Putin userebbe le armi nucleari russe per fermare un colpo di stato o una guerra civile?

Storicamente, la violenza delle rivoluzioni crea spesso una distruzione autoconsumata delle istituzioni che perpetua la violenza anche contro i non combattenti. Questo è il motivo per cui si perdono più vite nei conflitti intrastatali che nelle guerre tra paesi. Oggi, in caso di colpo di stato o guerra civile, a differenza dell'intervento della NATO in Libia nel 2011, Mosca, Pechino e Pyongyang hanno non solo i mezzi per vendicarsi ma, anche perché, un regime disposto a iniziare una guerra nucleare interna lo farebbe in assenza di santuari per l'esilio, ed è quindi probabile che si vendichi. Ecco perché recentemente a Putin e alla famiglia è stata data l'opportunità di fuggire in un paese senza estradizione come la Corea del Nord. Ma lui ha rifiutato....


di Nicola Iuvinale

George F. Kennan, l'uomo che ha articolato la strategia di contenimento che alla fine è stata perseguita dagli Stati Uniti per porre fine pacificamente alla Guerra Fredda, non è mai stato chiaro nell'ultimo passaggio: come sarebbe nato esattamente un regime più liberale?

La Guerra Fredda si concluse inaspettatamente con un rapido colpo di stato, seguito da uno scioglimento amministrativo dell'Unione Sovietica. Uno degli obiettivi principali e impliciti della strategia dell'Occidente in Ucraina è che la sconfitta sul campo di battaglia e l'umiliazione della Russia porteranno al pacifico rovesciamento di Vladimir Putin e della sua radicata base di potere di Siloviki, nonostante il possesso da parte loro di un vasto apparato di coercizione, comprese le armi nucleari.

Si ritiene che la mobilitazione e il dispiegamento di 300.000 a un milione di cittadini russi in guerra in Ucraina acceleri questa prospettiva.

Sorge la domanda: cosa potrebbe succedere quando un regime armato di armi nucleari si trovi ad affrontare una rivolta diffusa all'interno delle sue forze armate in grado di far scoppiare una guerra civile?

La maggior parte degli osservatori, per evitare la difficile verità che il crollo dell'Unione Sovietica è stato un risultato incredibilmente fortunato, evita di esaminare gli altri modi in cui avrebbe potuto svolgersi.

Ciò è una questione particolarmente pertinente poiché solleva interrogativi su come avverranno le inevitabili transizioni dei regimi nella Corea del Nord e in Cina, dotate di armi nucleari.

La guardia del Cremlino fu mediatore di "potere strumentale" nella morte immediata di Joseph Stalin nel 1953 e il coinvolgimento del KGB fu decisivo nello spostamento di Nikita Khrushchev da parte di Leonid Breznev nel 1964 e nel rovesciamento di Mikhail Gorbachev nel 1991.

Tuttavia, data la co-dipendenza di Putin con il FSB (Servizio di sicurezza federale) Siloviki, è meno probabile che un colpo di stato nasca dalla sua cerchia ristretta ed è più probabile che provenga da un comandante di brigata o di divisione dell'esercito.

Il rifiuto dei militari di sostenere un'operazione del KGB contro Boris Eltsin con una squadra di commando nel 1991 e le sue azioni contro il colpo di stato dell'ottobre 1993 di Alexander Rutskoy, indicano che è un intermediario decisivo del potere quando i suoi interessi non sono allineati con i servizi di intelligence.

Putin deve essere consapevole del fatto che le guarnigioni militari furono fondamentali per reprimere l'insurrezione russa fallita del 1905-07 e che fu una rivolta dell'esercito russo che abbatté lo zar Nicola II nel 1917. Il dispiegamento di masse di soldati mal equipaggiati e guidati in Ucraina da parte di Putin rischia un contraccolpo se le sue politiche non saranno all'altezza delle loro aspettative nazionaliste.

Valzer e armi nucleari incontrano l'Ucraina

Nella sua monografia seminale del 1981 More May be Better, il politologo Kenneth Waltz ha sostenuto che la diffusione globale delle armi nucleari migliorerà la pace attraverso l'evidente loro effetto deterrente. Questo è il suo primo errore, poiché i leader russi stanno chiaramente cercando di utilizzare il loro arsenale nucleare per proteggere l'attacco convenzionale della Russia contro l'Ucraina dall'intervento esterno. Questa convinzione strategica nelle armi nucleari come scudo offensivo contro gli alleati democratici di Taiwan sta anche guidando il rapido accumulo nucleare della Cina, incluso un ottavo sottomarino con missili balistici di classe Jin e 300 silos missilistici.

Waltz ha anche affermato che lo sviluppo di armi nucleari richiede un livello di maturità istituzionale che renda questi regimi consapevoli dell'effetto deterrente delle armi nucleari, portando così moderazione.

