top of page

L'ascesa del Redback

ll dollaro USA rimane la valuta dominante. Ma la Cina e altri stanno guidando lo yuan come alternativa. Tendenzialmente, si sta sviluppando un’altra valuta di transazione, soprattutto tra le nazioni che evitano le sanzioni internazionali. “Il renminbi è stato e sarà sempre più utilizzato in questo sistema alternativo”. La Banca popolare cinese è stata impegnata a lavorare su accordi di swap, in particolare con la Russia, in una strategia deliberata per aiutare a eludere le sanzioni che le hanno impedito di attingere alle proprie riserve internazionali detenute in altre entità. L'accordo con la Russia è quasi certamente la più grande linea di scambio della Cina, ed è in crescita. Dopo il ritiro di Visa e Mastercard, le banche russe attualmente emettono carte di credito e debito collegate al sistema cinese Union Pay.



Ad agosto, Pechino ha lanciato un’ancora di salvezza all’Argentina, un paese inadempiente in termini di debito sovrano, gestendo il rimborso in yuan della metà di una rata di 2,7 miliardi di dollari di un prestito di emergenza al Fondo monetario internazionale. Lo scopo era che la nazione latinoamericana potesse salvare parte della sua preziosa riserva di biglietti verdi.

In un accordo orchestrato attraverso la Banca Popolare Cinese e la Banca Centrale argentina attraverso la cosiddetta linea di swap valutario, il pagamento in yuan era l'equivalente dell'importo in dollari richiesto e la Cina ha ricevuto indietro i suoi soldi in pesos.

È stata la seconda volta in sei mesi che l’Argentina ha fatto ricorso allo yuan per uscire da un buco e il governo è stato così contento che ha deciso di approfondire l’accordo pagando in yuan le importazioni dalla Cina.

Tuttavia, l’elezione del nuovo presidente Javier Milei, il sedicente “anarco-capitalista” che prevede di abolire la banca centrale e sostituire il peso con il dollaro tra le altre soluzioni radicali per un’economia devastata, potrebbe costringere l’Argentina ad allontanarsi dallo yuan.

Ma se Milei non riuscisse a dollarizzare l’economia (come prevede la maggior parte degli economisti), lo yuan potrebbe diventare ancora più utile.

Questo è ciò che sta riscontrando il Brasile sotto la presidenza di Luiz Inácio Lula da Silva, impegnato ad ampliare il ruolo della valuta cinese nei sistemi di pagamento del paese.

Rispetto all'enorme ondata di transazioni in valuta estera intraprese ogni giorno, lo scambio di yuan contro pesos dell'Argentina nel mese di agosto è stato una goccia nel mare. Tuttavia, dovrebbe essere visto come solo l’ultimo di numerosi accordi simili che Pechino sta concludendo in tutto il mondo, progettati per aumentare il potere della sua valuta, conosciuta come RMB sui mercati.
La Banca popolare cinese è stata impegnata a lavorare su accordi di swap simili, in particolare con la Russia in una strategia deliberata per aiutare a eludere le sanzioni che le hanno impedito di attingere alle proprie riserve internazionali detenute in altre entità. L'accordo con la Russia è quasi certamente la più grande linea di scambio della Cina, ed è in crescita. Dopo il ritiro di Visa e Mastercard, le banche russe attualmente emettono carte di credito e debito collegate al sistema cinese Union Pay.

All’ultimo conteggio, la Cina aveva firmato questi accordi – più formalmente noti come linee bilaterali di swap in valuta (BSL) – con non meno di 41 paesi per un valore nozionale totale di 554 miliardi di dollari. Non c’è nulla di intrinsecamente sinistro in un BSL: la Reserve Bank of Australia, ad esempio, ne ha firmato uno con la Cina anni fa. Il principio alla base del BSL è quello di evitare il tipo di crisi di liquidità che si è verificata durante la pandemia di Covid, ma anche di agevolare i pagamenti commerciali.

