top of page

La guerra dei dati della Cina contro gli Stati Uniti. L'Occidente non si oppone alla Liminal Warfare

Nel regno digitale, il PCC sta utilizzando una strategia di guerra senza restrizioni per attaccare una popolazione americana in gran parte ignara. E' parte della Liminal Warfare. Tutte queste attività sono legate a un comprensibile tentativo da parte della Cina di promuovere il proprio sviluppo economico o potrebbe esserci qualcosa di più? Potremmo essere in guerra senza saperlo? Secondo le parole dei politici statunitensi, gli Stati Uniti sono impegnati in una competizione strategica globale con la Cina. Tuttavia, considerando le azioni dei leader del Partito Comunista Cinese, essi si vedono chiaramente in guerra con gli Stati Uniti. Nonostante le dichiarazioni pubbliche di Xi Jinping di essere un campione della pace, dello sviluppo e dell'ordine nel mondo, ha guidato l'escalation della “guerra senza restrizioni” della Cina contro gli Stati Uniti e i suoi alleati. L’Esercito Popolare di Liberazione non solo ha aumentato le sue attività convenzionali che minacciano la stabilità regionale, ma ha anche impiegato mezzi non convenzionali come la guerra economica, politica, legale, culturale e biologica per minare gli interessi e l’influenza americana. La retorica e le azioni di Xi Jinping sono quindi in netto contrasto, con quest’ultimo che rivela le sue vere intenzioni di sfidare il sistema internazionale guidato dagli Stati Uniti e cercare l’egemonia nell’Indo-Pacifico e oltre. 



La Cina è da tempo accusata di aver violato i sistemi informatici di agenzie governative, aziende private e istituzioni accademiche statunitensi per rubare informazioni sensibili e proprietà intellettuale. Le storie che raccontano di tali attività sono diventate così comuni oggi che a malapena le notiamo. 

Nel 2022, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha incriminato quattro cittadini cinesi per aver presumibilmente condotto una massiccia campagna di attacchi informatici che ha preso di mira dozzine di entità in vari settori, tra cui aviazione, difesa, istruzione, governo, assistenza sanitaria, biofarmaceutico e marittimo.

Si dice che gli hacker abbiano sfruttato le vulnerabilità dei prodotti software e utilizzato codice dannoso per accedere ed esfiltrare dati dalle reti delle vittime. I dati rubati includevano informazioni personali di milioni di americani, segreti commerciali delle aziende statunitensi e dati di ricerca su tecnologie emergenti come l’intelligenza artificiale e la biotecnologia.

Il governo degli Stati Uniti ha affermato che gli hacker lavoravano per il Ministero della Sicurezza di Stato, l'agenzia di intelligence e sicurezza cinese, e che le loro attività rappresentavano una minaccia significativa per la sicurezza nazionale e gli interessi economici degli Stati Uniti e dei suoi alleati. 
Tutte queste attività sono legate a un comprensibile tentativo da parte della Cina di promuovere il proprio sviluppo economico o potrebbe esserci qualcosa di più? Potremmo essere in guerra senza saperlo? 

Secondo le parole dei politici statunitensi, gli Stati Uniti sono impegnati in una competizione strategica globale con la Cina. Tuttavia, considerando le azioni dei leader del Partito Comunista Cinese, essi si vedono chiaramente in guerra con gli Stati Uniti.

La Cina sta utilizzando lo sfruttamento dei dati e della tecnologia nello stesso modo in cui si potrebbero usare le armi sul campo di battaglia, cercando di raggiungere obiettivi strategici e minare la volontà e la capacità di resistere del suo avversario.

La definizione di guerra data dal PCC va oltre l’ambito militare convenzionale. Comprende un ampio spettro di ambiti, metodi e attori che mirano a minare la stabilità politica, economica e sociale del nemico.


Come abbiamo ampiamente documentato nel loibro La Cina di Xi Jinping, Qiao Liang e Wang Xiangsui, due colonnelli cinesi, articolarono il concetto di “guerra senza restrizioni”  in un libro del 1999  che esplorava come la Cina potesse sconfiggere un avversario tecnologicamente superiore come gli Stati Uniti.

