top of page

Gli americani stanno inconsapevolmente finanziando il PCC e quindi la loro potenziale distruzione

Il parlamentare statunitense Mike Gallagher con un editoriale sul Washington Post ha lanciato un appello: stiamo inconsapevolmente finanziando il Partito Comunista Cinese e la nostra stessa potenziale distruzione, aggiungendo che gli investimenti nelle società di Pechino in difficoltà dilagano a Wall Street e nella Silicon Valley e devono finire. "Non c’è motivo per cui un regime comunista genocida che non fa altro che disprezzare il nostro sistema e le sue regole multilaterali dovrebbe godere dei benefici illimitati dei nostri mercati e del nostro capitale. È un cocktail mortale che il popolo americano non ha chiesto e che non gli dovrebbe essere servito".



di Gabriele e Nicola Iuvinale


di Gabriele e Nicola Iuvinale


Vuoi che la tua pensione paghi le portaerei cinesi?
I fondi della tua università dovrebbero finanziare il genocidio del Partito Comunista Cinese (PCC) contro il popolo uiguro?
Vorresti che i tuoi risparmi pensionistici alimentassero lo stato di sorveglianza tecno-totalitaria del PCC?

Queste non sono domande ipotetiche. Milioni di americani sono diventati inconsapevolmente sostenitori finanziari del PCC. I loro risparmi finanziano aziende che costruiscono armi per l’Esercito popolare di liberazione cinese, nonché aziende implicate nel genocidio in corso nello Xinjiang.

Questo mese, il governo di Joe Biden ha affrontato il problema per la prima volta. In un ordine esecutivo tanto atteso, il Presidente ha ordinato al Dipartimento del Tesoro di emanare norme che limitano alcuni investimenti statunitensi in aziende della Repubblica popolare cinese che lavorano nel campo dell’intelligenza artificiale, dei semiconduttori e dell’informatica quantistica.

È stato un buon primo passo, ma non dovrebbe essere l’ultimo ha detto Mike Gallagher.

"All’inizio di quest’estate, insieme al deputato Raja Krishnamoorthi (Illinois), il democratico in carica nel comitato ristretto della Camera del PCC, ho iniziato a ricercare le principali società di investimento e di capitale di rischio statunitensi che finanziano aziende cinesi e che il governo degli Stati Uniti ha incluso nella sua lista nera per motivi di sicurezza nazionale o per il loro coinvolgimento in violazioni dei diritti umani. Ciò che abbiamo scoperto finora è preoccupante".

Giganti finanziari come MSCI e BlackRock convogliano il denaro degli Stati Uniti in aziende che producono gli aerei militari del PCC, le sue portaerei, la sua tecnologia aerospaziale, i suoi proiettili di artiglieria e persino la sua tecnologia nucleare avanzata. Queste aziende non sono le uniche. Gli investimenti in aziende cinesi in difficoltà dilagano a Wall Street e nella Silicon Valley. Stiamo letteralmente finanziando la nostra potenziale distruzione e l’ordine esecutivo, per quanto ben intenzionato, non lo fermerà. Spetta al Congresso erigere barriere forti e durature attorno agli investimenti esteri in Cina.

Innanzitutto dobbiamo conoscere la portata del problema.

L’ordine esecutivo contiene un debole obbligo di rendicontazione per gli investimenti in un elenco ristretto di tecnologie, ma il Congresso dovrebbe stabilire misure di trasparenza molto più ampie su tutte le tecnologie critiche per la sicurezza nazionale.

La libertà di espressione non è l’unica cosa che scompare dietro il Grande Firewall cinese: spariscono anche le tracce del denaro.

In secondo luogo, non dobbiamo consentire investimenti che sostengano la modernizzazione militare della Cina, il lavoro forzato e il genocidio del PCC, o lo stato di sorveglianza tecno-totalitario di Pechino, ha aggiunto Gallagher.

A causa della strategia del PCC di fusione militare-civile, questo potrebbe essere più facile a dirsi che a farsi. Ma il governo americano ha già inserito molte di queste aziende nella sua lista nera e vieta loro di acquistare tecnologia statunitense.

Perché permettiamo a Wall Street di dare loro dei soldi?

