Perché i disastri, dalle guerre alle pestilenze, sembrano accadere tutti in una volta

Lo storico Niall Ferguson, alla fine del suo ultimo libro Doom: The Politics of Catastrophe, che ha finito di scrivere nell'autunno del 2020, si è posto alcune domande inquietanti. La seconda guerra fredda tra Cina e Stati Uniti si intensificherà? Potrebbe anche trasformarsi in una guerra su Taiwan?

O potrebbe essere a portata di mano la pace? Probabilmente no.


di Nicola Iuvinale

In seguito allo scoppio del COVID-19, Russia e Turchia si sono ritagliate zone di influenza in Libia; soldati cinesi e indiani hanno avuto una scaramuccia sul confine condiviso; il Libano metaforicamente è esploso (mentre lo ha fatto letteralmente il porto di Beirut).

La Morte Nera ha fermato la Guerra dei Cent'anni?

L'influenza spagnola ha impedito la guerra civile russa?

Sebbene sia stato in parte ispirato dalla pandemia, Doom è stato un tentativo di scrivere una storia non solo delle pandemie, ma del disastro in tutte le sue innumerevoli forme.

La sua argomentazione può essere riassunta in sei concetti:

  • Tendiamo a pensare ad una pandemia come a un disastro naturale, mentre una guerra è provocata dall'uomo. Ma i due tipi di disastro non sono così distinti.

  • Tutti i disastri, compresi quelli climatici e geologici, causano un'eccessiva mortalità a causa delle decisioni umane.

  • Non tutti i disastri possono essere imputati all'uomo o alla donna al comando. Spesso il punto di insuccesso è nel "middle management".

  • I contagi del corpo causati da agenti patogeni, spesso interagiscono, in modo dirompente, con i contagi della mente.

  • Un disastro spesso porta ad altri, in una specie di cascata o valanga di disavventure.

  • Non possiamo sperare di prevedere disastri, perché la storia non è ciclica, quindi dobbiamo essere generalmente resilienti o, ancora meglio, anti-fragili.

Le due forme di calamità, responsabili dei peggiori episodi di mortalità eccessiva – cioè una mortalità superiore a quella che ci si sarebbe aspettati in circostanze normali – sono le pestilenze e le guerre.

A volte questi due cupi cavalieri cavalcano fianco a fianco; a volte, uno segue l'altro.

Nel 1918-19, ad esempio, l'influenza spagnola travolse il mondo, uccidendo ancorpiù persone della guerra mondiale, che non era ancora finita.

Il nuovo ceppo di H1N1 è stato rilevato per la prima volta in una base dell'esercito americano - Camp Funston in Kansas - il 4 marzo 1918.

I movimenti su larga scala di giovani uomini attraverso l'Atlantico e l'Europa hanno certamente accelerato la diffusione della pandemia.

Nel nostro tempo, al contrario, la peste è arrivata prima.

Prima ancora del passaggio dalla pandemia da Covid-19 allo stadio endemico, il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato l'invasione dell'Ucraina. E, mentre Ferguson scrive, la Cina sta combattendo per contenere un'ondata della variante Omicron che potrebbe essere devastante.

In cinque brevi settimane, ci sono stati livelli di morte e distruzione che non si vedevano in Europa dal 1945.

È vero, nessuno a Pechino ha dato un ordine per rilasciare il virus SARS-CoV-2 nel mondo. Ma, c'è ancora chi crede che sia nata naturalmente, una mutazione passata per la prima volta ad un essere umano in un mercato.

Tuttavia, la mole di prove suggerisce che è almeno altrettanto probabile che la pandemia abbia avuto origine in un laboratorio a Wuhan.

Anche se così non fosse, non c'è dubbio che settimane passate a nascondere la realtà della rapida trasmissione da uomo a uomo in Cina, hanno assicurato che il virus si diffondesse rapidamente nel resto del mondo.

