Xi: l'uomo più solo e pericoloso del mondo

Ciò che caratterizza oggi la persona di Xi Jinping è la paranoia e il suo crescente isolamento. Xi è chiaramente ancora al comando, ma governa attraverso un equilibrio di nemici, non una preponderanza di amici. Deve continuamente alimentare il conflitto per mantenere la sua autorità e questo include anche la guerra globale

di Nicola Iuvinale

Xi ha ricoperto il primo posto in Cina per 10 anni e il suo mandato è ora in attesa di rinnovo. Alcuni lo chiamano un "mandato dal cielo" sul modello degli antichi imperatori cinesi. Dalla morte di Mao Zedong nel 1976, quel mandato è arrivato dal Partito Comunista Cinese, con il leader della Cina che governa attraverso un ampio consenso dell'élite del partito.

Ma in questi giorni il mandato per governare la Cina sembra provenire dallo stesso leader. Xi non governa per consenso. È circondato da nemici, sia interni che esterni. Sarà anche colpa sua, ma ciò non cambia il fatto che Xi Jinping può davvero dipendere solo dal supporto di una persona: Xi Jinping. Figlio di un rivoluzionario cinese che litigò con Mao negli anni '60, Xi trascorse gran parte della sua adolescenza e vent'anni nei campi di rieducazione. Si è fatto strada nel Partito Comunista, poi è salito in cima. Quando è stato elevato alla leadership suprema nel 2012, gli esperti internazionali in Cina lo hanno generalmente descritto come un fedele uomo di partito. Non avendo una base di appoggio da chiamare "propria", Xi ha consolidato il suo potere mettendo l'una contro l'altra le principali fazioni politiche cinesi. Ha retrocesso i suoi compagni "principi", i figli della prima generazione dei leader rivoluzionari della Cina comunista. Ha fatto a pezzi la "Shanghai Gang", prendendo di mira la cricca dell'ex leader Jiang Zemin, con indagini sulla corruzione. Ha istigato una sfida ideologica alla fazione della Lega della Gioventù del Partito Comunista del premier Li Keqiang, accusando la lega di allontanarsi dal vero pensiero marxista. Ha persino attaccato gli amministratori delegati dei nuovi campioni dell'alta tecnologia cinese, mettendo a repentaglio il futuro economico della Cina per il bene del vantaggio politico interno.

La pandemia di coronavirus ha solo peggiorato le cose. I rubinetti sono asciutti e Xi può mantenere la sua posizione solo assicurandosi che nessun altro sia in grado di sfidarlo.

Il risultato è un leader che è intrappolato in Cina e difficilmente può lasciare Pechino.

Xi non è il ragno al centro della rete politica cinese. Lui è la rete politica cinese.

Tutto ciò ha importanti implicazioni internazionali, per il mondo intero. La cosa più ovvia è che sotto la guida di Xi, la Cina è passata dall'essere una roccia di stabilità a una fonte di instabilità sulla scena globale.

Xi ha esportato le tensioni politiche interne alla Cina mentre cerca sempre più lontano i disordini che lo rendono politicamente indispensabile. In quanto leader che ha alienato tutti, ha bisogno di essere necessario, non amato.

Ed è necessario, non solo in patria, ma all'estero. Xi ha suscitato scalpore su Taiwan, facendo pressioni sui produttori di elettronica cinesi, che fanno molto affidamento sui chip taiwanesi. Ha messo Vladimir Putin tra i "piccioni" in Europa, apparentemente dando la sua benedizione a un'invasione russa dell'Ucraina. E ha dato il via libera o è stato sorpreso da un'avanzata del 2020 sull'India da parte del comando militare occidentale cinese, una scaramuccia mortale che ha diviso le numerose basi militari cinesi.

Ognuna di queste crisi (e molte altre ancora) può essere risolta solo con la benedizione di Xi e nessuna di esse sarà risolta finché non sarà lui a risolverle.

Dicevano che essere presidente degli Stati Uniti era il lavoro più solitario del mondo. Oggi ci sono almeno tre lavori più solitari: segretario generale del Partito comunista cinese, presidente della Commissione militare centrale cinese e presidente della Repubblica popolare cinese.

Xi li tiene tutti e tre in pugno, esercitandoli con un crescente ultranazionalismo e la pulizia etnica, con l'eliminazione degli Uiguri musulmani.

"Un popolo, un capo, una nazione incentrata sugli Han".

A settembre, il Partito Comunista dovrebbe rinnovare queste nomine, consolidando la posizione di Xi come leader a vita della Cina: l'eterno padre Xi.

Per quanto tempo potrà rimanere leader per tutta la vita è una questione aperta.

Per parafrasare Benjamin Franklin, Xi ora ha la Repubblica popolare tutta per sé, ma sta a lui mantenerla.

Xi è, ora, l'uomo più solo al mondo e per consolidare il suo potere, in una Cina in profonda crisi economica che mostra il totale fallimento della sua politica, le strade sono poche, strette e tortuose: una di queste è la guerra contro gli Stati Uniti.

Nel libro in uscita il prossimo settembre, scritto da Nicola e Gabriele Iuvinale, con la preziosa prefazione di Giulio Terzi e con l'editore Antonio Stango spiegheremo il perché.

Perché, oggi, la Cina di Xi Jinping è il sistema totalitario più pericoloso del mondo.

E, quando si raggiunge il vertice "del male" non si può descalare naturalmente verso un sistema democratico; come insegnano i grandi studiosi dei sistemi totalitari ed autoritari, come Arendt, Brzezinsky e Sartori, si deve necessariamente tornare al livello più basso dell'autoritarismo.

Se si può.

Salvo.. una rivoluzione interna o una guerra persa.

Fonte: The Sydney Morning Herald. Salvatore Babones is director of the China and Free Societies program at the Centre for Independent Studies.

43 visualizzazioni0 commenti