top of page

Pentagono: è in atto una “gigantesca espansione” dell’arsenale nucleare cinese

Il Pentagono avverte che la Repubblica popolare cinese (RPC) sta sviluppando armi di distruzione di massa su una scala senza precedenti. L’intelligence statunitense indica che Pechino ha costruito almeno 100 testate nucleari nell’ultimo anno e si sta rapidamente muovendo verso l’obiettivo di espandere il proprio arsenale nucleare.


Secondo un nuovo rapporto del Pentagono, la Cina ha accumulato più di 500 testate nucleari ed è sulla buona strada per avere 1.000 armi distruttive entro il 2030.

Il rapporto annuale del Dipartimento della Difesa al Congresso sullo stato delle capacità strategiche e della forza militare cinese, noto come Esercito popolare di liberazione (PLA), descrive in dettaglio come le forze cinesi stanno rapidamente modernizzando il loro arsenale nucleare mentre la rivalità con gli Stati Uniti si inasprisce.

Il Pentagono avverte che la Repubblica popolare cinese (RPC) sta sviluppando armi di distruzione di massa su una scala senza precedenti.

Nel prossimo decennio, la RPC continuerà a modernizzare, diversificare ed espandere rapidamente le sue forze nucleari”, si legge nel rapporto. “Rispetto agli sforzi di modernizzazione nucleare dells PLA di dieci anni fa, gli sforzi attuali sminuiscono i tentativi precedenti sia in termini di portata che di complessità”.

La Cina sta perseguendo la costruzione di piattaforme per il lancio di armi nucleari, compresi sistemi terrestri, marittimi e aerei, afferma il rapporto del Pentagono.

L’anno scorso Pechino ha anche costruito tre nuovi campi silos per lanciare missili nucleari dal sottosuolo e ha completato la costruzione di 300 nuovi sistemi missilistici balistici intercontinentali.

E la Rocket Force della PLA, che gestisce i missili nucleari e strategici della nazione, sta esplorando sistemi missilistici a raggio intercontinentale armati convenzionalmente che potrebbero minacciare gli Stati Uniti secondo il rapporto.

Da anni il Pentagono mette in guardia dalla rapida espansione nucleare della Cina. Un rapporto dello scorso anno affermava che le forze cinesi erano sulla buona strada per dotarsi di 1.500 armi nucleari entro 13 anni.

Il rapporto dello scorso anno affermava che la Cina possedeva circa 400 armi nucleari.

L’intelligence statunitense indica che Pechino ha costruito almeno 100 testate nucleari nell’ultimo anno e si sta rapidamente muovendo verso l’obiettivo di espandere il proprio arsenale nucleare.

La Cina ha accusato gli Stati Uniti di alimentare le tensioni attraverso i rapporti sul suo arsenale nucleare e sottolinea di seguire una politica di “no first use” nel lancio di armi nucleari. Gli Stati Uniti hanno una politica che prevede l’uso delle armi nucleari solo in circostanze estreme.

Secondo la Federation of American Scientists, gli Stati Uniti hanno ancora molte più armi nucleari della Cina, con più di 3.000 testate in dispiegamento.

Ma la Cina, che ha l’obiettivo dichiarato di sviluppare una forza “di livello mondiale” entro il 2049, sta recuperando terreno a un ritmo record, avvertono gli Stati Uniti.

“L’armamento da parte della Cina di centinaia di silos nel prossimo decennio, la continua e rapida crescita della sua forza mobile stradale e delle tratte aeree e marittime indicano che oltre il 2030”, afferma il rapporto, “la Cina avrà probabilmente oltre 1.000 testate nucleari operative, molte delle quali saranno schierate a livelli di prontezza più elevate".



28 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page