top of page

Taiwan: l'ingresso della Cina nel Parlamento centroamericano minerà la democrazia della regione

Taipei è stata molto critica nei confronti dell'ingresso di Pechino e della decisione del Parlacen di revocare all'isola lo status di osservatore permanente. "Ciò dimostra l'espansione dell'autoritarismo in America Latina", ha affermato il Ministero degli Esteri dei Taiwan


Il Parlamento Centroamericano (Parlacen) ha approvato questa settimana a Managua, a maggioranza, l'incorporazione della Repubblica Popolare Cinese come Stato osservatore di tale organismo e lo ha revocato a Taiwan.

Dall'isola hanno avvertito che il voto promosso dal Nicaragua, uno dei nuovi alleati del regime cinese, rappresenta un tentativo da parte di entrambi i Paesi di "minare la democrazia" nella regione. Lo afferma il ministero degli Esteri taiwanese.

La Cina considera Taiwan parte del suo territorio e si oppone a qualsiasi scambio ufficiale dei suoi rappresentanti con leader di altri paesi e alla loro partecipazione alle organizzazioni internazionali.

A Pechino è stata accolta con favore l'inclusione del Paese asiatico come Stato osservatore del Parlacen.

Ciò dimostra ancora una volta che l'adesione al principio "One China" è un'ondata inevitabile, l'aspirazione del popolo e una tendenza inarrestabile", ha affermato il portavoce del Ministero degli Esteri Wang Wenbin.

Il ministero taiwanese ha risposto che lasceranno questo organismo per "salvaguardare" la loro sovranità e la "dignità" nazionale .

"La dittatura di Daniel Ortega in Nicaragua vuole diventare una pedina della Cina ", ha criticato martedì il ministero taiwanese.

Come ha detto alla stampa il portavoce del Ministero degli Esteri taiwanese, Jeff Liu, l'uscita di Taipei dal Parlacen "dimostra l'espansione dell'autoritarismo in America Latina".

Cina e Nicaragua sono noti per essere due paesi autoritari (...). Questo è un attacco non solo a Taiwan ma anche a tutti paesi democratici", ha sottolineato.

Attraverso dichiarazioni al quotidiano honduregno La Prensa, l'ex ambasciatore del Paese centroamericano presso l'OSA Arturo McFields ha affermato che quanto accaduto al Parlacen è una sconfitta non solo per Taiwan, ma anche "per la democrazia e i diritti umani nella regione ".

Ciò significa un maggiore allineamento con la Cina e con tutto ciò che la Cina rappresenta: posti di lavoro a basso salario, prodotti di scarsa qualità, diritti dei lavoratori violati sotto il regime comunista", ha precisato ai media honduregni.

Da parte sua, l'esperto di politica asiatica Graco Pérez ritiene che "la democrazia è a rischio".

"La Cina esporta sicuramente il suo modello, non solo economico, ma politico, con un governo autoritario, dove esiste un solo partito politico, dove le decisioni vengono prese ai vertici, dove non ci sono poteri diversi e non ci sono forum", ha detto.

La decisione del Parlacen segna l'ultima battuta d'arresto diplomatica nella regione per Taiwan, che a marzo ha visto l'Honduras cambiare la sua alleanza e stabilire relazioni con la Cina.

Due anni fa fu il Nicaragua a recidere i suoi legami con Taipei a vantaggio di Pechino.

Da quando la presidente Tsai Ing-wen è salita al potere a Taipei , la Cina ha intensificato la pressione contro l’isola.

All'interno del Parlacen, solo il Guatemala mantiene la sua tradizionale alleanza con Taiwan dopo il cambio di lealtà di El Salvador, Repubblica Dominicana, Panama e i già citati Honduras e Nicaragua.

L’isola governata democraticamente ha solo 13 alleati ufficiali nel mondo, tra i quali Belize e Paraguay.

Fonte Infobae.

11 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page