top of page

I regimi di Venezuela e Cina hanno firmato un accordo sull’elaborazione delle immagini satellitari

La dittatura di Nicolas Maduro ha sottolineato che l'accordo è stato firmato nel quadro della visita a Pechino di una delegazione venezuelana di alto livello. Con l'accordo, il Venezuela "mette a disposizione la sua infrastruttura di stazioni terrestri di controllo satellitare per accompagnare, seguire e controllare le missioni spaziali per inviare sonde sulla Luna". Maduro si recherà oggi in Cina in cerca di sostegno e investimenti nel mezzo della crisi che sta attraversando il Venezuela; Pechino è infatti uno dei suoi principali creditori con circa 50 miliardi di dollari concessi al Venezuela negli anni 2010, un importo che il paese sudamericano si è impegnato a rimborsare attraverso le spedizioni di petrolio



di Nicola e Gabriela Iuvinale


I regimi di Venezuela e Cina hanno firmato un memorandum d’intesa per “stabilire una più ampia cooperazione nell’elaborazione e nell’analisi di immagini satellitari di vario tipo”, ha riferito ieri il Ministero degli Esteri del paese caraibico.

Lo stato ha precisato, in un comunicato, che l'accordo è stato firmato nel quadro della visita in Cina di una delegazione di alto livello del regime di Nicolás Maduro, di cui fa parte il Ministro della Scienza e della Tecnologia, Gabriela Jiménez.

L'accordo è stato firmato dopo la visita di Jiménez al Centro internazionale di ricerca sui big data per lo sviluppo sostenibile (CBAS) e ha anche concordato il sostegno della Cina per "approfondire il programma di trasformazione digitale" del Venezuela.

Martedì scorso, la vicepresidente esecutiva del Venezuela, Delcy Rodríguez , è arrivata in Cina insieme ad una delegazione di alto livello, inviata dal presidente Nicolás Maduro, con l'obiettivo di "rafforzare le relazioni bilaterali" tra le due nazioni.

Nell’ambito di questa visita, Rodríguez ha incontrato anche la presidente della Nuova Banca di Sviluppo del gruppo delle economie emergenti BRICS, Dilma Rousseff, per esplorare le opzioni di cooperazione economica.

Cina e Venezuela hanno rafforzato i legami durante il periodo del defunto presidente Hugo Chavez (1999-2013), rapporti che Maduro ha intensificato durante il suo governo.

Nel mese di giugno, l’ Agenzia Bolivariana per le Attività Spaziali (ABAE) del Venezuela e l’Amministrazione Spaziale Nazionale Cinese (CNSA) hanno firmato una dichiarazione congiunta per la cooperazione nella ricerca spaziale e la partecipazione della nazione caraibica al progetto della Stazione Internazionale dell’Istituto di Ricerca (ISIL).

“Il partenariato strategico tra Venezuela e Cina trascende tutti gli ambiti di cooperazione e costituisce oggi il riconoscimento degli sforzi che il Governo Bolivariano ha compiuto a favore dello sviluppo scientifico del nostro Paese”.

La delegazione cinese, di cui faceva parte il segretario generale del CNSA, Xu Hongliang, ha sottolineato che la cooperazione è “fondamentale” per “incoraggiare la ricerca scientifica bilaterale, la progettazione e lo sviluppo di sonde lunari, il viaggio condiviso di carichi scientifici, risorse scientifiche ed esperimenti tecnici, scambio e analisi di dati, istruzione e formazione.

Con l'accordo, il Venezuela "mette a disposizione la sua infrastruttura di stazioni terrestri di controllo satellitare per accompagnare, seguire e controllare le missioni spaziali per inviare sonde sulla Luna", ha aggiunto il ministero.

Lo scorso maggio, l’esecutivo venezuelano, che in più occasioni ha espresso il suo sostegno al presidente cinese Xi Jinping, ha ribadito il suo appoggio alle “iniziative globali promosse” dalla nazione asiatica, nel corso di un incontro a Caracas tra il ministro degli Esteri del Paese caraibico, Yván Gil e una delegazione del Partito Comunista Cinese (PCC) al potere.

