top of page

Le implicazioni delle relazioni Cina-Serbia per il Kosovo e per l'UE


Pristina è chiaramente dalla parte degli Stati Uniti e dell’UE, mentre la Serbia ha collaborato con Cina e Russia per contestare l’obiettivo di un’indipendenza pienamente riconosciuta. Lo status de facto indipendente di Taiwan e le ambizioni di unificazione di Pechino sono le ragioni principali per cui la Cina invia un messaggio così forte sull'integrità territoriale e considera la Serbia un partner che affronta problemi simili. Tecnicamente, la Cina non ha riconosciuto il Kosovo come paese indipendente e non lo ha coinvolto nella piattaforma di cooperazione regionale che riunisce i paesi dell’Europa centrale e orientale. Tuttavia, la stagnazione del processo di normalizzazione delle relazioni tra Kosovo e Serbia, facilitato dall’UE e sostenuto dagli Stati Uniti, ha aggravato le sfide nei Balcani occidentali e ha consentito la penetrazione di Russia e Cina in Serbia. Inoltre, l:assenza di una chiara prospettiva europea ha giocato un ruolo significativo nell’escalation delle questioni legate ai confini etnici e nell’accresciuta preoccupazione per la sicurezza, in particolare per la NATO.



Quando il Kosovo dichiarò l'indipendenza nel 2008, diede inizio agli sforzi diplomatici della Serbia per contestarne lo status, portando Belgrado a stabilire partenariati inaspettati con paesi di tutto il mondo.

Da questi sforzi e con la nuova agenda del Partito Comunista Cinese (PCC) volta ad estendere il suo raggio d’azione globale, è nata la partnership tra Serbia e Cina.

Oggi, 15 anni dopo la separazione dalla Serbia, il Kosovo scopre che la sua indipendenza è ancora oggetto di interesse, non solo per le parti direttamente coinvolte, ma anche per le grandi potenze che cercano di rafforzare le proprie posizioni sulla questione dell’integrità territoriale e della sovranità.

La posizione ufficiale di Belgrado riguardo lo status del Kosovo, definita dalla risoluzione 1244 delle Nazioni Unite, è che il Kosovo non è un paese indipendente.

Il processo istituzionalizzato di dialogo tra Belgrado e Pristina si svolge nel quadro dell'Unione Europea ed è sostenuto dagli Stati Uniti.

Tuttavia, la Serbia si è rivolta ai partner di Mosca e Pechino per garantire che, se non altro, il Kosovo non diventi membro delle Nazioni Unite e che tali partner siano pronti a usare il diritto di veto del Consiglio di sicurezza dell'ONU per evitare che ciò accada.

Con l’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio 2022, avere Mosca come partner è diventata sempre più una responsabilità.

La Serbia, un paese con lo status di candidato all’adesione all’UE, non ha seguito i paesi europei e i partner transatlantici nel prendere formalmente le distanze dalla Russia. Ma, almeno ufficiosamente, Belgrado si è rivolta ad altri partner per promuovere interessi strategici, inclusa la disputa sull'indipendenza del Kosovo.

In queste circostanze, i principi di integrità territoriale e sovranità hanno iniziato a svolgere un ruolo più significativo nelle comunicazioni emerse dagli incontri tra funzionari serbi e cinesi.

Durante il terzo Forum della Belt and Road dell’ottobre 2023, il presidente cinese Xi Jinping ha affermato, dopo un incontro con il presidente serbo Aleksandar Vucic, che la Serbia è “un amico di ferro” della Cina.

Xi ha anche osservato che “la Cina sostiene fermamente la Serbia nella salvaguardia della sovranità nazionale e dell’integrità territoriale” ed è pronta a rafforzarne la sinergia strategica e a tradurre “la tradizionale amicizia tra i due paesi in risultati di cooperazione più pratici”.

Per il Kosovo, la forza delle relazioni Cina-Serbia rappresenta ancora un altro ostacolo al raggiungimento del pieno riconoscimento internazionale.

La partnership tra Serbia e Cina potrebbe non essere in cima alla lista delle questioni che gravano sui kosovari, ma potrebbe avere una grande rilevanza, soprattutto per le aspirazioni del Kosovo ad aderire un giorno alle Nazioni Unite.

Secondo un ex ministro degli affari esteri del Kosovo, “l’unico modo perché il Paese possa imporsi con successo a Bruxelles o a Berlino è attraverso una soluzione, non un problema”. Recentemente, tuttavia, il governo di Pristina è stato visto sempre più come un partner stimolato dai funzionari di Bruxelles e Washington.

La preferenza per l'integrazione euro-atlantica ha giocato un ruolo significativo nella politica di Pristina. Questa è chiaramente dalla parte dell'Occidente e il fatto che la Serbia abbia collaborato con l'Est, per contestare l'obiettivo di un'indipendenza pienamente riconosciuta, non ha diminuito la dedizione del Kosovo all'integrazione europea.

Tuttavia, negli ultimi anni, il consenso euro-atlantico del Kosovo ha dovuto affrontare sfide dovute all’ascesa del populismo.

