top of page

Pubblicato un agghiacciante rapporto sulle origini del COVID-19: "Pechino ha nascosto la verità"

Aggiornamento: 21 mag

Le informazioni dettagliate indicano che un grave incidente di biocontenimento, che probabilmente ha coinvolto un agente patogeno virale, si è verificato presso l'Istituto statale di virologia di Wuhan, in Cina


G e N Iuvinale


Un nuovo e definitivo rapporto di 329 pagine pubblicato dal Senatore degli Stati Uniti Marco Rubio (R-FL e Vice- Presidente della Commissione Intelligence del Senato) conclude che “un grave incidente di biosicurezza” in Cina ha probabilmente causato la pandemia di coronavirus.

Ma lo studio esaustivo, che ha richiesto due anni per essere completato - includendo vaste traduzioni di materiale originale in lingua cinese - raggiunge un altro verdetto, forse più preoccupante: sapevano tutto.
Foto Gettyimages

E come è stato fatto notare, la conclusione a cui giunge Rubio coincide perfettamente con quella esposta sei mesi fa dagli autori del saggio "La Cina di Xi Jinping - Verso un nuovo ordine mondiale sinocentrico?". In particolare, nel capitolo VII vengono analizzate in dettaglio le prove circostanziali dimostrative di un insabbiamento del PCC sulle origini del Covid.


Andiamo con ordine

Come detto, il rapporto Rubio si basa in gran parte su fonti in lingua cinese precedentemente non segnalate e fornisce prove circostanziali significative a sostegno della teoria delle fughe di laboratorio. Frutto di mesi di indagini da parte dello staff del senatore, il rapporto esamina la storia della ricerca sulle armi biologiche del Partito Comunista Cinese risalente a decenni fa, nonché il comportamento del partito prima e dopo l'epidemia.

Lo studio suggerisce che nel 2018 Pechino ha iniziato ad esercitare "un'intensa pressione politica" sull'Istituto di virologia di Wuhan e su altre strutture di ricerca biologica per "produrre scoperte tecnologiche" con applicazioni militari.

Sempre secondo il rapporto, parte di tale sforzo ha comportato la spinta degli scienziati ad abbandonare l'utilizzo di apparecchiature chiave provenienti da concorrenti stranieri, anche se quegli scienziati hanno iniziato a mettere in guardia da significativi problemi di sicurezza.


“Un'attenta lettura dei rapporti del Wuhan Institute of Virology (WIV) che coprono un periodo di oltre tre anni ha prodotto un'immagine di un'istituzione in difficoltà: sottofinanziata, sottoregolamentata e con personale insufficiente. La leadership di WIV si è lamentata del fatto che una parte del loro personale oberato di lavoro fosse anche scarsamente addestrato, mentre alcuni rapporti hanno rivelato una cultura del lavoro di lassismo nei confronti delle questioni di sicurezza e hanno descritto difficoltà ad adattarsi all'ambiente di lavoro nelle loro strutture di nuova costruzione ", afferma il rapporto. "Problemi persistenti sono emersi mese dopo mese, gettando notevoli dubbi sulle affermazioni del WIV di un rimedio riuscito".


I fatti

Il rapporto spiega come gli scienziati cinesi abbiano studiato i coronavirus dal 2004 presso il WIV. La Cina ha aperto il suo primo laboratorio di livello di biosicurezza 4 (BSL-4) presso il WIV nel 2017 o all'inizio del 2018. Nel marzo 2018, il WIV e l'EcoHealth Alliance hanno richiesto il finanziamento DARPA per creare un clone di coronavirus, ma è stato rifiutato. Il governo cinese, però, ha approvato il finanziamento statale per la ricerca sul coronavirus senza specificare il WIV.


Scienziati associati all'Esercito popolare di liberazione hanno depositato un brevetto per un vaccino contro il COVID-19 nel febbraio 2020. Secondo la metodologia di ricerca esaminata da Rubio, hanno iniziato a lavorare quattro mesi prima, nel novembre 2019.


In quell'anno, presso il WIV si sono verificati una serie di eventi e il laboratorio ha indicato di voler aggiornare vari sistemi per affrontare le "carenze" nella struttura. A settembre 2019, il WIV ha chiuso il suo database di virus online ed ha informato l'aeroporto di Wuhan di un'esercitazione per focolai di coronavirus. Giorni dopo, un residente di Wuhan potrebbe essere morto per COVID-19. La Cina ha rivisto la legge sulla biosicurezza, riconoscendo i rischi di fughe di laboratorio. I funzionari del PCC hanno pubblicato un rapporto sull'incontrollabilità del virus e un funzionario di alto rango ha visitato il WIV. Già nel novembre 2019, diversi casi di COVID sono stati identificati dal governo cinese, ma lo hanno tenuto segreto.

A quel punto, stavano già cercando di sviluppare il proprio vaccino, ben prima di allertare finalmente l'Organizzazione mondiale della sanità il 31 dicembre 2019 sull'esistenza del virus.