È il secondo errore di Waltz assumere una covarianza tra la complessa storia costituzionale che guida sofisticate economie politiche come gli Stati Uniti, con le organizzazioni relativamente semplici, necessarie per assemblare armi nucleari.

L'intero programma di assemblaggio di armi nucleari dell'Apartheid Sud Africana ad Advena, che produceva sei testate nucleari e mezzo, si basava su un'officina a duplice uso di 900 metri quadrati. La Corea del Nord ha realizzato testate a fissione potenziate miniaturizzate su missili balistici eso-atmosferici, eppure ha la raffinatezza amministrativa di una prigione commerciale. Il fallito programma navetta con equipaggio Buran dell'Unione Sovietica, le fallite prospettive di sbarco sulla luna e l'aereo di linea civile supersonico coincidono perfettamente con la fatale incapacità del regime di accertare la sua percepita illegittimità tra i suoi cittadini.

Ora sappiamo che è del tutto possibile per gli stati che sono i resti di imperi multietnici, avere anche un accesso sofisticato alla tecnologia nucleare senza istituzioni governative stabili, come la ex Jugoslavia, la Russia, il Pakistan, l'Iran, la Cina, l'Indonesia e la Turchia.

Waltz ha affermato che le armi nucleari favoriscono fortemente lo status quo, sulla base dell'argomento di Bernard Brodie secondo cui non esiste una difesa affidabile contro armi nucleari. Il terzo errore di Waltz è non considerare l'impatto del nucleare nel contesto della guerra civile, dove ci sono forti incentivi per un'azione offensiva.

Nelle guerre civili, il controllo del territorio equivale a risorse per il reclutamento e la tassazione, e l'esistenza di enclavi assediate incentiva l'attacco. Inoltre, il dispiegamento di armi nucleari ha lo scopo di massimizzare la loro capacità di secondo attacco contro i paesi rivali, ma in una guerra civile fluida, le armi nucleari su basi fisse soffrono di un dilemma "usalo o perdilo", che porta alla pressione per il loro uso precoce. È anche meno probabile che ci siano restrizioni morali nelle guerre civili, rispetto ai conflitti interstatali e alle leggi di guerra, perché le guerre civili coincidono tipicamente con il collasso istituzionale e morale.

Come spiegato dal teorico politico Edmund Burke, la violenza delle rivoluzioni crea spesso una distruzione autoconsumata delle istituzioni che perpetua la violenza anche contro i non combattenti. Questo è il motivo per cui si perdono più vite nei conflitti intrastatali che nelle guerre tra paesi. La rivoluzione culturale cinese del 1966-1976 è stata più una rivolta giovanile coreografata all'interno dell'élite che causata da un vero e proprio collasso istituzionale, quindi Pechino ha mantenuto uno stretto controllo del suo arsenale nucleare.


Putin, colpo di stato e storia


Durante una ribellione nell'ottobre del 1795, Bonaparte sparò con l'artiglieria, l'arma più potente del suo tempo, sul popolo di Parigi. Possiamo speculare sulla storia controfattuale se le armi nucleari sarebbero state usate nella guerra civile spagnola del 1939-1940 o nelle guerre in Jugoslavia dal 1991 al 2001. Il nucleo del Punjab, in uno stato pakistano vacillante, ricorrerebbe mai all'uso del nucleare armi per reprimere la secessione nelle sue province periferiche del Belucistan, Khyber-Pakhtunkwa o del Sindh? Nel 1971 nel Pakistan orientale, l'esercito pakistano e le milizie locali misero in fuga tra i 6 e gli 8 milioni di rifugiati. Avrebbero usato armi nucleari oggi per evitare la disgregazione del Pakistan? Dato che l'Iran è alla ricerca di armi nucleari, e che è uno stato imperiale residuo con i persiani che costituiscono meno della metà della popolazione, Teheran ricorrerebbe alle armi nucleari per evitare la frammentazione?

Il fatto che l'Apartheid Sudafricana abbia smantellato le sue testate nucleari appena prima dell'inizio del suffragio universale, indica l'importanza dell'influenza delle potenze esterne. L'uso di armi chimiche in Siria nel 2013-2017 è stato consentito dal patrocinio russo. Tuttavia, possiamo porre di nuovo le stesse domande sulla rivolta del generale Yuan Shikai durante la rivoluzione cinese del 1911, la guerra civile russa del 1917-1922 e la guerra civile cinese del 1945-1949, in cui l'intervento straniero fu limitato alla drammatica portata del conflitto.

Una guerra civile nucleare può causare paura tra i vicini, anche se essi stessi sono armati di armi nucleari, poiché la deterrenza è complicata da un nemico e obiettivi poco chiari. In alternativa, una guerra civile nucleare può provocare la prelazione da parte dei vicini dotati di armi nucleari.

Il caso che più si avvicina alla situazione di Putin è il tentativo di colpo di stato della Wehrmacht del 20 luglio 1944 contro Adolf Hitler, che alla fine fallì e fu coordinato con un tentativo di omicidio.