Fino a poco tempo fa le BSL non avevano, o avevano poca, motivazione politica. Si trattava di accordi tecnici puramente reciprocamente vantaggiosi. Ma le cose stanno cambiando poiché Pechino mira a erodere l’egemonia del dollaro sui mercati mondiali, per impostazione predefinita la valuta di ancoraggio in un mare turbolento. Come sottolinea un documento ben documentato del 2022 dell’Atlantic Council, un think tank americano:

Sebbene queste BSL possano essere utilizzate per soddisfare le esigenze di liquidità in RMB (o altra valuta locale), la motivazione alla base di questi accordi [cinesi] è stata quella di regolare le transazioni commerciali e di investimento bilaterali in RMB (o altra valuta locale) al fine di ridurre gradualmente la dipendenza sul dollaro USA nelle transazioni bilaterali sia per ragioni politiche che per evitare la volatilità del valore in dollari delle valute locali a causa dei cambiamenti nella politica monetaria della Fed statunitense.

Nel perseguire questo piano a lungo termine, in rapida successione la Cina ha creato una rete di BSL nella regione che intende dominare.

Tra Corea del Sud, Singapore, Indonesia, Malesia e Tailandia, la Cina ha creato scambi per un valore di 92 miliardi di dollari che contribuiranno a diffondere lo yuan tra le nazioni a più rapido sviluppo del mondo. “La motivazione qui è quella di promuovere accordi di regolamento in valuta locale del commercio bilaterale di ciascuno di questi paesi con la Cina”, spiega Atlantic Council.

Questo può essere un accordo reciprocamente conveniente, ma c’è uno scopo più sottile ed è quello di ridurre la dipendenza dal biglietto verde, come nel caso dell’Argentina, fornendo una valuta di regolamento alternativa.

Ecco perché i commercianti di valuta a volte si riferiscono allo yuan come al “redback”.



Alcuni economisti, cinesi in particolare, vedono l’aumento dello yuan attraverso le BSL come un punto di svolta. Come ha scritto in agosto il China Daily, di proprietà del Partito Comunista, facendo un lungo inchino: “Lo [yuan] è emerso come una salvaguardia della stabilità finanziaria globale, proteggendo un numero crescente di economie in via di sviluppo dall’effetto di ricaduta dei drastici aggiustamenti negli Stati Unitidella politica monetaria."

Il China Daily ritiene inoltre che l'accordo argentino "sottolinei il potenziale della valuta nel mitigare la sfida comune delle economie in via di sviluppo, rappresentata dalla carenza di dollari USA e nel rinnovare il sistema monetario globale".

Dato che la quota dello yuan nei pagamenti globali è solo del 2,77%, ben al di sotto dell'euro, della sterlina e dello yen, secondo la piattaforma di messaggistica finanziaria Swift, questo è un vanto. E con il dollaro al 42%, il suo secolo di preminenza non è in pericolo. Come ha sottolineato la Fed americana in un documento di metà 2023: “Troviamo che il dollaro rimane la valuta dominante e svolge un ruolo internazionale fuori misura, misurato dall’utilizzo delle riserve internazionali e da altre dimensioni relative alla quota statunitense del PIL globale”.

In effetti, il biglietto verde ha attraversato le ultime turbolenze e sembra solo più forte. Mentre oggigiorno le banche centrali tendono a detenere una maggiore varietà di riserve, incluso il dollaro australiano come misura di stabilità, la maggior parte di queste valute sono emesse da paesi che sostanzialmente si allineano alla politica di Washington sulle sanzioni e altre questioni. Non vi è alcun segno di un profondo spostamento strutturale dal biglietto verde.

Ma un piano lo è certamente.

Come sottolinea Atlantic Council, si sta sviluppando un’altra valuta di transazione, soprattutto tra le nazioni che evitano le sanzioni.

“Il renminbi è stato e sarà sempre più utilizzato in questo sistema alternativo”.

Fonte Lowy Institute.

12 visualizzazioni0 commenti

コメント


bottom of page