Ministero della Difesa russo: la NATO si prepara ad un conflitto armato su larga scala con la Russia

"L'attuale deplorevole stato delle relazioni tra Russia e NATO può essere spiegato dal fatto che l'alleanza ha spesso fatto ricorso a metodi ibridi per contenere la Russia, combinando il dialogo con l'accumulo di preparativi militari, ha detto oggi il Viceministro della Difesa della Federazione Russa, Alexander Fomin, scaricando sull'Alleanza Nord-Atlantica ogni responsabilità dell'affaire Ucraina


G. Iuvinale

Il viceministro della Difesa della Federazione Russa, Colonnello generale Alexander Fomin, ha tenuto oggi un briefing per gli addetti militari e per i rappresentanti delle ambasciate straniere accreditate a Mosca.

"La costruzione militare del blocco è stata completamente ridisegnata per preparare un conflitto armato su larga scala e ad alta intensità con la Russia", ha affermato Fomin.

Secondo lui, nei documenti "dottrinali" della NATO degli ultimi anni, ad esempio nella strategia militare della NATO del 2019, la Federazione Russa è direttamente "identificata come la principale fonte di minacce alla sicurezza della coalizione".

Allo stesso tempo, ha osservato Fomin, "la Dichiarazione di Roma è ancora in vigore". "In essa, in particolare, si stabilisce che la Russia e l'alleanza non si considerano un nemico. Questa posizione è stata confermata al vertice del Consiglio Russia-NATO nel 2010 a Lisbona", ha aggiunto il Viceministro della Difesa.


Le provocazioni della NATO

"Recentemente, l'alleanza è passata alla pratica delle provocazioni dirette, cariche di un alto rischio di degenerare, in uno scontro armato", ha detto Fomin. Come esempio, ha citato il tentativo del cacciatorpediniere britannico URO Defender del 23 giugno 2021 di penetrare nelle acque territoriali della Federazione Russa nell'area di Capo Fiolent al largo della costa della Crimea.



"È significativo che le azioni della nave della Marina britannica siano state fornite dall'aereo da ricognizione strategico americano RC-135", ha affermato il militare russo.

Secondo lui, nella regione del Mar Nero, rispetto al 2020, l'intensità dell'uso di aerei da ricognizione è aumentata di oltre il 60%. Ed ha snocciolato ulteriori dati. Il numero di sortite è aumentato da 436 a 710. La presenza nelle acque del Mar Nero di navi e mezzi ausiliari di Stati Nato non regionali, secondo il viceministro, "ha di fatto acquisito un carattere permanente". "Da gennaio a dicembre di quest'anno, sono state effettuate 30 chiamate di navi della NATO, mentre nel 2020 ce ne sono state 23. La durata totale del soggiorno è stata di oltre 400 giorni, nel 2020 - 359".

Ha anche sottolineato che dopo che gli Stati Uniti si sono ritirati dal Trattato sull'eliminazione dei missili a raggio intermedio e corto raggio, la NATO, in realtà, ha ignorato l'iniziativa del presidente russo Vladimir Putin di imporre una moratoria sul dispiegamento di nuovi missili a raggio intermedio e corto in Europa e la possibilità di sviluppare misure di verifica reciproca per affrontare le preoccupazioni esistenti. "È improbabile che il dispiegamento di tali missili in Europa aumenti la sicurezza della NATO", ha concluso Fomin.


Crisi ucraina

Gli stessi partner occidentali hanno provocato gli eventi in Ucraina e l'Alleanza Nord Atlantica li ha usati come scusa per porre fine all'interazione con la Russia, ha affermato il vice ministro della Difesa della Federazione Russa.

"Con la decisione del Consiglio dell'Alleanza del 1 aprile 2014, qualsiasi interazione con la Russia è stata nuovamente interrotta. I nostri partner occidentali hanno utilizzato gli eventi in Ucraina, provocati dall'Occidente stesso, come scusa", ha affermato Fomin.

Ha aggiunto che "sono stati gli Stati Uniti d'America ei suoi alleati a sostenere il sanguinoso colpo di stato nel Paese e a riconoscere la nuova amministrazione che è salita al potere illegalmente con l'appoggio dell'Occidente".

Sulle garanzie di sicurezza, il Ministero della Difesa russo si aspetta che la NATO risponda il più rapidamente possibile alle proposte ed è pronto ad avviare i negoziati in qualsiasi momento opportuno, ha affermato Fomin.

"Riteniamo che questo accordo sia stato sviluppato nell'interesse sia della Russia che dell'Europa nel suo insieme. Attendiamo con impazienza una conversazione seria e costruttiva. Ci aspettiamo che l'alleanza reagisca il più rapidamente possibile alle nostre proposte e siamo pronti ad avviare i negoziati in qualsiasi momento conveniente", ha concluso il Viceministro russo.

Secondo il ministero della Difesa russo, 105 addetti militari stranieri e rappresentanti di ambasciate di 65 stati esteri, tra cui 18 persone in rappresentanza di 14 paesi della NATO, hanno partecipato all'odierno briefing non programmato.

Il testo della dichiarazione ufficiale.

Le informazioni ufficiali.


163 visualizzazioni0 commenti