top of page

The new wars of espionage. Necessaria una nuova visione per contrastare gli uomini dello Zar e di Xi


Come le agenzie di intelligence russe, i servizi di intelligence cinesi competono secondo regole fondamentalmente diverse rispetto alle loro controparti occidentali. Frasi come "concorrenza USA-Cina" non rendono giustizia alla realtà. Solo perché tutti gli eserciti hanno pistole non significa che siano uguali. Il futuro dell'intelligence occidentale non è nei governi, ma nel settore privato. La sfida per i governi occidentali è sfruttare le capacità dei fornitori di intelligence commerciale. Ciò richiederà nuovi partenariati pubblico-privati.



La guerra fredda non è mai finita. Almeno questa è l'opinione del presidente russo Vladimir Putin.

L'indicazione più chiara che il Cremlino ha continuato la sua lotta titanica contro l'Occidente, anche dopo il crollo dell'Unione Sovietica, può essere vista nelle attività dei servizi di sicurezza e di intelligence russi.

Nelle loro operazioni e nel vasto potere che detengono nella società russa, hanno ripreso da dove si erano interrotti i servizi sovietici.

Dal 1991, queste agenzie sono state guidate da una strategia revanscista per rendere di nuovo grande la Russia e rovesciare l'ordine internazionale guidato dagli Stati Uniti dopo la Guerra Fredda. La guerra di Putin in Ucraina è la sanguinosa conclusione di questa strategia.

La Cina sta anche cercando di invertire l'esito della guerra fredda.

Con l'alleanza "senza limiti" proclamata alla vigilia dell'invasione russa dell'Ucraina, Putin e il leader cinese Xi Jinping stanno cercando di ribaltare il sistema internazionale, e per farlo fanno molto affidamento sulle loro agenzie di intelligence.

Le agenzie di spionaggio possono fare ciò che altri rami del governo non possono fare: eseguire una politica estera non confermata.

Sia i servizi segreti russi che quelli cinesi hanno fatto questo per promuovere i loro obiettivi revisionisti, approfittando del fatto che gli Stati Uniti erano distratti dalla "guerra al terrore" per danneggiare la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, minare le democrazie occidentali e rubare quanti più segreti scientifici e tecnici possibile.


Tutti gli uomini dello zar



I servizi segreti russi si considerano gli eredi diretti del KGB. Sebbene il KGB sia stato sciolto nel 1991, molti dei suoi ex ufficiali e tutte le sue attività commerciali e persino agenti in Occidente sono stati trasferiti al nuovo servizio di sicurezza russo, ora noto come FSB e al servizio di intelligence straniero, l'SVR. Per anni, dopo la fine della Guerra Fredda, i servizi russi hanno continuato a mandare in Occidente ex agenti sovietici, tra cui il funzionario del controspionaggio della CIA Aldrich Ames e l'agente dell'FBI Robert Hanssen.

Era normale per la Russia.

Il primo direttore dell'SVR, il veterano del KGB Evgeni Primakov, ha continuato le tradizioni di coercizione e ricatto dell'agenzia di intelligence sovietica, tattiche di cui lui stesso è stato vittima in gioventù.

Secondo i materiali estratti dagli archivi del KGB, Primakov era stato ricattato per servire l'agenzia mentre lavorava come giornalista in Medio Oriente nel 1960. Il padre fondatore dell'FSB, Rem Krassilnikov, era anche un ex ufficiale del KGB e un convinto comunista; il nome di sua moglie era Ninel, che significa Lenin scritto al contrario. Secondo un disertore dell'FSB che ha lavorato sotto Krassilnikov negli anni '90, l'FSB ha utilizzato gli stessi manuali di addestramento del KGB, ma con le sezioni ideologiche sul comunismo semplicemente rimosse.

Poi c'è lo stesso Putin, la cui esperienza all'interno della direzione dell'intelligence straniera del KGB ha segnato profondamente la sua successiva carriera politica.

Mentre era di stanza a Dresda, nella Germania dell'Est - un baraccone del KGB, poiché la vera azione era a Berlino Est - Putin ha assistito in prima persona alla disintegrazione dell'impero sovietico. Fu, come disse in seguito, la più grande catastrofe del XX secolo.



Putin si definisce un Chekista, come la prima polizia segreta sovietica, la Cheka e aveva una statua del fondatore della Cheka Felix Dzerzhinsky nel suo ufficio quando era direttore dell'FSB.

Fino ad oggi, Putin ha la tipica camminata di un agente dell'FSB, la mano sinistra che oscilla mentre quella destra ancora accanto al braccio tenuto fermo lateralmente, invisibile, per far sapere a tutti che viene addestrato.