In entrambi i casi, il disastro è incomprensibile senza la dimensione politica.
Un numero significativo dei più grandi disastri della storia può essere attribuito alle decisioni dei dittatori: dalle carestie provocate dall'uomo a causa dalle politiche di collettivizzazione forzata dell'agricoltura di Joseph Stalin e Mao Zedong, all'Olocausto, che è molto difficile da immaginare senza la figura malevola di Adolf Hitler, nel ruolo del Führer tedesco.

La guerra in Ucraina è altrettanto difficile da immaginare senza Putin come presidente russo.

Eppure il disastroso fallimento dell'iniziale piano russo per una Blitzkrieg, a cui avrebbe dovuto seguire l'installazione di un regime fantoccio a Kiev, non può essere semplicemente attribuito all'irrazionalità di Putin.

Come in tanti disastri, un ruolo cruciale è stato svolto da attori più a valle della catena di comando: i generali russi, che sembrano aver lanciato l'invasione senza un'adeguata preparazione logistica e le loro controparti ucraine, che hanno stupito il mondo con la micidiale efficacia delle proprie operazioni difensive.

Nello spazio di sole cinque settimane, questa guerra ha causato un numero impressionante di vittime.

La NATO stima che la Russia abbia subito tra le 30.000 e le 40.000 vittime sul campo di battaglia in Ucraina, durante il primo mese di guerra.

I russi ovviamente insistono sul fatto che il numero sia molto più basso.

Le vittime militari ucraine non sono note. I morti civili, secondo le Nazioni Unite, superano le 1.200, con oltre 1.900 feriti, ma l'Onu "ritiene che le cifre effettive siano considerevolmente più alte".

Solo un ottimista incallito si aspetterebbe che questa guerra finisca in un futuro molto prossimo: quindi dobbiamo fare i conti con decine, se non centinaia di migliaia di morti.

E la guerra, a differenza del COVID-19, uccide i giovani senza pietà come i vecchi.

Come per la pandemia, i "contagi della mente" stanno facendo la loro parte, mentre ciascun paese conduce una guerra dell'informazione.

L'Ucraina sta certamente sbaragliando la Russia in quasi tutti i media occidentali, ma la propaganda interna di Putin aiuta a spiegare perché le speranze di una sua imminente cacciata dal potere rischiano di essere deluse.

Un punto chiave del libro Doom è quello che un disastro spesso porta ad altri.

"Non direi che la pandemia abbia reso più probabile l'invasione dell'Ucraina, ma credo che la guerra avrà profonde conseguenze economiche, sociali e politiche, non da ultimo a causa dello shock inflazionistico che ha provocato sia ai prezzi del carburante che dei generi alimentari. In alcune parti dell'Africa settentrionale e subsahariana, il risultato potrebbe essere grave disagio e fame".

La tragica lezione della storia è che è quasi impossibile prevedere il prossimo disastro. Coloro che cercano di farlo sono generalmente liquidati come Cassandre, anche perché troppi prevedono disastri che non si concretizzeranno.

In verità, l'incidenza di pandemie e guerre non è prevedibile: sembrano distribuite casualmente o con disposizione power-law, che rendono impossibile attribuire probabilità ex ante.

Il massimo che possiamo fare è assicurarci di reagire il più rapidamente possibile quando il prossimo disastro inizierà a manifestarsi.

"A tal fine, controllerei da vicino il prezzo del pane in paesi come l'Egitto, che dipendono molto dalla Russia e dall'Ucraina per le importazioni di grano, perché se c'è una regione al mondo che è tutt'altro che anti-fragile, è il Medio Oriente".

Fonte The globe and mail

Niall Ferguson è il membro anziano del groppo Milbank presso la Hoover Institution, Stanford; autore di 16 libri. Il suo libro più recente Doom: The Politics of Catastrophe è nella rosa dei candidati al Premio Lionel Gelber 2022, presentato dalla rivista Munk School of Global Affairs & Public Policy e Foreign Policy.

31 visualizzazioni0 commenti