Lo Sri Lanka è diventato un campo di battaglia nella grande competizione tra Cina e India

Dopo aver consolidato la sua posizione nel teatro del Pacifico, anche con l'accordo con le Isole Salomone e le trattative in corso per acquistare le Conflict Islands, la Cina è ora visibilmente concentrata sull'Oceano Indiano nel suo sforzo per contrastare la strategia indo-pacifica occidentale


di Nicola Iuvinale


Lo Sri Lanka ha accumulato negli anni oltre 8 miliardi di dollari di debito verso le SOE cinesi (grandi conglomerati pubblici), di cui 1,1 miliardi per la costruzione del porto di Hambantota. Il Governo ha lottato per ripagare i propri debiti, ma nel 2017 ha deciso di affittare il porto alla Cina per 99 anni in cambio della riduzione del debito. Vittima di un "debt equity swap" cinese, nel 2022 il presidente dello Sri Lanka, Gotabaya Rajapaksa, ha chiesto a Pechino di aiutarlo a ristrutturare il rimborso del debito, come parte degli sforzi per aiutare il paese a superare una crisi finanziaria in peggioramento. Lo Sri Lanka ha beneficiato di miliardi di dollari di prestiti agevolati dalla Cina, ma la nazione si è trovata nel mezzo di una crisi valutaria che l’ha portata in default per la prima volta nella sua storia. Oggi, i prezzi del cibo sono saliti a "livelli insopportabili", il carburante scarseggia e i blackout sono diffusi. La Cina rappresenta il 10% del debito estero del paese. A lungo invischiato nella trappola del debito cinese, lo Sri Lanka è sfuggito per un pelo dal default all'inizio del 2022, grazie ad un aiuto dell'India, ma non è durato.

Dal mese scorso, una nave cinese di localizzazione satellitare "a duplice uso" con capacità di spiare l'establishment militare indiano nell'area, ha navigato lentamente dalle acque cinesi al porto di Hambantota, all'estremità meridionale dello Sri Lanka. Pochi mesi fa, quando lo Sri Lanka era ancora sotto la guida dei Rajapaksas, una famiglia politica che aveva governato l'etnocrazia del paese per quasi due decenni, consentire alla nave della marina cinese di 730 piedi di entrare in porto non avrebbe generato così tanta attenzione. Tuttavia, con il piccolo stato insulare che sta soffrendo la sua peggiore crisi economica mai registrata, con il suo indebitamento con Pechino come cappio economico al collo e le tensioni geopolitiche tra India e Cina in aumento, l'arrivo della nave ha generato molto allarme.

Sia il governo indiano che quello statunitense avevano fortemente esercitato pressioni su Colombo affinché revocasse l'accesso cinese al porto, cosa che ha fatto infuriare i cinesi. In un primo momento, il ministero degli Esteri dello Sri Lanka si è piegato alla pressione, dichiarando di aver chiesto formalmente alla Cina di posticipare la visita, affermando che "voleva riaffermare l'amicizia duratura e le eccellenti relazioni tra lo Sri Lanka e la Cina".

L'India temeva che la nave avesse la capacità di spiare gli stabilimenti militari indiani nell'area.

Ma Colombo ha rapidamente invertito la rotta e ha permesso alla nave cinese di attraccare per "rifornimento" a partire dal 16 agosto, riaccendendo le preoccupazioni sull'influenza cinese sullo Sri Lanka. L'inversione è un duro colpo per l'India e solleva preoccupazioni per la sicurezza e nuove domande sulla fiducia nelle relazioni bilaterali tra India e Sri Lanka. Mahinda Rajapaksa, che ha preso il potere per la prima volta nel 2004 e ha concluso una lunga guerra civile sconfiggendo le Tigri per la liberazione del Tamil Eelam (LTTE), ha iniziato a corteggiare Pechino come un modo per generare legittimità interna. Una relazione militare è iniziata leggermente prima, con le armi cinesi che hanno contribuito alla sconfitta delle LTTE. L'assistenza economica cinese allo Sri Lanka, principalmente attraverso prestiti mediati da banche cinesi, è aumentata in modo esponenziale. Tra il 2005 e il 2012, la Cina ha fornito più di 4,7 miliardi di dollari in assistenza economica allo Sri Lanka, poi salito ad oltre 8 miliardi di dollari solo da parte delle SOE.

L'attracco dello Yuan Wang 5 non è stata la prima provocazione a far arrabbiare l'India. Nel 2014, due navi cinesi, un sottomarino e una nave da guerra hanno attraccato ad un porto per container di costruzione cinese a Colombo. La crescente intensità delle visite delle navi militari cinesi nello Sri Lanka ha tenuto l'India al limite, erodendo ulteriormente le relazioni tra due paesi che hanno forti legami storici, culturali ed etnici. L' India si è anche fortemente opposta, nel 2014, alla progettazione di un impianto di manutenzione degli aeromobili, tra lo Sri Lanka e una compagnia aerea cinese.

