top of page

La Cina dispiegherà "dispositivi di ascolto a duplice uso" nell'Oceano Artico

La militarizzazione cinese del tetto del mondo: Pechino posizionerà "dispositivi di ascolto" per esercitare il proprio dominio nell'area polare, spiare gli Stati Uniti e controllare le manovre dei sottomarini rivali


di Nicola Iuvinale


Nonostante si trovi a 900 miglia dal circolo polare artico, Pechino ha sempre insistito nel dichiararsi uno "stato vicino all'Artico" (giuridicamente inesistente e irrilevante come classificazione) e ora si sta preparando a dispiegare una rete di dispositivi di ascolto nell'Oceano Artico iniziando la militarizzazione del tetto del mondo.

L'Artico potrebbe vedere la sua prima estate senza ghiaccio entro il 2030 se le proiezioni attuali fossero realistiche

Questo ha fatto sì che i paesi interessati alla regione, soprattutto Cina e Russia anche attraverso partenariati, aumentassero il ritmo dei loro sforzi commerciali, scientifici e militari.

L'organizzazione South China Morning Post, ha riportato la notizia sulla Cina che cerca di installare dispositivi acustici nell'Artico, dopo aver testato e valutato con successo quelli di ascolto subacquei.

Il rapporto cita uno studio pubblicato sul Chinese Journal of Polar Research che afferma: “Le informazioni acustiche raccolte dalla rete pianificata di ascolto su larga scala potrebbero essere utilizzate in una vasta gamma di applicazioni, tra cui “comunicazione subglaciale, navigazione e posizionamento, rilevamento di bersagli e la ricostruzione dei parametri ambientali marini”.

Sono ufficialmente per scopi scientifici, ma tutte queste cose hanno un duplice scopo: civile e militare.

Tuttavia, gli osservatori della regione artica ritengono che i dispositivi acustici svolgano un ruolo importante nella comprensione del cambiamento climatico nell'Artico poiché i dati oceanografici dell'area marina, in particolare dall'oceano profondo, sono scarsi.

Ma i dati possono anche essere utilizzati per tracciare il movimento dei sottomarini e comprendere l'ecosistema marino per tracciare nuove rotte, sia sotto che sopra la superficie.

Il Polar Research Institute of China sta conducendo la ricerca.

"Trasportano diversi strumenti, ma il più importante è un idrofono vettoriale con più sensori disposti in diversi orientamenti per misurare sia la pressione che il movimento delle particelle delle onde sonore".

Il mondo sopra i 66 gradi di latitudine è rimasto intrattabile per la maggior parte dell'esistenza umana, impedendo il commercio su larga scala. Esploratori, speculatori e scienziati hanno creduto a lungo che sotto il ghiaccio e la neve dell'Artico si nascondessero ricche risorse e rotte marittime. Ma il freddo mortale, l'oscurità debilitante e le enormi distanze hanno ostacolato qualsiasi sfruttamento delle risorse.

Tuttavia, le profondità sconosciute dell'Artico verranno presto tracciate, rendendo la loro navigazione una possibilità il prima possibile.

L'istituto afferma che poiché la regione è sensibile ai cambiamenti climatici, i dati sulla pressione sonora possono essere utilizzati per tracciare balene, foche e altre fonti che emettono suoni. La vibrazione orizzontale e verticale delle particelle d'acqua può aiutare gli scienziati a comprendere le condizioni marine come le correnti, le onde e il fondale marino.

L'istituto con sede a Shanghai è un'agenzia del governo centrale che pianifica e coordina le attività polari della Cina.

Il 9 agosto 2021, scienziati e ingegneri cinesi hanno installato il "sistema di boe di monitoraggio acustico della superficie subglaciale polare" su un pezzo di ghiaccio galleggiante in un'area remota dell'Oceano Artico.

Durante il test, l'istituto utilizzò un servizio satellitare di comunicazione americano. Oggi, la rete di ascolto polare cinese passerebbe probabilmente ai satelliti cinesi BeiDou per la comunicazione.



Militarizzazione della parte superiore del mondo

I paesi di tutto il mondo si stanno affannando per consolidare il loro punto d'appoggio nella regione polare mentre il riscaldamento globale sta rapidamente sciogliendo le calotte polari, trasformando drasticamente l'ambiente. La sfiducia reciproca sta spingendo le maggiori potenze mondiali a rafforzare i loro impegni civili e militari nell'Artico.

