Perché la Cina ha gli occhi puntati sulle Falkland

Xi Jinping ha introdotto l'Argentina nell'iniziativa One Belt One Road, dando a Pechino una testa di ponte fondamentale in Sud America per espandere la sua esclusiva rete di commercio, investimenti e infrastrutture eurasiatiche nell'emisfero occidentale, frammentando ulteriormente il commercio globale e le relazioni politiche. Il recente comportamento dirompente di Xi Jinping sulle Falkland, dovrebbe ricordare a Londra, Washington e ai loro alleati europei che Pechino rappresenta non solo una minaccia regionale, ma globale. Xi ha chiarito che si considera in lotta con l'Occidente e i suoi valori liberali. Le élite occidentali non dovrebbero più illudersi sul fatto che che più chiacchiere e più scambi modelleranno il comportamento della Cina


di Nicola Iuvinale


Benché trascurata sulla scia della devastazione dell'Ucraina da parte della Russia, Pechino ha palesemente interferito negli interessi nazionali britannici, proclamando il proprio sostegno alle rivendicazioni dell'Argentina sulle Isole Falkland.

Il tempismo della Cina è stato particolarmente provocatorio, dato che nel 2022 ricorre il 40° anniversario della guerra delle Falkland.

Il successo della Gran Bretagna in quel conflitto ha contribuito a rafforzare il diritto internazionale e l'autodeterminazione di fronte al revanscismo territoriale da parte di poteri autoritari e aggressivi.

Ma Pechino è molto esperta nell'indebolire queste norme legali globali, come dimostra il suo rigetto di una sentenza dell'Aia contro le vaste rivendicazioni della Cina in tutto il Mar Cinese Meridionale.

Ironia della sorte, la dichiarazione cinese delle Falkland è arrivata proprio mentre la Casa Bianca di Biden ha lanciato la sua strategia indo-pacifica.

Il tempismo ha contribuito a dimostrare l'affermazione di Washington secondo cui, lungi dal cooperare alla governance globale, Pechino sta invece adottando sempre più le tattiche di destabilizzazione e disgregazione di Mosca.

L'intervento straordinario "sapeva" delle tattiche dell'era della Guerra Fredda per creare blocchi geopolitici.

È arrivato quando Xi ha introdotto l'Argentina nell'iniziativa One Belt One Road, dando a Pechino una testa di ponte fondamentale in Sud America per espandere la sua esclusiva rete di commercio, investimenti e infrastrutture eurasiatiche nell'emisfero occidentale, frammentando ulteriormente il commercio globale e le relazioni politiche. Non è probabile che lo stratagemma della Cina abbia successo.

Guidata dal ministro degli Esteri Liz Truss, la Gran Bretagna si è affrettata a rifiutare categoricamente "qualsiasi domanda sulla sovranità delle Falkland", i cui abitanti sostengono fermamente il mantenimento della Gran Bretagna.

Il vero pericolo, tuttavia, è che Pechino sia sempre più un perturbatore nelle relazioni internazionali, alimentando la tensione, minando le nazioni liberali, incoraggiando i conflitti regionali e cercando di trarne vantaggio mentre si posiziona come un presunto arbitro diplomatico disinteressato.

Il partner di Xi in questo sforzo è la Russia di Vladimir Putin, come dimostra l'ormai famigerata dichiarazione dei due di una "nuova era" nelle relazioni internazionali in un'alleanza contro i valori liberali.

Solo mezzo decennio fa, l'ex primo ministro Theresa May ha ripetuto che Gran Bretagna e Cina erano in un'"era d'oro".

Da allora, Pechino ha distrutto le libertà di Hong Kong, abrogando così le sue promesse ai sensi della Dichiarazione Congiunta del 1984 e minacciando il commercio tra Regno Unito e Cina ,per questioni che vanno dalle reti 5G alla centrale nucleare di Hinckley Point.

Ora, il "fermo sostegno" di Pechino alle affermazioni dell'Argentina e l'affermazione ancora più provocatoria dell'ambasciata cinese, secondo cui Londra dovrebbe avviare "dialoghi e negoziati" con Buenos Aires è un'ulteriore prova che Pechino minaccia gli interessi britannici e l'ordine liberale mondiale.

Sfortunatamente, i continui tentativi britannici di avvicinarsi economicamente alla Cina, ad esempio vendendo potenzialmente il produttore di chip Newport Wafer Fab alla società cinese Nexperia, rendono solo la Gran Bretagna più vulnerabile alla coercizione e alle campagne di influenza di Pechino.

Sebbene la guerra in Ucraina stia trascinando l'Europa indietro negli anni '30, dal Mar Cinese Meridionale all'Atlantico Meridionale, la Cina è ora abile nell'infrangere le norme del comportamento globale.

Xi ha chiarito che si considera in lotta con l'Occidente e i suoi valori liberali. Le élite occidentali non dovrebbero più illudersi sul fatto che che più chiacchiere e più scambi modelleranno il comportamento della Cina.

Mentre Xi, insieme a Putin, aumenta l'instabilità geopolitica, Gran Bretagna e America devono intensificare le loro azioni in risposta. La nuova strategia per l'Asia del presidente Biden si impegna a "concentrarsi su ogni angolo della regione", ma rischia di lasciare che Pechino aggiri Washington in aree come il Medio Oriente, l'Africa e il Sud America.

Non esiste un modo semplice per smussare il comportamento dirompente della Cina, ma alcuni passaggi hanno un senso.

Portare il Regno Unito nel rinato raggruppamento Quad di Australia, India, Giappone e Stati Uniti potrebbe aiutare a globalizzare il gruppo, i cui interessi sono già transregionali, grazie alle loro politiche commerciali e agli impegni politici. Allo stesso modo, spostare Aukus oltre il suo focus asiatico, includendo il Giappone, potrebbe migliorare la cooperazione in materia di sicurezza in tutto il mondo.

Sia Washington che Londra devono essere disposte a rispondere al comportamento dirompente di Pechino in modo più assertivo. Mentre i canali diplomatici dovrebbero essere sempre tenuti aperti, il tipo di impegno sfrenato con la Cina che ha segnato le relazioni dalla normalizzazione dei rapporti negli anni '70 deve essere ripensato e ridimensionato.

La nuova "inclinazione" di Londra verso l'Indo-Pacifico dovrebbe concentrarsi sul rafforzamento delle istituzioni liberali e delle nazioni democratiche.

Se Pechino crea blocchi che si oppongono al diritto e alle norme internazionali, allora Londra, Washington e i loro alleati non devono lamentarsi di ciò, ma affrontare la realtà.

Offrire accordi commerciali preferenziali, cooperazione nel campo della difesa e un migliore accesso alle nostre società aperte, ai nostri alleati può essere il modo migliore per sottolineare i pericoli di cadere nelle lusinghe e nelle trappole del debito della Cina.

Nessuno dovrebbe pensare che sia una questione semplice contrastare gli attacchi della Cina alle norme liberali e alla stabilità globale.

Ma ogni atto dirompente di Pechino rende solo più chiara la posta in gioco per il mondo democratico.

Fonte The Spectator

153 visualizzazioni0 commenti