top of page

I nuovi satelliti della Cina estendono la sua portata militare globale

Il rapido accumulo permette loro di vedere molto più lontano con maggiore precisione di giorno e di notte e con qualsiasi tempo, afferma il capo dell’intelligence della Space Force degli Stati Uniti. Solo l’anno scorso, la Cina ha lanciato 200 satelliti, più della metà dedicati a tenere d’occhio le forze cinesi e avversarie, proiettando ulteriormente la sua potenza nel Pacifico e in tutto il mondo


di Gabriele e Nicola Iuvinale


Nuovi e migliori satelliti stanno consentendo all’esercito cinese di proiettare la propria potenza ulteriormente nel Pacifico e di minacciare in modo più efficace Taiwan, ha detto martedì il massimo leader dell’intelligence della Space Force.

Il rapido dispiegamento di nuove capacità spaziali da parte della Cina le ha permesso di proiettare la sua potenza ulteriormente nel Pacifico e di minacciare più efficacemente Taiwan, ha detto martedì il Magg. Gen. Greg Gagnon, vice capo delle operazioni spaziali per l'intelligence.

"La crescita significativa delle capacità in orbita della PLA ora consente loro di vedere molto più lontano con maggiore precisione di giorno e di notte e con qualsiasi condizione atmosferica", ha affermato Gagnon alla conferenza annuale Air, Space & Cyber dell'Air & Space Forces Association.

La Cina ora ha capacità che solo gli Stati Uniti avevano 10-15 anni fa e le ha collegate ai centri di comando e controllo e alle armi, ha detto.

Hanno esteso la zona di ingaggio delle armi. Si tratta di un profondo cambiamento nei problemi operativi che dobbiamo affrontare nel Pacifico occidentale”, ha affermato.

Solo l’anno scorso, la Cina ha lanciato 200 satelliti, più della metà dedicati a tenere d’occhio le forze cinesi e avversarie.

Queste nuove capacità spaziali “hanno aiutato la Cina a passare da attore regionale, con una difesa focalizzata verso l’interno, a una nazione capace di proiettare potenza in tutto il mondo”.

“Oggi vediamo la manifestazione di quella proiezione di potere quando cercano di costringere i nostri alleati e partner nel Pacifico occidentale. Lo vedi quando conducono operazioni aeree e UAV intorno a Taiwan, o anche a est di Taiwan. Si vede quella proiezione di potere quando spostano i combattenti di superficie nella parte est di Taiwan, in effetti, provando l’accerchiamento completo.

Gagnon ha affermato che il settore spaziale commerciale cinese è ancora indietro rispetto alla sua controparte statunitense, i cui prodotti e servizi di comunicazione e sensori, leader a livello mondiale, lo rendono “il fattore chiave della nostra forza”.

Ma recentemente alcuni aspetti del settore spaziale commerciale statunitense sono stati messi sotto esame, in particolare per quanto riguarda Elon Musk.

Si dice che il fondatore di SpaceX abbia negato una richiesta dell’Ucraina del 2022 di estendere il servizio Starlink in Crimea, che avrebbe consentito alle forze ucraine di colpire obiettivi navali russi nella penisola.

Martedì, il generale Chance Saltzman, capo delle operazioni spaziali degli Stati Uniti, ha fornito una risposta secca alle domande sulla dipendenza degli Stati Uniti da SpaceX.

Con tutte le società con cui stipuliamo contratti e con cui facciamo affari, la natura del contratto è la natura del contratto, e ho tutte le ragioni per credere che tutte queste società adempiranno ai loro contratti", ha detto Saltzman ai giornalisti alla conferenza.

Il capo delle operazioni spaziali ha anche annunciato che il suo servizio si sforzerà per semplificare le operazioni e il sostegno sotto la guida di un unico team leader.

Saltzman li ha descritti come “Missioni Delta Integrate, o IMD, in cui sia le operazioni, che il sostegno per un'area di missione sono sotto un unico comandante. Un prototipo IMD supporta l'area della missione di guerra elettromagnetica.

L'altro prototipo IMD è una nuova organizzazione per supportare l'area di missione di posizionamento, navigazione e cronometraggio. Entrambi questi nuovi Delta integrano operazioni e sostegno”.

Gli Stati Uniti stanno inoltre adottando ulteriori misure per monitorare l’attività cinese e russa nello spazio.

Il direttore dell'NRO Chris Scolese ha affermato che gli Stati Uniti stanno anche lanciando una nuova missione spaziale denominata Silent Barker per osservare le armi cinesi e russe nello spazio.

Lo ha descritto come un "sistema di satelliti nella cintura GEO, dove possiamo andare e osservare cosa sta succedendo lì per vedere se ci sono attività di cui dovremmo preoccuparci e poi essere pronti ad agire".

Ma ciò non significa che gli Stati Uniti siano ansiosi di inondare lo spazio con missili o satelliti armati di laser. Saltzman ha detto: quando un paese distrugge oggetti nello spazio, ciò porta alla formazione di detriti e altri problemi che gli Stati Uniti (soprattutto) devono poi monitorare e affrontare. Invece, ha detto, ci sono altri mezzi, come effetti informatici avanzati, per prendere di mira le armi spaziali cinesi.

“C'è molto su cui possiamo investire. Ci sono molte cose che possiamo fare che non hanno questi effetti cinetici irreversibili. Perché, secondo me, se dobbiamo fare affidamento su questo tipo di effetti finiamo per causare a noi stessi tanti problemi quanti ne causiamo all'avversario. Non posso proprio vivere con campi di detriti che volano attorno a tutte queste orbite per centinaia di anni. Ho troppi progetti per lo spazio e il dominio spaziale."

Fonte DefenceOne

6 visualizzazioni0 commenti

Comentários


bottom of page