top of page

Lo spionaggio cinese fa tremare il Regno Unito. Pericolo in Italia per la sicurezza nazionale

Una spia nel Parlamento inglese? Le rivelazioni che scuotono Westminster sollevano anche interrogativi sugli alleati degli Stati Uniti, Italia compresa. Il fragile equilibrio per destreggiarsi tra il corteggiamento e la censura di Pechino è quello di un acrobata. Al centro di tutto c’è, infatti un enigma che tormenta tutti i paesi Occidentali: come continuare a commerciare con la Cina ritenendola al tempo stesso responsabile dei diritti umani, dello spionaggio e di altre rilevanti questioni per la nostra sicurezza nazionale? Già un rapporto di una commissione parlamentare britannica di luglio affermava che la mancanza di una chiara strategia del governo aveva permesso a Pechino di penetrare “in ogni settore” dell’economia del Regno Unito. Idem in Italia. Nel nostro Paese il dibattito politico pubblico deve iniziare ad affrontare il tema della sicurezza nazionale perché è una colonna portante del nostro sistema costituzionale e democratico e non deve restare chiuso solo nelle stanze del Dipartimento di Sicurezza: è la politica, per prima, che deve affrontare il problema in Parlamento.


di Nicola e Gabriele Iuvinale

Arrestato un ricercatore parlamentare In Gran Bretagna, due candidati parlamentari ritirati dopo gli avvertimenti dei servizi di sicurezza e una settimana di voci ansiose sulle spie nei corridoi del potere britannico; qualcosa di diverso dai tempi della Guerra Fredda.

Solo che questa volta lo scalpore riguarda la Cina, il cui presunto spionaggio per influenzare i governi e prendere di mira i dissidenti all’estero sta guadagnando crescente attenzione e critiche in Occidente.

Le rivelazioni che scuotono Westminster seguono le accuse di spionaggio cinese in Canada, Australia e altrove, sollevando interrogativi sugli alleati degli Stati Uniti e sul fragile equilibrio per destreggiarsi tra il corteggiamento e la censura della Cina.

“Sono chiaramente preoccupato per la posizione del governo britannico nei confronti della Cina e per la sua determinazione a indebolire le nazioni occidentali”, ha detto a NBC News Iain Duncan Smith, attuale parlamentare e leader del Partito conservatore dal 2001 al 2003.

Lui e altri vedono la “potenziale cellula di spionaggio che opera dentro e intorno a Westminster” – come dice lui – come un sintomo di un malessere più ampio:

"i paesi occidentali sono troppo teneri con Pechino per paura di danneggiare le proprie economie".

Il dibattito sulla Cina che da anni covava in Gran Bretagna è esploso lo scorso fine settimana quando il quotidiano The Times ha riferito che un ricercatore parlamentare focalizzato sulla Cina, che lavorava con i legislatori dei conservatori al potere, era stato arrestato a marzo con l’accusa di spionaggio a favore di Pechino.

La polizia di Londra ha dichiarato in un comunicato che due uomini sono stati arrestati ai sensi della sezione 1 dell'Official Secrets Act, legislazione relativa allo spionaggio e alla raccolta di informazioni "utili al nemico".

Come è normale in questa fase di qualsiasi indagine nel Regno Unito, la polizia non ha nominato nessuna delle persone, né ha fornito alcuna prova, dicendo solo che un sospettato sui vent'anni è stato arrestato a Edimburgo, in Scozia e che l'altro, sui trent'anni, era stato arrestato nell'Oxfordshire, in Inghilterra.

Nessuno dei due è stato ancora formalmente accusato.

Nel frattempo, lunedì il portavoce del ministero degli Affari esteri cinese Mao Ning ha definito le accuse “del tutto infondate” in una conferenza stampa quotidiana. “Esortiamo il Regno Unito a smettere di diffondere disinformazione e a fermare la manipolazione politica e le calunnie dannose contro la Cina”.

Ciò ha fatto ben poco per sedare l’allarme in Gran Bretagna.

Alcuni giorni dopo la rivelazione degli arresti, il Times ha riferito che l'agenzia di intelligence interna britannica, l'MI5, aveva avvertito il partito conservatore che due dei suoi potenziali candidati al Parlamento potevano essere spie cinesi, spingendo il partito a impedire loro di candidarsi.