Se Hitler fosse sopravvissuto al colpo di stato, ma il sostegno alla Wehrmacht avesse guadagnato terreno, avrebbe fatto ricorso all'uso di armi nucleari contro gli ammutinati?

Il leader della Corea del Nord Kim Jong Un userebbe armi nucleari se ci fosse una rivolta spontanea tra il 3 ° Corpo a Nampo? Presumibilmente Kim Jong Un avrebbe sempre la possibilità di fuggire in Cina.

Un vertice del Partito Comunista Cinese ricorrerebbe all'uso di armi nucleari se la Cina dovesse soccombere a una rivolta di massa che includa regioni militari ribelli? E se la disaffezione cinese diffusa a livello regionale non fosse stata sufficiente a minare la coesione del Partito Comunista a Pechino, ma porterebbe ad una rivolta nella provincia di Hunan, nel Comando del teatro meridionale, e avesse chiari segni di diffusione come la rivolta di Yuan Shikai nel 1911? L'Hunan fu il centro della ribellione dei Taiping del 1851-1864, che si estese alla periferia di Shanghai e costò venti milioni di vite. E se quel comando, con sede nel Guangdong, fosse pronto a prendere la base navale di Yulin sull'isola di Hainan, dove la Cina immagazzina i suoi sottomarini con missili balistici? Alcuni autori, come Joseph Miranda, hanno ipotizzato una guerra civile nucleare cinese in questo senso.


Putin lo farebbe?

È molto probabile che la prima manifestazione di una rivolta militare contro Putin scoppi dalla brigata e dagli ufficiali di divisione delle formazioni sbranate in Ucraina, che vengono spostate dalla prima linea alle basi vicino alle città di Krasnodar, Rostov sul Don, Belgorod, Kursk e Brjansk.

La rivolta potrebbe essere motivata da un comandante che cerca un regime più liberale, o da uno che offre poco più di una soluzione allo status quo in Ucraina. Un colpo di stato può anche produrre qualcosa di peggio: un ipernazionalista che cerca di sostituire Putin a un presidente militare, o peggio, gloria, lasciando una scia di colpi di stato militari successivi come quelli che hanno afflitto il Vietnam del Sud.

L'ultima opportunità per Putin di usare armi nucleari sarà quando intere divisioni ed eserciti russi (corpi equivalenti a 30.000 soldati) si ribelleranno, prima che la rivolta si diffonda alle guarnigioni intorno a Mosca e al quartier generale principale. La 12a direzione principale immagazzina armi nucleari in 12 strutture e altre 35 basi, sebbene possieda solo circa 2.000 armi non strategiche schierabili su sistemi missilistici tattici e teatrali come l'Iskander e gli aerei, escluse altre 200 testate di bombardieri nucleari strategici dispiegate nelle basi aeree.

In definitiva la domanda chiave è se i piloti o gli operatori dell'esercito nelle sei brigate missilistiche Iskander della Russia centrale e dei distretti militari meridionali si schiererebbero con Putin, piuttosto che con un'unità dell'esercito ribelle che persegue uno dei motivi sopra menzionati?

C'è ben poco da fare per estranei come gli Stati Uniti e la NATO in questa circostanza, se non ribadire costantemente ed esplicitamente la disponibilità dell'alleanza a reagire in natura se la repressione nucleare minacciasse di diffondersi oltre i confini della Russia.

A differenza dell'intervento della NATO in Libia nel 2011, Mosca, Pechino e Pyongyang hanno i mezzi per vendicarsi e un regime disposto a iniziare una guerra nucleare interna lo fa perché non ha santuari per l'esilio, ed è quindi probabile che si vendichi.

L'attacco potrebbe quindi diventare praticabile, dal momento che qualsiasi regime disperato rischia anche di avere crepe significative nel suo comando delle forze nucleari e chissà cosa farà Putin una volta che le bombe inizieranno a cadere.

Ecco perché recentemente a Putin e alla famiglia è stata data l'opportunità di fuggire in un paese senza estradizione come la Corea del Nord. Ma lui ha rifiutato....

Fonte: 19fortyfive.com


Il dottor Julian Spencer-Churchill è professore associato di relazioni internazionali alla Concordia University e autore di Militarizzazione e guerra (2007) e di Strategic Nuclear Sharing (2014). Ha pubblicato ampiamente su questioni di sicurezza e controllo degli armamenti in Pakistan e ha completato contratti di ricerca presso l'Ufficio per la verifica dei trattati presso l'Ufficio del Segretario della Marina e l'allora Ufficio per la difesa dai missili balistici (BMDO). Ha anche condotto ricerche sul campo in Bangladesh, India, Indonesia ed Egitto ed è consulente. È un ex ufficiale delle operazioni, 3 reggimento di ingegneri sul campo, dall'ultima fine della Guerra Fredda a poco dopo l'11 settembre.

75 visualizzazioni0 commenti