Ray Dalio ed Henry Kissinger su Stati Uniti e Cina: perché dovremmo preoccuparci

"Perché se ti preoccupi di queste cose, farai attenzione ad eliminare o ridurre i rischi delle cose di cui ti preoccupi. Ma se non ci preoccupiamo di queste cose, allora non lo faremo".


Geopolitica


G e N Iuvinale

Ray Dalio ed Henry Kissinger sono due giganti: il primo degli investimenti, il secondo della geopolitica. Uno, Kissinger, ha contribuito a forgiare la storia moderna, l'altro ne è un


devoto studioso. Ma c'è una cosa che Henry Kissinger e Ray Dalio hanno in comune, a parte l'enorme influenza nelle rispettive sfere di conoscenze e nelle relazioni di lungo corso con la Cina: il loro impegno per il pensiero strategico su larga scala.

In un recente evento tenutosi presso il Center for Strategic and International Studies CSIS per promuovere il nuovo libro di Dalio, Principles for Dealing with the Changing World Order: Why Nations Succeed and Fail, Kissinger e Dalio si sono incontrati per una conversazione ad ampio raggio su presente e futuro, prendendo in considerazione ciò che il passato può raccontarci per comprendere entrambi, soprattutto per quanto riguarda tre aspetti critici attuali:

  • l'enorme debito attualmente presente nel sistema finanziario globale

  • l'ascesa del populismo e del conflitto sociale negli Stati Uniti derivanti dalla disuguaglianza di ricchezza

  • l'emergere di una nuova superpotenza economica potente: la Cina

Il pensiero di Dalio: bisogna imparare dal passato per capire il presente ed anticipare il futuro

Dalio ha iniziato sottolineando il valore della conoscenza storica: abbiamo bisogno di sapere più di ciò che sperimentiamo personalmente.

Per capire cosa sta succedendo ora e dal mio punto di vista per fare bene il mio lavoro, avevo bisogno di capire alcune cose che non sono mai successe nella mia vita. Ho imparato qualche tempo fa che la maggior parte delle sorprese provengono da cose che non sono accadute nella mia vita, ma in passato sono successe.

Dalio ha identificato tre grandi criticità che oggi si riscontrano contemporaneamente nella scena globale, vale a dire:

  • la creazione di molto debito e la stampa di denaro per ripagare quel debito. Quindi, c'è una componente finanziaria (speculativa) in tutto ciò, aggiunge. Spendi molto più denaro di quello che stai guadagnando, finanziandolo con denaro imprinting a debito

  • la quantità del conflitto sociale interno agli USA derivante dai maggiori divari di ricchezza e dai maggiori divari politici a far data dal 1900

  • l'ascesa di una grande potenza, la Cina, che ne sfida una già esistente, cioè gli Stati Uniti.

Dalio ha spiegato che questa pericolosa congiuntura lo ha spinto a studiare un fenomeno, quello dell'aumento e del declino della cosiddetta valuta di riserva, cioè quella valuta che è detenuta dai Governi, come componente delle loro riserve in divise estere.

"Quindi, sono tornato indietro per trovare i cicli. Sono tornato indietro di 500 anni per vedere l'ascesa e il declino degli imperi e delle loro valute, in particolare l'olandese, il britannico, l'americano e così via, e ho visto questo grande ciclo. Ho anche studiato le dinastie in Cina dall'inizio della dinastia Tang poco dopo l'anno 600, e ho visto questo stesso schema... è saltato fuori ad alta voce e chiaramente quello è diventato il libro.

La posizione di Kissinger sull'attuale pensiero di Dalio

Kissinger non è famoso solo perché è uno dei più grandi pensatori strategici e geopolitici del mondo. Lo è anche come attore sulla scena mondiale perché ha servito gli Stati Uniti come Segretario di Stato e Consigliere per la sicurezza nazionale sotto i presidenti Richard Nixon e Gerald Ford (qui).

Kissinger e Dalio condividono la stessa visione del mondo.

Ho avuto il privilegio di conversare con Ray per diversi anni, e le conversazioni sono nate perché il nostro pensiero era molto parallelo, ha detto.
Sulla base di diverse prove, mi sono occupato principalmente di questioni geopolitiche, con i diritti e il declino delle società considerate nel campo politico e in quello storico, e i modelli sono molto paragonabili a quelli che Ray ha studiato.

Kissinger ha spiegato:

L'ascesa e il declino non sempre coincidono in termini di anni precisi, ma se li guardi come uno schema, c'è una grande corrispondenza. E Ray ha scoperto che l'ascesa e i declini in paesi che non aveva studiato dal punto di vista della geopolitica, come gli olandesi, è un argomento del nostro tempo perché stiamo vivendo una situazione in cui l'ascesa e poi il declino non sono ancora certi, ma lo schema comincia a manifestarsi.

L'America resterà un leader globale?

Dalio non è ottimista.

La creazione di un debito colossale e il QE che ne è seguito ha sminuito la valuta, diminuendo il valore del dollaro e delle altre valute di riserva.