I funzionari del PCC a WIV hanno pubblicato un rapporto contenente rappresentazioni spaventose ma accurate del virus. “Una volta aperte le provette, è come aprire il vaso di Pandora. Questi virus arrivano senza ombra e se ne vanno senza lasciare traccia", afferma il rapporto Rubio.


A gennaio 2020, gli scienziati cinesi dubitavano che il mercato umido fosse l'origine del virus, ma la Cina ha continuato a negare la teoria delle fughe di laboratorio, nonostante tutte le prove di cui il WIV era a conoscenza e ha cercato disperatamente di correggere i difetti di biosicurezza nella loro struttura; difetti che avrebbero consentito ad un agente patogeno di fuggire dal laboratorio.

Tutte le prove, dunque, indicano che la teoria delle fughe di laboratorio è la spiegazione più plausibile per le origini di COVID-19.


La risposta del PCC all'epidemia

Il documento di Rubio dipinge l'immagine di un Partito Comunista Cinese così ansioso di fare progressi nella ricerca bioscientifica che i funzionari di Pechino hanno deliberatamente e ripetutamente ignorato le carenze di sicurezza note presso l'Istituto di virologia di Wuhan già nel luglio 2019.

Poi, quando è scoppiata la pandemia - che alla fine ha ucciso circa 7 milioni di persone in tutto il mondo - il PCC ha pianificato un "insabbiamento".
La risposta del PCC all'epidemia suggerisce anche che il partito guidato da Xi Jinping comprendeva l'entità del probabile danno ben prima di rendere pubblica la vera natura del virus ed era ansioso di fuorviare il pubblico sulle probabili origini del virus.
"La consapevolezza di un incidente di laboratorio sembrava aver plasmato la risposta della leadership del PCC alla SARS-CoV-2: una risposta caratterizzata da severi controlli delle informazioni, offuscamento, depistaggio, punizione degli informatori e distruzione di prove cliniche chiave", afferma il rapporto.

“Anche quando Pechino ha condiviso informazioni con la comunità internazionale – come l'avviso iniziale di un focolaio di polmonite, la successiva ammissione che un nuovo coronavirus era il suo agente causale e la pubblicazione della sua sequenza genomica – lo ha fatto in ritardo. In tutti e tre i casi, Pechino è stata in possesso delle informazioni rilevanti per un certo periodo prima di condividerle, e le ha divulgate solo quando costretta a farlo da circostanze al di fuori del suo controllo”.


Il rapporto afferma che la Cina era al lavoro per "ripulire" le procedure di laboratorio e l'aderenza al protocollo; un vero e proprio depistaggio, dunque.

Si legge infatti nel rapporto: "Proprio mentre Pechino respingeva la teoria della fuga di laboratorio sull'origine di COVID-19 in contesti internazionali, internamente Pechino avvertiva i suoi funzionari che il rischio di infezioni acquisite in laboratorio con SARS-CoV-2 era significativo e ordinava riforme normative per essere implementato immediatamente per migliorare le condizioni di biosicurezza del laboratorio".


L'indagine di Rubio fa parte di un numero crescente di rapporti del governo americano (vedasi quelli dell'FBI e del Dipartimento dell'Energia) secondo cui la teoria delle fughe di laboratorio non è solo plausibile, ma è anche la spiegazione più probabile per le origini di Covid-19.


La pandemia come arma geopolitica

Come si è scritto nel saggio "La Cina di Xi Jinping - Verso un nuovo ordine mondiale sinocentrico?", la pandemia da covid-19 è stata usata dal PCC come arma geopolitica.

Come afferma la dissidente cinese Cai Xia, il PCC ha diffuso “notizie false, sostituendo la normale comunicazione tra Paesi con abusi verbali da ‘guerriero lupo’ nella sua diplomazia, sostenendo falsamente che il virus ha avuto origine negli Stati Uniti e cercando di sottrarsi alle proprie responsabilità. Il PCC ha usato ogni mezzo per nascondere la verità, impedendo all’Organizzazione Mondiale della Sanità e ai governi di altri Paesi di indagare sull’origine del virus, ottenere informazioni sul paziente zero e scoprire la vera situazione all’inizio della pandemia”.


Cai Xia spiega come la Cina abbia usato la pandemia per cercare l’egemonia, cagionando disastri: “il Covid-19 è scoppiato a Wuhan, in Cina, alla fine del 2019, ma il PCC ha nascosto la verità e ha ritardato la prevenzione e il controllo. Ciò ha causato la diffusione del virus in tutto il mondo. Centinaia di milioni di persone sono state infettate e milioni di persone sono morte”.


