top of page

In barba agli USA: Pechino ha acquistato oltre 400 mld di dollari di attrezzature per chip avanzati

Nei primi sei mesi del 2023, la Cina ha acquistato 23,5 miliardi di RMB di apparecchiature per la produzione di semiconduttori dai Paesi Bassi, con un balzo del 96,1% rispetto ai 12 miliardi di RMB dello stesso periodo dell'anno scorso


G e N Iuvinale



L'efficacia delle restrizioni statunitensi sulle esportazioni di tecnologia è stata messa in discussione dopo che Huawei ha rilasciato il Mate 60 Pro, un telefono cellulare dotato di un chip avanzato.


Cellulare Huawei Mate 60 Pro. Foto Weibo.

Un rapporto pubblicato da un'agenzia governativa statunitense il 14 ottobre scorso evidenzia le lacune delle sanzioni statunitensi, spiegando come la Cina sia stata in grado di acquistare grandi quantità di attrezzature per la produzione di chip alla base dei semiconduttori avanzati.


La Reuters ha riportato che il Congresso degli Stati Uniti ha autorizzato la Commissione di revisione economica e di sicurezza USA-Cina (USCC), un organismo bipartisan, a pubblicare il suo rapporto annuale di 741 pagine, in cui si afferma che l'amministrazione Biden ha imposto una serie di restrizioni all'esportazione nell'ottobre dello scorso anno per impedire alle aziende cinesi di acquistare wafer più avanzati di 14 nm, ma che la Cina è stata in grado di aggirare le sanzioni, con gli importatori che hanno potuto cavarsela semplicemente dichiarando al Dipartimento del Commercio USA che l'apparecchiatura in questione era stata acquistata per essere utilizzata in una linea di produzione più vecchia.


La capacità degli Stati Uniti di controllare l'uso finale dell'apparecchiatura è limitata, aggiunge il documento, il che rende difficile garantire che non venga utilizzata nella produzione di wafer avanzati.

Alcuni esperti ritengono che anche con i vecchi modelli di macchine per l'esposizione - un'apparecchiatura chiave nella produzione di wafer di silicio - sia ancora possibile ottenere prestazioni da 7 nm, ad esempio con esposizioni multiple, anche se a scapito di costi ed efficienza.


Mentre gli Stati Uniti limitano le esportazioni di tecnologia correlata, il gigante cinese delle telecomunicazioni Huawei, che ha lanciato il suo portatile Mate 60 Pro con un chip a 7 nm, e SMIC, che è nella lista nera statunitense, teoricamente non sarebbero in grado di ottenere determinate tecnologie dai fornitori statunitensi, ma le relazioni suggeriscono che quest'ultima azienda cinese avrebbe avuto altre "opzioni" per portare le attrezzature vietate da oltreoceano.


Dopo aver annunciato le restrizioni alle esportazioni nell'ottobre dello scorso anno, gli Stati Uniti sono riusciti a convincere il Giappone e i Paesi Bassi a seguirne l'esempio e a imporre restrizioni simili alla Cina, rispettivamente nel luglio e nel settembre di quest'anno.


Il rapporto dell'USCC sottolinea che SMIC potrebbe aver approfittato del vuoto di questo periodo per accumulare attrezzature.

Da gennaio ad agosto di quest'anno, la Cina ha acquistato 23,5 miliardi di RMB di apparecchiature per la produzione di semiconduttori dai Paesi Bassi, con un balzo del 96,1% rispetto ai 12 miliardi di RMB dello stesso periodo dell'anno scorso.


Nei primi otto mesi di quest'anno, le importazioni cinesi di apparecchiature per semiconduttori da tutto il mondo hanno raggiunto un totale di 100 miliardi di RMB (circa 442 miliardi di dollari di Taiwan).

La relazione annuale dell'USCC non formula raccomandazioni specifiche per risolvere la lacuna,quanto piuttosto utilizza il rapporto per chiedere al Congresso di richiedere una valutazione annuale dell'efficacia delle restrizioni all'esportazione di wafer da parte della Cina, con il completamento del rapporto da parte del Government Accountability Office (GAO) e la sua messa a disposizione al pubblico entro sei mesi.

14 visualizzazioni0 commenti

Comentários


bottom of page