Un giovane ministro della Sanità, Maria Caulfield, ha dichiarato mercoledì a Times Radio che il partito era stato effettivamente avvertito, aggiungendo che “è stata intrapresa un’azione rapida”.

I rapporti destano grave preoccupazione per persone come Finn Lau, un importante attivista pro-democrazia di Hong Kong che si è trasferito nel Regno Unito e si impegna con le sue istituzioni politiche, di cui sperava di potersi fidare.

Nel mese di novembre ha incontrato il ricercatore parlamentare arrestato con l'accusa di spionaggio.

"La volta successiva che ho visto il suo volto e il suo nome è stato tre giorni fa sul giornale", ha detto Lau. "Ero scioccato."

Hong Kong ha offerto una taglia di 1 milione di dollari di Hong Kong (128.000 dollari) per informazioni che portino all'arresto di Lau. Da quando ha iniziato a vivere nel Regno Unito, ha detto, è già stato aggredito una volta, cosa che crede sia stata motivata politicamente perché gli aggressori non hanno detto nulla e non hanno tentato di derubarlo.

E l’idea che la Cina possa aver compromesso incontri delicati con personale fidato dentro e intorno a Westminster “ci espone a molestie fisiche e rapimenti”, ha detto.

Al centro di tutto c’è un enigma che tormenta tutti i paesi dell’Occidente: come continuare a commerciare con la Cina tenendola al tempo stesso responsabile dei diritti umani, dello spionaggio e di altre questioni.

Coloro che vogliono una posizione più dura hanno criticato il Regno Unito e l’Europa per essere stati troppo morbidi nei confronti di Pechino rispetto a Washington, accusandoli di favorire i legami economici rispetto alla sicurezza nazionale e all’etica.

Duncan Smith, che la Cina ha sanzionato nel 2021 per aver denunciato le sue presunte violazioni dei diritti umani, afferma che è “quasi ridicolo” che la Gran Bretagna non etichetti ufficialmente la Cina come una “minaccia” – anche dopo le rivelazioni della scorsa settimana – definendola invece una “minaccia sistemica”.

“La mia preoccupazione è che l’Europa sia dietro all’America”, ha aggiunto. “E ciò, suggerisce il desiderio di non turbare i cinesi”.
Un rapporto di una commissione parlamentare britannica di luglio affermava che la mancanza di una chiara strategia del governo aveva permesso a Pechino di penetrare “in ogni settore” dell’economia del Regno Unito.

E Smith non è l'unico membro del partito del primo ministro Rishi Sunak a criticarlo sulla questione dopo le rivelazioni della scorsa settimana.

“Sono profondamente consapevole della particolare minaccia al nostro stile di vita aperto e democratico”, ha affermato Sunak.

Ha sottolineato di aver sollevato la questione negli incontri con i funzionari cinesi al vertice del G20 in India lo scorso fine settimana, definendo le azioni di Pechino “del tutto inaccettabili”.

Naturalmente, tutti i principali paesi spiano in una certa misura.

Il mese scorso Pechino ha dichiarato di aver scoperto un cittadino cinese presumibilmente spia per la CIA in Italia e stava indagando su un altro in Giappone. Lunedì ha pubblicato nuovi dettagli su un cittadino americano e residente permanente di Hong Kong che è stato condannato all'ergastolo a maggio con l'accusa di spionaggio.

L'ansia colpisce in entrambe le direzioni, con il Ministero cinese per la Sicurezza di Stato, precedentemente molto riservato, che ha lanciato un'ampia e palese campagna pubblicitaria incoraggiando i suoi cittadini ad aiutare a eliminare lo spionaggio da tutti i ceti sociali.

Ma la portata e il tenore delle presunte operazioni cinesi hanno allarmato governi ed esperti indipendenti in Occidente.
In Italia il dibattito pubblico deve iniziare ad affrontare il tema della sicurezza nazionale perché è una colonna portante del nostro sistema costituzionale e democratico e non deve restare chiuso nelle stanze del Dipartimento di Sicurezza: è la politica, per prima, che deve affrontare il problema in Parlamento.
15 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page