La Cina ha utilizzato anche una “diplomazia dei vaccini” per esercitare influenza geopolitica. Pechino ha fatto di tutto per proporsi come leader mondiale nel fornire l’unica fonte di vaccini Covid-19 prontamente disponibile. In un discorso al vertice globale sulla salute nel maggio 2021, Xi Jinping ha evidenziato la necessità di fornire più vaccini ai Paesi in via di sviluppo e ha presentato la Cina come modello in questo sforzo. Però, mentre gli Stati Uniti hanno donato più di 175 milioni di dosi di vaccino in tutto il mondo e hanno contribuito all’iniziativa internazionale COVAX per la distribuzione di vaccini insieme all’UE, la Cina ha principalmente venduto piuttosto che donato.


I vaccini cinesi si sono anche dimostrati meno efficaci nel prevenire le infezioni e molti Paesi che hanno pagato continuano ad affrontare focolai nonostante gli alti tassi di vaccinazione. Secondo Airfinity, una società britannica di intelligence per le scienze della vita, Pechino avrebbe esportato circa 1 miliardo di dosi di vaccino in 109 Paesi e regioni dal novembre 2020 al settembre 2021. Di questi circa 50 milioni erano donazioni. La maggior parte, circa 800 milioni, è andata in Asia e in Sud America. Le destinazioni di esportazione più importanti sono state i Paesi coinvolti nell’iniziativa di sviluppo delle infrastrutture della Belt and Road.


La diplomazia dei vaccini è una storia ricca di sfumature, fondata su imprese di produzione e sulla propaganda circa l’avere salvato vite e costituito una parte vitale della spinta globale all’immunizzazione. Pechino ha parlato molto meno delle domande persistenti sull’efficacia dei farmaci e sulla trasparenza dei dati sui loro studi clinici. Soprattutto, la Cina ha cercato di utilizzare il proprio contributo vaccinale per eliminare lo stigma dell’emergenza Covid-19 nella città di Wuhan e l’enigma sull’origine del Coronavirus. “La Cina voleva eliminare la sua reputazione di epicentro della pandemia con un vaccino con il marchio nazionale”, ha affermato Margaret Myers dell’Inter-American Dialogue, un think tank con sede negli Stati Uniti.


La Cina ha anche utilizzato le esportazioni di vaccini come “randello diplomatico”, cioè come leva sui Paesi beneficiari. Nell’ottobre 2020, Pechino ha annunciato che avrebbe concesso alla Malesia l’accesso prioritario ai suoi vaccini, dopodiché quest’ultima ha prontamente rilasciato 60 marinai cinesi che erano stati detenuti per avere sconfinato nelle proprie acque territoriali. Dopo aver ricevuto i vaccini cinesi, il presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, ha ordinato ai suoi ministri di astenersi dal criticare pubblicamente la Cina per le incursioni di centinaia di pescherecci cinesi nella zona economica esclusiva (ZEE) delle Filippine. In un altro caso, l’Ucraina si è ritirata da una Dichiarazione del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite che chiedeva un’indagine indipendente sulle violazioni dei diritti umani nello Xinjiang dopo che la Cina l’ha minacciata di bloccare una spedizione pianificata di vaccini.


Inoltre, durante l’epidemia, a supporto dell’azione dei diplomatici cinesi c’è stata la creazione di molti account anonimi sui social network. Tracciando 36 account Twitter di diplomatici o ambasciate cinesi, il Global Engagement Center (GEC) del Dipartimento di Stato americano ha rilevato un’impennata di abbonati da marzo 2020, cioè da quando Pechino ha intensificato i suoi sforzi di propaganda per il Covid-19; da quel momento in poi, il numero medio di nuovi iscritti al giorno è passato da circa 30 a più di 720, ovvero 22 volte di più, e molti di questi nuovi iscritti erano account di nuova creazione.


“Il disastro è incomprensibile senza la dimensione politica”

Come si è scritto nel saggio "La Cina di Xi Jinping - Verso un nuovo ordine mondiale sinocentrico?", è vero, nessuno a Pechino ha dato un ordine per rilasciare il virus SARSCoV-2 nel mondo. C’è ancora chi crede che sia nata naturalmente, una mutazione passata per la prima volta ad un essere umano in un mercato. Tuttavia, la mole di indizi suggerisce che è almeno altrettanto probabile che la pandemia abbia avuto origine in un laboratorio a Wuhan. “Anche se così non fosse, non c’è dubbio che settimane passate a nascondere la realtà della rapida trasmissione da uomo a uomo in Cina, hanno assicurato che il virus si diffondesse rapidamente nel resto del mondo”. In ogni caso - scrive lo storico Niall Ferguson - il disastro è incomprensibile senza la dimensione politica, e del resto un numero significativo dei più gravi disastri della storia può essere attribuito alle decisioni dei dittatori: dalle carestie provocate dall’uomo a causa delle politiche di collettivizzazione forzata dell’agricoltura di Joseph Stalin e Mao Zedong, all’Olocausto.


“Il destino", scrive Niall Ferguson, "è la lezione della storia che questo Paese, anzi l’Occidente nel suo insieme, deve imparare urgentemente, se vogliamo gestire meglio la prossima crisi ed evitare il destino finale del declino irreversibile".





131 visualizzazioni0 commenti
bottom of page