Gli autori sostenevano che la Cina dovrebbe utilizzare “una combinazione di tutti i mezzi, compresi . . . mezzi militari e non militari, letali e non letali per costringere il nemico ad accettare i propri interessi”. E così ha fatto il PCC, attraverso attacchi informatici, spionaggio, campagne di disinformazione, furto di proprietà intellettuale, coercizione economica e altre forme di guerra ibrida contro i suoi rivali e avversari. 

Nonostante le dichiarazioni pubbliche di Xi Jinping di essere un campione della pace, dello sviluppo e dell'ordine nel mondo, ha guidato l'escalation della “guerra senza restrizioni” della Cina contro gli Stati Uniti e i suoi alleati. L’Esercito Popolare di Liberazione non solo ha aumentato le sue attività convenzionali che minacciano la stabilità regionale, ma ha anche impiegato mezzi non convenzionali come la guerra economica, politica, legale, culturale e biologica per minare gli interessi e l’influenza americana. La retorica e le azioni di Xi Jinping sono quindi in netto contrasto, con quest’ultimo che rivela le sue vere intenzioni di sfidare il sistema internazionale guidato dagli Stati Uniti e cercare l’egemonia nell’Indo-Pacifico e oltre. 


L'informazione è un campo di battaglia

Uno degli elementi più critici di una guerra senza restrizioni è l’uso dell’informazione come arma. Come affermano Qiao e Wang nel loro libro, “la guerra dell’informazione è la forma principale di guerra nell’era dell’informazione”. Propongono vari scenari e tattiche per utilizzare le informazioni per disturbare, ingannare, influenzare e costringere il nemico, e in particolare per prendere di mira le sue infrastrutture politiche, militari, economiche e informative. Notano, 

Dal nostro punto di vista, un singolo crollo del mercato azionario causato dall’uomo, una singola invasione di virus informatici, o una singola voce o scandalo che provoca una fluttuazione nei tassi di cambio del paese nemico o espone i leader di un paese nemico su Internet, tutte possono rientrare nel novero delle armi di nuova concezione.

Stiamo assistendo oggi a questa arma dell’informazione.

Dalla pubblicazione di questo libro, oltre vent'anni fa, la definizione di guerra della Cina si è ampliata attraverso nuove tecnologie e capacità. Ha investito molto nelle capacità informatiche, spaziali ed elettromagnetiche, nonché nell’intelligenza artificiale, nei big data e nell’informatica quantistica.

Ora possiede uno dei programmi di intelligenza artificiale più potenti al mondo, che consente lo sviluppo di armi dati avanzate come deepfake, robot e armi autonome. 

Per quanto riguarda la guerra economica, per decenni la Cina ha sistematicamente  rubato  la preziosa proprietà intellettuale, i segreti commerciali e il talento umano degli Stati Uniti per il proprio vantaggio economico, politico e militare. Mentre negli anni passati ciò avrebbe potuto essere fatto da risorse di intelligence umana, comprese risorse umane tradizionali, nonché da sforzi non tradizionali come il  Programma dei Mille Talenti, le tattiche cinesi si sono evolute in modo tale che ora utilizzano  sistemi di intelligenza artificiale generativa e altre tecniche di ingegneria sociale  per acquisire la tecnologia statunitense. e know-how, come furti informatici, spionaggio industriale, infiltrazioni accademiche, joint venture, fusioni e acquisizioni e programmi di reclutamento di talenti. Nell’ultimo anno, lo spionaggio economico cinese è costato agli Stati Uniti  tra i 20 e i 30 miliardi di dollari , erodendo il vantaggio competitivo del Paese.