Come molti russi, Putin ha sofferto di qualcosa di simile alla sindrome dell'arto fantasma sin dal crollo dell'Unione Sovietica. Di conseguenza, negli anni '90, ci volle poco per convincerlo che la NATO fosse per definizione ostile a Mosca.

L'intelligence sovietica chiamava gli Stati Uniti "il principale nemico": definiti così, sono rimasti sempre "il principale nemico". Negli anni '90, i servizi segreti russi erano più aggressivi nei confronti degli Stati Uniti di quanto lo fosse stato il KGB nel successivo periodo sovietico. Niente genera aggressività come l'umiliazione.

Alla fine degli anni '90, SVR utilizzava Internet per diffondere disinformazione per screditare gli Stati Uniti. Gli ufficiali dell'SVR di stanza negli Stati Uniti hanno bombardato i notiziari e le bacheche statunitensi con temi tratti direttamente dal copione della propaganda sovietica, tra cui l'agenda razzista segreta del governo degli Stati Uniti e lo sviluppo illegale di armi biologiche. Intorno al 1996, gli hacker russi hanno istigato una massiccia violazione dei database sensibili del governo degli Stati Uniti, compresi quelli della NASA e del Pentagono.

I servizi segreti americani non erano inattivi, ovviamente. Quando l'economia russa è crollata alla fine degli anni '90, la CIA è stata in grado di attrarre alcune preziose reclute russe che hanno tradito - per denaro - i loro padroni e smorzato le operazioni di intelligence di Mosca contro l'Occidente.

Ma poi sono arrivati ​​gli attacchi dell'11 settembre.

Accecato dalla battaglia



All'inizio, sembrava che la guerra al terrore potesse essere un'opportunità per un reset, un'opportunità per una maggiore cooperazione tra l'intelligence americana e russa. Dopo il suo primo incontro con Putin nel 2001, il presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha notoriamente osservato che "era in grado di sentire la sua anima" e lo trovava degno di fiducia. I servizi di intelligence russi hanno inizialmente collaborato con gli Stati Uniti nella lotta al terrorismo. Ma secondo i funzionari della CIA, la luna di miele dei servizi segreti dopo l'11 settembre fu di breve durata, lasciando il posto a un'era di aggressione russa clandestina.

Durante la guerra al terrore Washington ha guardato dall'altra parte.

Così fecero molti alleati degli Stati Uniti, inclusa la Gran Bretagna. Secondo un rapporto del 2020 del comitato parlamentare di intelligence e sicurezza, il servizio di sicurezza britannico, l'MI5 ha dedicato il 92% del suo lavoro all'antiterrorismo nel 2006. Questo è stato lo stesso anno in cui un ex ufficiale dell'FSB, Alexander Litvinenko, è stato assassinato a Londra con polonio radioattivo. Un'inchiesta pubblica britannica in seguito ha scoperto che Putin stesso probabilmente ha ordinato l'omicidio, così come l'allora capo dell'FSB Nikolai Patrushev, un altro veterano del KGB che ora siede nel consiglio di sicurezza nazionale di Putin.

Non esiste una documentazione pubblica corrispondente di come le agenzie di intelligence statunitensi abbiano diviso la loro attenzione e le loro risorse tra l'antiterrorismo e altre priorità dopo l'11 settembre, ma gli ufficiali dell'intelligence statunitensi intervistati da Calder Walton hanno affermato che l'antiterrorismo era al centro della comunità dell'intelligence statunitense. A partire dal 2017, l'antiterrorismo era ancora la principale voce di bilancio per l'Ufficio del direttore dell'intelligence nazionale degli Stati Uniti.

Il genio di Putin è stato quello di nascondere alle potenze occidentali dopo l'11 settembre che, mentre collaborava alla lotta al terrorismo, utilizzava anche i suoi servizi di intelligence per rafforzare il suo regime autoritario e trasformare la Russia in una grande potenza.

A casa, ha messo a tacere il dissenso, schiacciato la libertà di stampa ed eliminato i suoi oppositori, seguendo la tradizione stalinista di "nessun uomo, nessun problema".



Nel vicino e nel lontano estero della Russia, Putin ha cercato di impedire l'espansione della NATO e contenere quella che vedeva come un'interferenza degli Stati Uniti nell'Europa orientale, invadendo la Georgia nel 2008, la Crimea nel 2014 e il resto dell'Ucraina nel 2022. L'espansione della NATO ha alimentato i timori di Putin per la sovversione occidentale.

Da quando è salito al potere tre decenni fa, Putin ha reso i servizi di sicurezza e intelligence della Russia uno stato virtuale nello stato.