“È una situazione complessa. La militarizzazione è aumentata da entrambe le parti: da parte dell'Occidente e dalla Russia”.

La strategia decennale sull'Artico pubblicata dalla Casa Bianca nel 2022 chiede di scoraggiare l'aumento dell'attività russa e cinese nella regione.

La Russia non fa mistero del suo interesse nella regione.

Dal 2013 Mosca ha ristrutturato e attivato centinaia di basi dell'era sovietica nella regione.

La strategia nazionale degli Stati Uniti per la regione artica rileva che Mosca sta "dispiegando nuovi sistemi missilistici costieri e di difesa aerea e sottomarini aggiornati e aumentando le esercitazioni militari e le operazioni di addestramento con un nuovo comando di combattimento equivalente per l'Artico".

L'avventurismo militare russo in Ucraina ha anche messo a dura prova la cooperazione tra i paesi e la Russia nella regione. Mosca è molto avanti nei suoi obiettivi per rendere la navigazione artica. Attualmente ha 51 rompighiaccio rispetto ai due funzionanti degli Stati Uniti.

La Cina ha anche espresso interesse a costruire una "via della seta polare" nella regione. Ha raddoppiato i suoi investimenti nell'area apparentemente per concentrarsi sull'estrazione di minerali critici ed espandere le sue attività scientifiche.

Ma il valore strategico di poter attraversare la regione tutto l'anno non è sfuggito né alla Cina né alla Russia.

L'ultimo piano cinese per la modellazione acustica sottomarina può essere utilizzato anche per la navigazione militare, l'oceanografia, l'intelligence, la sorveglianza e la ricognizione (ISR) e la furtività sottomarina, la guerra antisommergibile, il targeting e la consegna di armi. I dati dei dispositivi vengono trasmessi direttamente al centro di comando in Cina tramite satelliti.

Ciò porterà più tensione nella regione, che sta rapidamente diventando un luogo conteso per giochi di potere globali a causa della sua posizione strategica, delle risorse naturali e del potenziale per nuove rotte marittime.

Gli Stati Uniti mantengono più di 22.000 truppe in servizio attivo in Alaska e hanno anche una base in Groenlandia.

La Cina ha inventato la designazione "paese vicino all'Artico" per cercare un ruolo maggiore nella governance dell'Artico. È anche possibile che una Russia sempre isolata possa diventare così indebitata e alla disperata ricerca di un alleato artico al punto da dare alla Cina un piccolo pezzo di territorio artico, facilitando così l'ammissione al Consiglio artico. Le due nazioni che rappresentano la più grande minaccia per l'ordine internazionale basato su regole saranno inseparabili anche in quel teatro marittimo.

Senza accesso diretto all'Artico e con l'Occidente preoccupato della sua presenza nella regione, la Cina è stata spinta più vicino alla Russia per assicurarsi un posto al tavolo quando si deciderà la politica artica.


Nel dicembre 2022, un cutter della Guardia Costiera statunitense ha avvistato le navi durante una pattuglia di routine del Mare di Bering, a nord dell'Alaska: un incrociatore missilistico guidato e due navi più piccole dalla Cina, che viaggiavano in formazione con quattro navi dalla Russia.

Le navi non infrangevano regole e non violavano confini. Ma la loro apparizione così vicina all'Artico lo scorso autunno ha comunque destato preoccupazione a Washington.


Negli ultimi anni i servizi militari e di intelligence statunitensi hanno visto aumentare il numero di casi di "turisti" cinesi che affermano di vagare per l'Alaska, un territorio strategicamente importante.

L'Alaska è fondamentale per la difesa degli Stati Uniti data la sua vicinanza alla Russia, la minaccia dei missili balistici dalla Corea del Nord e, sempre più, dalla Cina. L'Alaska ospita tre grandi basi militari - Joint Base Elmendorf-Richardson ad Anchorage e Fort Wainwright e Eielson Air Force Base vicino a Fairbanks - insieme a diverse installazioni più piccole. Una volta considerata una zona arretrata dal punto di vista militare, negli ultimi anni l'Alaska ha visto il Pentagono incanalarvi sempre più risorse e truppe, mentre la concorrenza nell'Artico si surriscalda.

Fonte: eurasiatimes.com

13 visualizzazioni0 commenti
bottom of page