Devi essere finanziariamente forte. La storia ha dimostrato che quando le casse sono vuote e c'è bisogno di spendere più soldi, allora c'è sempre la creazione, la stampa del denaro, che lo svaluta e questo è un problema.

Oltre ad un bilancio scadente, crede che gli Stati Uniti siano in guerra con se stessi, e non solo metaforicamente. A suo avviso il problema è abbastanza grave da sconvolgere le prossime elezioni statunitensi.

La seconda questione è come stiamo gli uni con gli altri. Quando si hanno problemi finanziari c'è una tendenza reale ad avere un aumento del populismo di sinistra e di destra, ciascuno di essi polarizzato solo su se stesso. E un populista è una persona che combatterà solo per quella parte. Per loro natura, non esistono compromessi. E questa polarità sempre maggiore, è un problema che può produrre periodi di disordine, tipo di guerra civile.
E' inconcepibile che nessuna delle due parti rinunci a perdere, cioè che non accetti di perdere alle prossime elezioni presidenziali; in tal caso, ciò minaccerebbe il sistema. E quindi come stanno le persone tra loro, cioè se stanno lavorando in modo coeso per obiettivi comuni e in modo produttivo è molto importante.

Dalio ha sostenuto che questi due fattori - una valuta debole e una nazione divisa - si combinano per indebolire in modo critico gli Stati Uniti e il loro potere rispetto al loro rivale più vicino, la cui potenza economica potrebbe rafforzare in modo significativo il suo esercito.

È di fondamentale importanza per gli Stati Uniti dare forma ad un qualsiasi confronto, in modo che ci sia una relazione vantaggiosa per tutti piuttosto che una guerra, ha detto.

Per quanto tempo i governi potranno continuare a vivere al di sopra delle loro possibilità?

Per quanto riguarda l'inflazione e il QE, Dalio è stato irremovibile: i governi e le persone sono coinvolti entrambi.

Quando un governo ha un deficit, sta dando soldi alle persone. Noi [USA] come paese lo stiamo facendo e lo stiamo stampando. E ciò che accade meccanicamente, finanziariamente, è che i debiti di un uomo sono i beni di un altro uomo. Possiedi un'obbligazione, per esempio, e quando il suo rendimento diminuisce rispetto all'inflazione e le pressioni inflazionistiche aumentano, le persone inizieranno a pensare, gli investitori inizieranno a pensare: "Come sto andando rispetto all'inflazione? Siamo a quel punto.
Siamo così abituati a pensare che la quantità della nostra ricchezza sia misurata dalla quantità di denaro che abbiamo, non dalla quantità di potere d'acquisto che abbiamo.

Dalio ha aggiunto:

"Quando i tassi di inflazione iniziano a salire, ciò fa sì che i detentori di obbligazioni e altre attività inizino a venderli e i detentori di contanti non vogliano detenerli, e ciò essenzialmente aumenta l'importo che la banca centrale deve stampare. Perché non devono solo finanziare il deficit, ma devono colmare quel gap di finanziamento. E quella dinamica è una dinamica molto rischiosa, molto classica".


In che modo le potenze consolidate affrontano le potenze emergenti?

Il libro di Dalio esplora i grandi cicli di ascesa e declino delle grandi potenze mondiali che devono affrontare concorrenti in aumento. Per Kissinger, un veterano per così tanto tempo al centro degli eventi mondiali, "tutto dipende dallo stato del ciclo in cui si trovano i due paesi.

Se una potenza in crescita sfida una potenza statica, quando la potenza statica può essere in declino competitivo, ma in assoluto è ancora molto forte e soprattutto molto propositivo; allora la potenza in aumento può essere estinta, almeno, temporaneamente, ha aggiunto Kissinger.

Non è inevitabile che prevalga il potere nascente, e non è impossibile che i poteri più forti mantengano se stessi, a condizione che mantengano il loro scopo nazionale e la loro unità nazionale rispetto all'importanza della loro leadership. Se lo perdono, il declino aumenterà.

Ma, ha continuato, bisogna confrontare il declino relativo e il declino assoluto. E quindi, possono esserci periodi di declino relativo in cui si è ancora molto forti, cosa che penso sia il caso dell'America oggi. Ma la direzione è quella che dovremmo avere in mente".


Capire la Cina: il "capitalismo comunista" e Taiwan

Forse solo Kissiniger ha un livello di connessione e familiarità con la Cina, ed suoi leader, più stretto rispetto a quello di Ray Dalio.

Gli è stato chiesto, allora, se ha visto emergere di recente una nazione più "combattente" e di spiegare come sia possibile che un paese comunista possa abbracciare il "secondo mercato dei capitali più grande del mondo".

"Penso che ci sia una tendenza a tornare indietro e pensare alle parole Partito Comunista e pensare alla vecchia era di Mao, e a non capire, invece, come il miglioramento del tenore di vita sia stato determinato, in realtà, dal movimento della prima fase della rivoluzione, in sostanza, che è stata la fase di Mao per andare a Deng Xiaoping".

