CIA: Xi Jinping è "il partner silenzioso" nell'aggressione di Putin all'Ucraina

Il direttore della CIA William Burns: il presidente cinese Xi Jinping è "il partner silenzioso" nell'aggressione del presidente russo Vladimir Putin all'Ucraina, avvertendo che la Cina rappresenta la "sfida più grande" e la "prova più profonda" che l'agenzia abbia mai affrontato in tutta la sua vita. Istituito dall'Agenzia il reparto speciale China Mission Center


di Nicola Iuvinale

Burns, parlando al Georgia Institute of Technology giovedì scorso, nel suo primo discorso pubblico come direttore della CIA, ha delineato una "nuova era" per l'agenzia e un panorama internazionale "profondamente mutato".

"È un mondo più complicato e conteso, caratterizzato dall'ascesa di una Cina sempre più avversaria e di una Russia combattiva e revisionista", ha detto Burns, osservando che l'agenzia "dovrà reinventarsi, per competere con successo in questa nuova era".

Burns ha indicato la "minaccia immediata rappresentata dalla rinnovata aggressione russa contro l'Ucraina" e il "problema a lungo termine posto dall'ambiziosa leadership cinese", definendolo "l'unica sfida geopolitica più importante" del 21° secolo.

"Un partner silenzioso nell'aggressione di Putin, la Cina di Xi Jinping è la nostra più grande sfida, per molti versi la prova più profonda che la CIA abbia mai affrontato", ha avvertito Burns, definendo la Repubblica popolare cinese un "formidabile concorrente non privo né di ambizione, né di capacità".

"Cerca di superarci letteralmente in ogni campo, dalla forza economica, alla potenza militare e dallo spazio al cyberspazio", ha detto, aggiungendo che la Cina è "intenzionata" a sostituire gli Stati Uniti come "potenza preminente nell'Indo-Pacifico".

"Come servizio di intelligence, non abbiamo mai avuto a che fare con un avversario con tanti domini come la Cina", ha detto Burns.

L'amministrazione Biden ha espresso "profonda preoccupazione" per l'"allineamento" della Russia con la Cina.

Funzionari dell'intelligence hanno affermato che il Cremlino si era rivolto a Pechino per aiuti economici e militari dopo l'invasione dell'Ucraina il 24 febbraio.

Il mese scorso, il presidente Biden ha tenuto una videochiamata con Xi per quasi due ore durante la quale ha avvertito delle "conseguenze" se la Cina "fornisse supporto materiale" alla Russia nel mezzo della sua guerra su più fronti contro l'Ucraina.

Burns l'anno scorso ha annunciato la formazione del China Mission Center (CMC) della CIA per contrastare Pechino.

Ha anche avvertito che la Cina rappresenta "la più importante minaccia geopolitica" per gli Stati Uniti nel 21° secolo.

La CMC affronta le sfide poste dalla Repubblica popolare cinese e ha sottolineato che la preoccupazione della CIA, per la minaccia rappresentata dalla Repubblica popolare cinese "non riguarda il popolo cinese, per non parlare dei compagni americani di origine cinese o discendenza asiatica."

"È un grave errore confondere i due".

"Alla CIA, rimarremo fortemente concentrati sulla sfida della RPC".

Il mese scorso è stata pubblicata la valutazione annuale delle minacce della comunità di intelligence con i dati fino a gennaio.

Il rapporto ha avvertito che la Cina è sempre più un "concorrente prossimo alla pari, che sfida gli Stati Uniti in molteplici arene, specialmente economicamente, militarmente e tecnologicamente e sta spingendo per cambiare le norme globali, minacciando i suoi vicini".

Come molti hanno affermato, l'invasione dell'Ucraina da parte di Putin ha incoraggiato la Cina riguardo la sua ambizione di conquistare Taiwan.

La comunità dell'intelligence ha avvertito che Pechino sta usando un approccio coordinato per costringere i vicini ad "accettare" le sue preferenze, "comprese le sue rivendicazioni territoriali e marittime e le affermazioni di sovranità su Taiwan".

"Pechino spingerà Taiwan a muoversi verso l'unificazione e reagirà a ciò che vede come un maggiore impegno USA-Taiwan".

"Ci aspettiamo che l'attrito cresca mentre la Cina continua ad aumentare l'attività militare intorno all'isola e i leader di Taiwan resistono alla pressione di Pechino per il progresso verso l'unificazione".

L'IC ha anche valutato che la Cina presenta "la più ampia, attiva e persistente minaccia di spionaggio informatico per il governo degli Stati Uniti e le reti del settore privato".

"Le ricerche informatiche e l'esportazione di tecnologie correlate da parte della Cina, aumentano le minacce di attacchi contro gli Stati Uniti, la soppressione dei contenuti web statunitensi che Pechino considera una minaccia al suo controllo e l'espansione dell'autoritarismo guidato dalla tecnologia a livello globale", afferma il rapporto. Oltre a Russia e Cina, Burns ha affermato che la CIA sta guardando alla "rivoluzione tecnologica", che secondo lui sta trasformando "il modo in cui viviamo, lavoriamo, competiamo e combattiamo".

Burns ha affermato che la tecnologia - come l'informatica quantistica e la biologia sintetica - sta "arrivando a una velocità vertiginosa", avvertendo che "minacce familiari" come il terrorismo e la proliferazione nucleare "richiedono la nostra massima attenzione".

Fonte Fox News



252 visualizzazioni0 commenti