Un ex alto funzionario governativo del Kosovo ha affermato:

“A tutti piace l’idea dell’adesione all’UE, ma a nessuno importa degli obblighi che derivano da questo processo. Ad esempio, il Kosovo ha perso quattro anni nella demarcazione del confine con il Montenegro”.

In diverse occasioni, rappresentanti sia del governo degli Stati Uniti che dell'UE hanno criticato pubblicamente le posizioni del governo del Kosovo, citando la mancanza di coordinamento con gli Stati Uniti e l'Unione Europea.

La stagnazione del processo di normalizzazione delle relazioni tra Kosovo e Serbia, facilitato dall’UE e sostenuto dagli Stati Uniti, ha aggravato le sfide nei Balcani occidentali.

Secondo Agon Maliqi, la politica dell’UE nei confronti della regione, spesso descritta come in fase di pilota automatico e caratterizzata dal “contenimento” negli ultimi dieci anni, ha intensificato queste sfide.

Maliqi ha sostenuto che l’assenza di una chiara prospettiva europea ha giocato un ruolo significativo nell’escalation delle questioni legate ai confini etnici e nell’accresciuta preoccupazione per la sicurezza, in particolare per la NATO.

Dal punto di vista del Kosovo, un'UE inefficace è accolta con favore dalla Cina, perché questa situazione offre a Pechino l'opportunità di posizionarsi come un partner più “capace e affidabile”.

In particolare, a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina, si è verificato un evidente cambiamento positivo nell’approccio dell’UE nei confronti dei Balcani occidentali, in particolare per quanto riguarda la prospettiva di allargamento.

La cooperazione tra Cina e Kosovo resta quasi inesistente. Tecnicamente, la Cina non ha riconosciuto il Kosovo come paese indipendente e non lo ha coinvolto nella piattaforma di cooperazione regionale che riunisce i paesi dell’Europa centrale e orientale.

Sebbene la Cina mantenga un ufficio di rappresentanza a Pristina, le relazioni diplomatiche non si sono sviluppate.

Se non fosse per il rapporto di Pechino con Belgrado, la Cina non sarebbe un argomento di interesse per la maggior parte dei kosovari.

Tuttavia, anche se la Serbia non avesse sviluppato legami così forti con la Cina, la posizione di Pechino sul tema dell’integrità territoriale rimarrebbe comunque un problema.

Lo status de facto indipendente di Taiwan e le ambizioni di unificazione di Pechino sono le ragioni principali per cui la Cina invia un messaggio così forte sull'integrità territoriale e considera la Serbia un partner che affronta problemi simili.

Il Kosovo ha capito che non c’è molta speranza quando si tratta di cooperazione con Pechino, quindi dopo qualche esitazione iniziale, la cooperazione con Taipei si è lentamente sviluppata. Il Gruppo di amicizia Kosovo-Taiwan è stato proposto dalla Commissione per gli affari esteri e la diaspora dell'Assemblea kosovara su proposta dei membri dell'Assemblea del Movimento per l'Autodeterminazione.

L'incontro inaugurale di questo gruppo si è tenuto online nel dicembre 2021, con la partecipazione di 39 legislatori dei due principali partiti politici di Taiwan.

Blerta Deliu-Kodra, membro dell'Assemblea del Kosovo e anche del Gruppo di amicizia Kosovo-Taiwan, ha affermato che la creazione del gruppo è importante per l'apertura delle relazioni bilaterali tra Kosovo e Taiwan come due democrazie.

Lo sviluppo più importante nella cooperazione Kosovo-Taiwan è stata la visita nel marzo 2023 di una delegazione di otto membri dell’Assemblea del Kosovo a Taipei, guidata dall’ex primo ministro Avdullah Hoti, che includeva un incontro con il presidente Tsai Ing-wen. Durante questo incontro, Hoti ha affermato che il Kosovo comprende pienamente la posizione di Taiwan e che l'isola dovrebbe considerare il Kosovo un amico nei Balcani, aggiungendo che il paese è pronto a fungere da hub per Taiwan nella regione.

La logica alla base dell'apertura del Kosovo a Taiwan diventa più chiara nella dichiarazione di Hoti. Considerando Taiwan un amico nei Balcani, implica che questa relazione non è solo simbolica ma ha un significato strategico. Mentre il Kosovo percorre il suo cammino sulla scena globale, l’alleanza con Taiwan emerge come una mossa strategica, contribuendo alla sua diversificazione diplomatica.

La posizione del Kosovo nei confronti della Cina continuerà ad essere definita dalla relazione tra Pechino e Belgrado, soprattutto se il processo di dialogo di normalizzazione facilitato dall'UE non producesse alcun risultato e la Serbia continuasse a contestare l'indipendenza del paese. Solo se la posizione della Serbia sul Kosovo cambierà, e il processo di normalizzazione produrrà risultati, la posizione cinese sul Kosovo potrebbe forse cambiare.


Questo articolo è stato prodotto come parte del progetto Spheres of Influence Uncovered, implementato da n-ost, BIRN, Anhor e JAM News, con il sostegno finanziario del Ministero federale tedesco per la cooperazione e lo sviluppo economico (BMZ).

19 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page