Fa affidamento su una cricca di "uomini di potere" che hanno informazioni e esercitano un'influenza sproporzionata nel suo regime di polizia. Secondo gli addetti ai lavori della CIA, la stragrande maggioranza dei tecnocrati del Cremlino che gestiscono l'economia russa ha avuto tali esperienze nel 2020.

Non c'è da stupirsi, quindi, che la strategia e le tattiche della Russia siano uscite direttamente dal playbook sovietico, anche se aggiornate per l'era cibernetica. I social media e l'interconnettività digitale forniscono nuovi mezzi per vecchi fini, fornendo ai servizi di spionaggio russi capacità che il KGB poteva solo sognare.

Putin ha utilizzato una serie di azioni segrete per indebolire i suoi oppositori in Occidente. Ha interferito nelle elezioni democratiche occidentali, mantenendo una tradizione sovietica che risale almeno al 1948. Putin ha anche mantenuto viva la pratica sovietica di dispiegare "illegali" nei paesi occidentali, alcuni dei quali sono stati arrestati e rivenduti a Mosca nei traffici di spionaggio del secolo scorso.

Sebbene Putin abbia incoraggiato l'idea di essere una spia magistrale, in realtà ha presieduto a una serie di fallimenti dell'intelligence. Nel 2010, ad esempio, l'FBI e la CIA hanno sventato una rete di clandestini russi negli Stati Uniti. Lo hanno fatto reclutando un ufficiale chiave nel programma illegale SVR che ha fornito segreti a Washington.

Ma il più grande fallimento dei servizi di Putin ha preceduto la sua decisione di invadere l'Ucraina nel febbraio 2022. Le agenzie di intelligence americane e britanniche hanno scoperto con successo i piani di guerra di Putin e li hanno esposti al mondo, rimuovendo così la sua capacità di inventare pretesti per l'invasione.

Se mai fosse possibile vedere l'intelligence che Putin ha ricevuto nel periodo precedente la guerra in Ucraina, non sarebbe sorprendente scoprire che ha confermato, piuttosto che contraddetto, la sua sopravvalutazione del potere militare della Russia.

C'è poco spazio per dire la verità alla corte di Putin, come ce n'era in quella di Stalin.

Dall'inizio della guerra, l'intelligence russa ha subito una serie di battute d'arresto operative, tra cui lo smantellamento delle reti di spionaggio in Norvegia, Svezia e Slovenia.


Non solo qualsiasi tipo di servizio di spionaggio

Come la Russia, anche la Cina ha sfruttato la guerra al terrore guidata dagli Stati Uniti per promuovere i propri interessi.

Secondo gli ufficiali della CIA con una profonda esperienza in Cina, il principale servizio di intelligence civile di Pechino, il Ministero della Sicurezza di Stato (MMS), ha dichiarato guerra all'intelligence statunitense nel 2005. Mentre Washington era consumata dalla guerra al terrore, l'MSS ha gettato le sue migliori risorse e ufficiali nel governo degli Stati Uniti e nelle società americane, rubando quanti più dati scientifici e tecnici possibile. Le deliberazioni interne dell'MSS durante questo periodo furono contrassegnate dalla gioia che gli Stati Uniti fossero bloccati in Medio Oriente e fossero ignari dei successi clandestini della Cina.

L'attacco dell'MSS agli Stati Uniti diede presto i suoi frutti. Nel 2010, l'agenzia di spionaggio cinese ha smantellato un'importante rete della CIA in Cina, portando all'uccisione o all'imprigionamento di più di dieci fonti statunitensi, secondo un rapporto investigativo pubblicato dal New York Times. Non è chiaro esattamente come l'intelligence cinese abbia compromesso la rete della CIA, ma il danno era innegabile. Dieci anni dopo, un funzionario dell'intelligence statunitense con conoscenza diretta di questi eventi rivelò alla fonte citata che la CIA non era ancora tornata in Cina.



Da quando Xi è salito al potere, l'offensiva dei servizi segreti cinesi contro l'Occidente e gli Stati Uniti in particolare è cresciuto in modo esponenziale. La missione dei servizi segreti cinesi è eseguire la grande strategia di Xi: trasformare la Cina nella potenza militare ed economica numero uno al mondo e ribaltare il panorama tecnologico esistente, rendendo gli altri paesi dipendenti dalla tecnologia cinese invece che da quella americana.

I servizi di intelligence cinesi utilizzano un approccio "intera società" per raccogliere informazioni: forniscono informazioni umane, informatiche e di segnali (usando palloni e apparentemente una base di ascolto a Cuba) mentre sfruttano fonti disponibili al pubblico, compresi i social media (Open Source Intelligence).

