggi Tsentrkurort - il principale rappresentante per il turismo in entrata in Bielorussia, una struttura statale all'interno del Dipartimento of Affairs - di dare carta "bianca" sugli arrivi di persone interessate ad attraversare illegalmente il confine con la Polonia, e poi guidarle verso Germania, Francia, Belgio.

Non sarebbero uomini d'affari Iracheni, ma molto vicini al governo di Bagdad.

"Cioè, c'erano confidenti senza posizioni specifiche, lobbisti ombra. L'incontro si è svolto a metà marzo presso l'Hotel Beijing di Minsk. Le parti hanno convenuto l'accordo. Quindi molto rapidamente è stato aperto un ufficio di rappresentanza di Iraqi Airways a Minsk".

Quindi "lo schema" funziona da più di sei mesi e solo ora ha cominciato a sembrare un grande spettacolo, dice la Murashova.

"Nei nostri circoli, tra coloro che sono coinvolti in questo business", afferma la manager, "dicono che questo è lo scenario della primavera 2011. Allora era necessario spostare l'attenzione della gente dalla repressione a qualcos'altro. Ed è auspicabile spostare l'attenzione di tutto il mondo, e non solo dei bielorussi. Nel 2011, è stato un attacco terroristico nella metropolitana di Minsk. Adesso, dieci anni dopo, c'è la crisi dei migranti. Ma lo schema è assolutamente identico. Dalla primavera, Iraqi Airways ha lanciato voli e Boeing 777 e airbus con una capacità di 400-600 persone. Questo è stato organizzato come gite di escursione di gruppi turistici".

Ma chi sarebbero i beneficiari degli eventi della metropolitana e della crisi dei migranti?

"Il beneficiario è lo stesso. Inoltre, ha guadagnato molti soldi su questa migrazione... Da ottobre, solo 12 aziende hanno mantenuto il diritto di registrarsi e ricevere questi "gruppi turistici". E 11 di questi sono spam. Non hanno mai lavorato sul mercato e nessuno ne ha mai sentito parlare. La principale agenzia di viaggi per migranti oggi è Oskartur. Lo stesso figlio del beneficiario è il suo comproprietario. So che le persone di Damasco, di Beirut, chiamano lì e dicono: "Possiamo inviarti 100-200 persone al giorno, effettuiamo il pagamento anticipato al cento per cento, ti basta inviare gli inviti". Cioè, il canale si è ristretto bruscamente, ma il flusso è rimasto" dice la manager intervistata.

"Tutto è iniziato quando i ragazzi dall'Iraq hanno deciso di guadagnare soldi extra. Ai bielorussi è stata data anche l'opportunità di guadagnare con questo business: in un primo momento, tutte le compagnie di viaggio autorizzate e operanti sul mercato da più di un anno potevano inviare loro gli inviti. E solo dopo che a tutte le agenzie di viaggio, ad eccezione delle 12 di cui ho parlato, è stato vietato farlo, è iniziata tutta questa campagna di pubbliche relazioni chiamata "crisi dei migranti".

I migranti hanno ovviamente ricevuto i visti dalla Bielorussia.

"Sono stati registrati come gruppi turistici e il console di turno del Ministero degli Affari Esteri ha rilasciato i visti all'arrivo dei primi di questi gruppi all'aeroporto. Poi hanno iniziato a ricevere visti bielorussi già presso i consolati dei paesi arabi, in Turchia e in Siria. È possibile che anche i dipendenti del ministero degli Esteri guadagnino denaro extra. Un visto bielorusso costa $ 120. Ma allo stesso tempo, i consoli in alcuni paesi orientali - mi è stato detto da coloro che hanno ricevuto un visto bielorusso a casa e sono arrivati ​​a Minsk - con un pacchetto completo di documenti (invito, prenotazione alberghiera, biglietti in entrambe le direzioni) hanno preso altri 300 dollari a persona. Ora immagina quanti di questi "turisti" al giorno passavano attraverso il console bielorusso. Molti di questi consoli non torneranno mai in Bielorussia. Si trasferiranno negli Emirati, ad esempio, essendo ricchi per molti anni a venire" dice l'intervistata.

Ci sono molti siriani sul territorio della Turchia che credono di poter vivere meglio in Europa. Da maggio il consolato bielorusso ad Ankara accetta 800 domande di visto al giorno.
"Non ci sono stati assolutamente rifiuti. E quando dicono che ci sono duemila persone nel campo profughi al confine, trovo divertente sentirlo. Quali duemila?! Molte persone vivono ancora negli hotel e aspettano".

Attualmente sul suolo bielorusso non ci sarebbero solo duemila persone, ma circa diecimila.

Ecco come funziona lo schema per l'accoglienza dei migranti in bielorussia.


"Una persona che vuole andare in Europa viene in un'agenzia di viaggi e dice: "Voglio arrivare in Bielorussia". Capiscono tutto e fissano subito il prezzo: visto, volo, hotel, servizi di guida. Deposita una certa quantità di denaro sul conto, di solito da tre a ottomila dollari. Un tale divario nei prezzi è dovuto al punto a cui la guida li porterà. Il più delle volte è la Germania, il 95 percento delle volte. Arriva a Minsk, si sistema in un hotel e nel giorno giusto arriva nel luogo concordato. Un gruppo si riunisce lì, il più delle volte da 10 a 45 persone. Vengono portati alla frontiera, mostrano la direzione e poi i migranti vanno da soli.

Una volta era facile con le guide. Ora quelle guide che conosco sono state imprigionate, e sono nelle carceri polacche. Da parte della Polonia, il controllo è notevolmente aumentato e ora non solo le persone sono in servizio lì, ma controllano anche i droni dall'aria. E le guardie di frontiera sono numericamente "rafforzate".

Le guide sono sia bielorusse che polacche, perché tutti vogliono fare soldi.

L'età dei turisti va da 18 ai 35 anni. Spesso si tratta di famiglie. Vendono tutto ciò che possono, mettono i soldi in un conto e portano una piccola somma di denaro.

Ma ad avvantaggiarsi di tutto ciò è stata anche l'intera economia bielorussa.

"E' fantastico! Quale vantaggio per l'economia bielorussa. Grazie agli airbus con i migranti in arrivo a Minsk, i problemi della ristorazione, del commercio sono perfettamente risolti (tutte le cose necessarie per attraversare il confine, dalle coperte e tende alle scarpe e ai vestiti caldi, i migranti comprano in Bielorussia), aerei pieni, nuovi voli verso est in assenza della possibilità di volare verso ovest. Anche la quantità selvaggia di alcol e sigarette che i viaggiatori dell'Est acquistano quando vengono in Bielorussia, Allah non vede qui".
"Cioè, alla fine, è un enorme dono per il bilancio bielorusso, meno un fico secco per l'Occidente e un'agenda politica completamente formata dalle autorità bielorusse".

Con Fabio Scacciavillani ne avevamo parlato nella nostra rubrica settimanale di "Prediche Moderatamente Utili" in Fondazione Einaudi: la puntata della scorsa settimana "Insalata Bielorussia.

Fabio aveva anticipato tutto; i fatti, la sentenza della CEDU, i ricatti e il commercio sporco di Lukashenka e l'incapacità totale dell'UE a gestire la sporca "guerra ibrida" di Alexander I e del suo tirapiedi lo Zar di tutte le russie, Vladimir Putin.

Leggi l'intervista completa su Novayagazeta.ru.



82 visualizzazioni0 commenti