E ad aprile i due Paesi hanno concordato di rafforzare il programma di formazione e addestramento per scienziati e ricercatori nel settore tecnologico.

In un comunicato stampa, il regime venezuelano ha precisato che la ministra della Scienza e della Tecnologia, Gabriela Jiménez, si è incontrata a Caracas con i rappresentanti della Cina per "rivedere ed espandere i legami di cooperazione bilaterale in materia spaziale", quadro firmato, per la prima volta, una volta, nel gennaio 2005.

Le delegazioni “hanno concordato di rafforzare il programma di formazione e scambio umano, per continuare a formare i venezuelani nel settore scientifico e tecnologico”, si legge nella lettera, che evidenzia, tra i temi affrontati, l'invito al Venezuela ad aderire al “Programma cinese per la Luna e lo Spazio Profondo”. esplorazione.

Maduro oggi andrà personalmente in Cina in cerca di sostegno e investimenti nel mezzo della crisi che sta attraversando il Venezuela.

Maduro visiterà la Cina da oggi fino a giovedì prossimo, in quello che costituisce il suo primo viaggio nel gigante asiatico dal 2018, come indicato dal Ministero degli Esteri cinese in un comunicato.

La Cina intrattiene stretti rapporti con la dittatura venezuelana, isolata a livello internazionale per aver minato le istituzioni e la democrazia, ed è uno dei suoi principali creditori.

Delcy Rodríguez, nominata da Maduro vicepresidente del paese caraibico, questa settimana ha visitato Shanghai e Pechino e ha incontrato il ministro degli Esteri cinese Wang Yi.

“La Cina e il Venezuela hanno stretto un rapporto di ferro indissolubile e la Cina sostiene fermamente il Venezuela nella salvaguardia della sua indipendenza e dignità nazionale”, ha affermato Wang.

“Incontro di lavoro straordinario con il quale rafforziamo le nostre relazioni bilaterali, l’espansione della cooperazione strategica e il lavoro congiunto internazionale, a favore della pace e del rispetto dei principi e degli scopi della Carta delle Nazioni Unite”, ha scritto Delcy Rodríguez nei suoi social network.


Prestiti cinesi

L’ultima visita di Maduro in Cina risale al 2018, quando ha elogiato la visione del presidente Xi di un “destino comune per l’umanità”. Oggi sarà la sua decima visita al gigante asiatico.

Da parte sua, Xi ha visitato il Venezuela nel 2014.

La visita di Maduro in Cina avviene mentre i leader mondiali si riuniscono in India per un vertice del G20 in cui il regime cinese sarà assente.

La Cina ha prestato circa 50 miliardi di dollari al Venezuela negli anni 2010, un importo che il paese sudamericano si è impegnato a rimborsare attraverso le spedizioni di petrolio.

Nel 2018, anno in cui Maduro vinse elezioni non riconosciute da gran parte della comunità internazionale perché afflitte da irregolarità, il debito ammontava a 20 miliardi di dollari.

Il Venezuela ha registrato una crescita nel 2022 dopo otto anni di recessione , in cui il suo prodotto interno lordo (PIL) è crollato dell’80% a causa del collasso della sua vitale industria petrolifera.

La ripresa è stata trainata dall’allentamento dei rigidi controlli economici, che ha portato alla dollarizzazione informale a fronte della debolezza della valuta locale, il bolivar, e alla riduzione dell’inflazione, pur rimanendo una delle più alte del mondo.

Tuttavia, alla fine dello scorso anno, l’economia venezuelana ha iniziato a sperimentare un processo di rallentamento. Ma secondo Maduro, il PIL dovrebbe crescere di oltre il 5% entro la fine del 2023, smentendo le proiezioni private.

Fonte Infobae

7 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


bottom of page