Le aziende cinesi collaborano con le agenzie di intelligence ogni volta che viene richiesto, fondendo così lo spionaggio con il business. Il risultato è un modello autoritario mercantilista cinese senza eguali in Occidente. Il PCC utilizza programmi di talenti e scambi culturali per lo spionaggio sotto altri nomi. Pechino sfrutta anche le comunità cinesi nei paesi occidentali facendo pressioni affinché consegnino informazioni, spesso ricattandole o minacciando i familiari che si trovano in Cina.

Sotto Xi, la Cina è diventata il principale ladro informatico al mondo, rubando più dati personali e aziendali dagli americani di qualsiasi altro paese, secondo l'FBI.

Nel 2021, l'FBI ha riferito di aprire una nuova indagine di controspionaggio relativa alla Cina ogni 12 ore. E nel luglio 2023, il Comitato parlamentare per l'intelligence e la sicurezza del Regno Unito ha riferito che il governo cinese era penetrato in ogni settore dell'economia britannica.

Frasi come "concorrenza USA-Cina" non rendono giustizia alla realtà.
Come le agenzie di intelligence russe, i servizi di intelligence cinesi competono secondo regole fondamentalmente diverse rispetto alle loro controparti occidentali.

A differenza delle agenzie di spionaggio statunitensi o europee, l'MSS non è soggetto allo stato di diritto o al controllo politico indipendente. L'MSS non è pubblicamente responsabile nei confronti dei cittadini cinesi o controllato da una stampa libera. Queste differenze significano che affermazioni come "tutti gli stati spiano", spesso utilizzate per respingere lo spionaggio cinese, sono pericolosamente fuorvianti. Solo perché tutti gli eserciti hanno pistole non significa che siano uguali. A differenza dei servizi occidentali, ci sono poche restrizioni significative sulle agenzie di intelligence cinesi o russe.


Vecchi trucchi, nuove armi



Durante la Guerra Fredda, sia gli Stati Uniti che l'Unione Sovietica hanno industrializzato la raccolta di informazioni, utilizzando i computer per attaccare reciprocamente la crittografia. Lo spionaggio si è spostato dalla terraferma, in profondità sotto il mare, nella stratosfera e poi anche nello spazio.

Oggi i governi occidentali sono in una nuova guerra fredda con Russia e Cina che sta trasformando ancora una volta la natura dello spionaggio. Questa nuova guerra fredda non è una ripetizione dell'ultima, ma presenta continuità e somiglianze, inclusa una forte asimmetria nel conflitto informativo Est-Ovest. È stato enormemente difficile per i servizi segreti occidentali raccogliere informazioni affidabili sugli stati di polizia chiusi dietro la cortina di ferro; ora è ancora più difficile per loro operare efficacemente in Russia o in Cina con i loro orwelliani sistemi di sorveglianza interna.

Ma le somiglianze tra questo conflitto tra superpotenze e l'ultimo non dovrebbero renderci ciechi di fronte alle loro differenze. L'enorme peso economico e l'integrazione della Cina nell'economia globale la distinguono dall'Unione Sovietica.

Il panorama dell'informazione odierno è anche molto diverso da quello del recente passato. Le società commerciali di satelliti, ad esempio, ora forniscono capacità che fino a poco tempo fa sarebbero state riservate ai governi.

L'intelligence open source e commerciale sta trasformando la sicurezza nazionale.

Durante l'ultima guerra fredda, circa l'80% dell'intelligence statunitense proveniva da fonti clandestine, mentre il 20% proveniva da fonti aperte. Oggi si ritiene che quelle proporzioni siano invertite. Il futuro dell'intelligence occidentale non è nei governi, ma nel settore privato. La sfida per i governi occidentali è sfruttare le capacità dei fornitori di intelligence commerciale. Ciò richiederà nuovi partenariati pubblico-privati.

Ciò di cui i governi occidentali hanno bisogno più di ogni altra cosa, tuttavia, è l'immaginazione quando si tratta di raccogliere informazioni sugli stati di polizia chiusi.

L'immaginazione è ciò che ha portato la CIA a sviluppare aerei U-2 ad alta quota in grado di spiare dietro la cortina di ferro quando altri metodi erano impossibili.

Un'immaginazione simile è necessaria oggi in aree all'avanguardia della sicurezza nazionale, tra cui la raccolta di informazioni open source, l'uso dell'apprendimento automatico e dell'intelligenza artificiale e l'informatica quantistica. Queste saranno le armi della Guerra Fredda di questo secolo, e quelle che ne determineranno l'esito.

Fonte: Adevarul.ro

40 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page