Quindi, quando viene posta la domanda sull'uso del capitalismo, essenzialmente Deng Xiaoping risponde: "Non importa se è un gatto bianco o un gatto nero, purché catturi i topi".
Significa che se funziona, funziona. E disse anche: "È glorioso essere ricco". E ha anche spiegato, ed è proprio così, che devi diventare ricco prima di distribuire la ricchezza.
E quindi, il concetto di prosperità comune, o anche il suo controllo, è importante.

Dalio ha sottolineato il significato della sovranità per la Cina, nei suoi rapporti internazionali e per quanto riguarda Taiwan.

La Cina, ha detto, è "molto consapevole dei 100 anni di umiliazione", che risalgono al 1840 e alle guerre dell'oppio e si è profondamente risentita per la presa di Taiwan da parte del Giappone nel 1895.

Ma, ha aggiunto, che è fondamentale vedere le cose non solo dalla prospettiva della Cina, ma anche dal punto di vista dell'America, "e di rendersi conto che se c'è una guerra, una guerra militare, sarà la peggiore guerra che abbiamo mai avuto perché le tecnologie sono avanzate per essere in grado di affrontala bene".


Il capitalismo comunista: da Deng a Xi

Kissinger ha detto che è stato Deng Xiaoping a "capire che la Cina doveva diventare ricca prima di poter diventare influente e che non poteva farlo solo con l'ideologia".

È stato Deng, ha detto, a guidare la violentissima rivoluzione agricola in Cina, ma è diventato "permissivo" nei confronti del capitalismo di stampo occidentale in modo limitato.

Kissinger ha affermato che Xi Jiping ha ora cambiato il carattere di Deng, mentre la Cina ha sviluppato maggiori capacità a livello internazionale, e con ciò è arrivato "un certo indurimento del limite", "soprattutto dal secolo dell'umiliazione. È un'esperienza viva per i cinesi. Non è una discussione astratta."

E Xi, come successore di Deng, al timone di una potenza economica internazionale "è destinato ad avere una visione più completa dell'interesse nazionale cinese" nel lungo termine.

Kissinger ha, quindi, evidenziato una differenza fondamentale esistente nell'approccio filosofico alla politica tra Stati Uniti e Cina:

"Il nostro approccio è pragmatico. Stiamo cercando di risolvere i problemi individuali. L'approccio cinese alla politica è storico. Si preoccupano dell'evoluzione di un processo e guardano a dove, tra cinque e dieci anni, andranno, piuttosto che nell'immediata soluzione."

Il ruolo della tecnologia nel possibile conflitto USA/Cina

Sia Dalio che Kissinger hanno evidenziato come il drammatico aumento delle capacità tecnologiche e delle capacità militare delle due superpotenze è un obiettivo chiave di preoccupazione.

"In tutti i conflitti precedenti", ha detto Dalio, "il danno causato dalla guerra era, in una certa misura, calcolabile e si poteva immaginare un margine di vittoria. Spesso in modo errato. Ma nelle guerre contemporanee combattute con armi moderne, è imprevedibile se ci sarà un margine di vittoria. E quindi, esistono due possibilità, se entrambe le parti si preparano attivamente alla guerra, o se entrambe le parti, rendendosi conto dei pericoli, stabiliscono una comunicazione tra loro in cui competono consapevolmente in molti campi ed escludono grandi conflitti tecnologici".

"Non è mai successo prima nella storia, e non direi che siamo preparati per questo, e non so se i cinesi siano disposti ad intrattenerlo. Dicono che è quello che hanno in mente, ma richiede, da parte americana, un grado di riflessione ed elaborazione di concetti che ora non esiste, e la capacità di eseguirlo in un lungo periodo di tempo. E su entrambi è necessario un livello di dialogo che vada oltre il semplice manovrare l'altra parte per portarla in una posizione svantaggiosa".

Vorrei sottolineare l'importanza di evitare le guerre. Ci sono cinque tipi di guerre, giusto, e diventano progressivamente più difficili.
C'è una guerra commerciale, una guerra tecnologica, una guerra di influenza geopolitica, una guerra di capitali e una guerra militare; e possono andare tutte insieme.


Perché è importante preoccuparsi

Dalio ha detto che lui e Kissinger sono allineati sulla necessità di preoccuparsi: "Lui (Kissinger) crede che se ci preoccupiamo, non dobbiamo preoccuparci. Mentre se se non ti preoccupi, devi preoccuparti".

Perché se ti preoccupi di queste cose, farai attenzione a eliminare o ridurre i rischi delle cose di cui ti preoccupi. Ma se non ci preoccupiamo di queste cose, allora non lo faremo.
Quindi, la preoccupazione per la guerra, la preoccupazione per questo tipo di conflitti, penso possa essere una motivazione per andare avanti e per scavare in profondità dentro di noi, per essere le migliori persone che possiamo in termini di rapporti con o qual è il nostro interesse comune."

Qui il video dell'intervista




489 visualizzazioni0 commenti