La guerra dei dati in Cina 

La guerra multidimensionale del PCC contro gli Stati Uniti mina la competitività e la sovranità delle aziende statunitensi e la sicurezza dei singoli americani. Un modo in cui il governo cinese raggiunge questo obiettivo è imponendo leggi che danno al paese un maggiore controllo sui dati all’interno e all’esterno dei suoi confini. Ad esempio, la legge cinese sulla sicurezza dei dati (DSL) classifica i dati in base alla loro importanza per la sicurezza nazionale del paese e ne regola l'archiviazione e il trasferimento di conseguenza. La legge sulla sicurezza dei dati si applica anche ai dati al di fuori della Cina se influiscono sulla sicurezza nazionale o sull'interesse pubblico della Cina.  Ciò finirà per creare conflitti di leggi e sfide di conformità per le aziende statunitensi che operano in Cina o hanno dati relativi alla Cina, un evento comune di questi tempi. Ad esempio, le aziende statunitensi potrebbero dover rispettare sia la Data Security Law sia le leggi statunitensi che regolano la sicurezza dei dati e i trasferimenti transfrontalieri di dati, come il CLOUD Act o il Foreign Intelligence Surveillance Act.

Queste leggi potrebbero avere  requisiti diversi o contraddittori,  costringendo le aziende statunitensi a scegliere tra sostenere le leggi statunitensi o inseguire l’incentivo finanziario connesso al rispetto delle leggi cinesi.

La legge sulla sicurezza dei dati limita inoltre l'accesso e il controllo da parte di aziende e individui statunitensi sui propri dati archiviati in Cina o relativi alla Cina. La mancanza di distinzione da parte della legge tra “dati importanti” o “dati fondamentali nazionali” significa che il governo cinese mantiene un’ampia discrezionalità nell’accesso e nell’utilizzo dei dati per scopi di sicurezza nazionale o di interesse pubblico. Questa disposizione renderà difficile per le aziende e i privati ​​statunitensi accedere o eliminare i propri dati in Cina o ricorrere alle vie legali in caso di violazione o uso improprio dei dati. 

Un altro modo in cui la Cina viola la privacy dei dati americani è lanciando attacchi informatici e spionaggio contro obiettivi statunitensi. Questi attacchi espongono i dati americani a potenziale sorveglianza, furto o uso improprio da parte delle autorità o degli attori cinesi. Ad esempio, la Cina è dietro la violazione dell’Office of Personnel Management nel 2015, la violazione di Equifax nel 2017 e l’hacking di SolarWinds nel 2020. Le leggi cinesi sui dati potrebbero concederle un maggiore accesso e un maggiore sfruttamento dei dati americani archiviati o elaborati in Cina e che coinvolgono cinesi. residenti o interessi. Per contrastare questa violazione, il governo degli Stati Uniti dovrebbe migliorare le proprie capacità di sicurezza informatica, rafforzare la protezione delle infrastrutture critiche e imporre sanzioni e deterrenti contro gli attori informatici dannosi.

Un terzo modo in cui la Cina viola la privacy dei dati americani è manipolando l’opinione pubblica per polarizzare gli americani nel tentativo di minare la coesione sociale e i valori democratici. La Cina ha utilizzato bot di social media, troll, siti Web di notizie false e media controllati dallo stato per diffondere disinformazione, seminare discordia e prendere di mira gli individui. Lo sfruttamento dei dati da parte della Cina probabilmente le consente di fare tutto questo in modo più efficace ed efficiente. Il governo degli Stati Uniti dovrebbe contrastare in modo più aggressivo la guerra dell’informazione della Cina, sostenendo il giornalismo indipendente e credibile, investendo nell’educazione civica e promuovendo organizzazioni che favoriscono il dialogo pubblico civile. 

La Cina non si comporta correttamente nel mondo digitale. Utilizza una strategia di guerra senza restrizioni per combattere una popolazione americana ignara, utilizzando tutti i mezzi necessari per minare la democrazia americana in patria e l’influenza degli Stati Uniti all’estero. Il governo degli Stati Uniti dovrebbe adottare un approccio globale e coordinato per contrastare la guerra dell’informazione della Cina. Proteggere la privacy dei dati delle aziende statunitensi e dei cittadini americani dalle violazioni della Cina è una questione di pressante sicurezza nazionale e, in effetti, di sopravvivenza.

Fonte: La cina di Xi Jinping, Nicola e Gabriele Iuvinale, Stango editore, 2023. American Purpose

7 visualizzazioni0 commenti
bottom of page