Tuttavia, questa volta, l'attracco della nave cinese nel porto dello Sri Lanka ha prodotto due effetti diversi.

In primo luogo, è accaduto sullo sfondo delle alterate relazioni India-Cina.

Un conflitto persistente sulla linea di confine con l'India ha collocato la Cina in una posizione diversa. Lo Sri Lanka, tra tutti i paesi, è ben consapevole delle deboli relazioni tra Nuova Delhi e Pechino. In secondo luogo, la decisione dell'India di sostenere fermamente lo Sri Lanka durante la crisi finanziaria in corso, senza alcuna aspettativa, avrebbe dovuto spingere lo Sri Lanka a riconoscere e rispettare le preoccupazioni strategiche dell'India.

Tuttavia, dal punto di vista dello Sri Lanka, è comprensibile che un paese che vacilla sotto una tensione finanziaria senza precedenti sia costretto a conformarsi alle pressioni cinesi.

Sono gli effetti del "long debt equity swap" imposto da Pechino.

Il fatto che il porto di Hambantota sia già sotto il controllo funzionale cinese spiega l'incapacità di Colombo di impedire alla Cina le "distorsioni strategiche". I cinesi ora controllano il fondamentale porto di Hambantota, dopo che gli è stato concesso un contratto di locazione di novantanove anni. Ranil Wickremesinghe, che all'epoca era primo ministro, promise all'India che il porto non sarebbe stato utilizzato come base militare cinese.

Ancora effetti del "long debt equity swap".

La Cina detiene ancora una leva significativa in termini di capacità di ristrutturare o condonare parte del debito dello Sri Lanka. La riduzione del debito è un obiettivo chiave del nuovo governo Wickremesinghe, che cerca un salvataggio dal Fondo monetario internazionale (FMI). Con il rinnovato impegno militare cinese con lo Sri Lanka, i timori dell'India che il porto in acque profonde possa evolversi oltre il semplice rifornimento, diventando un punto di rifornimento navale, è altissimo.

Per l'India, le circostanze hanno fornito due lezioni.

In primo luogo, l'India ha dovuto fare attenzione a non esagerare con lo Sri Lanka, date le delicate relazioni sui legami etnici tamil e una storia di interventi militari durante la lunga guerra civile dello Sri Lanka. L'India ha costruito le sue relazioni con lo Sri Lanka attraverso una generosa assistenza finanziaria.

In secondo luogo, ha costretto l'India a prepararsi militarmente invece di limitarsi ad esercitare pressioni politiche.

Secondo quanto riferito, l'India ha attivato uno scudo satellitare contro la nave cinese prima che attraccasse al porto dello Sri Lanka. L'India ha anche schierato quattro satelliti e una nave da guerra per contrastare preventivamente le minacce alla sicurezza dello Yuan Wang 5. Ha anche schierato due satelliti GSAT 7 (Rukmini), considerati gli occhi della Marina indiana nell'Oceano Indiano, un RI SAT (Indian Radar Imaging Reconnaissance Satellites) per la sorveglianza in qualsiasi condizione atmosferica, un satellite da ricognizione Emisat sviluppato dall'Organizzazione per la ricerca e lo sviluppo della difesa (DRDO) dell'India, nonché una nave da guerra di comunicazione nel Mar Arabico.

L'incidente ha messo in luce due importanti realtà geopolitiche che si stanno verificando nella regione indo-pacifica.

Nonostante la loro riluttanza, i piccoli stati saranno coinvolti in grandi giochi di potere, il più delle volte nella loro dipendenza o attrazione per la Cina. L'Oceano Indiano sta diventando anche un teatro centrale nell'Indo-Pacifico. In questo spazio, le capacità e il processo decisionale dell'India saranno messi a dura prova, nonostante il suo abbraccio ad una politica indo-pacifica allineata con la strategia occidentale.

Dopo aver consolidato la sua posizione nel teatro del Pacifico, la Cina è ora visibilmente concentrata sull'Oceano Indiano nel suo sforzo per contrastare una strategia indo-pacifica occidentale. Poiché la guerra in Ucraina e gli sforzi cinesi verso Taiwan stanno creando divisioni più profonde tra le nazioni, gli sforzi di Pechino per far deragliare un Indo-Pacifico libero e aperto porteranno inevitabilmente ad maggiore concorrenza e tensioni in crescita.

Piccoli stati come lo Sri Lanka saranno presi nel mezzo.


Fonte: The National Interest.

Mark S. Cogan è professore associato di studi sulla pace e sui conflitti presso la Kansai Gaidai University con sede a Osaka, in Giappone, ed è un ex specialista in comunicazioni presso le Nazioni Unite.

Vivek Mishra è membro della Observer Research Foundation. I suoi interessi di ricerca includono l'America nell'Oceano Indiano e le regioni indo-pacifiche e Asia-pacifiche, in particolare il ruolo degli Stati Uniti nella sicurezza nell'Asia meridionale, le relazioni di difesa indo-americane e il settore della difesa indiano.

13 visualizzazioni0 commenti