In terzo luogo, dobbiamo affrontare tutti i deflussi di capitali verso la Cina, pubblici e privati. Questa è la più grande scappatoia dell’ordine esecutivo. Si concentra solo sugli investimenti “attivi”, come il venture capital e il private equity – solo il 17% del totale degli investimenti azionari statunitensi in società cinesi – ma esenta i prodotti del mercato pubblico, come i fondi negoziati in borsa, i fondi di investimento e le azioni quotate.

Dobbiamo affrontare il restante 83% rimuovendo i risparmi pensionistici degli americani, i fondi pensione e il piano di risparmio del governo federale da questi problematici investimenti cinesi.

Dobbiamo anche rimuovere e deindicizzare le aziende cinesi che sostengono l’Esercito popolare di liberazione, che sono nelle liste nere dei diritti umani o che negano agli investitori americani le protezioni di base, le informazioni e i diritti degli azionisti.

Non c’è motivo per cui un regime comunista genocida che non fa altro che disprezzare il nostro sistema e le sue regole multilaterali dovrebbe godere dei benefici illimitati dei nostri mercati e del nostro capitale. Di conseguenza, le società cinesi che utilizzano entità a interesse variabile (VIE), strutture create appositamente per eludere le leggi cinesi contro gli investimenti esteri in società tecnologiche sensibili – pur non garantendo nessuno dei diritti tradizionalmente concessi agli azionisti – devono soddisfare le tutele di base degli azionisti o essere cancellate dalle borse valori statunitensi.

In quarto luogo, dobbiamo concentrarci sui settori. Non possiamo giocare a scacchiera sanzionando singole aziende che inevitabilmente cambieranno nome e creeranno filiali per evitare restrizioni. Né basterà definire sottocategorie di tecnologie, come ha fatto l’amministrazione Biden. Basta guardare il principale costruttore di aerei da caccia dell'Esercito popolare di liberazione, l'Aviation Industry Corporation of China (AVIC). Gli investitori americani non possono possedere titoli AVIC, ma le sue affiliate sono detenute in ETF e fondi comuni di investimento in milioni di conti pensionistici di americani. Invece di creare un oneroso meccanismo di revisione caso per caso, dovremmo fornire agli investitori indicazioni chiare su dove possono e non possono investire, con un margine di aggiustamento adeguato ma breve.

Fortunatamente, il PCC ha svolto parte del lavoro per noi. Nella sua strategia “Made in China 2025” e nel suo 14° piano quinquennale, il PCC ha identificato i settori tecnologici critici che aspira a dominare, utili punti di partenza per determinare quali settori dovrebbero essere off-limits per gli investitori statunitensi.

Quinto e ultimo: dobbiamo proteggere la stabilità del nostro sistema finanziario.

La Fed di New York dovrebbe sottoporre a stress test le banche e i gestori patrimoniali in scenari specifici, inclusa un’invasione di Taiwan, a causa dei quali la maggior parte degli investimenti statunitensi in società cinesi potrebbero potenzialmente perdere la maggior parte o tutto il loro valore. Quanti soldi prestano le banche a fronte di questi asset legati alla Cina?

In che misura gli investitori statunitensi sono esposti ad asset pericolosi e vuoti come i VIE?

Le misure di trasparenza miglioreranno le stime, ma è sicuro affermare che abbiamo migliaia di miliardi di dollari di esposizione verso la Cina, ponendo seri rischi sistemici al nostro sistema finanziario.

Date le lacune presenti nell’ordine esecutivo del presidente Biden, nonché l’intrinseca transitorietà di qualsiasi ordine esecutivo, il Congresso ha il dovere di agire, ha aggiunto Gallagher.

La questione è complessa e non sarà facile convincere i nostri alleati. Ma Wall Street deve riconoscere che gli investimenti in aziende cinesi maligne rappresentano un pericolo per i nostri uomini e donne in uniforme, un pericolo mortale per le vittime delle violazioni dei diritti umani da parte del PCC e rischi sistemici per l’economia globale.

È un cocktail mortale che il popolo americano non ha chiesto e che non gli dovrebbe essere servito.

© 2023, Washington Post

19 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page